Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Che Guevara, il rivoluzionario
Che Guevara, il rivoluzionario
Che Guevara, il rivoluzionario
E-book61 pagine43 minuti

Che Guevara, il rivoluzionario

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Info su questo ebook

Ernesto Guevara, una delle figure più leggendarie della guerriglia marxista del '900. Dalla vita privata ai lati oscuri della sua uccisione nel 1967, dal rapporto con Fidel Castro ai celebri diari. La storia incredibile dell'icona universale della liberazione sudamericana: il "Che". -
LinguaItaliano
Data di uscita13 ago 2020
ISBN9788726582635
Leggi anteprima

Leggi altro di Giancarlo Villa

Correlato a Che Guevara, il rivoluzionario

Libri correlati

Categorie correlate

Recensioni su Che Guevara, il rivoluzionario

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

    Anteprima del libro

    Che Guevara, il rivoluzionario - Giancarlo Villa

    Che Guevara, il rivoluzionario

    Copyright © 2020, 2020 Giancarlo Villa and SAGA Egmont

    All rights reserved

    ISBN: 9788726582635

    1. e-book edition, 2020

    Format: EPUB 3.0

    All rights reserved. No part of this publication may be reproduced, stored in a retrievial system, or transmitted, in any form or by any means without the prior written permission of the publisher, nor, be otherwise circulated in any form of binding or cover other than in which it is published and without a similar condition being imposed on the subsequent purchaser.

    SAGA Egmont www.saga-books.com – a part of Egmont, www.egmont.com

    1.

    La fine e l'inizio

    8 Ottobre 1967, Bolivia.

    E' un Ernesto Guevara molto diverso da quello che ha marciato in maniera trionfale sulle strade di Cuba pochi anni prima, fianco a fianco con Fidèl Castro. Sembra invecchiato di trent'anni. I suoi vestiti sono laceri, impregnati di fango e sudore. Al di sotto di essi, emerge un corpo emaciato, costellato di ferite. Del giovane muscoloso ed aitante che è stato il Che un tempo, non vi è quasi più traccia.

    Prima ancora del suo esercito governativo, è stata la foresta boliviana a sconfiggere il Che ed i suoi uomini.

    I suoi piedi sono gonfi e sanguinanti, e così le sue mani. I morsi di innumerevoli insetti gli hanno causato ferite infette sulla pelle. Le crisi asmatiche di Ernesto sono diventate severissime, tanto che a volte, durante la notte, egli si sente soffocare. La fame e la disidratazione hanno fatto il resto.

    In aggiunta a questo, almeno due ferite da arma da fuoco, medicate in maniera molto approssimativa, contribuiscono a rendere il Che talmente malridotto che Julia Cortèz non può non trattenere il fiato, mentre entra nella sua prigione.

    Quando le avevano detto che Ernesto Guevara, proprio lui!, voleva incontrare l'insegnate del paese dove si trovava prigioniero, per fare un'ultima conversazione prima di essere giustiziato, ella non aveva saputo come rifiutare. Si era forse aspettata di trovare un uomo a pezzi, pronto ad implorare pietà.

    Eppure, ora che se lo trova davanti, Julia può vedere la verità. Lo sguardo di Guevara non è quello di un uomo sconfitto, anzi. E' vivace, vigile, persino curioso. Sorride, Guevara. Forse è per questo che Julia trova difficile guardarlo. Come può sorridere così un uomo condannato a morte?

    Grazie per essere venuta dice Guevara, invitandola a sedersi. Io.. io… balbetta lei. Io non so cosa tu possa volere da me. Io non sono una religiosa, non posso darti conforto…

    Non ho bisogno di un prete risponde Guevara, scuotendo la testa. Voglio solo parlare con qualcuno. Tu insegni nella scuola lì in fondo, vero?

    risponde semplicemente Julia. Non sa cosa altro dire.

    Sei fortunata, tu hai un buon lavoro. Educare i più deboli è tra i lavori più nobili che esistano. Non credi?

    Io… io credo di sì.

    La tua scuola però non è in buone condizioni. Mi sembra di vedere che il muro stia crollando.

    Purtroppo sì, Il muro ed il tetto hanno bisogno di riparazioni, da molto tempo. Quando piove, a volte, l'acqua penetra nelle classi. A volte cade sui libri dei bambini.

    Guevara scuote la testa. Questo è inaccettabile Tutto il vostro villaggio è così povero. Eppure, i governanti della Bolivia, guidano macchine di lusso. Vivono in case dorate. Io trovo che questo non sia giusto, e tu?

    Io… esita Julia, sempre senza riuscire a sostenere quello sguardo. No, certo che no. Guevara sorride. Ricorda ai tuoi bambini che dovrebbero avere una scuola più bella, e che dovrebbero lottare per averla. Puoi fare questo per me?

    Certo risponde Julia, sempre più sorpresa.

    Il Che tace per un secondo.

    "Ora è

    Ti è piaciuta l'anteprima?
    Pagina 1 di 1