Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Tecnostregoneria Demoni del Controllo Mentale
Tecnostregoneria Demoni del Controllo Mentale
Tecnostregoneria Demoni del Controllo Mentale
E-book494 pagine6 ore

Tecnostregoneria Demoni del Controllo Mentale

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Leggi anteprima

Info su questo ebook

Vivere ai livelli più alti non è un diritto, è un privilegio.
Stiamo vivendo in un’epoca di passaggio a un altro tipo di Sistema sociale che si presenta come l’Era della Dittatura Digitale. Un nuovo tipo di schiavitù totale si insinua nella mente e nell’anima per distruggere alla radice il bene più grande, la libertà di scegliere. Il progresso nella Via spirituale o mondana è fortemente manipolato dalla programmazione che rende inutile ogni sforzo verso il successo.
Alcuni non sanno di vivere con il codice della programmazione Zombi, o della Paura, Rabbia, Isolamento, ecc. Per liberarsi è imperative sapere i metodi segreti utilizzati per infiltrarsi nel subconscio. La vera scienza del Controllo Mentale è la demonologia.
Esempi ed esercizi presenti in questo libro insegnano a riconoscere le armi psichiche, deviare gli attacchi verbali, rimuovere iI condizionamento, riprogrammare la propria realtà.
Tecnostregoneria indica la prigione linguistica del controllo mentale che è stato inoculato nel cervello di tutti e lo ha velenosamente programmato. 
Noi vogliamo che la porta della libertà rimanga aperta, anche se sarà soltanto uno spiraglio. E’ una vostra scelta uscire dal Controllo mentale o continuare a vivere nell’illusione.
LinguaItaliano
Data di uscita12 apr 2021
ISBN9791220291156
Tecnostregoneria Demoni del Controllo Mentale
Leggi anteprima

Correlato a Tecnostregoneria Demoni del Controllo Mentale

Ebook correlati

Categorie correlate

Recensioni su Tecnostregoneria Demoni del Controllo Mentale

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

La recensione deve contenere almeno 10 parole

    Anteprima del libro

    Tecnostregoneria Demoni del Controllo Mentale - Valentin P. Elli

    Valentin P. Elli

    Tecnostregoneria - Demoni del controllo mentale

    UUID: 10e05720-beaa-4fe2-90de-335d34970363

    Questo libro è stato realizzato con StreetLib Write

    http://write.streetlib.com

    Indice dei contenuti

    Introduzione

    Tecnostregoneria la tortura del Controllo mentale

    TECNO STREGONERIA DEMONI DEL CONTROLLO MENTALE

    Capitolo I

    Origine del controllo mentale

    Teorema del controllo mentale

    La Mente Illuminata

    Parole di Comando

    Programmazione linguistica

    Le Trappole mentali

    L'inganno della percezione

    Capitolo II

    Disfare la manipolazione dei media

    Manipolazione e controllo mentale del feto

    Controllo laser satellitare

    Bambini robot

    Nanobot

    Armi psichiche

    MK Ultra

    Paperclip

    Codici Monarch

    Esercizio

    Codici universali

    Demonologia

    Il teatro dei burattini

    Frequenze

    Capitolo III

    MOTIVATE LIFE

    Il potere delle parole

    Controllo mentale linguistico con esercizi

    Smontare la dottrina del sacrificio

    L’assenza

    Sesso

    Seguire le regole come bestiame

    La Paura

    Conformarsi così fan tutti

    Stelle

    Divertimento

    Decostruire le notizie dei media

    Kundalini

    Fare nebbia

    Il diritto di inventare storie

    Il potere del silenzio

    Pescare la loro storia personale

    Non cantare nel coro

    Farti sentire stupido

    Impedimento

    Il non fare

    Incontrarsi per avere soddisfazione

    Suicidio

    Incitamento a rinunciare

    Sport

    La ricompensa

    Cambiare il mondo

    Il Messia

    Reincarnazione

    Inevitabile

    Dogma

    Fotografie e filmati

    Autografo

    Distorcere il discorso

    Debito

    Il genio o angelo

    Il vero Amore

    Fermare il mondo

    Esercizio

    Il non-fare

    Risparmiare energia

    Il Vampirismo creatore

    Non rivivere il passato

    Cancellare la tua storia personale

    La realtà della presenza aliena

    Vedere per credere

    Capitolo IV

    ALLENAMENTO

    Dizionario parole chiave

    Archetipi consigliati per usi generici

    Quiz

    Proteggere l'intelligenza creativa

    Che cos’è la realtà?

    L’AMORE

    Esercizio - Uno con gli elementi

    Ripasso

    Capitolo V

    STIMOLAZIONE MAGNETICA TRANSCRANICA

    Trattamento per rimuovere i comandi che condizionano la mente

    Wernicke correggere i comandi

    Capitolo VI

    I CONFEDERATI DEL CUORE

    Lucertole aliene e impianti metallici

    La guerra segreta aliena come guerra spirituale

    Guerrieri Alieni

    La diserzione degli alieni rettiliani

    Come neutralizzare i collaboratori terrestri rettiloidi

    Liberarsi dai collaboratori terrestri rettiloidi

    Nave aliena in orbita

    La tecnologia aliena della clonazione umana

    La tecnologia aliena di teletrasporto

    PAN e il satellite dei confederati in orbita Terrestre

    Capitolo VII

    Metodi dalla Creatura al Creatore

    Regole per definire gli Stranieri

    Regole della co-creazione

    Regole del credere

    Regole dello sviluppo evolutivo

    Regole del cambiamento

    Regole del destino

    Regole della percezione

    Regole della conoscenza

    Regole dell’avvicinamento dell’Amato

    Regole per creare la tua realtà

    Appendice I

    DEMONI DEL CONTROLLO MENTALE

    Appendice II

    CONTROLLO CON LA MUSICA

    INTERVISTA A FRITZ SPRINGMEIER

    Introduzione

    di Valentin P. Elli

    Cosa potete aspettarvi leggendo questo libro? Avrete un quadro per quanto possibile completo di come fare il controllo mentale e di come si può deprogrammare anche a livelli profondi. Imparerete che non basta conoscere il Teorema del Controllo mentale, occorre trovare il coraggio di cambiare vita, di riprogrammarsi come Unici padroni del proprio destino. Saprete come dialogare con il vostro cervello, fargli sentire che avete capito e siete pronti.Se avete figli piccoli potrete applicare le regole per programmare consapevolmente la loro vita, prima che lo facciano altri… Le aquile hanno ali per volare alto, quindi evitate di allevare polli da batteria. Si, mette tristezza rendersi conto che ci sono aquile cresciute in un pollaio. Per questo non dovete fare lo stesso errore. Voi siete il vasaio e loro l’argilla. Potete trasformare il tempo che dedicate all’educazione dei vostri figli in uno splendido capolavoro. Iniziando a liberarvi dallo schema genitori-figli, formerete relazioni empatiche, connessioni pulite, non userete più parole doppie, eviterete qualsiasi cosa che ricordi la programmazione Monarch e la Prigione linguistica, perché saprete esattamente come evitarla. Sarete sorpresi dai risultati. Potreste obbiettare che non siete solo voi a fare programmazioni, il partner, i nonni, la scuola, ecc. È vero, ma voi saprete come si tolgono i comandi. Occorre solo fare pratica. Tracciato il sentiero, si deve percorrerlo. Arrivati in cima al mondo, il guscio-prigione di Matrix si spezza del tutto. Come ha detto Fritz: Loro non sono invincibili. Ma senza la forza di volontà che viene con la conoscenza non esiste schiavo che realizzi il concetto di libertà. Vorrei dire qualcosa anche alle donne che hanno relazioni di coppia complicate, nel senso che non riescono a gestire il dialogo con il proprio partner. Anche se di solito è un problema del lato femminile, non è raro che ci siano conflitti verbali senza distinzione di genere. Mentre il rapporto genitore-figli si esprime in una posizione di potere, di autorità, verso la parte debole, nella relazione di coppia si tende a desiderare un rapporto paritario, come è giusto che sia. I problemi iniziano quando la lingua parla senza avere un freno. La diseducazione all’ascolto dell’altro/a, la mancanza di silenzio interiore, la non conoscenza di come il sistema di controllo mentale sia attivo nel modificare i comportamenti e il pensiero , fa sì che il falso ego prenda il sopravvento durante discussioni anche banali, trasformandole in questioni di grandissimo rilievo. Quante volte siete stati sul punto buttare all’aria il vostro fidanzamento per una parola storta? Basta un attimo, e il sogno d’amore si spezza. Poi si cercano giustificazioni e si aggiungono mille altre buone ragioni. Ma sono davvero le vostre ragioni, le vostre parole? Immaginate un mondo di antenne-umane che ricevono e trasmettono segnali da un satellite invisibile. Così come siete programmati voi, lo sono anche i vostri partner e amici. In altre parole, possiamo difendere noi stessi e gli altri se applichiamo le regole per decostruire le parole doppie. Invece di reagire, saprete come cambiare frequenza al discorso, farete o direte quello che non si aspetterebbero di sentire perché avrete il comando del vostro tempo quotidiano. Sarete voi a scrivere il copione della vostra vita.

    ***

    Nella diabolica rete che chiamiamo realtà virtuale, una luce di speranza arriva dalla parte sana della scienza che si sta attivando per mettere un freno all’abuso della tecnologia per il controllo mentale, che per milioni di cittadini è una vera e propria terribile tortura che non dà tregua. Desidero terminare questo libro con la relazione sulla Cyber tortura (dittatura digitale) di un personaggio autorevole come il professor Nils Melzer, fidando che il diritto umano alla gestione della propria vita sia ripristinato quanto prima.

    L'ONU avverte dell'aumento della cybertortura per aggirare il divieto fisico. L'avvertimento di Nils Melzer coincide con l'uscita nel Regno Unito di un documentario Eminent Monsters: A Manual for Modern Torture, che indaga sui finanziamenti segreti della CIA negli anni '50 delle tecniche sviluppate dallo psichiatra scozzese Dr Ewen Cameron. Il relatore mette in guardia dal banalizzare la tortura psicologica mentre gli stati sfruttano Internet per prendere di mira gli individui. (The Guardian, marzo 2020)

    Da un articolo di:

    Magnus Olsson, Ginevra 8 marzo 2020.

    Il relatore speciale del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite (HRC) sulla tortura ha rivelato durante il 43 ° HRC che la tecnologia informatica non viene utilizzata solo per Internet e 5G. Viene anche utilizzata per prendere di mira le persone a distanza, attraverso intimidazioni, molestie e vergogna pubblica. Il 28 febbraio a Ginevra, il professor Nils Melzer, relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura e altri trattamenti e pene degradanti disumani crudeli, ha ufficialmente confermato che esiste la tortura informatica e sono in corso le indagini su come affrontarla legalmente. Radiazioni elettromagnetiche, radar e tecnologia di sorveglianza vengono utilizzati per trasferire suoni e pensieri nel cervello delle persone. Le Nazioni Unite hanno iniziato la loro indagine dopo aver ricevuto migliaia di testimonianze da cosiddetti individui mirati (TI). Il professor Nils Melzer è un esperto di diritto internazionale e dal 2016 è titolare della cattedra sui diritti umani presso l'Accademia di diritto internazionale umanitario e diritti umani di Ginevra. Il suo team ha trovato prove che la tecnologia Cyber viene utilizzata per infliggere gravi sofferenze mentali e fisiche. I giudici pensano che la tortura fisica sia più grave del trattamento crudele, inumano o degradante, ha detto al Guardian il 21 febbraio. La tortura è semplicemente la strumentalizzazione deliberata del dolore e della sofferenza. Questi metodi di tortura psicologica sono spesso usati per aggirare il divieto di tortura perché non lasciano segni visibili.

    Sistemi psicologici informatici come la radio cognitiva [1] vengono utilizzati per interrompere le percezioni e la memoria umane. Possono anche essere usati per spiare le persone, violare l'integrità personale e potrebbero portare alla corruzione e alla schiavitù nella società.

    La tortura informatica è anche chiamata tortura senza contatto o interfaccia cervello-macchina. Un modo per gestire questa situazione è regolamentare le nuove tecnologie e utilizzare meccanismi di controllo dell'IA da investigatori indipendenti e imparziali. Le prove raccolte potrebbero quindi essere utilizzate per condannare i criminali in modo più semplice e rapido in futuro. Il professor Melzer e il suo team stanno ora creando un quadro giuridico internazionale che copra le tecnologie cibernetiche che possono causare torture, cosa che in precedenza era difficile da provare. In futuro potrebbe essere necessario istituire una polizia per lo spettro di radiofrequenze per proteggere l'umanità dal terrorismo informatico. Nils Melzer mi ha anche rivelato personalmente che l'HRC rilascerà presto diversi rapporti su questo argomento in futuro. Owen Bowcott, L'ONU avverte dell'ascesa della cybertorture per aggirare il divieto fisico. (The Guardian, marzo 2020)

    Il 28 febbraio 2020, il relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura, il professor Nils Melzer, ha pubblicato il suo rapporto mondiale su Tortura e altri trattamenti o punizioni crudeli, inumani o degradanti. Questo rapporto includeva una definizione di Cybertorture, il crimine contro l'umanità in cui milioni di vittime mirate in tutto il mondo vengono aggredite a distanza con armi elettromagnetiche in azioni dirette tramite computer, spesso da supercomputer. (A / HRC / 43/49) Cybertorture:

    1. Una particolare area di preoccupazione, che non sembra aver ricevuto sufficiente attenzione, è il possibile utilizzo di varie forme di tecnologia dell'informazione e comunicazione cybertechnology a scopo di tortura. Sebbene la promozione, la protezione e il godimento dei diritti umani su Internet siano stati ripetutamente affrontati dal Consiglio dei diritti umani (A / HRC / 32 / L.20; A / HRC / 38 / L.10 / Rev.1), la tortura è stata intesa principalmente come uno strumento utilizzato per ostacolare l'esercizio del diritto alla libertà di espressione su Internet, e non come una violazione dei diritti umani che potrebbe essere commessa attraverso l'uso della cybertecnologia.

    2. Ciò sembra sorprendente dato che alcune delle caratteristiche del cyber-spazio lo rendono un ambiente altamente favorevole all'abuso e allo sfruttamento, in particolare una vasta asimmetria di potere, l'anonimato virtualmente garantito e l'impunità quasi totale. Gli Stati, gli attori aziendali e la criminalità organizzata non solo hanno la capacità di condurre operazioni informatiche che infliggono gravi sofferenze a innumerevoli individui, ma potrebbero decidere di farlo per qualsiasi scopo di tortura. È quindi necessario esplorare brevemente, in modo preliminare, la concepibilità e i contorni di base di quella che potrebbe essere definita cybertortura.

    3. In pratica, la tecnologia informatica svolge già il ruolo di facilitatore nella perpetrazione di forme di tortura sia fisiche che psicologiche, in particolare attraverso la raccolta e la trasmissione di informazioni e istruzioni di sorveglianza agli interrogatori, attraverso la diffusione di registrazioni audio o video di tortura o omicidio a scopo di intimidazione, o anche live streaming di abusi sessuali su minori su richiesta di clienti voyeuristici (A / HRC / 28/56, paragrafo 71), e sempre più anche attraverso il telecomando o la manipolazione dello stordimento cinture (A / 72/178, paragrafo 51), impianti medici e, presumibilmente, dispositivi nanotecnologici o neurotecnologici. [2]

    La cybertecnologia può anche essere utilizzata per infliggere, o contribuire a gravi sofferenze mentali evitando il condotto del corpo fisico, la maggior parte in particolare attraverso intimidazioni, molestie, sorveglianza, pubblica vergogna e diffamazione, nonché appropriazione, cancellazione o manipolazione di informazioni.

    4. L'invio di gravi minacce tramite telefonate anonime è stato a lungo un metodo diffuso per infliggere paura a distanza. Con l'avvento di Internet, i servizi di sicurezza statale in particolare sono stati segnalati per utilizzare la tecnologia informatica, sia nel proprio territorio che all'estero, per la sorveglianza sistematica di un'ampia gamma di individui e / o per interferenze dirette con il loro libero accesso alla tecnologia informatica. [3]

    I servizi di comunicazione elettronica, le piattaforme di social media e i motori di ricerca forniscono un ambiente ideale sia per la consegna anonima di minacce mirate, molestie sessuali ed estorsioni sia per la diffusione di massa di narrazioni intimidatorie, diffamatorie, degradanti, ingannevoli o discriminatorie.

    5. Gli individui oi gruppi sistematicamente presi di mira dalla sorveglianza informatica e dalle molestie informatiche sono generalmente lasciati senza mezzi efficaci di difesa, fuga o autoprotezione e, almeno sotto questo aspetto, spesso si trovano in una situazione di impotenza paragonabile alla custodia fisica.

    A seconda delle circostanze, l'assenza fisica e l'anonimato dell'autore del reato possono persino esacerbare le emozioni della vittima di impotenza, perdita di controllo e vulnerabilità, non diversamente dall'effetto di aumento dello stress di bendare gli occhi o incappucciarsi durante la tortura fisica. Allo stesso modo, la vergogna generalizzata inflitta dall'esposizione del pubblico, dalla diffamazione e dal degrado può essere altrettanto traumatica dell'umiliazione diretta da parte degli autori in un ambiente chiuso. [4]

    Come hanno dimostrato vari studi sul cyberbullismo, già le molestie in ambienti relativamente limitati possono esporre individui mirati a livelli estremamente elevati e prolungati di ansia, stress, isolamento sociale e depressione e aumentano significativamente il rischio di suicidio.

    5. Probabilmente, quindi, minacce e molestie molto più sistematiche e sponsorizzate dal governo fornite attraverso le tecnologie informatiche non solo comportano una situazione di effettiva impotenza, ma può anche infliggere livelli di ansia, stress, vergogna e senso di colpa pari a grave sofferenza mentale, come richiesto per trovare la tortura. [5]

    6. Più in generale, al fine di garantire l'adeguata attuazione del divieto di tortura e dei relativi obblighi legali nelle circostanze presenti e future, la sua interpretazione dovrebbe evolversi in linea con le nuove sfide e capacità che emergono in relazione alle tecnologie emergenti non solo nel cyberspazio, ma anche in settori come l'intelligenza artificiale, la robotica, la nanotecnologia e la neurotecnologia, o le scienze farmaceutiche e biomediche, compreso il cosiddetto potenziamento umano.


    [1] La radio cognitiva usa gli spazi bianchi potenzialmente disponibili nella banda 470-790 MHz. Durante la deprogrammazione evitate di guidare con la radio accesa.

    [2] Al Elmondi, Next-generation nonsurgical neurotechnology, Defense Advanced Research Projects Agency, disponible su www.darpa.mil/p…/next-generation-nonsurgical-neurotechnology.

    [3] Cfr. Risoluzioni 32/13 e 38/7 del Consiglio dei diritti umani. Vedi, in particolare, le rivelazioni del 2013 di Edward Snowden sulle attività di sorveglianza globale condotte dall'Agenzia per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti e dai suoi partner internazionali, vedi Ewan Macaskill e Gabriel Dance, NSA files: decoded - what the revelations mean for you, The Guardian, 1 novembre 2013.

    [4] Pau Pérez-Sales, Internet and torture (di prossima pubblicazione).

    [5] Samantha Newbery e Ali Dehghantanha, Uno spazio informatico senza torture: un diritto umano, 2017.

    "Individualmente si è sviluppata una diffusa

    sensazione di impotenza e disperazione,

    di fronte a quella che sembra essere

    una massa enorme di forze sociali disparate,

    che va al di là del controllo e anche oltre la comprensione

    degli esseri umani che sono coinvolti in essa."

    David Bohm, Wholeness, and the Implicate Order

    Tecnostregoneria la tortura del Controllo mentale

    Durante la stesura di questo libro, nonostante la conoscenza del piano esoterico e delle sue diramazioni negli ambienti scientifici, o pseudo tali; un paio di evidenze hanno avuto lo stesso effetto di un’esplosione. La prima: Il controllo mentale rende disutili gli sforzi dei ricercatori della verità. I tentativi di trascendere la materia fisica attraverso tecniche rituali non permette di bucare il guscio matrice, per il semplice fatto che i controllori hanno lavorato soprattutto su basi spirituali con abbondante uso del linguaggio simbolico. I simboli, per un esoterista rappresentano la Scienza ermetica dell’Alchimia, ovvero il segreto del Corpo Immortale. Scoprire che il mondo magico è stato profanato, saccheggiato dei suoi tesori per servire nel progetto del lavaggio del cervello sulla popolazione mondiale è stato uno shock, un trauma nel trauma. La seconda: Il controllo mentale usa i demoni e la magia nera come algoritmi di protezione e chiusura dei mondi interiori creati con gli Alter. Conoscerli senza averne paura, mette in contatto il cervello razionale con le proprie origini oscure (rettili) e quindi consente al ricercatore puro, di lavorare alchemicamente al nero.

    Nel mio percorso iniziatico ho incontrato molti ostacoli, ma in particolare uno, non ha trovato giustificazione. Sembrava che arrivando in cima al monte fosse impossibile proseguire oltre. Mai, avrei ipotizzato che la forza opponente fosse dovuta al Controllo Mentale e ai suoi demoni. Per nostra buona sorte non tutte le vie portano a Roma (Moloch), come molti ricercatori hanno già sperimentato, perseverando, la soluzione arriva. Per questo affronterò il tema dei Demoni soltanto alla fine senza enfatizzare la loro presenza nel sistema-uomo-animale. Dopotutto rappresentano i nostri istinti alla sopravvivenza su questo pianeta. Posso aggiungere che non sarei affatto sorpresa se anch’essi fossero vittime della sete di potere degli Illuminati che li trattengono da millenni in un piano di involuzione! Le alterazioni del cervello con mezzi artificiali e l’uso delle parole doppie corrispondono passo a passo alle istruzioni segrete dell’Alta magia per la creazione del Campo magico. Le armi psichiche a energia diretta sono una specializzazione della negromanzia. L’uso della Cabala nelle invocazioni rituali è persino superfluo da ricordare. Niente è stato tralasciato. Il controllo delle masse è antico quanto l’uomo cosiddetto civilizzato, ma in nessuna epoca c’è stata una mole così impressionante di brevetti che dimostrano cosa fare per condizionare quello che abbiamo nel cervello e cambiarlo.

    La specializzazione ha avuto inizio nel lontano 1880 quando le incredibili scoperte del geniale scienziato Nikola Tesla hanno inventato il mondo moderno, incominciando dalla corrente alternata. Sono stati stanziati miliardi di euro e dollari per finanziare gli scienziati che lavorano ai progetti BRAIN e Human Brain. Hanno costruito dispositivi che creano una interfaccia neurale, adatta alla manipolazione magnetica attraverso polvere neurale, laser ad alta potenza.

    La tirannide del Controllo mentale (Illuminati), ha sviluppato gli strumenti per interagire tutto il tempo nella nostra realtà fisica, onirica, mentale e psichica, modificandola secondo le loro idee di oppressione e di deprivazione della libertà spirituale e intellettiva umana. Due fazioni del governo ombra mondiale si sono scontrate per sancire il proprio diritto allo sfruttamento di una risorsa preziosissima, superiore a qualsiasi altra, la conquista del cervello umano delle nuove generazioni! … Sul fronte ci sono due schieramenti: coloro che hanno a cuore l’umanità e il suo sviluppo, e coloro che vedono l’essere umano come bestiame da condurre con fredda logica al macello. Gli enormi progressi della tecnologia moderna continuano a fornire strumenti di potere che migliorano la capacità dell'élite di programmare arbitrariamente i pensieri e le azioni delle persone in conformità agli interessi delle élite. Si avvicina rapidamente il giorno in cui si dovrà resistere e combattere per la libertà oppure subire l'invasione dei predatori di energia…

    Nell'aprile 2017 il neuroeticista dell'Università di Basilea Marcello Ienca con Roberto Andorno, avvocato per i diritti umani presso l'Università di Zurigo, scrivendo sulla rivista Life Sciences, Society and Policy, pubblicarono l'articolo Toward new human rights in the age of neuroscience and Nanotecnology dove chiedevano lo studio di una legislazione che protegga il diritto umano alla libertà e altri diritti a tutela dall'abuso delle tecnologie che aprono l'accesso al cervello umano, senza che vi sia stato il consenso e la necessaria informazione.

    Nell'articolo hanno scritto, la mente è una sorta di ultimo rifugio della libertà personale e dell'autodeterminazione e al momento, nessuna protezione legale o tecnica specifica protegge i dati del cervello dall'essere soggetti alle stesse misure di estrazione dei dati e di intrusione della privacy come altri tipi di informazioni.

    Il presidente USA John F. Kennedy nel 1961 a proposito del controllo remoto del cervello e del sistema nervoso umano diede questo avvertimento: Oggi nessuna guerra è stata dichiarata - e per quanto feroce possa essere la lotta, potrebbe non essere mai dichiarata nel modo tradizionale.

    Oltre alla manipolazione emotiva nell’ambiente familiare e lavorativo, il cervello subisce continui attacchi dal Controllo Mentale sociale esercitato con messaggi subliminali, parole esplicite, traumi fisici (come nel famigerato programma Monarch) attraverso i media e con la nuova tecnologia Wi-fi, tutto senza che ci sia informazione e il nostro consenso. Con la nuova tecnologia la pulsazione dell'immagine può essere incorporata nel materiale del programma, oppure può essere sovrapposta modulando un flusso video, sia come segnale RF che come segnale video.

    Anche lo storico saggista Juval Noah Harari ha messo in guardia nel suo discorso contro l'ascesa di una nuova totalità, (in gergo "singolarità) basata sull'accesso indiscriminato al cervello umano.

    La sua dichiarazione finale riconosce formalmente che:

    Oggi abbiamo risorse intellettuali, fisiche e finanziarie per padroneggiare il potere del cervello stesso e per sviluppare dispositivi per toccare la mente e persino controllare o cancellare la coscienza ... Desideriamo professare la nostra speranza che tale ricerca della conoscenza serva alla pace e al benessere.

    È un dato di fatto che tale scienza rimane patrocinata agli interessi delle élite mondiale da sempre assetate di potere. Il brevetto degli Stati Uniti 6,506,148, di manipolazione mentale ed emotiva depositato nel giugno 2001 dice: "È quindi possibile manipolare il sistema nervoso di un soggetto pulsando immagini visualizzate sul monitor di un computer o TV nelle vicinanze. La differenza con quella attuale è lo sviluppo di una super-tecnologia che permette il controllo mentale totale, senza che ci sia bisogno di un’ideologia da far accettare alla popolazione con mezzi violenti come la tortura. È sufficiente la paura. Uno dei principali metodi di manipolazione è attraverso l'energia elettromagnetica. In effetti, ci sono molti che suggeriscono che le onde elettromagnetiche potrebbero essere potenzialmente utilizzate per controllare i pensieri e influenzare il comportamento.

    È risaputo che l'antica arte di manipolare gli esseri umani trae origine dalla stregoneria, si potrebbe dire che sono due facce della stessa medaglia. Le parole (rumori), le immagini (sigilli), i gesti (codici) diventano comandi in grado di condizionare pesantemente per tutta la vita, si installano nel cervello e lì rimangono come malsane verità, inattaccabili perché apprese dalle massime autorità: il genitore, il maestro, i fratelli maggiori, il televisore, i gruppi social, ecc.

    L’origine del Controllo Mentale si basa sull’autorità della paura! Le vittime sono anche condizionate a difendere la programmazione con la minaccia di subire incidenti, malattie e morte nel caso qualcuno o qualcosa cerchi di manomettere il sistema di controllo che si installa come un app nel cellulare. Il tentativo di rigetto dell’impianto può scatenare reazioni autolesioniste o di violenza estrema. Famoso il caso di un cittadino americano schiavo del Controllo Monarch che arrivò all’omicidio pur di liberarsi della voce che lo tormentava dicendogli cosa doveva fare della sua vita, fin nei minimi dettagli. Attualmente ci sono terapeuti che si stanno specializzando per aiutare le migliaia di persone vittime degli abusi.

    Il motivo del rigido controllo mentale è piuttosto semplice, creare una popolazione di schiavi geneticamente modificata al servizio dell’Intelligenza Artificiale. In altri tempi avrebbero usato la parola " demoni per definire uomini posseduti da una volontà esterna. Vi sorprenderà (forse), scoprire che ci sono state diverse guerre che si ripetono da più di duemila anni, per il controllo di una porzione del cervello umano. È sufficiente guardare il televisore, usare il telefono, il computer, accendere la luce o respirare" perché si attivino i dispositivi del controllo mentale.

    Il termine scientifico è Alter [1] ovvero personalità multiple programmate da un algoritmo. Le reti televisive e di telefonia mobile operano a frequenze che sono quasi direttamente in sintonia con la funzione cerebrale.

    Che sia possibile manipolare il comportamento umano con l'uso del subliminale, tramite messaggi sonori o visivi è ormai generalmente noto e riconosciuto dalla comunità scientifica. Dobbiamo imparare a conviverci.

    Il ricercatore in neurologia della Stanford University e capo scienziato del Dolby Labs, Poppy Crum, ha avvertito alla conferenza di Las Vegas: I tuoi dispositivi sapranno di te, più di te. Ha detto: Una volta che avremo algoritmi in grado di capirti meglio di quanto tu capisca te stesso, potrebbero prevedere i miei desideri, manipolare i miei sentimenti e persino prendere decisioni per mio conto. I dispositivi sono le dita dell’Intelligenza artificiale, del Signor Computer che opera non si sa dove e nemmeno quali gruppi di potere lo controllano. L’applicazione che ti chiede di monitorare le tue emozioni, il tuo stato di salute, di fare video anche quando sei al bagno, ti sta chiedendo di contribuire alla umanizzazione del Signor Computer che corrisponde alla deprivazione della tua umanità!

    La mappatura del cervello umano ha segnato il raggiungimento di un grande traguardo scientifico, peccato che non tutto sia stato reso noto. Ci sono dispositivi che utilizzano la luce per la stimolazione del cervello, la luce che lampeggia a determinate frequenze può essere utilizzata per manipolare il sistema nervoso. Ma cosa avviene realmente quando si è esposti a questi dispositivi moderni come i sofisticati nanobot?

    La verità è che si stanno sviluppando tutti i tipi di tecnologie di controllo mentale, senza implicazioni etiche. Qualunque siano le nostre speranze per il futuro - per ridurre questa minaccia o conviverci - non c'è modo di sfuggire né alla gravità né alla totalità della sua sfida alla nostra sopravvivenza e alla nostra sicurezza - una sfida che ci pone di fronte in modi insoliti in ogni sfera dell'attività umana. Questo è il motivo per cui nella maggior parte dei paesi, l'uso di tali tecnologie, senza il consenso della persona interessata, è solo in teoria vietato.

    Nel 1980 David Bohm, uno dei più grandi fisici contemporanei disse: Così, come è ormai ben noto, questo stile di vita ha determinato l'inquinamento, la distruzione dell'equilibrio della natura, disordine economico e politico su popolazione mondiale e la creazione di un ambiente globale che non è né fisicamente né mentalmente sano per la maggior parte delle persone che vivono in essa. È la natura senza precedenti di questa sfida che fa sorgere anche ... il nostro obbligo di informare e allertare il popolo americano - di accertarci che possieda tutti i fatti di cui ha bisogno e anche di comprenderli.

    Dal 1990 al 2001 i ben informati dicono che si è combattuta una guerra silenziosa, invisibile, con armi belliche non convenzionali denominate armi psichiche o psicotroniche che hanno cambiato per sempre le sorti di un’umanità ignara e indifesa.

    La maggior parte delle persone non si accorgono che la loro vita è fortemente addomesticata dagli interessi del potere tecnocratico che nel 21° secolo porterà l’ascesa della schiavitù delle dittature digitali. Inutile dire che l'uso di queste tecnologie viene intrapreso di nascosto, senza la conoscenza o il consenso degli individui mirati.

    Nel 1998, il Comitato nazionale francese di bioetica ha avvertito che le neuroscienze sono sempre più riconosciute come una potenziale minaccia per i diritti umani. Fondi neri e laboratori segreti hanno lavorato contro il bene dell’umanità. Il tempo post umano, prevede l’estinzione dell’attuale forma umana. Uno degli slogan che le élite amano ripetere è che la mente umana non può progredire. Significa che più di tanto l’intelligenza umana non ce la fa e quindi tanto vale affidarsi all’Intelligenza artificiale per creare un Cervello mondiale che si migliora continuamente e che non ha i difetti caratteriali dell’uomo animale. Per interagire con questo super cervello, occorre che ci sia un’umanità-bio-macchina in grado di ricevere i comandi ed eseguirli senza creare eccezioni.

    Tale progetto post umano si chiama trans-umanesimo, società fabiana, dialettica hegeliana, ecc. Nomi moderni che si riallacciano al mondo antico, quando esisteva la super civiltà Atlantide che aveva già sviluppato la propria Intelligenza artificiale, un algoritmo sepolto nelle acque del diluvio e nel trauma profondo dell’inconscio collettivo.

    LE PAROLE DI COMANDO SI TRASMETTONO GENETICAMENTE.

    Il diritto alla parola non è così scontato come potrebbe sembrare. È un dato scientifico che l’alfabeto e il DNA sono in stretta comunione al punto che la risonanza di una parola o sillaba lo può di fatto modificare.

    L’antico progetto antiuomo che uccide la mente per uccidere il cuore ha elaborato l’arma del controllo mentale sull’individuo e sulla popolazione mondiale attraverso la parola.

    La difesa presuppone la conoscenza della "voce spirituale del cuore che in gergo si chiama, Vero Amore", il rimedio che permetterebbe di uscire dalla rete invisibile del super potere tecnocratico. Ci sono delle chiavi che possono aiutare a non cadere nelle Loro trappole mentali, credo che dobbiamo pensare a come potrebbero essere usate.

    Questo è un tempo di apparente pace e pericolo invisibile, che non ha precedenti nella storia. Il nostro modo di vivere è sotto attacco ... siamo assoggettati, in tutto il mondo, da una cospirazione monolitica e spietata che si basa principalmente su mezzi segreti.

    Alleanze potenti in una guerra difficile da definire sono sotto gli occhi di tutti, così gli effetti dell'inquinamento elettromagnetico da cellulari, televisori, elettrodomestici, contatori intelligenti, computer e Wi-Fi sono tanto conosciuti quanto allegramente ignorati. È tempo di sollevarsi e cercare di resistere ai manipolatori del tempo, ai distruttori dello spirito umano.


    [1] Gli Alter sono personalità multiple create dal Programmatore attraverso i traumi della vittima disumanizzata. In magia sono Forme pensiero, Egregori, Golem, demoni, divinità, angeli, spiriti che convivono la vita del soggetto o della popolazione.

    TECNO STREGONERIA DEMONI DEL CONTROLLO MENTALE

    Capitolo I

    Origine del controllo mentale

    L'antico sacerdozio egizio sapeva come esercitare il controllo mentale basato sul trauma, la proiezione astrale e l'ipnosi, per riuscirci usavano la MANIPOLAZIONE DEL CRANIO Alcuni di questi metodi, (come la riflessologia che risale almeno al 2330 a.C. in Egitto…), sono stati trasmessi alle società segrete successive che ne hanno abusato nei rituali di stregoneria sino a trasformali in efficaci programmi di manipolazione e controllo.

    Tu sei quello che vedi, ascolti e accogli nel tuo essere, questo è anche l'origine della dipendenza, la trappola ideata per coloro che vivono interamente nella mente inferiore e si sottomettono all’unica autorità che riconoscono: l’autorità della paura. Attraverso la parola, si determina quello che amiamo, e che odiamo. La Storia della Creazione è sia scientifica che spirituale - si attua la manipolazione della materia a diversi livelli di densità dalla meno aggregata alle forme di maggiore densità. La differenza tra l’uomo e la pietra è la capacità di parola attraverso il sistema dei vocaboli che è la capacità di nominare e quindi di portare il verbo spirituale nell’essere materiale. È così che il Dio egizio Ptah (il vasaio) fa nascere e dà alla luce altri esseri nella Pietra Shabaka.

    Nel Testo della valle del Nilo si precisa che l’Uomo/Donna (la forma) devono padroneggiare ciò che la stessa divinità creativa Ptah ha dominato (lo stampo). Quello che viene chiamato il Segreto dell'Ankh (la chiave della vita) la creatura, lo deve padroneggiare e per farlo occorre avere memoria e la padronanza delle 10 Virtù ermetiche degli antichi egizi. Il concetto si ritrova in tutte le teologie, ma è volutamente ignorato dall’espressione moderna.

    Ad esempio nella Bibbia Adamo padroneggia la creazione conferendo il nome di tutte le cose create, ma non viene esplicitamente detto che Adamo, per questa azione diventa il padrone della creazione stessa. Il nome Adamo (dall'ebraico אֲדָמָה adamah, terra, suolo) è conferito dal Creatore che in tal modo assume il dominio e il controllo di tutte le parti.

    Per ipotesi, se fosse possibile decostruire il nome dato al primo uomo, il creato ritornerebbe nel caos della materia indifferenziata come era prima della manipolazione.

    Questo ragionamento non deve indurre a pensare che se qualcuno o qualcosa è senza-nome non ha diritto alla vita, tutto è dal principio nominato, nessuna cosa esclusa. Se una creatura che si affaccia nel regno della materia binaria (bene-male), non possiede un nome (ad esempio il caso del bambino nato

    Ti è piaciuta l'anteprima?
    Pagina 1 di 1