Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Ariion XXIII
Ariion XXIII
Ariion XXIII
E-book221 pagine2 ore

Ariion XXIII

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Leggi anteprima

Info su questo ebook

Ariion Sanders, un’adolescente disabile, è ispirata da un senzatetto che incontra nella prigione di New York. L’uomo, Cameron Littleheart St. Lawrence, è stato arrestato per rapina, ma senza prove convincenti, il giudice è costretto a rilasciarlo. I ladri si fanno rubare il bottino, e pensano che sia stato Cameron a rubarlo. Quando rapiscono Cameron, Ariion mette su un piano per salvarlo; tuttavia, questo fallisce, e lei si ritrova in grossi guai.
LinguaItaliano
EditoreTektime
Data di uscita29 lug 2020
ISBN9788835409625
Ariion XXIII
Leggi anteprima

Leggi altro di Charley Brindley

Correlato a Ariion XXIII

Ebook correlati

Articoli correlati

Categorie correlate

Recensioni su Ariion XXIII

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

La recensione deve contenere almeno 10 parole

    Anteprima del libro

    Ariion XXIII - Charley Brindley

    Capitolo Uno

    Due ragazze in età da liceo correvano lungo Park Avenue, verso la Gran Central Station. Si guardarono alle spalle un paio di volte, poi svoltarono sulla trentaquattresima strada, calpestando le pozze di pioggia che erano rimaste da un acquazzone pomeridiano.

    Ferme, ragazze. L’agente di polizia di New York, ancora con addosso il suo impermeabile giallo, si mise di fronte alle due adolescenti.

    C-cosa c’è che non va, agente?

    Il poliziotto piegò la testa verso destra e parlò nel microfono da spalla.  Ehi Penelope,  parla sette-quattordici, Qual è la descrizione delle due ragazzine?

    La voce della centralinista uscì dal microfono del poliziotto. Numero uno, caucasica, alta circa un metro e ottanta, capelli castani, maglietta vermiglia, jeans. Una scarica elettrostatica si originò nel microfono, col rumore di quando si strangola un pollo. 

    Le ragazze si guardarono.

    L’agente attivò il microfono. Vermiglia?

    Rossa.

    Ah.

    La prima ragazza si guardò la maglietta rossa e I jeans.

    Numero due, disse la centralinista, afroamericana, alta un metro e ottanta, dreadlocks  lunghi fino alle spalle, top color chartreuse - per te verde- e pantaloni rosa.

    Le ho trovate, disse l’agente nel microfono.

    Nessuno vuole l’afroamericana. Portaci la ragazza bianca.

    Ricevuto, Penelope.

    * * * * *

    Cameron si fermò accanto al bidone dei rifiuti sulla quarantaduesima strada, vicino a Times Square, a pochi passi dalla New York Bank. Frugò tra la spazzatura bagnata, in cerca di un giornale. I suoi capelli stopposi e la barba ispida non erano stati tagliati da mesi. Con il suo aspetto dimesso e il cappotto logoro, quasi nessuno avrebbe creduto che aveva soltanto trentadue anni; la maggior parte pensava che ne avesse sessanta o più.  Il cappotto di seconda mano un tempo era un articolo di lusso. Ora era di un color tabacco sbiadito, con macchie e strappi di origine incerta. Quasi tutti i bottoni si erano staccati, e i polsini erano rovinati.         

    Quando trovò una vecchia copia del New York Times, la ripulì da un mozzicone di sigaretta molliccio e la aprì, dando una scorsa alle pagine.             

    Ah, bene, mormorò. Il cruciverba è risolto solo per metà.

    Un camion della spazzatura salì sobbalzando sul marciapiede accanto a lui e si fermò. Un ometto dall’espressione scostante con indosso un’uniforme blu larga scese dal retro per prendere in bidone, ma poi si fermò lì, in piedi, mentre stringeva il cassonetto con entrambe le mani.

    Cameron lo guardò. La sua testa aveva una forma strana- stretta in cima e larga dietro le mascelle, ricordava a Cameron un cuneo con qualche ciuffo di capelli color ruggine. Quando l’uomo non si mosse, Cameron pensò cheprobabilmente aspettava che lui buttasse via il giornale.   

    No. Cameron si scostò dal bidone. Non ho ancora finito con-

    Venne interrotto da un forte clangore che veniva dall’allarme  di fronte alla banca. Girò la testa verso la banca, dove una persona con una maschera nera sciamò fuori dalla porta e corse verso di lui. Aveva con sé una federa imbottita e una pistola.

    L’impermeabile marrone del rapinatore sventolava dietro di lui mentre agitava la pistola grigia-argento, facendo sparpagliare i pedoni in tutte le direzioni. 

    Cameron era stupefatto dall’evento che stava avendo luogo davanti a lui. Incollato sul posto, non poté fare altro che guardare il rapinatore che si avvicinava. Un rapido movimento catturò il suo sguardo, e guardò a sinistra per vedere l’uomo della spazzatura girarsi e nascondersi dietro il camion, trascinandosi dietro il cassonetto.   

    Come un difensore sulla linea di goal, il rapinatore accecò Cameron, sbattendolo contro una grondaia. Quando Cameron si rimise in piedi, il rapinatore era scomparso. 

    Una muscolosa guardia armata gli venne incontro dalle porte girevoli della banca. Ehi, dov’è andato il ladro? urlò, guardandosi concitatamente intorno.

    Dalle profondità del camion della spazzatura il sistema idraulico scricchiolò, poi il bidone vuoto colpì il marciapiede, con il rumore di un colpo di pistola. Cameron sobbalzò, poi vide l’uomo con l’uniforme della nettezza urbana guardare lungo la strada. Sussurrò qualcosa, e un uomo elegantemente vestito che sembrava un’agente di borsa uscì dal camion, si sistemò la giacca, e si ravvivò isuoi biondi capelli mentre percorreva il marciapiede averso l’uomo della spazzatura. 

    Fermatelo! La muscolosa guardia della banca rantolando in cerca d’aria. Fermate quell’uomo!

    Cameron si chiese se avrebbe dovuto cercare di prenderlo, ma prima che potesse fare un passo, l’uomo della spazzatura e l’agente di borsa lo spinsero a terra. Uno di loro gli mise un ginocchio sulla schiena, mentre l’altro gli torse il braccio.

    Che accidenti state facendo? urlò Cameron, piegando il collo per vedere i due uomini. 

    Lasciatelo, ragazzi. La guardia della banca si fermò, si appoggiò sulle ginocchia e cercò di riprendere fiato mentre puntava la pistola contro Cameron.

    Ha appena rapinato la banca. La guardia si inginocchiò e premette la pistola sulla tempia di Cameron. Avete preso l’uomo sbagliato— iniziò Cameron.

    Noi lo abbiamo visto, signore, disse l’uomo della spazzatura.

    Proprio così, disse l’agente di borsa. E’ corso fin qui dalla banca.

    Non correvo da nessuna parte—

    Zitto, drogato rognoso. La guardia prese delle manette dalla cintura. Ammanettatelo per me, ragazzi. Probabilmente avrete una grossa ricompensa per questo qui.

    Una volante si fermò, e mentre la sirena si spegneva, due poliziotti si fecero strada tra gli astanti.

    Ho trovato il colpevole, agenti. La guardia della banca strascicò i piedi. Non ha fatto neppure mezzo passo prima che lo catturassi.

    Bene, disse il primo poliziotto, guardando in basso verso Cameron. Di chi sono quelle manette?

    Mie, disse la guardia.

    Mettile via. Non tratterrebbero neppure un gattino per cinque minuti.

    Sì, signore.

    Henry, disse il primo poliziotto. Smettila di giocare col telefonino e metti le manette a questo tizio.

    Subito, sergente Finnegan.

    Il caporale Henry cliccò su un’altra foto, poi mise via il cellulare. Mise un paio di manette della polizia di New York ai polsi di Cameron, mentre l’agente di borsa e l’uomo della spazzatura gli bloccavano con fermezza Ile braccia dietro la schiena.

    Il sergente Finnegan prese Cameron per le braccia e lo trascinò in piedi, mentre l’agente Henry lo perquisiva. 

    E’ pulito, sergente, disse Henry.

    Il sergente guardò la guardia. Quanto ha rubato?

    Non saprei. Dovreste chiedere alla testimone quando avrà finito di ripulirsi.

    Cosa? Le ha sparato?

    Il poliziotto strappò il berretto a Cameron e lo srotolò. Passò le dita sui buchi per gli occhi. Inoltre, vide un buco per la bocca, proprio come nei passamontagna.

    Nah, si è fatta— La guardia guardò la folla riunita lì intorno. Ah, intendevo dire, ha avuto un piccolo, ehm… Si avvicinò di più all’interlocutore. Un piccolo incidente.

    Oh, okay. Non importa. Controlleremo con il direttore della banca. Henry, fai salire questo maleducato sul sedile posteriore.

    Devo leggergli i suoi diritti, sergente Finnegan? Chiese Henry, prendendo Cameron per un braccio.

    Sì, certo, fa’ pure.

    Ehi, agente, disse qualcuno.

    Il caporale Henry, il sergente Finnegan e Cameron si voltarono verso un uomo che veniva dalla cabina del camion. Indossava la stessa uniforme blu dell’uomo della spazzatura. Il naso storto e l’orecchio a cavolfiore ricordavano a Cameron un pugile che avesse preso troppi pugni in testa. 

    Potreste spostare la macchina? disse l’autista del camion. Devo finire il giro.

    Il sergente Finnegan osservò la folla, poi guardò la banca.Guardò il furgone della spazzatura per un momento, poi disse, Penso che vada bene, immagino che sia tutto a posto, perché abbiamo preso quest’uomo in custodia. Henry, dopo che hai finito di leggere i diritti a questo tizio, bloccalo sul sedile posteriore dell’auto, e quando il camion della spazzatura se ne va, parcheggia lì, accanto al marciapiede. Io entrerò in banca.

    Pochi minuti dopo, dal sedile posteriore dell’auto della polizia, Cameron vide l’uomo della spazzatura dalla testa a cuneo con indosso la sua larga uniforme salire sul paraurti posteriore del camion in partenza. Sorrise a Cameron e si toccò la fronte con due dita. L’agente di borsa non si vedeva da nessuna parte. 

    Ehi, Henry, disse Cameron.

    Il caporale Henry si girò dal sedile del guidatore per guardare Cameron attraverso la rete metallica. Cosa?

    Non si è accorto che non ho né la pistola, né i soldi?

    Aspetti un secondo. L’agente Henry cercò qualcosa nel taschino della camicia. Ah, eccolo qui. Lesse il biglietto, Ha il diritto di restare in silenzio…

    * * * * *

    Quel pomeriggio alla stazione di polizia, il detectiveFrank Wickersham sedeva al tavolo grigio di fronte a Cameron nella stanza degli interrogatori.

    Wickersham lo guardò per un momento. Dove sono i soldi, St. Lawrence?

    L’agente Henry ha detto che avevo il diritto di restare in silenzio.

    Le sopracciglia pelose di Wickersham erano spesso in movimento, inarcandosi e abbassandosi come ali di pipistrello. Cosa ne ha fatto della pistola?

    Senta, disse Cameron, appoggiando i gomiti sul tavolo di metallo. Non ho nessuna pistola. Non ho rapinato io la banca, quindi non ho neppure il denaro.

    Una dozzina di persone l’hanno vista correre fuori dalla banca con un sacco di soldi mentre agitava una pistola. Le sopracciglia si appiattirono, incorniciando i suoi occhi scuri.

    Hanno visto un uomo che mi assomiglia correre fuori dalla banca. Il rapinatore della banca mi è venuto addosso, poi ha superato di corsa il bidone dei rifiuti. Cosa dicono i suoi testimoni al riguardo?

    L’hanno vista inciampare sui suoi stessi piedi e cadere, poi I due uomini le sono saltati addosso.

    Allora, cosa ho fatto, mi sono forse mangiato sia la pistola sia i soldi?

    Deve averli lasciati a un complice.

    Come avrei potuto farlo con quei due uomini addosso?

    E’ proprio quello che le sto chiedendo.

    Che cosa hanno detto l’uomo della spazzatura e l’agente di borsa?

    Chi?

    I due uomini che mi sono saltati addosso.

    Oh, se n’erano andati quando sono arrivato sulla scena.

    Cameron si tirò indietro e incrociò le braccia sul petto. Bè, sono loro le persone con cui deve parlare. Devono aver visto qualcosa. Senza la pistola e I soldi, non vedo come possiate accusarmi.

    Abbiamo un testimone che può incastrarla per certo.

    Chi? Cameron si chinò in avanti.

    L’impiegata della banca che ha spaventato a morte.

    * * * * *

    Un’ora dopo, il detective Wickersham interrogò l’impiegata della banca.

    E’ questo l’uomo che ha rapinato la banca, signoraMiller? chiese il detective, facendo scivolare una foto segnaletica sul tavolo.

    La donna guardò la foto. No, a meno che gli sia cresciuta la barba e si sia messo le lenti a contatto blu dopo essere uscito dalla banca. La signorina Miller, la cassiera della banca, aveva diciannove anni ed era piuttosto paffuta. Masticava una gomma e giocava con l’orecchino marrone che le pendeva dall’orecchio.

    Pensavo che avesse detto che indossava un passamontagna?

    Infatti, ma potevo vedere la bocca, il labbro superiore e il naso attraverso il buco per la bocca, e aveva occhi scuri, quasi neri.

    Le spesse sopracciglia si unirono mentre il detective Wickersham si chinava in avanti. Come sa che non aveva la barba sotto il passamontagna?

    Poteva averla, ma il labbro superiore era completamente liscio. Quest’uomo nella foto ha la barba su tutto il viso e i baffi, a meno che non siano finti. Spostò lo sguardo dalla foto segnaletica al detective.

    Il detective scosse la testa.

    E i suoi occhi erano scuri. Prese in mano la foto. "Non dimenticherò mai quegli occhi. Mi guardava come un serpente a sangue freddo. Ho pensatoche certamente mi avrebbe

    Ti è piaciuta l'anteprima?
    Pagina 1 di 1