Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

D'Annunzio
D'Annunzio
D'Annunzio
E-book68 pagine51 minuti

D'Annunzio

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Info su questo ebook

Gabriele D'Annunzio ha incarnato alla perfezione la massima di Oscar Wilde "vivi la tua vita come se fosse un'opera d'arte". Personaggio eclettico amante della stravaganza, D'Annunzio ha sempre rigettato le mezze misure per concedersi tutto ciò che potesse aiutarlo a trasformarsi in un'opera sublime: dallo sfarzo delle sue abitudini alle numerose relazioni con donne spesso potenti, passando per l'impegno politico e l'indulgenza verso le droghe. Si tratta forse del primo artista che comprese come nella società dell'epoca fosse importante avere risonanza mediatica e sociale per farsi conoscere come autore: tra i primi aneddoti della sua vita è infatti famoso quello in cui, ancora ragazzo, finse la propria morte a cavallo per aumentare la propria notorietà in vista dell'uscita del suo primo libro. In questo volume, ascoltabile come audiobook e disponibile anche in formato ebook, la vita di Gabriele D'annunzio è narrata come una storia in cui cultura e letteratura abbracciano la curiosità e l'intrattenimento, offrendo una panoramica sulla vita dell'autore inedita e integrale. -
LinguaItaliano
Data di uscita10 set 2021
ISBN9788726970104
Leggi anteprima

Leggi altro di Boris Bertolini

Correlato a D'Annunzio

Libri correlati

Recensioni su D'Annunzio

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

    Anteprima del libro

    D'Annunzio - Boris Bertolini

    D'Annunzio

    Immagine di copertina: Shutterstock

    Copyright © 2021 Boris Bertolini and SAGA Egmont

    All rights reserved

    ISBN: 9788726970104

    1st ebook edition

    Format: EPUB 3.0

    No part of this publication may be reproduced, stored in a retrievial system, or transmitted, in any form or by any means without the prior written permission of the publisher, nor, be otherwise circulated in any form of binding or cover other than in which it is published and without a similar condition being imposed on the subsequent purchaser.

    www.sagaegmont.com

    Saga Egmont - a part of Egmont, www.egmont.com

    1. La sua Nascita e la Famiglia

    Gabriele D’Annunzio nasce a Pescara il 12 marzo 1863 da Francesco Paolo Rapagnetta D’Annunzio e Luisa De Benedictis. Il padre aggiunge il cognome D’Annunzio al proprio, dopo essere stato adottato da suo zio Antonio D’Annunzio.

    Gabriele è il terzo di cinque figli; con le sorelle ha un legame duraturo e affettuoso, mentre il rapporto con il fratello Antonio si interrompe bruscamente quando quest’ultimo, intrapresa la carriera di direttore d’orchestra ed emigrato negli USA, perde tutti i propri averi a causa della crisi ed inizia a chiedere sempre più soldi a Gabriele.

    Questi inizialmente lo aiuta ma poi, stanti le continue pressanti richieste, decide di troncare ogni rapporto con il fratello d’oltre oceano. Sin dall’infanzia, essendo il primo maschio nato dopo due sorelle, Gabriele è ovviamente il preferito, il cocco di casa. E’ molto legato in modo particolare alla madre, di cui ricorda, ogni volta che può, l’amore e la devozione che ella prova per lui; da lei ha di certo ereditato la sensibilità ed il gusto per l’estetica. Dal padre, invece, ha ricevuto il senso dell’arditezza, il temperamento passionale e sempre pronto ad accendersi per un nonnulla, l’irrefrenabile passione per il gentil sesso ed una notevole disinvoltura nell’indebitarsi, in special modo se motivo dei debiti sono la bella vita e le belle donne, non necessariamente in quest’ordine.

    2. Gli studi

    Dopo aver trascorso l’infanzia a Pescara, all’età di 11 anni si trasferisce a Prato, ove entra nel Regio Collegio Cicognini, dal quale uscirà solo al compimento degli studi. Egli viene definito dai suoi insegnanti come uno studente dotato di notevole ingegno, seriamente impegnato nello studio e nel costruirsi gran fama e reputazione e, in generale, più maturo dei suoi compagni e coetanei. Da parte sua, il giovane Gabriele non nasconde le proprie idee in merito ed il piacere che gli dà il potere che esercita sui suoi compagni:

    «Mi piace la lode, mi piace la gloria, mi piace la vita […] Ero diventato ormai consapevole del mio potere, sapevo ormai di poter trascinare in qualunque luogo, in qualunque ora, tutta la mia compagnia alle più folli insubordinazioni.»

    Appaiono per la prima volta, dunque, quelle doti carismatiche che l’accompagneranno per tutto il resto dei suoi giorni e di cui egli saprà sempre approfittare, attirandosi il consenso e l’ammirazione sia di singoli che delle masse. Sempre da studente, non si fa neppure scrupolo di sfoggiare ambizione e sfrontatezza: mentre sta ancora frequentando il Collegio Cicognini, scrive a Giosuè Carducci, che peraltro egli considera il suo idolo letterario supremo nonché fonte e modello di ispirazione, per parlargli di sé e dei suoi propositi artistici, arrivando perfino a chiedere il permesso di inviargli alcune sue poesie. Bisogna ricordare che, a quel tempo, il poeta toscano è considerato unanimemente il Vate, ovverosia il sommo poeta, quasi sacro data la sua grandezza e, pertanto, praticamente inavvicinabile.

    «Io le parlo co’l cuore su le labbra, e sento dentro di me una commozione strana e vivissima, e mi trema la mano nel vergar queste righe. Io voglio seguire le sue orme: voglio anch’io combattere coraggiosamente per questa scuola che chiamano nuova, e che è destinata a vedere trionfi ben diversi da quelli della chiesa e della scuola di Manzoni; anch’io mi sento nel cervello una scintilla di genio battagliero, che mi scuote tutte le fibre, e mi mette nell’anima una smania tormentosa di gloria e di pugne; anch’io voglio consacrare all’arte vera i baleni più fulgidi del mio ingegno, le forze più potenti della mia vita, i palpiti più santi del mio cuore, i miei sogni d’oro, le mie aspirazioni giovanili, le tremende amarezze, le gioie supreme… E voglio combattere al suo fianco, o Poeta! Ma dove mi trasporta l’ardore? Mi perdoni Signore, e pensi che ho sedici anni e

    Ti è piaciuta l'anteprima?
    Pagina 1 di 1