Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

La Cabala mistica (tradotto)
La Cabala mistica (tradotto)
La Cabala mistica (tradotto)
E-book379 pagine5 ore

La Cabala mistica (tradotto)

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Leggi anteprima

Info su questo ebook

  • La presente edizione è unica;
  • La traduzione è completamente originale ed è stata eseguita per la società Ale. Mar. SAS;
  • Tutti i diritti sono riservati.

Il misticismo della Cabala forma la base teorica su cui si sviluppa tutto il rituale della tradizione esoterica occidentale. Questo testo, oggi considerato un classico dello studio della Cabala, è nato in quella corrente dell’esoterismo anglosassone che ha incluso personaggi illustri come Beardsley e George Bernard Shaw. Non è uno studio storico delle fonti della Cabala, bensì un’esposizione dei suoi usi per gli studiosi contemporanei, i quali, in quanto eredi degli antichi cabalisti, devono interpretare la dottrina e la tradizione, arricchendole della propria esperienza, per renderle parte dell’eredità comune. La Cabala mistica svela quella struttura sorta sulla Cabala tradizionale dei rabbini attraverso l’opera di generazioni di studiosi che hanno fatto dell’Albero della Vita il loro strumento di sviluppo spirituale.
LinguaItaliano
Data di uscita27 apr 2021
ISBN9781802177534
La Cabala mistica (tradotto)
Leggi anteprima
Autore

Dion Fortune

Dion Fortune (born Violet Mary Firth, 1890–1946), founder of the Society of the Inner Light, is recognized as one of the most luminous figures of 20th-century esoteric thought. A prolific writer, pioneer psychologist, powerful psychic, and spiritualist, she dedicated her life to the revival of the Western Mystery Tradition. She was also a member of the Order of the Golden Dawn, whose members included A. E. Waite, Aleister Crowley, and W. B. Yeats.

Correlato a La Cabala mistica (tradotto)

Ebook correlati

Articoli correlati

Categorie correlate

Recensioni su La Cabala mistica (tradotto)

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

La recensione deve contenere almeno 10 parole

    Anteprima del libro

    La Cabala mistica (tradotto) - Dion Fortune

    Tabella dei contenuti

    Prefazione

    Lo Yoga dell'Occidente

    La scelta di un percorso

    Il metodo della Qabalah

    La Qabalah non scritta

    Esistenza negativa

    Otz Chiim, l'albero della vita

    I tre supernali

    I motivi dell'albero

    Le dieci Sephiroth nei quattro mondi

    I sentieri sull'albero

    Il Sephiroth soggettivo

    Gli dei sull'albero

    Lavoro pratico sull'albero

    Considerazioni generali

    Kether, la prima Sephirah

    Chokmah, la seconda Sephirah

    Binah, la terza Sephirah

    Chesed, la quarta sephirah

    Geburah, la quinta sephirah

    Tiphareth, la sesta Sephirah

    Le quattro Sephiroth inferiori

    Netzach

    Hod

    Yesod

    Malkuth

    Il Qliphoth

    Conclusione

    Diagrammi

    LA QABALAH MISTICA

    DA

    DION FORTUNE

    1935

    Traduzione dall’Inglese ed edizione 2021 a cura di Planet Editions

    Tutti i diritti sono riservati

    Prefazione

    L'Albero della Vita forma il piano di base della Tradizione Esoterica Occidentale ed è il sistema su cui vengono formati gli allievi nella Fraternità della Luce Interiore.

    La traslitterazione delle parole ebraiche in inglese è oggetto di molte diversità di opinione, ogni studioso sembra avere il proprio sistema. In queste pagine mi sono avvalso della tabella alfabetica data da MacGregor Mathers in The Kabbalah Unveiled perché questo libro è quello generalmente usato dagli studenti esoterici. Egli stesso, però, non si attiene sistematicamente alla sua tabella, e usa anche grafie diverse per le stesse parole. Questo confonde molto chiunque voglia usare il metodo gemmologico di elucidazione, in cui le lettere sono trasformate in numeri. Quando, quindi, Mathers fornisce traslitterazioni alternative, ho seguito quella che coincide con quella data nella sua tabella.

    La maiuscola utilizzata in queste pagine può anche apparire insolita, ma è quella tradizionalmente usata tra gli studenti della Tradizione Esoterica Occidentale. In questo sistema, parole comuni, come terra o sentiero, sono usate in senso tecnico per denotare principi spirituali. Quando ciò avviene, si usa una maiuscola per indicare il fatto. Quando non si usa la maiuscola, si può ritenere che la parola sia da intendersi nel suo senso ordinario.

    Dato che ho fatto spesso riferimento all'autorità di MacGregor Mathers e Aleister Crowley in materia di misticismo qabalistico, può essere opportuno spiegare la mia posizione in relazione a questi due scrittori.

    Sono stato un tempo membro dell'organizzazione fondata dal primo, ma non sono mai stato associato alla seconda. Non ho mai conosciuto personalmente nessuno di questi signori, dato che MacGregor Mathers è morto prima che io entrassi nella sua organizzazione e Aleister Crowley ha poi cessato di essere associato ad essa.

    La Società della Luce Interiore, fondata dal defunto Dion Fortune, ha corsi per coloro che desiderano perseguire seriamente lo studio della Tradizione Esoterica Occidentale. Informazioni sulla società possono essere ottenute scrivendo all'indirizzo sottostante. Si prega di allegare alla lettera francobolli britannici o buoni postali internazionali se si desidera una risposta.

    Il Segretario

    La Società della Luce Interiore

    Strada delle Stelle 38

    London NW3 4RG, Inghilterra

    BD10290_

    Lo Yoga dell'Occidente

    1. Pochissimi studenti di occultismo non sanno assolutamente nulla della sorgente da cui scaturisce la loro tradizione. Molti di loro non sanno nemmeno che esiste una Tradizione occidentale. Gli studiosi sono sconcertati dalle cortine e dalle difese intenzionali con cui si sono avvolti gli iniziati sia antichi che moderni, e concludono che i pochi frammenti di una letteratura che sono giunti fino a noi sono falsi medievali. Sarebbero molto sorpresi se sapessero che questi frammenti, completati da manoscritti che non sono mai usciti dalle mani degli iniziati, e completati da una tradizione orale, sono tramandati nelle scuole di iniziazione fino ad oggi, e sono utilizzati come base del lavoro pratico dello Yoga dell'Occidente.

    2. Gli adepti di quelle razze il cui destino evolutivo è quello di conquistare il piano fisico hanno sviluppato una loro tecnica di Yoga che è adattata ai loro problemi speciali e alle loro necessità particolari. Questa tecnica si basa sulla ben nota ma poco compresa Qabalah, la Saggezza di Israele.

    3. Ci si può chiedere perché le nazioni occidentali dovrebbero andare alla cultura ebraica per la loro tradizione mistica? La risposta a questa domanda sarà facilmente compresa da coloro che conoscono la teoria esoterica riguardante le razze e le sotto-razze. Tutto deve avere una fonte. Le culture non nascono dal nulla. I portatori di semi di ogni nuova fase della cultura devono necessariamente sorgere all'interno della cultura precedente. Nessuno può negare che il giudaismo sia stato la matrice della cultura spirituale europea quando si ricorda il fatto che Gesù e Paolo erano entrambi ebrei. Nessuna razza, tranne quella ebraica, avrebbe potuto servire come ceppo su cui doveva essere innestata la nuova dispensazione, perché nessun'altra razza era monoteista. Il panteismo e il politeismo avevano fatto il loro tempo e una nuova e più spirituale cultura era dovuta. Le razze cristiane devono la loro religione alla cultura ebraica come sicuramente le razze buddiste dell'Est devono la loro alla cultura indù.

    4. Il misticismo di Israele fornisce il fondamento del moderno occultismo occidentale. Forma la base teorica su cui si sviluppa tutto il cerimoniale. Il suo famoso glifo, l'Albero della Vita, è il miglior simbolo di meditazione che possediamo perché è il più completo.

    5. Non è mia intenzione scrivere uno studio storico delle fonti della Qabalah, ma piuttosto mostrare gli usi che ne fanno gli studenti moderni dei Misteri. Infatti, anche se le radici del nostro sistema affondano nella tradizione, non c'è ragione per cui ci si debba nascondere dalla tradizione. Una tecnica che viene effettivamente praticata è una cosa che cresce, perché l'esperienza di ogni lavoratore la arricchisce e diventa parte del patrimonio comune.

    6. Non dobbiamo necessariamente fare certe cose o avere certe idee perché i rabbini vissuti prima di Cristo avevano certe opinioni. Il mondo è andato avanti da quei giorni e siamo sotto una nuova dispensazione, ma ciò che era vero in linea di principio allora sarà vero in linea di principio ora, e avrà valore per noi. Il qabalista moderno è l'erede dell'antico qabalista, ma deve reinterpretare la dottrina e riformulare il metodo alla luce della presente dispensazione se l'eredità che ha ricevuto deve avere un qualche valore pratico per lui.

    7. Non pretendo che i moderni insegnamenti qabalistici, così come li ho appresi, siano identici a quelli dei rabbini precristiani, ma sostengo che ne sono i legittimi discendenti e il naturale sviluppo.

    8. Più vicina è la fonte, più puro è il flusso. Per scoprire i primi principi dobbiamo andare alla sorgente. Ma un fiume riceve molti affluenti nel corso del suo flusso, e questi non devono necessariamente essere inquinati. Se vogliamo scoprire se sono puri o no, li confrontiamo con il ruscello incontaminato, e se superano questa prova possono essere autorizzati a mescolarsi con il corpo principale delle acque e ad aumentare la loro forza. Così è per una tradizione: ciò che non è antagonista sarà assimilato. Dobbiamo sempre mettere alla prova la purezza di una tradizione facendo riferimento ai principi primi, ma giudicheremo ugualmente la vitalità di una tradizione dal suo potere di assimilazione. È solo una fede morta quella che non viene influenzata dal pensiero contemporaneo.

    9. La corrente originale del misticismo ebraico ha ricevuto molti affluenti. Vediamo il suo sorgere tra i nomadi adoratori delle stelle della Caldea, dove Abramo nella sua tenda tra le sue greggi sente la voce di Dio. Ma Abramo ha uno sfondo d'ombra in cui si muovono vaste forme semisconosciute. La misteriosa figura di un grande re-sacerdote, nato senza padre, senza madre, senza discendenza; non avendo né inizio di giorni né fine di vita, gli amministra il primo banchetto eucaristico di pane e vino dopo la battaglia con i Re della valle, i sinistri Re di Edom, che regnarono prima che ci fosse un re in Israele, i cui regni sono forza squilibrata.

    10. Generazione dopo generazione, tracciamo i rapporti dei principi d'Israele con i re-sacerdoti d'Egitto. Abramo e Giacobbe vi si recarono; Giuseppe e Mosè erano intimamente associati alla corte degli adepti reali. Quando leggiamo che Salomone mandò a Hiram, re di Tiro, per avere materiali per aiutare la costruzione del Tempio, sappiamo che i famosi misteri di Tiro devono aver influenzato profondamente l'esoterismo ebraico. Quando leggiamo che Daniele fu istruito nei palazzi di Babilonia, sappiamo che la saggezza dei Magi deve essere stata accessibile agli illuminati ebrei.

    11. Questa antica tradizione mistica degli Ebrei possedeva tre letterature: i Libri della Legge e dei Profeti, che ci sono noti come l'Antico Testamento; il Talmud, o raccolta di dotti commenti su di esso; e la Qabalah, o interpretazione mistica dello stesso. Di questi tre, gli antichi rabbini dicono che il primo è il corpo della tradizione, il secondo la sua anima razionale e il terzo il suo spirito immortale. Gli ignoranti possono leggere con profitto il primo; i dotti studiano il secondo, ma i saggi meditano il terzo. È strano che l'esegesi cristiana non abbia mai cercato le chiavi del Vecchio Testamento nella Qabalah.

    12. Al tempo di Nostro Signore c'erano tre scuole di pensiero religioso in Palestina: i Farisei e i Sadducei, di cui leggiamo così spesso nei Vangeli; e gli Esseni, che non sono mai menzionati. La tradizione esoterica narra che il ragazzo Gesù ben Giuseppe, quando il suo calibro fu riconosciuto dai dotti dottori della Legge che lo sentirono parlare nel Tempio all'età di dodici anni, fu mandato da loro alla comunità essena vicino al Mar Morto per essere istruito nella tradizione mistica d'Israele, e che rimase lì fino a quando non venne da Giovanni per essere battezzato nel Giordano prima di iniziare la sua missione all'età di trenta anni. Sia come sia, la clausola finale del Padre Nostro è puro qabalismo. Malkuth, il Regno, Hod, la Potenza, Netzach, la Gloria, formano il triangolo basale dell'Albero della Vita, con Yesod, la Fondazione, o ricettacolo di influenze, come punto centrale. Chiunque abbia formulato questa preghiera conosceva la sua Qabalah.

    13. Il cristianesimo aveva il suo esoterismo nella Gnosi, che doveva molto al pensiero greco ed egiziano. Nel sistema di Pitagora vediamo un adattamento dei principi qabalistici al misticismo greco.

    14. La sezione exoterica, organizzata dallo Stato, della Chiesa cristiana perseguitò e schiacciò la sezione esoterica, distruggendo ogni traccia della sua letteratura su cui poteva mettere le mani, nel tentativo di sradicare la memoria stessa di una gnosi dalla storia umana. Si racconta che le terme e i forni di Alessandria furono bruciati per sei mesi con i manoscritti della grande biblioteca. Ben poco ci rimane della nostra eredità spirituale nella saggezza antica. Tutto ciò che era in superficie è stato spazzato via, ed è solo con lo scavo di antichi monumenti che le sabbie hanno inghiottito che cominciamo a riscoprirne i frammenti.

    15. Fu solo nel XV secolo, quando il potere della Chiesa cominciava a dare segni di indebolimento, che gli uomini osarono mettere su carta la tradizionale Saggezza di Israele. Gli studiosi dichiarano che la Qabalah è una falsificazione medievale perché non possono rintracciare una successione di primi manoscritti, ma coloro che conoscono il modo di lavorare delle confraternite esoteriche sanno che un'intera cosmogonia e psicologia può essere trasmessa in un glifo che non significa nulla per i non iniziati. Queste strane carte antiche potrebbero essere tramandate di generazione in generazione, la loro spiegazione potrebbe essere comunicata verbalmente, e la vera interpretazione non andrebbe mai persa. In caso di dubbio sulla spiegazione di qualche punto astruso, si faceva riferimento al glifo sacro, e la meditazione su di esso rivelava ciò che generazioni di meditazione vi avevano racchiuso. È ben noto ai mistici che se un uomo medita su un simbolo attorno al quale certe idee sono state associate dalla meditazione passata, otterrà accesso a quelle idee, anche se il glifo non gli è mai stato chiarito da coloro che hanno ricevuto la tradizione orale dalla bocca all'orecchio.

    16. La forza temporale organizzata della Chiesa servì a cacciare dal campo tutti i rivali e a distruggere le loro tracce. Poco sappiamo quali semi di tradizione mistica germogliarono solo per essere abbattuti durante i secoli bui; ma il misticismo è inerente al genere umano, e sebbene la Chiesa avesse distrutto tutte le radici della tradizione nel suo gruppo-anima, tuttavia gli spiriti devoti all'interno del suo ovile riscoprirono la tecnica di avvicinamento dell'anima a Dio e svilupparono un loro caratteristico Yoga, molto simile al Bhakti Yoga dell'Oriente. La letteratura del cattolicesimo è ricca di trattati di teologia mistica che rivelano una conoscenza pratica degli stati superiori di coscienza, ma una concezione un po' ingenua della loro psicologia, rivelando così la povertà di un sistema che non si avvale dell'esperienza della tradizione.

    17. Il Bhakti Yoga della Chiesa Cattolica è adatto solo a coloro il cui temperamento è naturalmente devozionale e che trovano la loro più pronta espressione nell'amorevole sacrificio di sé. Ma non tutti sono di questo tipo, e il cristianesimo è sfortunato nel non avere una scelta di sistemi da offrire ai suoi aspiranti. L'Oriente, essendo tollerante, è saggio, e ha sviluppato vari metodi di Yoga, ognuno dei quali è perseguito dai suoi aderenti ad esclusione degli altri, e tuttavia nessuno negherebbe che anche gli altri metodi sono vie verso Dio per coloro ai quali sono adatti.

    18. In conseguenza di questa deplorevole limitazione da parte della nostra teologia, molti aspiranti occidentali adottano metodi orientali. Per coloro che sono in grado di vivere in condizioni orientali e di lavorare sotto l'immediata supervisione di un guru, questo può rivelarsi soddisfacente, ma raramente dà buoni risultati quando i vari sistemi vengono perseguiti senza altra guida che un libro e in condizioni occidentali non modificate.

    19. È per questa ragione che raccomanderei alle razze bianche il sistema tradizionale occidentale, che è mirabilmente adatto alla loro costituzione psichica. Dà risultati immediati, e se fatto sotto un'adeguata supervisione, non solo non disturba l'equilibrio mentale o fisico, come accade con deplorevole frequenza quando si usano sistemi inadeguati, ma produce una vitalità unica. È questa peculiare vitalità degli adepti che ha portato alla tradizione dell'elisir di lunga vita. Ai miei tempi ho conosciuto un certo numero di persone che potrebbero essere giustamente considerate adepti, e sono sempre stato colpito da quella particolare vitalità senza età che tutti loro possedevano.

    20. D'altro canto, però, posso solo appoggiare ciò che tutti i guru della tradizione orientale hanno sempre sostenuto: che qualsiasi sistema di sviluppo psico-spirituale può essere portato avanti in modo sicuro e adeguato solo sotto la supervisione personale di un insegnante esperto. Per questo motivo, anche se darò in queste pagine i principi della Qabalah mistica, non ritengo che sarebbe nell'interesse di nessuno dare le chiavi della sua pratica, anche se per i termini dell'obbligo della mia iniziazione non mi fosse vietato farlo. Ma, d'altra parte, non considero giusto nei confronti del lettore introdurre intenzionalmente cecità e disinformazione, e al meglio delle mie conoscenze e convinzioni le informazioni che do sono accurate, anche se incomplete.

    21. I trentadue sentieri mistici della Gloria celata sono vie di vita, e coloro che vogliono svelare i loro segreti devono percorrerle. Come io stesso sono stato addestrato, così può essere addestrato chiunque sia disposto a sottoporsi alla disciplina, e sarò lieto di indicare la via a qualsiasi ricercatore serio.

    BD10290_

    La scelta di un percorso

    1. Nessuno studente farà mai alcun progresso nello sviluppo spirituale se passa da un sistema all'altro; prima usa alcune affermazioni del Nuovo Pensiero, poi alcuni esercizi di respirazione e posture di meditazione dello Yoga, e a seguire un tentativo di metodi mistici di preghiera. Ognuno di questi sistemi ha il suo valore, ma questo valore può essere realizzato solo se il sistema viene eseguito nella sua interezza. Sono la calistenia della coscienza e mirano a sviluppare gradualmente i poteri della mente. Il valore non risiede negli esercizi prescritti come fine a se stessi, ma nei poteri che si svilupperanno se si persevererà con essi. Se intendiamo prendere sul serio i nostri studi occulti e farne qualcosa di più di una lettura leggera e desultoria, dobbiamo scegliere il nostro sistema e portarlo avanti fedelmente fino ad arrivare, se non alla sua meta finale, ad ogni modo a risultati pratici definiti e ad un miglioramento permanente della coscienza. Dopo che questo è stato raggiunto possiamo, non senza vantaggio, sperimentare i metodi che sono stati sviluppati su altri Sentieri, e costruire una tecnica e una filosofia eclettica da essi; ma lo studente che si propone di essere un eclettico prima di essersi fatto un esperto non sarà mai niente più che un dilettante.

    2. Chiunque abbia qualche esperienza pratica dei diversi metodi di sviluppo spirituale sa che il metodo deve adattarsi al temperamento e al grado di sviluppo dello studente. Gli occidentali, specialmente quelli che preferiscono l'occulto al sentiero mistico, spesso vengono a cercare l'iniziazione in uno stadio di sviluppo spirituale che un guru orientale considererebbe estremamente immaturo. Qualsiasi metodo che deve essere disponibile per l'Occidente deve avere nei suoi gradi inferiori una tecnica che possa essere usata come un trampolino di lancio da questi studenti non sviluppati; chiedere loro di elevarsi immediatamente alle altezze metafisiche è inutile nel caso della grande maggioranza, e impedisce che si inizi.

    3. Affinché un sistema di sviluppo spirituale sia applicabile in Occidente, deve soddisfare alcuni requisiti ben definiti. Per cominciare, la sua tecnica elementare deve essere tale da essere facilmente afferrata da menti che non hanno nulla del mistico. In secondo luogo, le forze che mette in atto per stimolare lo sviluppo degli aspetti superiori della coscienza devono essere sufficientemente potenti e concentrate per penetrare i veicoli relativamente densi dell'occidentale medio, che non fa nulla delle vibrazioni sottili. In terzo luogo, poiché pochi europei, seguendo un dharma razziale di sviluppo materiale, hanno l'opportunità o l'inclinazione di condurre una vita da recluso, le forze impiegate devono essere gestite in modo tale da poter essere rese disponibili durante i brevi periodi che l'uomo o la donna moderni possono, all'inizio del Sentiero, strappare alle loro attività quotidiane per dedicarsi alla ricerca. Devono, cioè, essere gestiti con una tecnica che permetta di concentrarli prontamente e di disperderli altrettanto prontamente, perché non è possibile mantenere queste alte tensioni psichiche mentre si vive la vita frenetica del cittadino di una città europea. L'esperienza dimostra con immancabile regolarità che i metodi di sviluppo psichico che sono efficaci e soddisfacenti per il recluso producono condizioni nevrotiche e crolli nella persona che li persegue mentre è costretta a sopportare la tensione della vita moderna.

    4. Tanto peggio per la vita moderna, qualcuno potrebbe dire, e addurre questo fatto innegabile come argomento per modificare i nostri modi di vivere occidentali. Lungi da me sostenere che la nostra civiltà sia perfetta, o che la saggezza sia nata e morirà con noi, ma mi sembra che se il nostro karma (o destino) ci ha fatto incarnare in un corpo di un certo tipo e temperamento razziale, si può concludere che quella è la disciplina e l'esperienza di cui i Signori del Karma ritengono che abbiamo bisogno in questa incarnazione, e che non faremo avanzare la causa della nostra evoluzione evitandola o eludendola. Ho visto così tanti tentativi di sviluppo spirituale che erano semplicemente elusioni dei problemi della vita che sono sospettoso di qualsiasi sistema che implichi una rottura con l'anima di gruppo della razza. Né sono impressionato da una dedizione alla vita superiore che si manifesta con peculiarità dell'abbigliamento e del portamento e con il modo di tagliare, o di omettere di tagliare, i capelli. La ruta spiritualità non si fa mai pubblicità.

    5. Il dharma razziale dell'Occidente è la conquista della materia densa. Se questo fosse realizzato, si spiegherebbero molti problemi nelle relazioni tra l'Occidente e l'Oriente. Per poter conquistare la materia densa e sviluppare la mente concreta, siamo dotati dalla nostra eredità razziale di un particolare tipo di corpo fisico e di sistema nervoso, così come altre razze, come il mongolo e il negro, sono dotate di altri tipi.

    6. Non è prudente applicare ad un tipo di costituzione psicofisica i metodi di sviluppo adattati ad un altro; essi non produrranno risultati adeguati, o produrranno risultati imprevisti e forse indesiderabili. Dire questo non significa condannare i metodi orientali, né decantare la costituzione occidentale, che è come Dio l'ha fatta, ma riaffermare il vecchio adagio che la carne di un uomo è il veleno di un altro uomo.

    7. Il dharma dell'Occidente è diverso da quello dell'Oriente; è dunque auspicabile cercare di impiantare ideali orientali in un occidentale? Il ritiro dal piano terra non è la sua linea di progresso. L'occidentale normale e sano non ha alcun desiderio di fuggire dalla vita, il suo impulso è di conquistarla e ridurla all'ordine e all'armonia. Sono solo i tipi patologici che desiderano cessare sulla mezzanotte senza dolore, essere liberi dalla ruota della nascita e della morte; il normale temperamento occidentale richiede vita, più vita.

    8. È questa concentrazione di forza vitale che l'occultista occidentale cerca nelle sue operazioni. Egli non cerca di fuggire dalla materia allo spirito, lasciando dietro di sé un paese non conquistato per andare avanti come meglio può; egli vuole far scendere la Divinità nell'uomo e far prevalere la Legge Divina anche nel Regno delle Ombre. Questo è il motivo di fondo dell'acquisizione dei poteri occulti sul Sentiero della Mano Destra, e spiega perché gli iniziati non abbandonano tutto per la mistica Unione Divina, ma coltivano una Magia Bianca.

    9. È questa Magia Bianca, che consiste nell'applicazione dei poteri occulti a fini spirituali, per mezzo della quale si svolge gran parte della formazione e dello sviluppo dell'aspirante occidentale. Ho visto qualcosa di un buon numero di sistemi diversi, e a mio parere la persona che cerca di fare a meno del cerimoniale lavora in grande svantaggio. Lo sviluppo tramite la sola meditazione è un processo lento in Occidente, perché la materia mentale su cui si deve lavorare e l'atmosfera mentale in cui si deve lavorare sono molto resistenti. L'unica scuola di Yoga occidentale puramente meditativa è quella dei Quaccheri, e penso che essi sarebbero d'accordo che il loro sentiero è per pochi; la Chiesa Cattolica combina il Mantra Yoga con il suo Bhakti Yoga.

    10. È per mezzo di formule che l'occultista seleziona e concentra le forze con cui desidera lavorare. Queste formule sono basate sull'Albero della Vita qabalistico, e qualunque sia il sistema in cui lavora, sia che assuma le forme divinatorie dell'Egitto o che evochi l'ispirazione di Iacco con il canto e la danza, egli ha il diagramma dell'Albero in fondo alla mente. È nel simbolismo dell'Albero che gli iniziati occidentali vengono istruiti, ed esso fornisce il piano essenziale di classificazione al quale tutti gli altri sistemi possono essere collegati. Il Raggio su cui lavora l'aspirante occidentale si è manifestato attraverso molte culture diverse e ha sviluppato una tecnica caratteristica in ciascuna. L'iniziato moderno lavora con un sistema sintetico, a volte usando un metodo egiziano, uno greco o persino uno druidico, poiché metodi diversi sono più adatti a scopi e condizioni diverse. In tutti i casi, comunque, l'operazione che egli progetta è strettamente legata ai Sentieri dell'Albero di cui egli è maestro. Se possiede il grado che corrisponde alla Sephirah Netzach, può lavorare con la manifestazione della forza di quell'aspetto della Divinità (distinto dai qabalisti con il nome di Tetragramma Elohim) in qualsiasi sistema egli scelga. Nel sistema egizio sarà l'Iside della Natura; nel greco, Afrodite; nel nordico, Freya; nel druidico, Keridwen. In altre parole, egli possiede i poteri della Sfera di Venere in qualsiasi sistema tradizionale si usi. Avendo raggiunto un grado in un sistema, ha accesso ai gradi equivalenti di tutti gli altri sistemi della sua Tradizione.

    11. Ma anche se egli può usare questi altri sistemi a seconda dell'occasione, l'esperienza dimostra che la Qabalah fornisce la migliore base e il miglior sistema su cui formare uno studente prima che egli cominci a sperimentare i sistemi pagani. La Qabalah è essenzialmente monoteista; le potenze che classifica sono sempre considerate come i messaggeri di Dio e non i suoi compagni di lavoro. Questo principio rafforza il concetto di un governo centralizzato del Cosmo e della presa della Legge Divina su tutta la manifestazione - un principio molto necessario di cui impregnare ogni studente delle forze arcane. Sono la purezza, la sanità e la chiarezza dei concetti qabalistici ripresi nella formula dell'Albero della Vita che rendono questo glifo così ammirevole per le meditazioni che esaltano la coscienza e ci giustificano a chiamare la Qabalah la Y oga dell'Occidente.

    BD10290_

    Il metodo della Qabalah

    1. Parlando del metodo della Qabalah, uno degli antichi Rabbini dice che un angelo sceso sulla terra avrebbe dovuto assumere forma umana per poter conversare con gli uomini. Il curioso sistema di simboli che conosciamo come l'Albero della Vita è un tentativo di ridurre in forma diagrammatica ogni forza e fattore dell'universo manifesto e dell'anima dell'uomo; di metterli in relazione l'uno con l'altro e rivelarli sparsi come su una mappa in modo che si possano vedere le posizioni relative di ogni unità e tracciare le relazioni tra loro. In breve, l'Albero della Vita è un compendio di scienza, psicologia, filosofia e teologia.

    2. Lo studente della Qabalah lavora in modo esattamente opposto allo studente di scienze naturali; quest'ultimo costruisce concetti sintetici; il primo analizza concetti astratti. Va da sé, tuttavia, che prima di poter analizzare un concetto, questo deve essere assemblato. Qualcuno deve aver pensato i principi che sono ripresi nel simbolo che è oggetto di meditazione del qabalista. Chi furono dunque i primi qabalisti che costruirono l'intero schema? I Rabbini sono unanimi su questo punto, erano angeli. In altre parole, furono esseri di un altro ordine di creazione rispetto all'umanità che diedero al popolo eletto la loro Qabalà.

    3. Alla mente moderna questa può sembrare un'affermazione assurda come la dottrina che i bambini si trovano sotto i cespugli di uva spina; ma se studiamo i molti sistemi mistici della religione comparata troviamo che tutti gli illuminati sono d'accordo su questo punto. Tutti gli uomini e le donne che hanno avuto esperienza pratica della vita spirituale ci dicono che sono istruiti da esseri divini. Saremmo molto sciocchi se ignorassimo del tutto una tale nube di testimoni, specialmente quelli di noi che non hanno mai avuto alcuna esperienza personale degli stati superiori di coscienza.

    4. Ci sono alcuni psicologi che ci diranno che gli Angeli dei qabalisti e gli Dei e i Manus di altri sistemi sono i nostri complessi repressi; ce ne sono altri con una visione meno limitata che ci diranno che questi Esseri Divini sono le capacità latenti dei nostri sé superiori. Per il mistico devozionale questo non è un punto di grande importanza; egli ottiene i suoi risultati, e questo è tutto ciò che gli interessa; ma il mistico filosofico, in altre parole l'occultista, riflette sulla questione e arriva a certe conclusioni. Queste conclusioni, tuttavia, possono essere comprese solo quando sappiamo cosa intendiamo per realtà e abbiamo una chiara linea di demarcazione tra il soggettivo e l'oggettivo. Chiunque sia addestrato al metodo filosofico sa che questo è chiedere molto.

    5. Le scuole indiane di metafisica hanno i più elaborati e intricati sistemi di filosofia che tentano di definire queste idee e renderle pensabili; e sebbene generazioni di veggenti abbiano dato la loro vita al compito, i concetti rimangono ancora così astratti che è solo dopo un lungo corso di disciplina, chiamato Yoga in Oriente, che la mente è in grado di comprenderli.

    6. Il qabalista lavora in modo diverso. Non cerca di far salire la mente sulle ali della metafisica nell'aria rarefatta della realtà astratta; formula un simbolo concreto che l'occhio può vedere, e lascia che rappresenti la realtà astratta che nessuna mente umana inesperta può afferrare.

    7. È esattamente lo stesso principio dell'algebra. Lasciamo che X rappresenti la quantità sconosciuta, che Y rappresenti la metà di X, e che Z rappresenti qualcosa che conosciamo. Se cominciamo a sperimentare con Y, a scoprire la sua relazione con Z, e in quali proporzioni, presto cessa di essere completamente sconosciuta; abbiamo imparato qualcosa su di essa; e se siamo sufficientemente abili possiamo alla fine essere in grado di esprimere Y in termini di Z, e allora cominceremo a capire X.

    8. Ci sono moltissimi simboli che vengono usati come oggetti di meditazione; la croce nella cristianità; le forme di dio nel sistema egizio; i simboli fallici in altre fedi. Questi simboli sono usati dai non iniziati come mezzo per concentrare la mente e introdurre in essa certi pensieri, richiamare certe idee associate e stimolare certi sentimenti. L'iniziato, tuttavia, usa un sistema di simboli in modo diverso; lo usa come un'algebra per mezzo della quale leggerà i segreti delle potenze sconosciute; in altre parole, usa il simbolo come un mezzo per guidare il pensiero nell'Invisibile e Incomprensibile.

    9. E come lo fa? Lo fa usando un simbolo composito; un simbolo che sia un'unità slegata non servirebbe al suo scopo. Nel contemplare un simbolo composito come l'Albero della Vita, egli osserva che ci sono relazioni definite tra le sue parti. Ci sono alcune parti di cui sa qualcosa; ce ne sono altre di cui può intuire qualcosa, o, più rozzamente, fare un'ipotesi, ragionando dai primi principi. La mente salta da un noto ad un altro noto e così facendo attraversa certe distanze, metaforicamente parlando; è come un viaggiatore nel deserto che conosce la situazione di due oasi e fa una marcia forzata tra esse. Non avrebbe mai osato spingersi nel deserto dalla prima oasi se non avesse conosciuto la posizione della seconda; ma alla fine del suo viaggio non solo conosce molto di più le caratteristiche della seconda oasi, ma ha anche osservato il paese che si trova tra esse. Così, facendo marce forzate da un'oasi all'altra, avanti e indietro attraverso il deserto,

    Ti è piaciuta l'anteprima?
    Pagina 1 di 1