Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

La Fuga Dalla Morte
La Fuga Dalla Morte
La Fuga Dalla Morte
E-book232 pagine3 ore

La Fuga Dalla Morte

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Leggi anteprima

Info su questo ebook

Sai figlio mio, nonostante tutto quello che si sente in giro, a me sembra che i ragazzi di oggi sono educati meglio dei ragazzi dei miei tempi. Quando ero giovane e passavo per la strada, tutti si giravano e mi offrivano proposte immorali... per questo spesso non avevo voglia di uscire da casa... adesso invece posso uscire anche dieci volte al giorno e nessuna proposta immorale... guarda che bravi ragazzi!
Sì mamma! Ma sono passati 50 anni...

Che cosa voglio dirvi con questa barzelletta?
CHE OGNUNO DI NOI HA I SUOI 5 MINUTI...!
E QUESTI 5 MINUTI SONO POCHI... MA SONO DIVERSI...

Sapete quante persone finora sono vissute sulla terra?
Vi siete interessati?
Io non me ne sono mai interessato...

Proprio adesso, per la prima volta nella mia vita, provo a cercare i dati della popolazione mondiale. Non è difficile trovarli. Ecco1!

Secondo Focus (una rivista scientifica), basandosi sugli studi del demografo Jean Bourgeois – Pichat, si può dire che fino ad oggi hanno abitato il nostro pianeta più o meno
85 miliardi di persone...

mi faccio anche un'altra domanda:

quante persone ancora vivranno sulla terra?

Secondo le più recenti stime, aggiornate a luglio 2015, l'Onu prevede:
nell'anno 2030 circa 8,5 miliardi
nel 2050 9,7 miliardi
nel 2100 11,2 miliardi.
Incredibile!? Che movimento! Io sono tra loro. Sembra che non conto niente... ma non è così.
1+1 fa 2
OGNI PERSONA CHE HA VISSUTO, CHE VIVE E CHE VIVRÀ
AVEVA
HA
AVRÀ
I SUOI 5 MINUTI...
E DOPO PASSA E LASCIA SPAZIO AGLI ALTRI...
VENGONO GLI ALTRI
PASSANO
E DI NUOVO... E COSI' FINO ALLA FINE DEL MONDO.
INCREDIBILE!
OGNI UOMO LASCIA LA PROPRIA TRACCIA SULLA TERRA...
IO...IO... SONO TRA LORO E ADESSO TOCCA A ME.
LinguaItaliano
EditoreTektime
Data di uscita30 dic 2018
ISBN9788893981514
La Fuga Dalla Morte
Leggi anteprima

Leggi altro di Andrzej Stanislaw Budzinski

Correlato a La Fuga Dalla Morte

Categorie correlate

Recensioni su La Fuga Dalla Morte

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

La recensione deve contenere almeno 10 parole

    Anteprima del libro

    La Fuga Dalla Morte - Andrzej Stanislaw Budzinski

    Andrzej Stanislaw Budzinski

    La fuga dalla morte

    UUID: 6644bcea-414b-4d94-952f-ba61f497138a

    Questo libro è stato realizzato con StreetLib Write

    https://writeapp.io

    Indice dei contenuti

    Titolo

    Introduzione

    La fuga dalla morte

    Salve a tutti e tutte coloro che vogliono essere felici!

    Dove possiamo trovare la felicità vera?

    Non ci sono non belli e non belle

    Trucchi, ma non soltanto cosmetici

    La politica

    Le tasche piene o vuote?

    Cristiani SI! Coglioni NO!

    Il mondo dei bestemmiatori

    La libertà

    L’aborto è un omicidio

    L’uomo divinizzato

    Meraviglia della diversità

    Natural eco bio

    Il popolo speciale

    Shemà Israel

    Scemo uomo o uomo scemo

    La fine?

    Note

    Titolo

    Andrzej Stanislaw Budzinski

    La fuga dalla morte

    Introduzione

    Il libro che propongo raccoglie le piccole riflessioni e alcune registrazioni pubblicate in Facebook che, nello stesso momento ci offrono saggezza e buonumore. Ci aiutano a riflettere su diversi argomenti e situazioni della vita per poi a metterle in pratica, certamente ognuno secondo le proprie capacità e possibilità. Un libro scritto nel modo più leggero possibile, però, delle cose importanti e non tanto leggeri da digerire. Scritto in modo accettabile e facile da « digerire » , per dare il nutrimento necessario nella crescita personale.

    Altra cosa molto importante è lo stile del libro, inventato proprio da me:

    « A parte il contenuto che è molto interessante e utile e facile da leggere perché scritto in modo accettabile, colpisce come la pubblicità. Tocca profondamente e fa riflettere non lasciando il lettore indifferente. Interessante e direi anche nuovo e originale, tutto fatto a slogan, con frasi brevi che tendono a colpire il lettore con il detto rapido piuttosto che discorsivo [¹] » .

    Il pensiero del libro ci aiuta nel lavoro sulla bellezza interiore e quella esteriore, nel trattamento spirituale e quello fisico. Perché così? Perché l’uomo è composto dall’anima e dal corpo e per tutti e due gli elementi è chiamato ad avere cura. Non si può trascurare né l’uno né l’altro. Ci sono « cosmetici » per l’anima e per il corpo. Purtroppo spesso noi conosciamo meglio i cosmetici per il corpo. Certamente conosciamo meglio quello che ci interessa di più. Perché devo dedicare il mio prezioso tempo per le cose che mi sembrano inutili e non mi interessano? Mi permettete. Mio consiglio: usate tutti e due per piacere! Dovete, però, sapere, che tra l’anima e il corpo esiste una differenza, anche notevole:

    l’anima è eterna, cioè non muore,

    il corpo è mortale (una piccola consolazione, non per sempre) [²] .

    Il corpo, anche se curato molto bene, non può essere salvato dalla distruzione. L’invecchiamento è un processo comune e tocca noi tutti. Spero di non dover spiegare questo, sarebbe un assurdo. Però, per sicurezza, se per caso qualcuno avesse problemi di accettare la nostra realtà, allora meglio che lo spiego ponendoci qualche domanda: da dove sappiamo che l’invecchiamento esiste? Conoscete una cosa che si chiama tempo? Secondi, minuti, ore, giorni settimane, anni. Conoscete? Conoscete uno strumento che si chiama orologio? Calendario? Sappiamo anche che l’uomo invecchia da un fatto comune che si chiama la morte. Non sei convinto? Allora ti propongo una gita al cimitero. Là ti svaniscono tutti i dubbi, là c’è posto per me e per te, per tutti. Purtroppo finiremo là! Ecco. La nostra meta della vita terrestre! Sono d’accordo, sarebbe molto triste se la nostra vita finisse soltanto nella tomba. Che senso avrebbe? Sarebbe deprimente vivere con una prospettiva tombale. Là si finisce tutto. Sparisco! Che tristezza! Di me non rimane niente!?

    Come ho scritto prima l’uomo è composto dal corpo e dall’anima. Il corpo è mortale. L’anima invece è immortale. La nostra vita continua oltre la tomba. Purtroppo tanti di noi non credono in questo e vivono la vita tombale. Gli uomini così si chiamano: Uomini tombali [³] ! Proprio a desso vorrei entrare in discussione con loro, dimostrandoli che questo, in che cosa credono, può essere non vero. Sei sicuro che la vita si finisce là, nella tomba? Tu dici di SI! Io, invece dico di NO!

    Allora 50% contro 50%. Chi ha ragione? Tu o io? Purtroppo non bastano le opinioni! Non voglio essere un opinionista che parla delle cose sconosciute e non sperimentate personalmente. Per essere sicuro dobbiamo verificarlo o per negarlo, o per confermarlo. Nel primo o nel secondo caso dobbiamo essere sicuri! Così si comportano gli uomini saggi! Sei saggio/a? Speriamo!

    Vi invito a leggere questo libro che, ha uno scopo preciso: può aiutarci ad avvicinarci alla felicità! Siete curiosi e curiose? Allora che cosa aspettate? Prendetelo, leggetelo, meditatelo, divertitevi, piangete, ridete. Però desidero che sappiate una cosa: che vi voglio bene e sarei contentissimo di sapere che queste parole, che sgorgano dal mio cuore di ricercatore della felicità, vi danno un po’ di sollievo e riparo.

    La fuga dalla morte

    Il titolo di questo capitolo è anche il titolo del libro. Leggendolo capiremo perché. Ecco nuovo pensiero che mi passa nella testa e suscita in me una domanda: Chi di noi non vorrebbe fuggire dalla morte? Io sono primo che dico si, vorrei. Lei, anche lei. Anche tu. Il signore dietro anche. Alla fine tutti avete alzato la mano. Giusto così. Direi giustissimo. Prima di cominciare prego leggere una barzelletta:

    « Sai figlio mio, nonostante tutto quello che si sente in giro, a me sembra che i ragazzi di oggi sono educati meglio dei ragazzi dei miei tempi. Quando ero giovane e passavo per la strada, tutti si giravano e mi offrivano proposte immorali. Per questo spesso non avevo voglia di uscire da casa. Adesso invece posso uscire anche dieci volte al giorno e nessuna proposta immorale. Guarda che bravi ragazzi! Sì mamma! Ma sono passati 50 anni » .

    Che cosa voglio dirvi con questa barzelletta? Che ognuno di noi ha i suoi cinque minuti! Essi sono pochi e sono diversi.

    Sapete quante persone finora sono vissute sulla Terra? Vi siete interessati? Io, sinceramente, non me né sono mai interessato. Proprio adesso, per la prima volta nella mia vita, provo a cercare i dati della popolazione mondiale. Non è difficile trovarli. Ecco [⁴] ! Secondo Focus (una rivista scientifica), basandosi sugli studi del demografo Jean Bourgeois - Pichat [⁵] , si può dire che fino ad oggi hanno abitato il nostro pianeta più o meno ottantacinque miliardi di persone. In questa occasione mi sono posto anche un’altra domanda molto interessante: Quante persone ancora vivranno sulla Terra? Secondo le più recenti stime, aggiornate a luglio 2015, l’Onu prevede:

    nell’anno 2030 circa 8,5 miliardi;

    nel 2050 9,7 miliardi;

    nel 2100 11,2 miliardi.

    Incredibile!? Che movimento! Io sono tra di loro. Sembra che non conto niente, ma non è così.

    Perché 1+1 fa 2. Senza 1 non sarebbe 2.

    Ogni persona che ha vissuto, che vive e che vivrà sulla Terra aveva, ha e avrà i suoi cinque minuti! Preziosi cinque minuti! Preziosi, perché unici e irripetibili e dopo passano lasciando spazio agli altri. Vengono gli altri! Passano anche loro e di nuovo, e così via. Fino alla fine del mondo. Incredibile come gira la ruota nel mondo. Ogni uomo lascia la propria traccia sulla Terra. Io sono tra di loro e adesso tocca a me, e a te. Ho i miei cinque minuti. So quando sono cominciati, ma non so quando finiranno:

    tra cinque minuti,

    tra un mese,

    tra cinque anni,

    tra quarant’anni.

    Boh? Per fortuna non lo so e meglio non saperlo! Provate a immaginare che conosciamo la data esatta della nostra morte! Contiamo al rovescio: 100 giorni, 99, 66, 14, 7, 3, 2, 1. Domani, morirò domani. Sarebbe un orrore! Sono sicuro che tanti di noi, prima di morire, avrebbero un infarto! L’effetto è lo stesso, ma morire prima dell’arrivo della propria morte? Ma che disgrazia! Morto prima della morte. Provate a immaginare la tensione che cresce fino al massimo. Non voglio pensare. Già mi sento male. Brrrrrrr! Ambulanza! Ambulanza per favore! Ambulanza. Chiamate l’ambulanza! Sto morendo! Lo stesso! Qua ci vuole tripla tisana e una bella e lunga seduta da un buon psicologo!

    Tra me e me, sono del parere che è meglio rimanere così come fino a oggi, non sapendo quando arriverà la nostra morte. Meglio così!

    Spesso facciamo finta che essa non arriverà mai e neanche la pensiamo. Un grandissimo sbaglio! A questo punto ci vuole un pensiero forte! L’ho trovato, quello di Dalai Lama [⁶] , Guru spirituale dei Buddisti:

    « Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell’Occidente è che perdono la salute per fare i soldi e poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere né il presente, né il futuro. Vivono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto » .

    Ci fa pensare! Vero? Triste! Se per caso vivo così come dice questo grande uomo, la mia vita non ha tanto senso. Pensiamoci bene la vita è breve, unica e non possiamo permetterci a sprecarla perché è molto preziosa. Più preziosa che possiamo immaginare. Veramente dobbiamo pensare! Per che cosa vivo? Per che cosa muoio? Che cosa cerco?

    Ho provato a cercare in internet, adesso il mezzo più veloce, qualche notizia di qualcuno che conosce o conosceva la data della sua morte. Purtroppo non ho trovato niente, o per fortuna. Ho trovato invece, e questo mi ha sorpreso, i siti dove possiamo calcolare la data e la causa del nostro decesso.

    Com’è possibile? Vi dico sinceramente Non ho calcolato la mia data. Ma ero tentato farlo, non per curiosità, ma per una prova scientifica, per poi dirvi, vero o falso, naturalmente se si rivelasse vero non vi avrei risposto io di persona, penso che questione è chiara. Il mio necrologio vi avrebbe dato la risposta con una bella foto, con la data del calcolo del giorno della mia morte fatto nel sito. Morto!

    Sarebbe interessante, ma non lo faccio. Grazie, però non sono curioso. Se siete curiosi voi, non posso impedirvelo. Se volete fate voi! Aspetto l’esito. Fatemi sapere!

    Nella mia ricerca, credetemi, molto approfondita, ma anche senza essa già sapevo risultato. Fino ad oggi ho trovato soltanto una persona sulla Terra la quale sapeva il giorno della sua morte. Sapete chi era? Gesù! Era anche altra persona che era preservata dal peccato e dalla corruzione della morte. Sapete chi era? Maria, sua madre! La tradizione della Chiesa dice che Maria non morì, ma si addormentò e con l’anima e con il copro fu assunta in cielo [⁷] . Lei è la prima creatura umana che gode pienamente il cielo, con il corpo e l’anima. Secondo il Vangelo, che è la Buona Notizia di Gesù, anche noi godremo questa pienezza. Però. Dopo la risurrezione dei morti! Noi non sappiamo quando questo succede. Può essere in ogni momento! Dopo la seconda venuta di Gesù sulla Terra come giudice dei vivi e dei morti.

    La morte? Bel problema. Che cosa sia? Spiegandola in modo più semplice possibile, possiamo dire che è un passaggio tra l’al di quà verso l’al di là. Ma!? Questa risposta, sinceramente, non mi soddisfa tanto! Nella storia della Chiesa c’era un grande Santo che si chiama Francesco d’Assisi, il quale ha scritto il « Cantico delle creature » [⁸] . In quest’inno troviamo una cosa strana. San Francesco chiama la morte, sorella. La morte sorella!? Com’è possibile che san Francesco chiama la morte in modo così gradevole? Sua sorella. Incredibile, ma è vero. Per lui la morte era la sorella.

    Sappiamo che la sorella è un nome familiare, vicina, sangue del mio sangue, la conosco bene e lei conosce me, vive con me sotto lo stesso tetto, è figlia di mio padre e di mia mamma, condivido con lei la mia vita, mi aiuta, mi dà consigli, piange con me quando sono triste e ride con me quando sono felice, conosce i miei segreti, gioca con me, con la quale sto volentieri, si preoccupa di me, mi protegge, mangiamo lo stesso cibo, ci divertiamo insieme, mi accarezza, mi abbraccia e mi bacia, voglio stare con lei e quando non c’è mi manca, ho nostalgia di lei. Adesso mi manca soltanto questo: sorella morte ti amo! Ho perso la testa per te. Vado pazzo per te. Fino ad oggi non sapevo che cosa è l’amore! Adesso scherzo. Qualcuno può dirmi esagerato. Sorella morte vuoi sposarmi?

    Scusate! forse ho un po’ esagerato, ma non tanto però. Per un attimo mi sentivo come san Francesco d’ Assisi. Sinceramente io a casa mia, con mia sorella non ho mai avuto un rapporto così forte e profondo come san Francesco con la morte, ripeto con la morte. Ti invidio san Francesco!

    Perdonami grande santo! Anche voi che leggete queste parole, però!? Tu non sei tanto normale! Sì! Non sei tanto normale! Vero! Tu sei santo! I Santi « non sono tanto normali! » Sono fuori della legge per questo sono Santi. Se san Francesco chiamando la morte sorella pensava tutte queste cose (spero proprio di sì, conoscendolo un po’), allora è una cosa eccezionale e unica al mondo, l’unica in tutto l’Universo. Ecco il testo originale che proviene dal Cantico delle Creature:

    « Laudato si' mi' Signore per sora nostra morte corporale,

    da la quale nullu homo vivente pò skappare:

    guai a quelli ke morrano ne le peccata mortali;

    beati quelli ke trovarà ne le tue santissime voluntati,

    ka la morte secunda no ‘l farrà male [⁹] » .

    Veramente sono rimasto senza parole! Che godimento pensare di san Francesco e del suo rapporto con la morte, è un banchetto del cibo celeste. Spero tanto che anche voi abbiate la stessa sensazione. Dopo tutti questi pensieri si vorrebbe dire:

    « Vieni mia sorella morte

    E prendimi il più presto possibile!

    Maranatha!

    Vieni sorella morte!

    Maranatha!

    Ti aspetto con nostalgia!

    Portami da Gesù!

    Maranatha!

    Vieni mia sorella morte!

    Maranatha! »

    Adesso torniamo alla realtà! Almeno proviamo. Il mio rapporto con la morte? Che rapporto ho con la morte? Anche per me è sorella?

    Sono un insegnante di religione. Spesso mi capita di affrontare insieme con i bambini della Scuola Elementare i problemi importanti. Tra questi c’è anche la morte. Come spiegare ai bambini, così piccoli, che cos’è la morte? Purtroppo dovevo affrontare questo problema! Come? Adesso vi spiego che illuminazione ho avuto.

    Un giorno a scuola, durante la lezione, ho notato una bambina che non era tanto felice. Normalmente era quasi sempre gioiosa. Sembrava un po’ persa, con la testa tra le nuvole. La osservavo e pensavo, che cosa sarà successo? Ho notato anche che ogni tanto asciugava le lacrime. Capite che non potevo rimanere indifferente! Dovevo fare qualcosa! Mentre i bambini facevano dei lavoretti, mi sono avvicinato a lei e domandò: Cosa è successo? Dimmi! Perché piangi? Mi ha guardato negli occhi con un grande dolore. È morta mia nonna! Mi ha risposto. Mi manca! Adesso ho capito tutto! Come aiutarla!? Di fronte alla morte cosa possiamo dire? Niente! Semplicemente dobbiamo essere vicini alle persone in lutto. Un dolore cosi grande non può sparire improvvisamente! Ci vuole tempo. Questo tempo del lutto dura un anno e anche di più. Dipende certamente dalla persona. Il lutto è il tempo necessario per risanare la perdita. Mi sentivo impotente! Però semplicemente ho fatto la domanda ai bambini: Sapete cosa è successo alla vostra amica? Qualcuno lo sapeva e altri no. È morta sua nonna, per questo oggi è così triste. Allora adesso vi racconto che cosa è la morte! Dio ha creato tantissimi Angeli. Sono creature buonissime e il loro compito è servire il Buon Dio e aiutare gli

    Ti è piaciuta l'anteprima?
    Pagina 1 di 1