Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Il Potere della Legge di Attrazione (Tradotto)
Il Potere della Legge di Attrazione (Tradotto)
Il Potere della Legge di Attrazione (Tradotto)
E-book176 pagine2 ore

Il Potere della Legge di Attrazione (Tradotto)

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Leggi anteprima

Info su questo ebook

Contiene i 4 Capolavori di Neville Goddard:
  • Il Segreto è l'Emozione
  • Fuori da questo mondo
  • Al tuo comando
  • L'Immaginazione risvegliata
Questi libri ti insegneranno a diventare padrone del tuo mondo e Creatore consapevole del tuo Destino. In questa preziosa Antologia, vengono spiegati in maniera chiara ed esaustiva, i passi per far sì che i desideri più profondi accadano nella realtà.

Il mondo, e ogni cosa in esso, è la coscienza condizionata dell'uomo che si oggettiva. La coscienza è tanto la causa quanto la sostanza del mondo intero. Dunque è alla coscienza che dobbiamo rivolgerci se vogliamo scoprire il segreto della creazione.
Conoscere la legge della coscienza e il metodo di mettere in pratica tale legge ti permetterà di realizzare tutto ciò che desideri nella vita. Armato della conoscenza attiva di questa legge, potrai costruire e tenere in piedi un mondo ideale.

La coscienza è la sola ed unica realtà, non in senso figurato ma reale. Per essere chiari, questa realtà può essere paragonata ad un torrente che si divide in due parti, il conscio e il subconscio. Per far funzionare intelligentemente la legge della coscienza è necessario comprendere la relazione fra il conscio e il subconscio. Il conscio è personale e selettivo; il subconscio è impersonale e non-selettivo. Il conscio è il regno degli effetti; il subconscio è il regno delle cause.

Per mezzo di questa legge - che dapprima concepisce un'idea e poi la imprime nel subconscio - tutte le cose si evolvono dalla coscienza; e senza questa sequenza non avverrebbe nulla di ciò che avviene. Il conscio imprime il subconscio mentre il subconscio esprime tutto ciò che gli viene impresso.

Il subconscio non dà origine alle idee, ma accetta per vere quelle che la mente conscia percepisce come vere, e in un modo che solo lui conosce rende oggettive le idee accettate. Dunque, attraverso il potere di immaginare e sentire e la libertà di scegliere l'idea da considerare, l'uomo ha il controllo sulla creazione. Il controllo del subconscio si compie attraverso il controllo delle tue idee e delle tue sensazioni.

Il meccanismo della creazione è nascosto nei recessi del subconscio, nel lato femminile ovvero nell'utero della creazione. Il subconscio trascende la ragione ed è indipendente dalle stimolazioni. Esso intende la sensazione come fatto esistente dentro di sè e su questa supposizione procede a dargli espressione. Il processo creativo inizia con un'idea e continua il suo ciclo come sensazione per poi terminare nella volontà di agire.

Le idee si imprimono nel subconscio per mezzo delle emozioni. Nessun'idea si può imprimere nel subconscio finchè non sia sentita, ma una volta sentita - che sia buona, cattiva o indifferente - dev'essere espressa. L'emozione è il solo ed unico mezzo attraverso il quale le idee vengono comunicate al subconscio. Di conseguenza, l'uomo che non controlla le proprie sensazioni potrà facilmente imprimere al subconscio uno stato indesiderato.
LinguaItaliano
Data di uscita29 mar 2021
ISBN9791220285315
Il Potere della Legge di Attrazione (Tradotto)
Leggi anteprima
Autore

Neville Goddard

Neville Lancelot Goddard, simply known as Neville, was born in Barbados, West Indies on Feb. 19, 1905, the fourth child in a family of nine boys and one girl. He came to the United States in 1922 and enjoyed a career in the theatre. His interest in mysticism grew as did his esoteric interpretations of the Bible. He studied with a man named Abdullah for many years, learning Hebrew and delving deeply into the hidden symbolic meaning of the Kabbalah and scripture. Neville began lecturing and travelled throughout the United Sates, making his home In Los Angeles. Just as Seth gave us the immortal words, “You create your own reality,” Neville has told us how with his spectacular phrase, “Imagining creates reality.” What a gift to humankind! He also translates the Bible in a new light, explaining how the stories and parables are psychological dramas representing our consciousness. That all of its characters and actors are personified qualities and attributes of our consciousness. Neville passed on Oct. 1, 1972.

Correlato a Il Potere della Legge di Attrazione (Tradotto)

Ebook correlati

Articoli correlati

Recensioni su Il Potere della Legge di Attrazione (Tradotto)

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

La recensione deve contenere almeno 10 parole

    Anteprima del libro

    Il Potere della Legge di Attrazione (Tradotto) - Neville Goddard

    Dio

    Il Segreto è l'Emozione

    Ogni tuo Desiderio è un Ordine per il tuo Subconscio

    Titolo Originale dell'opera: Feeling is the Secret

    G. & J. Publishing Co,

    Los Angeles California, 1956

    Neville Goddard

    I libri si moltiplicano senza fine.

    — Ecclesiaste, 12:12

    Colui che vorrebbe perfezionarsi in una qualsiasi arte, fagli leggere ripetutamente opere serie sulla sua arte; poichè leggere molti libri che parlano della propria arte produce confusione piuttosto che apprendimento.

    — Antico detto

    Prefazione

    Questo libro tratta dell'arte di realizzare il tuo desiderio. Ti descrive il meccanismo utilizzato per produrre il mondo visibile. È un piccolo libro ma non è di poco conto. In esso c'è un tesoro, una strada ben definita per la realizzazione dei tuoi sogni.

    Se fosse possibile convincere una persona mediante argomentazioni ragionate ed esempi dettagliati, questo libro sarebbe molto più lungo. Tuttavia, raramente è possibile farlo mediante affermazioni ed argomentazioni scritte, poichè a chi sospende il giudizio sembra sempre plausibile affermare che l'autore sia disonesto o sia un illuso e quindi che la sua testimonianza sia corrotta.

    Di conseguenza, ho omesso di proposito ogni argomentazione e testimonianza, e semplicemente sfido il lettore di larghe vedute a mettere in pratica la legge della coscienza rivelata in questo libro. Il successo personale sarà molto più convincente di qualunque libro si possa scrivere sull'argomento.

    NEVILLE.

    La Legge e il suo Operare

    Il mondo, e ogni cosa in esso, è la coscienza condizionata dell'uomo che si oggettiva. La coscienza è tanto la causa quanto la sostanza del mondo intero. Dunque è alla coscienza che dobbiamo rivolgerci se vogliamo scoprire il segreto della creazione.

    Conoscere la legge della coscienza e il metodo di mettere in pratica tale legge ti permetterà di realizzare tutto ciò che desideri nella vita. Armato della conoscenza attiva di questa legge, potrai costruire e tenere in piedi un mondo ideale.

    La coscienza è la sola ed unica realtà, non in senso figurato ma reale. Per essere chiari, questa realtà può essere paragonata ad un torrente che si divide in due parti, il conscio e il subconscio. Per far funzionare intelligentemente la legge della coscienza è necessario comprendere la relazione fra il conscio e il subconscio. Il conscio è personale e selettivo; il subconscio è impersonale e non-selettivo. Il conscio è il regno degli effetti; il subconscio è il regno delle cause. Questi due aspetti rispecchiano la divisione della coscienza tra maschio e femmina. Il conscio è maschio; il subconscio è femmina. Il conscio genera idee e imprime tali idee nel subconscio; il subconscio riceve le idee e gli dà forma ed espressione.

    Per mezzo di questa legge – che dapprima concepisce un'idea e poi la imprime nel subconscio – tutte le cose si evolvono dalla coscienza; e senza questa sequenza non avverrebbe nulla di ciò che avviene. Il conscio imprime il subconscio mentre il subconscio esprime tutto ciò che gli viene impresso.

    Il subconscio non dà origine alle idee, ma accetta per vere quelle che la mente conscia percepisce come vere, e in un modo che solo lui conosce rende oggettive le idee accettate. Dunque, attraverso il potere di immaginare e sentire e la libertà di scegliere l'idea da considerare, l'uomo ha il controllo sulla creazione. Il controllo del subconscio si compie attraverso il controllo delle tue idee e delle tue sensazioni.

    Il meccanismo della creazione è nascosto nei recessi del subconscio, nel lato femminile ovvero nell'utero della creazione. Il subconscio trascende la ragione ed è indipendente dalle stimolazioni. Esso intende la sensazione come fatto esistente dentro di sè e su questa supposizione procede a dargli espressione. Il processo creativo inizia con un'idea e continua il suo ciclo come sensazione per poi terminare nella volontà di agire.

    Le idee si imprimono nel subconscio per mezzo delle emozioni. Nessun'idea si può imprimere nel subconscio finchè non sia sentita, ma una volta sentita – che sia buona, cattiva o indifferente – dev'essere espressa. L’emozione è il solo ed unico mezzo attraverso il quale le idee vengono comunicate al subconscio. Di conseguenza, l'uomo che non controlla le proprie sensazioni potrà facilmente imprimere al subconscio uno stato indesiderato.

    Con controllo delle emozioni non si intende limitazione o repressione delle stesse, ma piuttosto l'auto-disciplinarsi ad immaginare e contemplare solo quelle sensazioni che contribuiscono alla propria felicità. Controllare le tue sensazioni è importantissimo per una vita piena e felice. Non contemplare mai una emozione indesiderata e non pensare mai al male in qualunque forma. Non rimuginare sull'imperfezione tua o altrui. Farlo vorrebbe dire imprimere sul subconscio queste stesse limitazioni. Ciò che non vuoi sia fatto a te, non sentire che sia fatto a te o ad altri. Questa è la legge per una vita piena e felice. Tutto il resto è inutile.

    Ogni emozione si imprime sul subconscio e, a meno che non sia contrastata da una emozione più potente di natura opposta, dev'essere espressa. La sensazione predominante fra le due è quella che si esprime. Sono in salute è una sensazione più forte di sarò in salute. Sentire che sarò vuol dire confessare che non sono; io sono è più forte di io non sono. Ciò che senti di essere prevale sempre su ciò che senti di voler essere; quindi, per potersi realizzare, il desiderio dev'essere sentito come uno stato esistente piuttosto che come uno stato che non è ancora.

    La sensazione precede la manifestazione ed è la base su cui ogni manifestazione poggia. Fai attenzione ai tuoi umori e sensazioni, poichè esiste una connessione ininterrotta tra le tue sensazioni e il tuo mondo visibile. Il tuo corpo è un filtro emozionale e porta i segni inconfondibili delle tue emozioni predominanti. I disturbi emotivi, specialmente le emozioni represse, sono le cause di ogni disagio. Provare intensamente un malessere senza dargli voce o esprimerlo è l'inizio del disagio – dis-agio – sia nel corpo che nell'ambiente circostante. Non nutrire un sentimento di rimpianto o fallimento per via della frustrazione o dell'allontanamento dal proprio obiettivo dà luogo al disagio.

    Pensa con sentimento solo allo stato che desideri realizzare. Sentire la realtà dello stato desiderato e vivere ed agire con quella convinzione è il mezzo per ogni miracolo apparente. Tutti i cambi di espressione sono messi in atto con un cambiamento nel sentire. Ogni creazione avviene nel regno del subconscio. Ciò che devi acquisire, quindi, è un controllo riflessivo delle operazioni del subconscio, ovvero il controllo delle tue idee ed emozioni.

    La fortuna o il caso non sono responsabili delle cose che ti accadono, nè il destino è l'autore della tua buona o cattiva sorte. Le tue impressioni subconscie determinano le condizioni del tuo mondo. Il subconscio non è selettivo; è impersonale e non guarda in faccia a nessuno. Al subconscio non importa la verità o falsità della tua sensazione. Esso accetta sempre per vero ciò che tu senti essere vero. La sensazione o emozione è il consenso del subconscio alla verità di ciò che è dichiarato come vero. Per via di questa qualità del subconscio non vi è nulla di impossibile per l'uomo.Qualunque cosa la mente dell'uomo possa concepire e sentire come vera, il subconscio può e deve renderla oggettiva. Le tue sensazioni creano lo schema, sul quale si modella il tuo mondo, e un cambiamento di sensazione equivale ad un cambiamento di schema.

    Il subconscio non manca mai di esprimere ciò che gli è stato impresso. Nel momento in cui riceve un'impressione esso inizia a cercare i modi per esprimerla. Esso accetta la sensazione che gli si imprime, la tua sensazione, come un fatto esistente al suo interno e si prepara subito a riprodurre nel mondo esterno, o oggettivo, le esatte sembianze di quella sensazione. Il subconscio non modifica mai le credenze accettate dall'uomo. Le riproduce fino al più piccolo dettaglio, che siano benefiche o meno.

    Per imprimere al subconscio lo stato desiderato devi assumere la sensazione che proveresti se avessi già realizzato il tuo desiderio. Nel definire il tuo obiettivo devi preoccuparti solo dell'obiettivo stesso. Il modo in cui si esprimerà o le difficoltà non devono essere una tua preoccupazione. Pensare sentitamente ad uno stato lo imprime nel subconscio. Dunque, se rimugini sulle difficoltà, sugli ostacoli o sui ritardi, il subconscio, per la sua natura non-selettiva, accetterà la sensazione delle difficoltà e degli ostacoli come tua richiesta e procederà a produrli nel mondo esterno.

    Il subconscio è l'utero della creazione. Esso riceve su di sè l'idea mediante le sensazioni dell'uomo. Esso non modifica mai l'idea ricevuta, ma le dà sempre forma. Dunque il subconscio riproduce l'idea a immagine e somiglianza della sensazione ricevuta. Sentire che uno stato è senza speranza o impossibile vuol dire imprimere al subconscio l'idea del fallimento.

    Sebbene il subconscio serva fedelmente l'uomo, non si deve dedurre che la relazione sia la stessa di un servo verso il proprio padrone, come era concepita anticamente. Gli antichi profeti lo chiamavano schiavo e servo dell'uomo. San Paolo lo personificava in una donna e diceva: Le mogli siano soggette ai loro mariti in tutto.. Il subconscio serve l'uomo e dà forma fedelmente alle sue sensazioni. Tuttavia, il subconscio ha una netta avversione per la forzatura e risponde più favorevolmente alla persuasione che al comando; di conseguenza, esso assomiglia più all'amata moglie che al servo.

    Che il marito è capo della moglie [Efesini, 5] può non essere vero nelle relazioni terrene tra uomini e donne, ma vale per il conscio e il subconscio, ovvero per l'aspetto maschile e femminile della coscienza. Il mistero a cui Paolo si riferiva scrivendo Questo mistero è grande...chi ama la propria moglie ama se stesso...e i due formeranno una carne sola è semplicemente il mistero della coscienza. La coscienza è davvero una ed indivisibile, ma nell'interesse della creazione appare come divisa in due.

    Il conscio (oggettivo), ovvero l'aspetto maschile, è il capo e domina il subconscio (soggettivo) ovvero l'aspetto femminile. Tuttavia, questo non è il comando del tiranno ma quello dell'amante. Dunque assumendo la sensazione che proveresti se avessi già ottenuto il tuo obiettivo, il subconscio è spinto a riprodurre le sembianze esatte della tua assunzione.

    I tuoi desideri non vengono accettati subconsciamente finchè tu non assumi la sensazione del loro essere reali, poichè solo mediante la sensazione un'idea viene accettata subconsciamente e solo attraverso tale accettazione subconscia essa può essere espressa.

    È più facile attribuire le tue sensazioni agli eventi del mondo che ammettere che le condizioni del mondo riflettono le tue sensazioni. Tuttavia, è sempre vero che l'esterno rispecchia l'interno. Come dentro, così fuori. L'uomo non avrà nulla che non gli sia donato dal cielo, e il regno dei cieli è dentro di te. Nulla ti giunge dall'esterno; tutte le cose provengono dall'interno – dal subconscio. È impossibile che tu veda altro che non sia il contenuto della tua coscienza. Il tuo mondo in ogni suo dettaglio è la tua coscienza oggettivata. Gli stati oggettivi portano testimonianza delle impressioni subconscie. Un cambiamento di impressione dà luogo ad un cambiamento di espressione.

    Il subconscio accetta come vero ciò che tu senti esser vero, e poichè la creazione è il risultato delle impressioni subconscie tu, con la tua sensazione, determini la creazione. Tu sei già ciò che vuoi essere, e il tuo rifiuto a crederlo è l'unica

    Ti è piaciuta l'anteprima?
    Pagina 1 di 1