Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Ponti intrecciati: Versi 1954-1958
Ponti intrecciati: Versi 1954-1958
Ponti intrecciati: Versi 1954-1958
E-book77 pagine34 minuti

Ponti intrecciati: Versi 1954-1958

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Leggi anteprima

Info su questo ebook

“Ponti intrecciati” riprende la pia pratica di pregare l’uno per l’altro, inarcando così un ponte tra le persone. È una raccolta di poesie risalenti maggiormente agli anni 1954-1958, in cui Mariuccia Mauri vive, presso le Suore di Maria Ausiliatrice di Lecco, il percorso formativo. Mariuccia ci lascia una testimonianza autentica di una poetica del “vissuto”, che con genuinità e spontaneità riporta tratti di vita quotidiana. Rammenta i familiari, le amiche, il paese natio. La sua è una poesia spontanea, è la pura voce del cuore, la quale si iscrive in un contorno di realismo cristiano che riprende venature paniche e naturalistiche. Molte poesie furono riportate a suo tempo dai periodici locali. Ha ricevuto molti premi e riconoscimenti - insieme alla sua amica del cuore Giuliana Ramponi (1940-1954), di cui c’è una raccolta di racconti, dal titolo “Giuliana”, fatta redigere dai suoi genitori in occasione della sua scomparsa - tra cui il premio “Lourdes” nel 1958. Col ricavato di questo faceva un viaggio, appunto a Lourdes, il cui ricordo trasalisce tra le sue liriche sentite ed appassionate.
LinguaItaliano
Data di uscita7 ott 2020
ISBN9788869828478
Ponti intrecciati: Versi 1954-1958
Leggi anteprima

Categorie correlate

Recensioni su Ponti intrecciati

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

La recensione deve contenere almeno 10 parole

    Anteprima del libro

    Ponti intrecciati - Maria Mauri

    figli.

    Introduzione

    Ponti intrecciati sono preghiere che accomunano persone, anche distanti tra di loro. Ognuno prega per l’altro: così uno prega per uno e si fa un ponte, poi questo prega per un altro e si fa un altro ponte, poi codesto prega per un altro ancora e si fa un altro ponte ancora, poi quello… e così via. Alla fine capitava che alcuni ponti si intrecciavano, per cui ti trovavi che una persona lontana da te pregava per te, riallacciandosi allo stesso ponte che avevi lanciato tu. È un’esperienza di fede e di solidarietà bellissima. Per questo abbiamo voluto riprendere questo titolo dalla poesia Ponti.

    Chi è Mariuccia Mauri?

    Maria Mauri nasce a Barzio, comune e principale centro della Valsassina - allora in Provincia di Como - il 16 agosto del 1935. Dal 1974 vive ad Olgiate Comasco¹. Come ci racconta spassionatamente: è nata alle otto del mattino ed il suo nome di battesimo è Maria Giuseppina. Il padre, Carlo, fa il giardiniere, e la madre, Caterina, detta Rina, fa la casalinga. Ha due fratelli: Francesco e Adelio. Uno dei fratelli muore in un incidente stradale, andandosi a sbattere contro una pianta nel 1971. Lo cita anche in una poesia A mio fratello Adelio, ferito con manzoniana nota: «immoto giace»². Eco di questa vita familiare li troviamo sia nella poesia Mio padre, dove lo dipinge con un sorriso e «tornato fanciullo», sia in Le tre sentinelle, dove ricorda tre tuie che vigilano sui bambini del nido materno³.

    Di Barzio leggiamo nella Guida del Touring Club: «È la maggiore località (m.767, ab. 1331) di soggiorno turistico della valle. In origine la sua fortuna era legata alle attività casearie, che sfruttavano i facili accessi alla vicina Val Taleggio… Nella parrocchiale di S. Alessandro spicca una tela di Giovanni Stefano Montalto, della seconda metà del 600, Decollazione del Battista. Nell’ex oratorio di San Giovanni Battista è ora allestito, per volontà degli eredi, il Museo privato delle opere dello scultore Medardo Rosso (1858-1928). Di Barzio erano originari i Manzoni, potenti mercanti che commerciavano i prodotti della lavorazione del ferro nella valle…»⁴. Il bisnonno di Alessandro Manzoni, infatti, era di Barzio. Pare che Barzio fosse stato fondato dai Celti, o dai Longobardi, anche se vi sono tracce di insediamenti di epoca romana. Da questa località infatti passava la Via Spluga. Ecco come viene descritto nel Dizionario Corografico (1854): «Allegro villaggio della Valsassina in una valle eminente alle falde meridionali del Monte Pendaglio, a cui piedi scorre precipitosa la Pioverna. Il suo montuoso territorio non ha che pascoli e castagni, ma vi si alleva del bestiame e si fanno ottimi formaggi, oggetto principale di cui si occupa una piccola fiera che ivi si tiene ogni anno alla metà di settembre. Nei suoi contorni vi sono indizi di miniere di ferro, piombo

    Ti è piaciuta l'anteprima?
    Pagina 1 di 1