Sei sulla pagina 1di 8

UN PAESE STANCO

Anno 0 numero 1 - Gennaio 2009

L’INELUTTABILE
SENSO DEL DOVERE
E’ il dovere morale, la riconoscenza,
i sentimenti di amicizia e di gratitudi- gnato da assessori,
ne che ci legano ai margheritesi, è la consiglieri, dirigenti e
responsabilità di rappresentare le impiegati. Il cittadino
loro speranze e le loro attese, è margheritese paga
quell’ineluttabile senso del dovere Hotel, Taxi, Ristoranti,
che ci porta, oggi, a rompere un Biglietti Aerei per per-
lungo silenzio. Sono trascorsi ben 20 mettere al Sindaco di
mesi dal fatidico 13 maggio 2007, soddisfare il proprio
giorno in cui, grazie ad una nefasta presenzialismo che
legge elettorale, la minoranza degli esibisce con l’uso
elettori di S. Margherita ha eletto smodato dell’auto del
Sindaco il Sig. Franco Santoro. In Comune. A ben vede-
questo periodo abbiamo sperato re, comunque, non
che le preoccupazioni espresse in può essergli attribuito
campagna elettorale nei confronti nemmeno tale merito,
dei profeti del “pane, lavoro e pro- perché per fare, ciò
spettive”, fossero sbagliate e che ha potuto godere del-
questa pur improvvisata e raffazzo- Un paese spento, addormentato, l’aiuto, della collaborazione di
nata compagine amministrativa impaurito, privo di punti di riferimen- alcuni compagni di avventura che
potesse rappresentare degnamente to, imbrigliato da una scelta rivela- mai, pur recalcitrando, avevano
il Paese. Oggi, dopo 610 giorni, tasi povera, inadeguata. Un paese avuto un posto di rilievo nella
prendiamo sommessamente atto che assiste passivamente allo società margheritese. Ha mortifi-
che la realtà ha, purtroppo, di gran scontro, diretto, frontale che il cato il mondo agricolo che è fatto
lunga superato anche la più sfavore- Sindaco ha istituzionalizzato avve- di gente che lavora duro che sicu-
vole delle nostre previsioni. Non lenando il clima politico e sociale di ramente non può identificarsi con
possiamo, pertanto, permettere il S. Margherita di Belice. La vendet- lo stile di chi è stato sfiorato dalla
perdurare di una attività amministra- ta, il rancore, la punizione hanno pratica di un mestiere senza aver-
tiva irresponsabile, allegra, sbarazzi- contraddistinto il suo, pur breve, ne svolto uno in maniera continua.
na e disinvolta. Non possiamo più cammino amministrativo. Ha inizia- Ha mortificato la cultura e l’istru-
consentire che alcuni arroganti e to con gli impiegati comunali, divi- zione affidando l’assessorato di
insolenti amministratori continuino dendoli tra quelli che lo avevano riferimento a soggetti non altrimen-
impunemente ad avere nei confronti votato e gli altri, vessati, puniti, ti qualificati. Sta dando il meglio di
dei cittadini che non li hanno votati additati quali responsabili della inef- sé raffigurando un Sindaco di
atteggiamenti punitivi e ritorsivi. E’ ficienza degli amministratori. Si è parte che non rappresenta la città,
nostro dovere continuare ad impe- reso protagonista di iniziative popu- ma solo chi lo ha votato, che, se ve
gnarci coerentemente, fuori dalla liste, durate lo spazio di un giorno, ne fosse data l’occasione, difficil-
politica degli schieramenti, per come l’alzabandiera, il lutto cittadi- mente confermerebbero la scelta.
costruire un Paese migliore, plurali- no ed altre, indicibili, amenità. Ha Intanto il paese langue, lentamen-
sta, tollerante, solidale, capace di relegato il Premio Letterario ad un te muore come le luminarie “ pian-
promuovere il dissenso pacifico, che anticipo di carnevale per dare modo genti “ che rendevano mesta la via
consideri tutti i cittadini uguali di fatto ai rampolli dei nuovi vincitori di tra- Libertà durante il periodo Natalizio.
e di diritto, con pari dignità. Un scinare, senza alcuno stile e porta- Nino Augello
Paese nel quale gli uomini godano mento, i costumi del periodo gatto-
della libertà di parola e della libertà
dal timore e dal bisogno. E’ nostro
pardiano. Ha organizzato un viag-
gio a New York quale riconoscimen- ALL’INTERNO:
preciso dovere incidere positiva- to del nuovo potere, premio per i Parola al direttore ........................ pag. 2
mente sui costumi, dare contenuto suoi sostenitori e prebenda per uno osserva .............. pag. 2
alle richieste sociali, contrastare l’im- stuolo di sconosciuti che hanno
La Specula
perante lassismo, combattere il mal- potuto godere dei soldi dei marghe- Il Museo della Memoria ........... pag. 3
costume e svegliare le coscienze. ritesi per scorazzare per le strade Diritto alla salute....................... pag. 4
Da oggi, cittadini, il progetto di cre- americane. E così partecipa a tutte
scita e di sviluppo “Noi per Santa Rubrica: “A proposito di...”...... pag. 5
le manifestazioni cui, per la veste
Margherita” riprende forza e vigore. che ricopre, è invitato; e viaggia per Alla ricerca del bugiardo........... pag. 6
Franco Valenti tutta Italia (e non solo) accompa- Trummunati.................................. pag. 8
Presidente Associazione “NOI PER SANTA MARGHERITA”
Parola al Direttore
La Specula, strumento di osser- “vuole vederci chiaro” rispetto ai
vazione e comunicazione. tanti punti di riflessione offerti da
questo territorio. Non ha la pretesa
Nella sua antica fisicità è una pic- di esprimere valori assoluti. Vuole
cola torretta in pietra, di origine essere uno strumento di riflessione
araba, che sorge in contrada con al centro l’interesse del lettore
Lauro, dalla quale si domina l’oriz- comune, stanco delle solite e vuote
zonte, in un arco di spazio che va promesse, aperto a tutte le istanze
da Monte Adranone alla piana di e le esigenze della quotidianità. E
Castelvetrano. Gli arabi, che visse- come La Specula, da cui trae spun-
ro in questo territorio, ebbero la to, guarda lontano. Sarà un foglio
necessità di difendere la propria di appunti, sul quale si tracceran-
gente dalle incursioni esterne. Si no, nero su bianco, valutazioni, cri- va tesa a fare “ulteriori angherie”.
resero conto che era necessario ticità e soprattutto proposte, per far Nulla di tutto questo. Nessuno può
vedere per tempo chi poteva guardare, chi abita in questo terri- pretendere il silenzio, l’oblio, la ras-
“attentare” ai propri insediamenti. torio, oltre la linea nebulosa che segnazione. Si tocca con mano
Oggi, La Specula, vuole essere un avvolge il nostro vivere quotidiano. l’esigenza di guardare lontano, e
punto di osservazione a 360 gradi Starà dalla parte della gente che, affinché ciò si realizzi è necessario
che, come indicato nel sottotitolo, fin da ora, invitiamo a collaborare
attivamente con noi. Ho accettato porsi su La Specula per vederci
l’arduo incarico di dirigere questo chiaro.
periodico, cosciente delle difficoltà Invitiamo i lettori a sostenere l’ini-
che si incontrano quando si devo- ziativa editoriale, che viene offerta
no portare avanti nuove iniziative, al pubblico gratuitamente attraver-
disinteressate, che hanno la prete- so delle libere sottoscrizioni e
sa di “mettere a nudo il re”. sponsorizzazioni. Collaborate scri-
Immagino la reazione scomposta vendo all’indirizzo email : laspecu-
di chi vedrà in questa iniziativa la@alice.it, suggerite nuovi spazi e
chissà quale fine, lo scetticismo di
chi guida questa delicata fase poli- rubriche per meglio rappresentare
tica della nostra città, di chi è abi- lo sviluppo sociale e culturale del
tuato a comunicare attraverso i bar, nostro territorio e della nostra
di chi occupando un ruolo valuterà gente.
Francesco Graffeo
L a S p e c u l a
Periodico di informazione questa proposta come una iniziati-

Da La Speculasi osserva
Autorizzazione Tribunale di Sciacca n.
1/2009
Editore
Associazione Noi per Santa Margherita
Direttore Responsabile
Francesco Graffeo
Condirettori
Franco Valenti, Antonino Augello,
Gaspare Viola
Segreteria di redazione
Marilena Augello, Antonio Gallucci,
Melchiorre Titone
Redazione
Accursio Soldano, Onorio Abruzzo,
Francesco Sciara, Benny Calasanzio,
Giuseppe Serra, Vincenzo Sarullo,
Paolo Morreale, Gaspare Mauceri, Calogero
Sanfilippo, Giuseppe Sanfilippo, Giuseppe
Augello, Giuseppe Monteleone, Salvatore
Montalbano, Pasquale Modderno,
Filippo Di Giovanna.
Redazione
via De Amicis, 9 - S. Margherita di Belìce
email: laspecula@alice.it
Stampa:
Arti Grafiche Provideo
C.da Casabianca - Sambuca di Sicilia
Il Museo della Memoria oggi è diventato il simbolo
del degrado culturale di S. Margherita di Belice
La cura, il rispetto, la valorizzazio- ria. Purtroppo il signor Santoro con era opportuno allestirlo dentro un
ne dei monumenti e delle bellezze il suo poderoso esercito di asses- museo che ha un così pregnante
storico- culturali costituiscono il sori, di direttore, di coordinatori, valore culturale e sociale?
presupposto essenziale per attua- di direttrice-presentatrice e di illu- Vi immaginate un Presepe all’inter-
re una seria politica di sviluppo minati consiglieri, ha trasformato il no del Museo Archeologico di
socio-culturale di una città, una museo in un banale contenitore Palermo, o agli Uffizi a Firenze, o
regola inequivocabile che caratte- del tutto, in una fiera della svendi- più semplicemente nel Museo
rizza quell’amministrare la cosa ta del gusto, in un Luna Park del Antiquarium di Montre Adranone di
pubblica con saggezza e intelli- pessimo gioco, contraddicendo e Sambuca di Sicilia?
genza. mortificando lo spirito culturale per Chissà, forse nell’illuminato pen-
Purtroppo tutto ciò non accade cui il Museo della Memoria era siero di Santoro la collocazione del
nella nostra città. stato realizzato. Presepe costituisce un grande
Da subito, appena insediati, hanno strumento di valorizzazione del
sentito l’urgente necessità di cam- Museo della Memoria.
biare denominazione al museo. Ma i fatti e i misfatti prodotti della
Per una necessità di appropriazio- inadeguatezza della giunta
ne infantile dell’oggetto museo lo
hanno “ritargato”, ingenuo proces-
so psicologico per fare qualcosa di
nuovo.
Lo hanno chiamato, con una intui-
zione origina-
le, Museo del
Belice, ma in
Da troppi mesi Santa Margherita tutti i loro atti
ha intrapreso un inquietante per- amministrativi
corso politico-amministrativo che continuano a
conduce verso un evidente disinte- denominarlo
resse nei confronti di quell’impor- Museo della Memoria. Come mai? Santoro hanno come punta di dia-
tante patrimonio culturale e Alla faccia della coerenza! mante la mostra-martello su
museale che possiede. Ma era solo l’inizio di una lunga Garibaldi all’interno del Museo del
Purtroppo, la scellerata attività mortificazione. Gattopardo: martellate,chiodi da
amministrativa della giunta Il museo è rimasto chiuso ai turisti carpentiere, buchi sui muri, scro-
Santoro, caratterizzata da una e ai visitatori del territorio per inte- stature, azione vandalica come se
conclamata incompetenza, sta re settimane, solo dopo le vibrate il Museo fosse la cantina delle
smantellando e degradando ciò proteste dei cittadini attraverso la cose usate del Bar dello Sport.
che di buono si era costruito negli stampa, l’amministrazione si è Che vergogna!
anni nella nostra città. decisa ad aprire i portoni del Ci si chiede un po’ imbarazzati e
Atteggiamenti amministrativi ina- museo, ma solo i portoni. un po’ incavolati: ma quale sensibi-
deguati che risultano così evidenti Infatti si sono limitati ad aprire le lità, ma quale pensiero debole, ma
ed oggettivi, tanto da creare il tra- porte: nessuna accoglienza del quale strategia culturale ha questa
gico sospetto che questo sindaco visitatore e del turista, nessun ser- amministrazione?
e la sua amministrazione vogliano vizio di visita guidata sul piano sto- Una cosa è certa, tutto ciò è la più
distruggere il patrimonio culturale rico e dell’allestimento museale, chiara dimostrazione che stiamo
margheritese, forse guidati da una un imbarazzante stato di degrado
accecata ira vendicativa o da un dello spazio quasi sempre sporco
debole pensiero di disprezzo. e servizi tecnici non in funzione.
Simbolo di questa evidente inade- Ma il Museo della Memoria ha
guatezza amministrativa nei con- subito la più imbarazzante mortifi-
fronti del patrimonio culturale è cazione, per qualche settimana,
diventato il Museo della Memoria. quando è stato ricoperto di carta
Un Museo, che chi lo ha realizza- per farne una provvisoria e squalli-
to, lo ha immaginato come luogo di da galleria di arte pittorica, una
riflessione, di meditazione indivi- fiera di quadri appesi sui pannelli vivendo un lungo e triste inverno
duale e collettiva, luogo nel quale fotografici raffiguranti i volti doloro- della cultura a Santa Margherita.
doveva regnare il silenzio interiore si della gente del Belice. Appare chiaro altresì che i respon-
per avvicinarsi alla memoria Ma adesso si continua, il luogo che sabili sono visibili, malgrado tac-
drammatica di uomini colpiti dal doveva essere del silenzio e della ciano e tentano pavidamente di
dolore. riflessione ospiterà un bel nascondersi nella loro colpevole
Museo e luogo sacro dove si cele- Presepe. indifferenza e incompetenza.
bra la dignità di un popolo fin trop- Ma con tutto il sacro rispetto per Marisa Randazzo
po offeso dalla natura e dalla sto- l’alto valore religioso del Presepe,
Diritto alla salute e senso della comunità
Quello del diritto alla salute è un quali potrebbero allocare i rispettivi lasciato incompleto dal fallimento
tema che dovrebbe essere stral- ambulatori presso un’unica struttu- della ditta esecutrice dei lavori,
ciato dal terreno della lotta politi- ra polifunzionale, in grado di assi- cambiandone l’originaria ed obso-
ca, segnando una virtuosa discon- curare, attraverso una semplice leta destinazione d’uso in Casa
tinuità col passato. turnazione tra il personale che della Salute.
opera in L’assessorato regionale alla Sanità
regime di avrebbe tutto l’interesse ad asse-
SSN, la condare questo percorso virtuoso
presenza in quanto economicamente soste-
in situ di nibile e molto più efficiente sotto il
almeno profilo della prevenzione delle
un medi- ospedalizzazioni.
co 24 ore I medici di base, chiamati a cam-
su 24. A biare modalità operative e consa-
questo pevoli di rispondere ad un bisogno
servizio della loro comunità, potrebbero
socio- trovare nuovi stimoli e conoscere
assisten- nuove gratificazioni professionali.
ziale di Il mondo del volontariato potrebbe
base si cogliere l’occasione per crescere e
affian- svilupparsi.
cherebbe L’utenza avrebbe un sicuro punto
Il passaggio dall’affermazione di la gestione delle emergenze con il di riferimento sanitario vicino al
principio (art.32 della 118, la cui postazione dovrebbe proprio domicilio, attivo 24 ore su
Costituzione) all’organizzazione essere definitivamente censita nel 24, senza più temere di vedersi
concreta dei servizi sul territorio costruendo Piano Sanitario negate all’occorrenza prestazioni
richiede oggi realismo e capacità Regionale così da poter essere semplici come una terapia inietti-
di innovare ed il dibattito dovrebbe medicalizzata allorquando il piano va, un controllo pressorio o una
riguardare il merito dei problemi. di rientro avrà conseguito il suo medicazione.
Posto che non possiamo più obiettivo di risanamento del deficit S.Margherita potrebbe trarre van-
basarci su ciò che ha fin qui . taggi dalla creazione del conse-
garantito - bene o male- “mamma Questi primi progressi ci consenti- guente indotto; acquisirebbe
regione”, dobbiamo rimboccarci le rebbero di recuperare il terreno anche prestigio nella misura in cui
maniche come comunità, ove la perduto senza gravare oltre sulle sperimenterebbe un modello avan-
scelta del termine comunità casse regionali; verrebbero inoltre zato di medicina del territorio pro-
(rispetto a collettività o società o poste le basi per ulteriori possibili ponibile anche in altri comprensori.
consorzio sociale) non è casuale e sviluppi: in termini di utilizzo del
potrebbe costituire separato personale, in termini di delocaliz-
oggetto di riflessione, perché non zazione di servizi sanitari nel com-
c’è dubbio che la soluzione dei prensorio, di formazione di perso-
problemi passa, oggi più che mai, nale medico e paramedico, di
attraverso il recupero del senso screening sanitari, di promozione
della comunità. dell’automedicazione e della cultu-
Realismo: è definitivamente decli- ra della prevenzione, di collabora-
nato un modello ed è inutile, oltre zioni pubblico-privati. Potrebbero
che eticamente scorretto, suscita- essere stanziate delle risorse loca-
re nella popolazione aspettative li ad hoc. Potrebbe, perché no, ria-
illusorie su riproposizioni storica- prirsi quella pagina della nostra
mente impossibili. storia che ha visto il concorso
Si apre una fase nuova che sem- generoso dei margheritesi d’oltre
pre più sarà caratterizzata dal pro- oceano per la costruzione nel pas-
tagonismo delle comunità locali, sato dell’Ospedale, in futuro della Ciascun cittadino avvertirebbe la
Sindaci in testa, e da uno stretto Casa della Salute. nascita della Casa della Salute
raccordo operativo tra autorità S.Margherita ha di suo una discre- come un bene di tutti e di cui cia-
sanitarie, medici di base, e mondo ta dotazione infrastrutturale: scuno si sente responsabile, silen-
del volontariato. l’Azienda Sanitaria Locale n.1 di ziosamente alimentando quel
Si tratta di disegnare un nuovo Agrigento potrebbe sbloccare i senso della comunità di cui abbia-
modello di medicina del territorio finanziamenti che giacciono inuti- mo grande bisogno.
che muova dal coinvolgimento dei lizzati per il completamento anche Gaspare Viola
medici di medicina generale, i parziale dell’immenso padiglione
A PROPOSIT O DI............
RUBRICA CHE METTE IN RISALTO LE ROBOANTI
“SCUPITTATE” DEL PALAZZO DI CITTA’ E I COMMENTI
RICEVUTI E PUBBLICATI DAL BLOG DEL M.G.T.

LUNEDÌ, 20 AGOSTO 2007 MERCOLEDÌ, 22 AGOSTO 2007 quale il Sindaco Santoro ordina-
L'alzabandiera per mettere in riga i ragazzi di “Nuova ordinanza del sindaco” va, a causa di una "svista", la
Santa Margherita
vendita di
bevande da
"Alzabandiera e inno nazionale per i asporto in con-
giovani studenti della scuole elementa- Ordinanza 61 tenitori di vetro,
ri e medie margheritesi". […] al fine di scongiurare il
verificarsi di atti di teppismo, vietandola al
turbative in genere e incidenti, tempo stesso in
ORDINA a partire dalle ore bicchieri di
23,00 e con decorrenza imme- vetro, emette
diata a tutti gli esercenti pubbli- una ordinanza
ci operanti nel territorio comu-
nale, la vendita per asporto correttiva, la n.
di bibite ed altri generi ali- 62, con la
mentari in contenitori di quale vietava
Questa è la proposta del sindaco vetro". la sommini-
Franco Santoro. strazioni di
"Con le istituzione scolastiche faremo Così hanno commentato i lettori del
blog: bevande in contenitori di vetro.
di tutto per istituzionalizzare almeno un
giorno alla settimana l'alzabandiera e “Perchè tutti noi concittadini non
l'inno nazionale. Momenti di valore facciamo un'ordinanza è vietiamo I commenti: “Da questa sera,
della nostra Patria". di far bere acqua gasata e vino proviamo a vedere se dopo le 23
nei pressi e dentro il municipio? vengono elevate le multe per chi
Abbiamo visto i risultati..... beve ad esempio in un boccale di
plastica!!!!!!! Santoro, fai vedere i
Ci sembra che l’iniziativa “Grazie al sindaco Santoro. Oggi tuoi atti, prima di firmarli, a qual-
tanto sbandierata sia morta. con il suo intervento su TRS mi che professore o professoressa
ha fatto passare l'appetito. Ma del tuo gruppo. Eviti di fare brutta
Vorremmo conoscere se per come si fa a parlare e non dire figura.
colpa del Sindaco oppure nulla? Mai una frase finita, un
periodo concluso. Cosa voleva “Scusate dove posso trovare i
delle Istituzioni scolastiche dire? Prima parlava al singolare, bicchieri di carta? Può il Sindaco
che non hanno consentito di poi al plurale, poi al femminile, fornire gli indirizzi degli esercizi
“istituzionalizzare” la grande poi al maschile. Non se n'è capi- commerciali margheritesi che
to nulla. vendono tali prodotti ? Ma chi
“pensata” dello stesso. scrive queste ordinanze? ”
Dopo la polemica sorta in paese
attorno all'Ordinanza n.61 nella

Il sig. Santoro, temporaneamente Sindaco di S. Margherita di Belice,


non gradisce le critiche, le osservazioni e i commenti alle sue esternazioni.
Sembra come il conducente dei mezzi pubblici il quale ammonisce i passeg -
geri con la classica frase: “Non parlate al conducente”.
Dimentica che noi, fortunatamente, non siamo seduti sul mezzo che sta
portando a sbattere.
Non siamo mai saliti!
Altri sono gli occupanti i quali aspettano una,
sia pur breve, fermata per scappare dal mezzo
che circola ormai senza alcun controllo.
Alla ricerca del bugiardo. Chi bleffa sulla questione dei circoli?

Sulla vicenda dei Circoli occorre mente defilato. Non ha parteci- Nel riservarci di riprendere l’inte-
spendere alcune parole. pato alle iniziative, anzi è stato il ressante argomento, pubblichia-
Durante tutto il periodo che ha primo promotore della ricostru- mo alcuni post tratti dal Blog del
visto contrapporsi il Movimento zione. Movimento Giovanile
Cittadino, che ha raccolto le Divenuto Sindaco, ha cambiato Trasversale.
firme per non far costruire quel- radicalmente posizione, come
la orrenda struttura, il Sig. spesso gli succede:
Franco Santoro si è completa- Ora li VUOLE DEMOLIRE!

Tratto da: agrigentonotizie.it

Ultima Ora: Mentre


stiamo andando in
stampa, riceviamo
l’elenco di chi ha parte-
cipato al Viaggio a New
York. Elenco che nessu-
no ha mai visto prima.
Per mancanza di spazio
pubblicheremo i nomi
dei fortunati nel prossi-
mo numero.
Pubblichiamo la lettera aperta con la quale
il Circolo degli Operai e la Biblioteca
Belluno smentiscono le dichiarazioni,
effettuate dal Sindaco, rese nel corso dei
lavori del Consiglio Comunale del 17 marzo
2008. In quella occasione, il Sindaco rac-
contò di una precedente riunione fatta all’in-
terno del sodalizio e nel corso della quale
ricevette calorosi “applausi” dai Soci del
circolo sull’opportunità di far “saltare” i due
sodalizi.
In sintesi, l’Assessore Salvatore Carollo,
“smentisce in toto” le dichiarazioni del suo
Sindaco Franco Santoro, “definendoli
gravi ed intolleranti” “in quanto la presunta
assemblea dei soci svoltasi presso il
Circolo, alla presenza del Vice Sindaco
Baldassare Portolano e del Presidente del
Consiglio Leonardo Ventimiglia, altro non è
stata che un semplice incontro, con il quale
il Sindaco ha voluto informare, il nostro
sodalizio, le intenzioni e le modalità che
l’Amministrazione Comunale intende portare
avanti in merito alla raccolta differenziata
sui R.S.U. nel nostro Comune. Pertanto, al
fine di evitare qualsiasi equivoco ed inutili
polemiche, si precisa che codesta
Amministrazione, non avendo mai condi-
viso le sudette dichiarazioni, deleterie ed
offensive condanna tali affermazioni
effettuati durante il suddetto Consiglio
Comunale”.

Cronaca seduta del C.C. 17-03-2008 Crediamo voglia dire... “pagare e di sindaco) esplosiva e determina-

Parole… Parole….
sorridere”. Per quanto concerne il re l’implosione della struttura: in
secondo punto, tutti fermi sulle pratica il sindaco ha deciso di
proprie posizioni, con i consiglieri demolire lo stabile dei circoli!
Accesissimo consiglio comunale stufi delle parole irriguardose del Forse il sindaco dovrebbe relazio-
nel nostro piccolo centro, lunedì, sindaco e quest'ultimo che profes- nare anche sulla stabilità del
con punti all'ordine del giorno di sa la sua tolleranza verso tutti. museo della memoria e della
sicuro interesse per tutta la cittadi- Infine, il consigliere D'Antoni, chie- palazzata prima di “sparare”.
nanza. Ci saremmo aspettati Inoltre sarebbe interessante
di assistere al consiglio al sapere perché l’assessore
teatro S. Alessandro, ma la Carollo, presente in consiglio e
sala consiliare con giusto 30 con diritto di parola, non abbia
posti a sedere andava proferito verbo e non abbia
bene...quasi a tutti! Punti espresso le sue perplessità
salienti della serata, oneri salvo poi redigere una lettera
concessori, richiesta di chia- aperta, divulgata anche dalle
rimento riguardo il comporta- emittenti radio-televisive locali
mento del sindaco Santoro e dell’hinterland, contraddicen-
verso i consiglieri di minoran- do in toto tutte le affermazioni
za e dulcis in fundo, dichia- che il sindaco, che presiede la
razioni del sindaco Santoro giunta in cui lo stesso Carollo
sul futuro dei circoli. siede, ha invece esposto
Riguardo gli oneri concesso- durante il civico consesso
ri, dopo aver ascoltato la tesi della serata precedente.
(sindaco) e l'antitesi (consiglieri di de al sindaco a che titolo ha parla- Usciamo dalla sala consiliare
minoranza Ciaccio e D'Antoni), la to di “spostare” i circoli, se come con un sacco di parole che ci
maggioranza pensa bene di primo cittadino o no. Il sindaco ronzano per la testa, ma qualco-
bocciare la mozione della Santoro, sale in cattedra, e tra l'in- sa l'abbiamo capita: di pagare si
minoranza, visto l'impegno pro- credulità generale afferma di voler deve pagare e i circoli pur con la
fuso dal sindaco in merito. far brillare una carica (non quella dinamite si devono demolire.
trummunati....
TRASPARENZA OFFUSCATA Pensando al mio futuro

Determinazione dirigenziale n. 938 mandato. Eppure tutti questi atti Signor Preside
“Missione del Sindaco XXX a Roma vengono pubblicati regolarmente Sono un alunno della terza
dal 26 al 27 novembre 08”. nell’albo pretorio, e possono essere media dell’Istituto comprensivo
Determinazione dirigenziale n. 909 da chiunque visionati e resi pubblici. “Giuseppe Tomasi di
“Missione del Presidente del C.C. Perché su internet questo colpo di Lampedusa” di Santa
XXX a Trieste per partecipare alla spada? Margherita. Quest’anno, se tutto
conferenza nazionale dell’ANCI dal Tuttavia esistono sul piano della tra- va bene, riuscirò a conseguire la
22 al 25 ottobre 2008”. sparenza brillanti esempi anche di licenza Media. In questi giorni, in
Trasparenza a colpi di XXX sul sito piccoli comuni. Pensate, il parla- famiglia, discutiamo del mio futu-
ufficiale del Comune di S. mento europeo ha premiato un pic- ro. I miei Genitori vorrebbero che
Margherita. La privacy applicata, colo comune di circa 3300 abitanti continuassi negli studi iscriven-
mortifica la trasparenza nonostante della Calabria – Soveria Mannelli - domi alla scuola superiore. Io,
vi sia una legge, la n. 22, approvata per aver il migliore albo pretorio on invece, stò pensando di smettere
dal governo regionale lo scorso 16 line ("www.soveria.it), mentre il pro- di andare a scuola perché mi
dicembre che dispone, all’articolo getto “soveria.it” è stato considerato hanno spiegato che laurearsi
18, l’obbligo di pubblicazione degli dal Censis come il Comune più non è una cosa buona. Se pro-
atti nel sito internet. “La trasparen- informatizzato d’Italia. Sabato sera prio devo proseguire, vorrei iscri-
za nella pubblica amministrazione 17 gennaio mentre ultimavo questo vermi alla scuola “Perito Tecnico”
va intesa come presidio di legalità pezzo, ho preso visione di alcuni di Sciacca. Così una volta diplo-
ed efficienza” evidenzia in una diret- bandi di gara datati 16 gennaio. mato, male che finisca, farò il
tiva l’assessore regionale alla Gli stessi amministratori e funziona- magazziniere alla Cantina e poi,
Presidenza. ri di quel comune evidenziano che il forse, il Sindaco. Io, per la veri-
Nel sito belicino è possibile consul- loro Albo Pretorio da circa un anno tà, non voglio studiare così potrò
tare solo l’elenco delle deliberazioni significa visibilità sul web, maggiore fare l’Assessore alla pubblica
di giunta, sindacali e dirigenziali, il democrazia per tutti e abbattimento istruzione che mi piace di più.
tutto condite con tante xxx a garan- dei costi diretti e indiretti. “Questa
Caro Preside che ne pensa, è
zia di una presunta privacy, che nuova metodologia di gestione del-
vero che laurearsi non serve a
sfiora il ridicolo. Sarà questione di l’albo pretorio fa si che all’interno
S. Margherita. Ho saputo che
privacy, ma non è dato sapere il degli uffici vi sia un minore volume
alcuni professori della Scuola
nome del primo cittadino che a fine di carta prodotta, un abbattimento
novembre si è recato nella capitale, dei tempi di pubblicazione degli atti Media sono contenti di questa
ne il motivo di tale missione e del- e un conseguente risparmio econo- mia decisione, potrò avere il loro
l’impegno di spesa! mico”. Loro ci sono riusciti. E noi sostegno per concretizzare i miei
Analogamente non è dato sapere il intanto giochiamo le schedine XXX. progetti? In attesa della risposta,
nome del presidente del consiglio Francesco Graffeo invio tanti saluti .
comunale che a fine ottobre ha par-
tecipato a Trieste alla conferenza
nazionale dell’ANCI, ne avere
cognizione della spesa sostenuta.
Top secret anche sull’importo e sul
nome dell’ex sindaco uscente, che
con il provvedimento dirigenziale n.
911 ha incassato l’indennità di fine

Indovina cosa è fuori posto:


a) il cartello stradale ?
b) la palma ?
c) l’auto del comune ?
d) la casa del Sindaco ?
La soluzione nel prossimo numero.