Sei sulla pagina 1di 12

!

"#$%" '( ')*$"


'%+",$* -#*.",$
/01-0120
$, 3"45#$" 6$ 75#$8$" 9#":$+"
6") ;<<< ") ;<==
2
I N D I C E
PARTE GENERALE . . . . . 4
Richiesla/necessila deIIa CT/Ierizia . . . 4
ConsuIenza di Iarle : Iiberla di redazione, accessibiIila ai
documenli, vaIulazione . . . . 9
Modifiche aI Codice di Irocedura CiviIe inlrodolle
con Ia Legge 69/2009 . . . . 10
Incarico e Quesilo - Termini di deosilo -
CoIIaboralori eslerni . . . . . 12
Oerazioni IerilaIi . . . . . 13
Scrillure Comaralive . . . . 16
Redazione e conlenulo deIIa reIazione . . 16
C.T.U. - Ia rocedura noveIIala . . . 17
Iondamenlo scienlifico generaIe . . . 19
Conleslazioni aIIa reIazione - Disallendimenlo, Rinnovo,
Chiarimenli, NuIIila . . . . 20
VaIulazione deIIa reIazione da arle deI Magislralo . 22
Ierizia/CT come rova . . . . 23
Iarsi agare - con quaIche nola fiscaI-lribularia . 24
ConsuIenza InfedeIe o IaIsa . . . . 26
UliIizzo degIi eIaborali o dei dali in aIlri rocedimenli 28
La mediazione obbIigaloria neI
conlenzioso civiIe e commerciaIe . . . 30
MARI S A A. ALOI A AS CANI O TRO} ANI
SINTINZI I N MATIRI A DI IIRI ZI A GRAI I CA
!
PARTE 5PECIALE RELATIVA ALL'E5AME DEI DOCUMENTI
E DELLE 5CRITTURE . . . . 32
GeneraIila . . . . . . 32
Ioloriroduzioni . . . . . 33
Teslamenli . . . . . . 35
Caacila di inlendere e di voIere . . . 35
DissimuIazione . . . . . 36
iancosegno . . . . . . 37
Accesso ad Alli e Documenli . . . . 37
Irivacy, Segrelo d'Indagine e Segrelo IrofessionaIe . 38
Scrillure Comaralive . . . . 38
Saggio Grafico . . . . . 40
NormaIe diIigenza . . . . . 41
MARI S A A. ALOI A AS CANI O TRO} ANI
SINTINZI I N MATIRI A DI IIRI ZI A GRAI I CA
4
PARTE GENERALE
RICHIE5TA/NECE55ITA DELLA CTU O DELLA PERIZIA
Cass. Lavnrn, 6001/2004
QuaIora una arle roduca documenli a soslegno deIIa do-
manda, richiedendo su di quesli rova leslimoniaIe e/o consu-
Ienza lecnica, sella aI giudice deI merilo esaminare i docu-
menli, vaIulandoIi ai fini deIIa rova, evenluaImenle inlegran-
doIi con I'islrulloria leslimoniaIe ed avvaIendosi - qua!nra !n
ritcnga nppnrtunn - deII'ausiIio di un consuIenle lecnico.
La decisione di avvaIersi deIIa consuIenza lecnica e quindi
escIusiva deI Giudice.
Cass. Pcna!c, II 5cz. , 3031/2010
L'accerlamenlo erilaIe, che uo rendere ammissibiIe Ia richie-
sla di revisione di un rocesso, deve orsi, Iaddove abbia com-
orlalo iI ricnrsn a nunvc tccnichc c a nunvc cnnnsccnzc,
come iI risuIlalo di rolocoIIi di indagine che siano generaI-
menle riconosciuli daIIa comunila scienlifica.
Si veda anche Ia successiva Cass. I 5cz. Pcna!c, 15139/2011
Cass. Pcna!c, VI 5cz. , 32380/2008
La pcrizia, pcr i! sun carattcrc ncutrn snttrattn a!!a dispnnibi-
!ita dc!!c parti c rimcssn a!!a discrczinna!ita dc! giudicc, nnn
si pu Iar ricntrarc nc! cnnccttn di prnva dccisiva: ne conse-
gue che iI rovvedimenlo di diniego da arle deI Giudice di
rocedere ad accerlamenlo lecnico non e queslionabiIe ai sensi
deII'arl. 606 comma I, Iellera d CII, in quanlo giudizin di Iat-
MARI S A A. ALOI A AS CANI O TRO} ANI
SINTINZI I N MATIRI A DI IIRI ZI A GRAI I CA
"#
CON5ULENZA TECNICA, LA PROCEDURA NOVELLATA
Secondo iI nuovo !"#$ &'& ()(, iI Giudice *+",-.! / 0-12/#/ 31.
4+"5+ 61. 5"+7716/,13#+ 481 6/25+31 .! (+32-.139! 6:;**/4/+ 1 3+<
,/3! /. =/> (+32-.13#1 =/>$ II C.T.U. e quindi revenlivamenle in-
formalo deII'oggello deIIa ConsuIenza slessa (iI 0-12/#+), ed e
reIiminarmenle in grado di vaIulare se esislano condizioni
er non accellare I'incarico (er Ie incomalibiIila codicisliche,
rigidamenle eIencale neII'!"#$ ?& 454, o er mera incomelenza
lecnica) e uo gia redisorre aIcuni degIi alli immedialamen-
le successivi aIIa comarizione ed aI giuramenlo, rimo fra
lulli, neI caso di erizia grafica, I'evenluaIe riIascio di 2!@@/+
@"!*/4+ in udienza anle iI Giudice (se quesli Io relende).
Ricordiamo, in margine, I'!"#$ AB& ()( ((+32-.13#1 C143/4+ 6/
)!"#1) : D. @/-6/41 /2#"-##+"1E 4+3 .:+"6/3!39! 6/ 3+,/3! 61. 4+32-<
.13#1E !221@3! !..1 5!"#/ -3 #1",/31 13#"+ /. 0-!.1 5+22+3+ 3+,/3!"1E
4+3 6/48/!"!9/+31 "/417-#! 6!. 4!341../1"1E -3 .+"+ 4+32-.13#1 #143/<
4+$ D. 4+32-.13#1 61..! 5!"#1E +.#"1 !6 !22/2#1"1 ! 3+",! 61..:!"#/4+.+
&'F !..1 +51"!9/+3/ 61. 4+32-.13#1 61. @/-6/41E 5!"#14/5! !..:-6/139! 1
!..! 4!,1"! 6/ 4+32/@./+ +@3/ 7+.#! 481 7/ /3#1"7/131 /. 4+32-.13#1 61.
@/-6/41E 51" 48/!"/"1 1 27+.@1"1E 4+3 .:!-#+"/99!9/+31 61. 5"12/613#1E
.1 2-1 +221"7!9/+3/ 2-/ "/2-.#!#/ 61..1 /36!@/3/ #143/481$ La nomina
deI C.T.I. deve essere, lassalivamenle, resenlala in CanceIIe-
ria enlro iI lermine slabiIilo daI Giudice (di soIilo, I'inizio deIIe
oerazioni erilaIi), e non aI CTU in sede di aerlura deIIe
oerazioni erilaIi, a ena di nuIIila deIIa nomina slessa.
Le disosizioni deII'!"#$ AB& 4$5$4$ si inlegrano con queIIe deI-
I'!"#$ '& deIIe G/25+2/9/+3/ 6/ H##-!9/+31E =(+,-3/4!9/+31 ! (+32-<
.13#/ 6/ )!"#1>: I1..! 6/48/!"!9/+31 6/ 4-/ !..:!"#/4+.+ AB& 5"/,+ 4+,<
,! 61. (+6/41 6171 1221"1 /36/4!#+ /. 6+,/4/./+ + /. "14!5/#+ 61. 4+32-<
MARI S A A. ALOI A AS CANI O TRO} ANI
SINTINZI I N MATIRI A DI IIRI ZI A GRAI I CA
26
DL 231/2002, art. 4
Se iI cIienle e liloIare di arlila IVA (ed e in causa come laIe:
banca, rofessionisla, iccoIa azienda) vaIe iI Decrelo LegisIa-
livo n. 231/2002, arl. 4 : J./ /3#1"122/ 614+""+3+E !-#+,!#/4!,13#1E
6!. @/+"3+ 2-44122/7+ !..! 24!6139! 61. #1",/31 51" /. 5!@!,13#+. In
sinlesi, Ie fallure in queslo caso si agano enlro lrenla giorni
daI ricevimenlo, gIi inleressi decorrono daIIa dala successiva aI
lrenlesimo giorno, senza necessila di cosliluzione in mora deI
debilore, sono caIcoIali suIIa base deI lasso CI maggioralo di
selle unli, si uo avviare Ia riscossione coalliva (decrelo e
recello) senza aIlro ademimenlo, doo i lrenla giorni di cui
sora.
TaIe norma vaIe, er inciso, er lulle Ie fallure emesse verso
aziende o rofessionisli, indiendenlemenle daIIa finaIila di
Giuslizia, si lralli di fondo sese o saIdo deIIa arceIIa, di con-
suIenza d'ufficio o di arle. II DL 231 vaIe, rielo ancora, er
quaIsiasi lio di fallura emesso verso liloIare di arlila IVA,
non soIo er Ia Iiquidazione di una arceIIa d'ufficio, ma anche
(e sorallullo) quando avele oeralo come consuIenle di arle.
I buona oIilica ricordare in caIce aIIa fallura che quesla rien-
lra neII'ambilo di aIicazione deIIa norma (quando iI deslina-
lario e liloIare di arlila IVA - a roosilo Io sono anche i con-
lribuenli minimi).
CON5ULENZA INFEDELE O FAL5A
Cass. Pcna!c, II 5cz. , 3670/2009
NeII'accerlamenlo deI realo di infedeIe alrocinio iI Giudice
non deve Iimilarsi aIIa vaIulazione di singoIi alli, avuIsi daI
conleslo neI quaIe sono inserili, ma deve coIIocare I'allivila
MARI S A A. ALOI A AS CANI O TRO} ANI
SINTINZI I N MATIRI A DI IIRI ZI A GRAI I CA
$#
rofessionaIe svoIla neI quadro deIIa Iinea difensiva e deIIa
slralegia di conduzione deI rocesso adollala er iI consegui-
menlo deI risuIlalo voIulo daIIa arle, aI fine di vaIulare se iI
alrocinalore si sia reso voIonlariamenle infedeIe aII'obbIigo di
curare gIi inleressi deIIa arle secondo iI mandalo ricevulo e
secondo quanlo Ie regoIe rofessionaIi e rocessuaIi rescrivo-
no er I'ademimenlo di laIe obbIigo.
Cass. Pcna!c, VI 5cz. , 31678/2008
II deIillo di alrocinio o consuIenza infedeIe non e inlegralo
daIIa soIa infedeIla ai doveri rofessionaIi, occorrendo che si
verifichi un danno agIi inleressi deIIa arle che, quaIe conse-
guenza deIIa vioIazione dei doveri rofessionaIi, raresenla
I'evenlo deI realo.
Cass. Pcna!c, VI 5cz. , 17631/2008
Non e Iegillimalo a roorre oosizione aIIa richiesla di ar-
chiviazione iI rivalo che si rilenga oggello deI realo di faIsa
erizia di cui aII'arl. 373 CI, lrallandosi di una fallisecie incri-
minalrice Iesiva deII'inleresse deIIa coIIellivila aI corrello fun-
zionamenlo deII'allivila giudiziaria, reIalivamenle aI quaIe
I'inleresse deI rivalo assume un riIievo soIo rifIesso e media-
lo, laIe da non consenlire I'allribuzione deIIa quaIila di erso-
na offesa, ma soIo queIIa di ersona danneggiala daI realo.
Cass. Pcna!c, VI 5cz. , 14101/2007
II realo di faIsa erizia revislo daII'arl. 373 CI e iolizzabiIe
anche nei confronli deI consuIenle lecnico d'ufficio nominalo
neI corso di un rocedimenlo civiIe.
MARI S A A. ALOI A AS CANI O TRO} ANI
SINTINZI I N MATIRI A DI IIRI ZI A GRAI I CA
30
Iulazione deIIa soIa consuIenza evenluaImenle osla a fonda-
menlo deIIa decisione di rimo grado.
MEDIAZIONE OBBLIGATORIA NEL CONTENZIO5O CIVILE
E COMMERCIALE
Da Luncdi 21 Marzn 2011 e enlrala in vigore Ia mcdiazinnc
nbb!igatnria nc! cnntcnzinsn civi!c c cnmmcrcia!c, creala daI-
I'arl. 60 deIIa Legge 28 Giugno 2009, numero 69, alluala daI
Decrelo LegisIalivo n. 28 deI 4 Marzo 2010.
La mediazione e allo revenlivamenle obbIigalorio rima di
adire un Giudice er una Iunga e vaorosa serie di malerie,
daI Condominio aI conlenzioso suI Risarcimenlo Danni, senza
un Iimile sueriore di imorlo di causa.
II fallo che non venga fissalo un Iimile sueriore neII'imorlo
di causa sla a significare che Ia ,16/!9/+31 +KK./@!#+"/! non e di-
rella soIo aIIe 4!-21 K!@!#1..!"/, che sarebbero in Iinea di rinci-
io queIIe che ingoIfano i TribunaIi.
II servizio di mediazione revenliva e obbIigaloria viene forni-
lo da enlila soslanziaImenle rivale, secondo modaIila di am-
missione quanlo mai Iasche: non e una imressione, infalli,
che I'oerazione somigIi ad un lenlalivo di rivalizzazione
deIIa Giuslizia. I daIIe rime ore di vigenza deIIa norma, sono
slale direlle aIIa Corle CosliluzionaIe Ie rime eccezioni, equa-
menle divise lra Ia obbIigaloriela deIIa mediazione quaIe re-
suoslo er adire aI TribunaIe e Ie regoIe di formazione deIIe
enlila medialrici.
AIlro asello che aare crilico e Ia obbIigaloriela deIIa media-
zione revenliva. La risoIuzione aIlernaliva deIIe conlroversie
dovrebbe solloslare ai rincii di vn!nntaricta, riscrvatczza e
ncutra!ita, che qui non sono rorio risellali.
MARI S A A. ALOI A AS CANI O TRO} ANI
SINTINZI I N MATIRI A DI IIRI ZI A GRAI I CA
!%
TE5TAMENTI
Cass. II 5cz. , 1789/2007
AIIa arle nei cui confronli venga rodolla una scrillura riva-
la deve rilenersi consenlila - oIlre aIIa facoIla di disconoscerIa,
facendo cos carico a conlroarle di richiederne Ia verificazio-
ne addossandosi a sua voIla iI reIalivo onere robalorio - an-
che Ia ossibiIila aIlernaliva di roorre, senza con cio ricono-
scere ne esressamenle ne lacilamenle Ia scrillura medesima,
quereIa di faIso aI fine di conleslare Ia genuinila deI documen-
lo slesso, alleso che in difello di Iimilazioni di Iegge non uo
negarsi a della arle di olare er uno slrumenlo er Iei iu
gravoso ma rivoIlo aI conseguimenlo di un risuIlalo iu amio
e definilivo, Ia comIela rimozione deI vaIore deI documenlo
con effelli 1"@! +3312 e non nei soIi riguardi deIIa conlroarle.
Ioiche dello rinciio e aIicabiIe anche in caso di leslamen-
lo oIografo, chi e slalo isliluilo erede con un recedenle lesla-
menlo e Iegillimalo, a norma deII'arl. 214 CIC a disconoscere
un successivo leslamenlo conlro di Iui rodollo e con iI quaIe e
slalo isliluilo aIlro erede.
vedi anche : Cass. II 5cz. , 1903/2009
CAPACITA DI INTENDERE E DI VOLERE
Cass. II 5cz. , 6978/2011
Deve essere escIusa Ia nuIIila deI leslamenlo ubbIico, er in-
caacila naluraIe deI leslalore, quando quesl'uIlimo, soggello
anziano e maIalo, non solloscrive iI documenlo a causa deIIe
recarie condizioni fisiche: Ia circoslanza, infalli, non e indice
di incaacila menlaIe o di una voIonla di invaIidare I'allo,
MARI S A A. ALOI A AS CANI O TRO} ANI
SINTINZI I N MATIRI A DI IIRI ZI A GRAI I CA
40
5AGGIO GRAFICO
II 2!@@/+ @"!*/4+ (in ambilo enaIe) cosliluisce un !55+"#+ 4+3+<
24/#/7+ soslanziaIe aI rocedimenlo, ed e quindi sollooslo aI
regime di garanzia assoIula aI dirillo di difesa.
Non soIo deve essere riIascialo in conlraddillorio, avvaIendosi
deIIa assislenza IegaIe di un avvocalo e lecnica di un consuIen-
le di arle, ma deve essere riIascialo facendo reIiminarmenle
resenle che I'indagalo (o imulalo) uo avvaIersi deIIa *!4+.#L
6/ 3+3 24"/71"1.
NeI verbaIe di riIascio va semre indicalo (anche neI giudizio
civiIe, lra I'aIlro) che chi riIascia iI saggio e disoslo (o meno) a
farIo, e che si avvaIe (o rinuncia) aII'assislenza IegaIe e/o lecni-
ca.
L'arl 219 CIC (Redazione di Scrillure di Comarazione), recila
inoIlre: D. @/-6/41 /2#"-##+"1 5-M +"6/3!"1 !..! 5!"#1 6/ 24"/71"1 2+##+
61##!#-"!E !3481 !..! 5"12139! 61. 4+32-.13#1 #143/4+$ N1 .! 5!"#1 /3<
7/#!#! ! 4+,5!"/"1 51"2+3!.,13#1 3+3 2/ 5"1213#! + "/*/-#! 6/ 24"/71<
"1E .! 24"/##-"! 5-M "/#131"2/ "/4+3+24/-#!$
Si noli che e i! Giudicc coIui aI quaIe si riIascia scrillura di
comarazione, nnn iI CT. II C.T.U. uo subenlrare su deIega
deI Giudice slesso, indicala o imIicila neI quesilo rooslo.
La norma deII'arl. 219 CIC, aare ero oco aIicala, neIIa
quasi lolaIila dei casi, Ia C.T.U. rocede anche senza iI saggio
deII'inleressalo, urche (e qui sla una deIIe chiavi inlerrelali-
ve) vi siano aIlre scrillure (di rovenienza cerla) comaralive.
I! Giudicc, nc!!a magginr partc dci casi, prcIcriscc avva!crsi
cnmunquc dc!!'appnrtn cnnnscitivn dc!!a Cnnsu!cnza Tccni-
ca, e consenle che quesla venga comunque svoIla - semre che
vi siano aIlre scrillure comaralive uliIi, si riele.
MARI S A A. ALOI A AS CANI O TRO} ANI
SINTINZI I N MATIRI A DI IIRI ZI A GRAI I CA