Sei sulla pagina 1di 1

La Stampa Del 27/11/2008 Sezione: Esteri Pag.

15 Un fumetto irride la vita allEliseo Ipnotizzato da Carla Nicolas diventa Carlito CORRISPONDENTE DA PARIGI Da quando allEliseo c un presidente che racconta la sua vita amorosa, fa jogging e spedisce messaggini durante un incontro con il papa, gli umoristi, i comici, gli imitatori, i maldicenti insomma con la penna o la battuta avvelenata, hanno preso lena. In libreria, in televisione, sui palcoscenici e su Internet si sguazza con maggiore o minore efficacia. Nel panorama cos fitto si innalza un fumetto, Carla e Carlito ovvero la vita al castello edito da Fayard. Con dodici euro, per 62 pagine opera del trio Malka-Cohen-Riss, i francesi, antisarkosisti e non, gavazzano santamente e provvidenzialmente nel vetriolo. Voil i superuomini e le superdonne del Palazzo bruscamente smantellati! Il disegnatore Riss, il capociurma, un recidivo. Lopposizione dovrebbe arruolarlo ad honorem, questo talento dallo sguardo sparviero. Con La faccia nascosta di Sarkozy ha venduto duecentomila copie, libro uscito poco prima delle elezioni presidenziali; qualcuno scommette che abbia persino contribuito al risultato. Forse in contraddizione con le speranze dellautore. Il candidato Sarkozy, a suo tempo, lo comprese. E non fece una piega, anzi, reag ribadendo quanto aveva scritto al tribunale di Parigi per sostenere il settimanale satirico Charlie Hebdo alle prese con le caricature di Maometto: Meglio un eccesso di caricatura che un eccesso di censura. Savi proponimenti, che per non ha conservato come presidente: diventato infatti suscettibilissimo, si infuria e vede rosso, il suo avvocato lavora di querele come un ossesso. Riss finora lha scampata. Nonostante in un secondo volume Sarko primo disegni linquilino dellEliseo impegnato in una terapia di gruppo prima dellelezione del 2012! Ora spera la passi liscia anche il terzo volume dove compare, prepotente, Carla Bruni. Non c prova migliore del fatto che linfluenza dellitaliana sta crescendo. Non lo dicono soltanto i comici (il finto diario di Carla B. sul Canard un successo che non conosce declino). Nella mappa di quelli che contano davvero, la cantante con vaghe aspirazioni umanitarie in prima fila. Non a caso Philippe Cohen un irruente giornalista investigativo. E allEliseo ha occhi golosi che riferiscono. Carla e Carlito fa sorridere, talvolta ridere per le moine, le paturnie e i tracotanti cipigli di una monarchia repubblicana.