Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Al di là dell'Iintelletto
Al di là dell'Iintelletto
Al di là dell'Iintelletto
E-book329 pagine3 ore

Al di là dell'Iintelletto

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Leggi anteprima

Info su questo ebook

AL DI LÀ DELL'INTELLETTO
La cultura occidentale esalta la funzione e l'importanza dell'intelletto. Confrontato dai problemi generati da una società sempre più complessa, l'uomo moderno reagisce per lo più cercando di affinare e perfezionare i suoi strumenti intellettuali, sperando che questi possano fornirgli le risposte di cui tanto ha bisogno. Questa speranza, come già Carl Jung fece notare, è destinata a rimanere delusa, perché lo sviluppo intellettuale, per quanto in se stesso utile, quando è perseguito unilateralmente finisce con l'alienarci dalle radici del nostro essere.

L'autore, in questo libro, ci prospetta una diversa soluzione, mostrandoci con la chiarezza che gli è solita, come l'inconscio cerca continuamente di portarci al di là dell'intelletto, nel mondo degli archetipi, dei miti, del significato e dell'intuizione. Ci offre, inoltre, un metodo per stabilire un dialogo con il Sé, grazie al quale potremo avvicinarci al Quinto Regno, il Regno dell'Anima, che si trova al di là dell'intelletto, e dal quale, solo, possono venire le risposte alle domande che ci assillano.

LinguaItaliano
Data di uscita21 apr 2022
ISBN9781625690869
Al di là dell'Iintelletto
Leggi anteprima
Autore

Douglas M. Baker

DOUGLAS M. BAKER Le Docteur Douglas Baker est bien connu du public de langue anglaise. Poète, écrivain et scientifique, il est l'une des plus éminentes personnalités dans le domaine des sciences ésotériques. Diplômé en médecine à l'Université de Sheffield en 1964, il a, dès lors, porté à l'attention du public les aspects de l'art médical se trouvant aux confins de la connaissance scientifique. Il se sert d'exemples tirés de la vie de tous les jours et d'explications scientifiques, pour rendre compréhensibles à la mentalité occidentale les enseignements les plus complexes et abstraits. Le but des écrits du Docteur Baker est de rendre présente la Sagesse Antique, avec le langage actuel. Auteur prolifique, il est reconnu en Angleterre comme la principale autorité dans le domaine astrologique. Son œuvre, composée de plus de quatre-vingts livres, couvre quasiment tous les aspects des sciences ésotériques.

Leggi altro di Douglas M. Baker

Correlato a Al di là dell'Iintelletto

Ebook correlati

Recensioni su Al di là dell'Iintelletto

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

La recensione deve contenere almeno 10 parole

    Anteprima del libro

    Al di là dell'Iintelletto - Douglas M. Baker

    INDICE:

    AL DI LÀ DELL'INTELLETTO

    TRE GRANDI VERITA

    PREFAZIONE

    PRIMA SEZIONE - L'Uomo, il Mito e l'Inconscio

    LA TESTIMONIANZA DELLA SALUTE MENTALE

    L'INCONSCIO E LE SUE PARTI

    LE QUALITÀ PREFISICHE DELL'INCONSCIO

    L'INCONSCIO E GIANO

    LE SORGENTI SILENZIOSE

    MITI E LEGGENDE

    IL MITO DELL'INVINCIBILITÀ

    SECONDA SEZIONE - La Corrente dell'Inconscio

    LA TENUITÀ* DELLA COSCIENZA

    ANALOGIA DELL'AMEBA I

    ANALOGIA DELL'AMEBA II

    LA FUSIONE DI VITA E COSCIENZA

    TERZA SEZIONE - La Comunicazione con l'Inconscio

    IL MIDA INTERIORE

    COMMENTI

    QUARTA SEZIONE - Lo Stile Meditativo di Vita

    Immagini mentali

    LEZIONI SUL SENTIERO

    L'ARCHETIPO DEL SIGNIFICATO

    IL MECCANISMO DI PRODUZIONE DELLE IMMAGINI

    Nei Chakra

    Nei Simboli della Meditazione

    Sommario

    I SERBATOI DI ENERGIA DELLA NATURA

    L'ANIMA COME MAESTRO

    AFFOLLAMENTO E MEDITAZIONE

    ANDARE DENTRO SE STESSI

    QUINTA SEZIONE - Al di là dell'Intelletto

    OMEOPATIA

    BIOMAGNETISMO

    RIMEDI FLOREALI DI BACH

    COME FU COSTRUITA STONEHENGE

    I NIRMANAKAYA

    LE LUNE DI MARTE

    IL MARIE CELESTE

    IL TRIANGOLO DELLE BERMUDE

    FIRE-WALKING

    AL DI LÀ DELL'INTELLETTO

    Titolo Originale

    Beyond the Intellect

    © Copyright 1980 Douglas M. Baker

    Italiana prima cartacea edizione 1994

    © Copyright 1994 Edizioni Crisalide

    ISBN 8788871830315

    Grafica: BRUNO IRMICI

    Questo è l'unico eBook autorizzato dell'edizione cartacea

    © Copyright Dr. Douglas M. Baker 2013

    Pubblicato da Baker eBooks Publishing

    ISBN 9781625690869

    Molte delle audioconferenze ed alcune delle immagini e dei diagrammi usati qui possono essere scaricati gratis in alta definizione dal nostro sito web https://www.douglasbaker.org (https://www.douglasbaker.org).

    La vendita di questo libro è sottoposta alla condizione che esso non verrà in alcun modo commercializzato, dato in prestito, rivenduto o comunque fatto circolare, in qualunque forma, copertina o rilegatura, senza il previo consenso dell'editore e senza che questa condizione venga imposta al successivo acquirente.

    Per questo ed altri libri cartacei in italiano

    del Dott. Baker rivolgersi a:

    Edizioni Crisalide.

    Via Campodivivo, 43.

    Spigno Saturnia (LT) Italia

    www.crisalide.com

    (http://www.crisalide.com)Info@crisalide.com

    TRE GRANDI VERITA

    Ascoltami fratello, egli disse, "Vi sono tre grandi ed assolute verità che non possono essere perdute, ma solo rimanere silenti per mancanza di parole.

    L'anima dell'uomo è immortale, ed il suo futuro è quello di qualcosa il cui splendore e la cui crescita non hanno limiti.

    Il principio che dona la vita risiede in noi e al di fuori di noi, non muore mai ed è eternamente benefico; non lo si può ascoltare, vedere o annusare, ma può essere percepito da chi lo desidera.

    Ogni uomo è il padrone assoluto di se stesso, dispensa a se stesso gloria o miseria, decreta le sue ricompense e le sue punizioni.

    Queste verità sono grandi quanto la vita stessa e semplici quanto la più semplice delle menti umane. Nutrì con esse chi ne è affamato."

    da The Idyll of the White Lotus

    PREFAZIONE

    Gli Editori di quest'opera notevole mi hanno chiesto di scriverne una breve presentazione dal momento che conosco personalmente l'autore, e che mi dedico da sempre, con profondo interesse, all'esoterismo e allo studio delle persone dotate di poteri occulti.

    Il mio primo incontro con il dr. Douglas Baker ebbe luogo dopo una delle sue conferenze al centro di Londra. Avevo sentito parlare di lui come di un oratore brillante, e non rimasi deluso. Poco tempo dopo acquistai Meditation, e la superiorità di quest'opera rispetto ad altre del genere mi apparve subito evidente. Essa mostra infatti in che modo la qualità della vita possa migliorare grazie alla pratica della meditazione, e spiega le leggi psichiche per mezzo delle quali è possibile entrare in contatto con le energie che ci circondano.

    Fino ad oggi, il dr. Baker ha pubblicato oltre trenta libri. In tutti si percepisce la profonda conoscenza dell'autore, che deriva da un contatto diretto con una coscienza superiore. Baker descrive con chiarezza le leggi cosmiche che sono alla base dell'esistenza umana e la governano, e spiega come applicare tali leggi nella vita quotidiana. Coloro che anticamente si occuparono di questi temi dovettero spesso rendere oscuri i loro insegnamenti, per non entrare in contrasto con i pregiudizi dell'epoca in cui vivevano. L'autore crede sia giunto il momento di rivelare i contenuti delle scienze esoteriche ai ricercatori del mondo moderno.

    A tal fine, egli ha completato la serie conosciuta come I Sette Pilastri Della Saggezza Antica. Questi libri costituiscono una lettura essenziale per coloro che sono in cerca di una risposta ai profondi misteri dell'esistenza umana e alle grandi domande che l'umanità si pone circa lo scopo della vita. L'autore è riuscito nel difficile compito di riproporre oggi gli enigmatici insegnamenti delle scienze occulte, traducendoli in un contesto moderno comprensibile. I lunghi studi di medicina lo hanno fornito di un vantaggio rispetto ai suoi predecessori, vale a dire quello di esser meglio qualificato a descrivere le varie applicazioni delle leggi esoteriche alla medicina e all'antropologia (cfr. Esoteric Anatomy, Anthropogenesis, ecc.).

    Se siamo in cerca di stabilità, e dello scopo della vita, dobbiamo sviluppare le risorse interiori atte a far fronte allo stress provocato dalla quotidiana corsa contro il tempo. Se riusciremo ad imparare a convivere con le leggi che regolano il progetto planetario, a sottometterci ad esse, e al tempo stesso a rifornire costantemente le nostre sorgenti di energia, potremo sopravvivere. Ma, naturalmente, abbiamo bisogno di conoscere queste leggi, e di capire come sfruttarle. Il presente libro, insieme agli altri di questo prolifico autore, ci guida verso tale comprensione.

    Pochi individui sono preparati ad accettare la disciplina che sempre si accompagna ad ogni studio serio; l'auto-realizzazione e un illimitato orizzonte di possibilità attendono costoro. Ma anche coloro che non nutrono simili ambizioni hanno molto da guadagnare. Grazie agli insegnamenti esoterici possono imparare presto a sviluppare la forza interiore, e a prender contatto con i poteri invisibili situati al di là dell'intelletto.

    Conte D'Angerville

    Londra

    PRIMA SEZIONE - L'UOMO, IL MITO E L'INCONSCIO

    LA TESTIMONIANZA DELLA SALUTE MENTALE

    Non ho mai ben capito perché, fin dalle ricerche di Jung e Freud, abbiamo sempre basato in modo così incrollabile le nostre conclusioni circa la natura dell'inconscio sulle esperienze degli individui malati di mente, quando i fatti - molti più di quelli dedotti sia da Jung che da Freud - vanno ricercati e più chiaramente definiti nelle esperienze degli individui perfettamente sani. Jung rimase così turbato dal fascino delle immagini e dei pensieri onirici dei suoi pazienti, che non poté fare a meno di convincersi che i sogni fossero espressione di una saggezza superiore situata nell'inconscio collettivo, visto che sembravano fornire "una conoscenza o un insight che non provenivano dalla parte cosciente della mente."(1)

    1) C. G.Jung, Psicologia e Religione, Boringhieri.

    Jung confermò con metodi scientifici quel che gli antichi maestri avevano sempre sostenuto, vale a dire che la memoria dell'umanità non si limitava soltanto alle lacunose testimonianze della storia, ma comprendeva le profondità della psiche, come pure comprendeva quelli che, parecchi decenni prima, H.P. Blavatsky aveva chiamato annali akascici. (2) IL fatto che Jung si servisse di metodi scientifici va a suo eterno onore, anche se lo mise in una specie di dilemma.

    2) La storia mentale ed emotiva del pianeta registrata nell'etere.

    Chiunque abbia letto il suo commento a IL Segreto del Fiore D'Oro non esiterà a riconoscere la profonda conoscenza che Jung possedeva della filosofia orientale; studiandola, egli aveva rapidamente scoperto che gli indù e i buddhisti ponevano l'origine dell'Era Umana molti milioni di anni prima di quanto avesse suggerito persino il più illuminato tra gli antropologi moderni. Tuttavia, proprio a causa del suo radicato pregiudizio scientifico, Jung preferì abbracciare la teoria ortodossa, ignorando il fatto che una razza umana molto più antica avrebbe dato maggior credibilità alle sue teorie sull'inconscio. Avendo letto IL Segreto del Fiore D'Oro, Jung sapeva anche dell'esistenza dei corpi sottili nell'uomo, e dei fuochi che ne conservano l'integrità; conosceva, inoltre, in modo approfondito gli insegnamenti della Teosofìa, i quali forniscono una dettagliata descrizione dell'Uomo, dei suoi veicoli di coscienza e del suo posto nell'Universo. Comunque, so per certo che egli era amico di Beatrice Ensor, teosofa sudafricana con la quale mi sono spesso intrattenuto.

    Nonostante ciò, le testimonianze di tutti questi gruppi - buddhisti, teosofi, indù ed altri, per non dire degli stessi rappresentanti dell'Alchimia, come Paracelso - non sembrano rivestire alcuna importanza nelle affermazioni junghiane sull'inconscio, le quali invece rimasero limitate alle esperienze dei pazienti malati di mente. La trovo una cosa piuttosto strana.

    Mi sembra che il contributo davvero importante di Jung al problema dell'inconscio sia stata la sua comprensione del ruolo giocato dal mito. Buona parte di questo libro è stata dedicata ai miti, e alla funzione che essi esercitano nel dirigere la coscienza verso l'interno, verso l'integrazione. Per giustizia nei confronti di Jung, dobbiamo ricordare che mentre Freud e la maggior parte degli psicologi moderni guardano all'inconscio, ed alle relative attività subliminali, come se si trattasse di un inconscio personale che ha le proprie origini nella mente conscia, Jung ne individuò le radici negli abissi dell'immenso inconscio collettivo, comune a tutta l'umanità. Freud, da parte sua, aveva elaborato le proprie teorie soprattutto a partire da esperienze avute con pazienti sotto ipnosi.

    Soltanto nell'analisi del mito dei Dischi Volanti, quindi per un argomento che richiedeva il più prudente degli approcci, Jung fornì una guida e una pietra di paragone tratti dall'universo della salute mentale. (3) La stessa Teosofia aveva fondato su basi sufficientemente corrette l'ipotesi che l'intervento divino nello Schema Planetario Terrestre avesse già avuto luogo con l'avvento dei Signori della Fiamma dal pianeta Venere, sebbene si fosse trattato di un evento relativo al piano eterico. C'era solo bisogno di un Adamsky per dirigere la mente angosciata dell'umanità verso una mitica redenzione da parte di una cultura extra-planetaria di molto superiore alla nostra. Si aggiunga a questo l'inevitabile incremento di fenomeni atmosferici sopra una società di quattro miliardi di anime, che si accalcano in preda alla febbre del progresso tecnologico, e si avrà una teoria del nouminoso intorno ad ogni oggetto volante non identificato. Infine, l'aumentata sensibilità umana nei confronti del mondo eterico, e delle gerarchie invisibili che si servono del nostro pianeta, ci dà un'ulteriore spiegazione di alcuni dei cosiddetti avvistamenti UFO.

    3) Vedi D. Baker, The Esoteric Significance of UFOs.

    Jung riconobbe l'esistenza di aree della psiche basate su archetipi nouminosi, i quali costituivano per alcuni una sorgente di forza inesauribile, e che rappresentavano il Sé; l'obbiettivo principale della sua psicoterapia fu quello di stabilire l'esatto rapporto tra l'ego e il Sé. Jung non equiparò il Sé a Dio, cosa per la quale dobbiamo essergli eternamente grati, ed affermò che non esisteva alcuna prova empirica dell'esistenza del Sé, ma solo un fondamento emotivo irriducibile alla ragione.

    Lo scopo di questo lavoro è quello di evidenziare che molti grandi esseri hanno superato lo stadio dell'individuazione, o integrazione della personalità, ed hanno raggiunto l'identificazione con il Sé. Essi non si sono limitati a lasciarsi dietro la propria testimonianza degli eventi, ma l'hanno corredata di documenti alla cui validità bisognerà concedere almeno la stessa attenzione accordata ai sogni dei pazienti malati di mente! Inoltre, alcuni di questi esseri sono stati in grado di emergere dai loro centri sacri e di fondere il Sé con l'ego in una sola entità unificata. Le loro tecniche per ottenere una simile pienezza costituiscono parte integrante dei Misteri, e sono tecniche che hanno vinto mille volte la sfida a fondere gli istinti inferiori con la buddhi, cioè a condurre la coscienza oltre l'intelletto. Direi che l'esistenza delle Loro testimonianze e delle Loro tecniche poggia, quanto meno, su fondamenti emotivi irriducibili alla ragione.

    Alla nascita, l'Uomo non si presenta semplicemente con un corpo infantile. Nel periodo prenatale è già stata elaborata una matrice di sostanza eterica (la materia che compone i primi quattro dei sette sottopiani fisici, gli ultimi tre dei quali sono gli stati della materia - solido, liquido e gassoso), la quale crea dentro di sé - per quanto assistita accessoriamente da enzimi, molecole di RNA, ormoni, ecc. - i materiali pre-fisici dell'embrione. Si può valutare qualcosa di queste matrici prefisiche osservando le fotografie eseguite dall'apparecchio Delawarr negli anni cinquanta, oppure quelle della sostanza mentale fotografata nell'Università di Kohyasaan in Giappone nel 1913, tutte riprodotte nelle pagine che seguono. Si potrebbero anche analizzare fenomeni analoghi prodotti dalla mente di Ted Serios, e studiati dallo psichiatra dr. J. Eisenbud di Denver, con il quale mi sono incontrato pochi anni fa.

    FETO UMANO INTORNO AL

    TERZO MESE DI GRAVIDANZA

    La paziente era a Birmingham quando, ad Oxford, venne scattata la fotografia.

    Un campione di sangue di una donna incinta di tre mesi venne inviato da Birmingham ad Oxford. L'apparecchio Delawarr era stato sintonizzato in modo tale da riprendere un feto umano di tre mesi. Il campione di sangue venne posto davanti alla macchina, e si ottenne l'immagine qui riportata. Per la mente di un osservatore esperto di medicina, gli elementi distinguibili nella fotografia sono i seguenti: (i ) la chiusura del canale neurale; (ii ) l'evidenza della fontanella posteriore; (iii ) il processo di formazione dell'acromion della scapola sinistra; (iv) le parti non ancora fuse del cinto pelvico; ecc. È piuttosto difficile immaginare che questa foto possa essere stata contraffatta, se non da qualcuno dotato di notevole conoscenza dell'embriologia e con un tempo illimitato a disposizione. Nessuna di queste condizioni esisteva quando la fotografia fu scattata.

    Ora, questo genere di prove non è gradito alla scienza moderna, che pure alla fine, forse tra un secolo, ci ripresenterà le stesse prove in un'altra forma.

    Non esiste disputa più violenta di quella tra coloro che hanno accettato un'idea ieri e coloro che accetteranno la stessa idea domani! (4)

    4 ) Christopher Morley.

    Appropriati involucri (non matrici) di sostanza emotiva e mentale avvolgono e interpenetrano l'embrione in sviluppo. Durante la vita, l'organizzazione di questi involucri in entità 'fisiologiche', costituite di organi, sensi e apparati, prosegue velocemente, così che, intorno ai diciotto anni, la personalità in crescita può disporre di un corpo emotivo integrato e di un'unità mentale. Il processo d'individuazione (Jung) o integrazione della personalità (Psicologia Esoterica) comporta la fusione dei tre corpi sottili con il corpo fisico:

    Da quel momento in poi, affrontando le sfide della civiltà, la personalità integrata riesce, in una piccola percentuale di casi, ad entrare in contatto con il Sé e ad instaurare un dialogo tra questo e l'ego; dialogo che può persino sfociare nella fusione totale di entrambi. Di norma, però, solo poche personalità riescono a raggiungere tale integrazione.

    Al momento della morte, l'entità che dimora nell'individuo si libera progressivamente dei suoi veicoli. Il corpo eterico si disintegra quasi subito. Il corpo astrale ospita la coscienza per circa trent'anni, poi anch'esso si disintegra consegnando la coscienza al corpo mentale; e così via.

    Una comprensione reale dell'Uomo e della sua coscienza procede di pari passo con il riconoscimento della sua struttura totale. L'occultista esperto cerca sempre di considerare i fenomeni, anche quelli relativi alla coscienza, in termini di energie in gioco, perché, per definizione, l'occultista è colui che si occupa delle forze nascoste della natura... e tutti i discepoli, anche quelli di temperamento mistico, devono affrontare queste energie.

    E se tutta la natura animata non fosse null'altro

    che arpe organiche dalle infinite forme,

    che vibrano e nascono al pensiero mentre su di loro passa,

    plastica e vasta, un'unica, intellegibile, brezza,

    allo stesso tempo anima di ciascuna e Dio di Tutto?

    Samuel T. Coleridge

    Il dott. Bach sviluppò una serie di rimedi, che contenevano le 'virtù' di vari fiori, estratte ponendo i boccioli in acqua ed esponendoli alla luce solare. In una certa occasione un flacone del rimedio floreale 'Caprifoglio' fu posto davanti ad un apparecchio fotografico Delawarr, ottenendo l'immagine che è riportata sopra, accanto ad un disegno a colori di un caprifoglio. L'immagine mostra una struttura pre-fisica, rimasta associata al rimedio, molto tempo dopo che la parte fisica del fiore era stata eliminata

    Dentro di noi esiste una forma noumenica, o anima, che opera per mezzo di un corpo fenomenico costituito della sostanza del mondo materiale ... un corpo che, privato del Sé, non ha alcuna reale esistenza.

    Il corpo fisico è vuoto e nulla senza quel trasformatore di energia che è l'Anima nascosta ... e noi amiamo quel corpo, e il mondo materiale in cui esso cresce rigoglioso ... quel mondo materiale che ci irretisce, ci intrappola, ci avvolge con un velo d'illusione, che distoglie la nostra attenzione dal nostro vero essere. (5)

    5) D. Baker, The Opening Of The Third Eye, traci, it. L’APERTURA DEL TERZO OCCHIO. Edizioni Crisalide.

    La Saggezza Antica ha sempre insegnato che tutte le cose, animate o inanimate, possono essere considerate energia che si manifesta a vari livelli di vibrazioni. Ogni oggetto possiede la propria nota vibratoria. L'Uomo ha la sua, che deve identificare, purificare ed amplificare percorrendo la Via del Discepolato. Anche

    Ti è piaciuta l'anteprima?
    Pagina 1 di 1