Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Poesie d’assuefanti bellezze
Poesie d’assuefanti bellezze
Poesie d’assuefanti bellezze
E-book145 pagine43 minuti

Poesie d’assuefanti bellezze

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Leggi anteprima

Info su questo ebook

L'assuefazione di bellezza che scaturisce dalla limpidezza e dalla naturalezza del mio sè mi porta ad esprimere quanto di straordinario serbo nel mio cuore, in modo tale che il lettore possa fondersi con l'energia in entropia costruttiva emanata dalle emozioni generate e possa confluire con quella cosmica e rigenerare l'universo, di cui tanto ne brama.
LinguaItaliano
Data di uscita6 ott 2020
ISBN9788831688901
Poesie d’assuefanti bellezze
Leggi anteprima

Categorie correlate

Recensioni su Poesie d’assuefanti bellezze

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

La recensione deve contenere almeno 10 parole

    Anteprima del libro

    Poesie d’assuefanti bellezze - Alessandro Paganelli

    Mondo.

    LUNGIMIRANTI RICORDI

    A volte, quando la mente s’accheta svuotandosi

    degli attanaglianti pensieri che normalmente

    l’assalgono, riaffiorano ricordi d’un tempo, con i

    quali ripercorro strade riassaporandone

    lungimiranti pensieri portatori di gioie e dolori reconditi

    Frammenti d’un estate

    Frammenti d’un estate costernata da luce,

    un’estate priva d’addii,

    un ‘estate che ha lasciato ricordi sulla pelle,

    ricordi di momenti intrisi di spensieratezza e gioia,

    ricordi d’un amore ricambiato, infuso

    in un amplesso d’estasi con il sol

    al qual senza nulla chieder

    m’ha donato significanti orgasmi d’energia.

    O mia dolce cara estate,

    con il cuor ricolmo di lacrime

    frutto di recondite nostalgie

    t’imploro di sopraggiungere

    al cospetto del mio tempo

    e di governare con acume

    il viaggio introspettivo dell’anima mia.

    Ti amo.

    Il tempo

    Esiste il tempo del dovere,

    il tempo del piacere,

    il tempo di scrivere d’amore,

    ed il tempo per distendersi

    acquietando i pensieri,

    abbandonandosi al recondito

    facendo si che la mente dei ricordi

    lavori incondizionata senza inibizioni,

    portando inevitabilmente il mio stato

    ad una condizione di bellezza o di dolore.

    Il ricordo generato dall’irrazionalità

    naviga nella natura incontrollabile

    del sé, governando senza rivali,

    ricordi di vita per cui dannarsi,

    ricordi di vita per cui gioire,

    costruendo e forgiando la vita

    d’immense crescite interiori.

    Nostalgie d’un tempo

    Acuto dolor nel mio cuor

    a rimembrar ricordi d’un tempo

    quando tutto fu perfetto

    quando tutto fu armonia assoluta,

    rivesto di ricordi il mio io

    immaginandomi catapultato in quel tempo,

    tempo d’armonia,

    tempo di gioia,

    tempo di bellezza recondita.

    Non smetterò mai di pensare

    e rivivere nella mente sub-cosciente

    le gioie provate,

    per ritrovare gli antichi battiti del cuore,

    generatori d’attuali energie

    tese a governare le lacrime

    di ricordi e bellezza.

    Il mare d’inverno

    Il mare d’inverno,

    rimembralo mi sovvien bellezza

    mischiata a nostalgia d’estate,

    tu dormiente leggiadro stai,

    baciato dal grigiore del ciel,

    non conosci sorriso ora,

    ma sol lacrime mischiate

    indissolubilmente con gocce di pioggia.

    Mi siedo disteso sul bagnasciuga

    a riassaporar ricordi d’esistenze felici,

    quando nell’acqua giocavo

    a rincorrer specchi di luce

    generati dai baci del sol

    meravigliandomi di quanto vivevo,

    in un afflato meraviglioso di gioie.

    Ora ti guardo e sorrido

    stringendomi dal freddo

    consapevole che esisteranno tempi

    di future gioie.

    A presto mio caro amico.

    Mio amato Padre

    Caro mio amato Padre

    ricordo quella tarda mattinata

    di diciannove anni fa,

    fu il 20 gennaio d’un sabato,

    ricordo quando l’anima sublime

    abbandonò il tuo corpo inerme

    e si ricongiunse con quella di Dio Padre,

    colui che ha l’immenso e lo

    straordinario potere paterno

    d’illuminar d’amor e rigenerarne

    Ti è piaciuta l'anteprima?
    Pagina 1 di 1