Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Riflessioni Storiche Della Fisica: Da Archimede, …, Einstein A Oggi.
Riflessioni Storiche Della Fisica: Da Archimede, …, Einstein A Oggi.
Riflessioni Storiche Della Fisica: Da Archimede, …, Einstein A Oggi.
E-book50 pagine33 minuti

Riflessioni Storiche Della Fisica: Da Archimede, …, Einstein A Oggi.

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Leggi anteprima

Info su questo ebook

Questa è la 4° opera di una tetralogia ora voluta, che nasce dalla ricerca della Verità: la 1° è “Galilei e Einstein”, la 2° è “Archimede”, la 3° è “Archimede - Galilei - Newton - Einstein”. Questa 4° opera intende evidenziare il perpetuarsi dell’errore millenario di ritenere il peso immutabile e invariante rispetto alla forma del corpo stesso. A tale errore viene evidenziato come si sommano i due degli ultimi 40 anni fatti dalla Comunità Scientifica. Il primo quello di aver deciso che con le stesse bilance si misura la massa dei corpi, mentre prima si misurava il peso. Il secondo quello a partire dal 20 maggio 2019, in occasione delle nuove definizioni delle grandezze fondamentali, in relazione al kg massa non avendo fissato per il campione di riferimento né la materia e né la forma costituente.
LinguaItaliano
EditoreTektime
Data di uscita10 gen 2019
ISBN9788893987905
Riflessioni Storiche Della Fisica: Da Archimede, …, Einstein A Oggi.
Leggi anteprima

Leggi altro di Santo Armenia

Correlato a Riflessioni Storiche Della Fisica

Ebook correlati

Articoli correlati

Recensioni su Riflessioni Storiche Della Fisica

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

La recensione deve contenere almeno 10 parole

    Anteprima del libro

    Riflessioni Storiche Della Fisica - Santo Armenia

    Prefazione

    di CARMELO VINDIGNI

    Per questo 4° libro, che tu stesso presenti come Questa è la quarta opera di una tetralogia, ora voluta, che nasce dalla ricerca della Verità., hai voluto che fossi ancora io l’autore della Prefazione.

    Con rinnovato vigore ed orgoglio,  proseguo nel compito che mi hai affidato.

    Auscultando la tua conchiglia, Odisseo hai intrapreso il tuo viaggio storico della Conoscenza. Hai osservato e visto che nonostante il progredire, di fatto, l’errore di Archimede, di Stevino e di Galileo, dovuto alla loro  limitata conoscenza istintiva, è stato successivamente mantenuto ed aggravato dagli altri: Newton, Lagrange, Einstein e dalla Comunità Scientifica.

    Dal tuo incessante remare e vangare, culminati nella tua "nuova marcia del sale", che possa iniziare un necessario confronto scientifico per proseguire nel cammino della Conoscenza, superando finalmente l’errore millenario di ritenere la gravezza dei corpi immutabile.

    Hai già preannunciato il tuo 5° lavoro, anche su nuovi fronti, e non pago di navigare e vangare vuoi ora anche volare?

    Che Dedalo e Prometeo ti siano compagni.

    Presentazione dell’autore

    Questa è la quarta opera di una tetralogia, ora voluta,  che nasce dalla ricerca della Verità.

    Il primo lavoro è:

    GALILEI E EINSTEIN

    Riflessioni sulla teoria della relatività generale

    La caduta libera dei gravi

    La forma dei corpi solidi

    Il secondo lavoro è:

    ARCHIMEDE

    Riflessioni sul principio dei corpi galleggianti

    La forma dei corpi solidi

    Il terzo lavoro è:

    ARCHIMEDE – GALILEI – NEWTON - EINSTEIN

    La forma dei corpi solidi

    La forma dei contenitori dei fluidi

    Disvelazione - Epifania

    Gli esperimenti  riportati sono visionabili con youtube: armenia santo o tramite il mio sito www.armeniasanto.it

    Introduzione

    Da sempre i filosofi naturali avevano ritenuto la gravezza dei corpi immutabile.

    Euclide ha costruito la sua geometria basandosi sugli enti fondamentali (punto, retta e piano) e sui postulati. Uno per tutti: per due punti passa una ed una sola retta.

    La geometria è una costruzione mentale dell’uomo che in natura non esiste.

    Archimede ha sviluppato i sui studi in due campi:

    1 – quello della geometria;

    2 – quello della natura.

    Il campo della geometria comprende il calcolo del perimetro delle figure piane, il calcolo della superficie delle figure piane, il calcolo del volume delle figure solide, la determinazione del baricentro delle figure piane e solide, etc.

    Il campo della natura comprende l’equilibrio dei corpi, lo studio del fenomeno del galleggiamento, etc.

    Archimede, in forza del principio di ragion sufficiente o per conoscenza istintiva, ha sviluppato i sui studi sulla natura basandosi su postulati.

    La Fisica moderna e contemporanea (classica, relativistica e quantistica), da Galilei a oggi, nonostante la definizione di voler essere sperimentale, continua a basarsi su postulati, costruendo teorie su teorie.

    Nel corso del presente studio sarà evidenziato come l’errore millenario, derivante dal postulato di ritenere la gravezza dei corpi immutabile, nonostante fosse stato superato dalla legge di attrazione gravitazionale universale di Newton, in base alla quale la gravezza

    Ti è piaciuta l'anteprima?
    Pagina 1 di 1