Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Lavorare con il russo (in azienda e non solo)

Lavorare con il russo (in azienda e non solo)

Leggi anteprima

Lavorare con il russo (in azienda e non solo)

Lunghezza:
74 pagine
49 minuti
Editore:
Pubblicato:
17 set 2020
ISBN:
9788831692038
Formato:
Libro

Descrizione

Terminato il primo ciclo di studi universitari (laurea triennale in mediazione linguistica o in lingue straniere) lo studente con una buona preparazione linguistica (livello intermedio) può incominciare a pensare ad un lavoro con il russo come free lance o come dipendente. Ma quasi sempre è necessaria una preparazione aggiuntiva o specifica. Traduzione editoriale, legale, audiovisiva, interpretazione simultanea e consecutiva, interpretariato forense, insegnamento nella scuola superiore, accompagnatore turistico: sono attività e professioni interessanti da prendere in considerazione.

Per che tipo di lavoro sono adatto? Una riflessione su questo argomento è importante e necessaria. Ma bisogna anche sapersi adattare e saper fare più di una cosa. Quindi non solo traduzione editoriale, ma anche legale, per esempio. Non solo traduzione scritta, ma anche orale. Non solo traduzione commerciale, ma anche tecnica. In passato le abilità per tradurre in russo documenti relativi a prodotti, servizi e macchinario, nonché quelle di interpretazione dialogica per la trattativa tecnico-commerciale venivano acquisite dal giovane mediatore sul posto di lavoro con lo studio autodidatta o con l’aiuto occasionale di colleghi più anziani. Evidentemente la preparazione linguistica generalista, non orientata ai linguaggi settoriali, non era motivo di preclusione al lavoro. Oggi non esistono più gli uffici per la traduzione della documentazione all’interno delle grandi aziende (un costo troppo oneroso) e il personale degli uffici commerciali e tecnici è ridotto. Per questi servizi l’azienda si rivolge sempre più spesso a traduttori esterni. Se invece assume qualcuno tende ad affidargli più di una mansione (non solo la traduzione), ma in ogni caso cerca un candidato con una buona conoscenza della lingua commerciale e tecnico-scientifica. Quindi la preparazione specialistica è ormai un requisito di base.

Le abilità richieste per espletare il servizio di traduzione tecnico-commerciale non sono state acquisite durante il corso di studi a impronta umanistico-culturale ma, poiché la richiesta del datore di lavoro è precisa, concreta e non differita, è necessario prepararsi in anticipo a corrispondere una prestazione qualitativamente dignitosa. Per ottenere questo bisogna raggiungere sicurezza, competenza e velocità nell’ascolto e nella comprensione del russo, scioltezza e precisione nell’espressione orale e scritta e nell’interpretariato “in consecutiva”.

Indice

Il russo all’università

Le lauree magistrali

I percorsi di studio professionalizzanti

I livelli linguistici e il russo per uso professionale

Le professioni

Interprete e traduttore aziendale

Cosa bisogna sapere per lavorare in azienda?

Suggerimenti per migliorare le proprie abilità linguistiche
Editore:
Pubblicato:
17 set 2020
ISBN:
9788831692038
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a Lavorare con il russo (in azienda e non solo)

Libri correlati

Anteprima del libro

Lavorare con il russo (in azienda e non solo) - Elisa Cadorin

macchinario.

Il russo all’università

Studiando russo all’università si raggiunge un buon livello?

Raramente.

Mi sono spesso chiesta perché non riusciamo a preparare in modo adeguato gli studenti russisti al lavoro in azienda e quindi in contesti di economia reale come descritto nel Manifesto degli studi della Laurea in Mediazione linguistica e culturale (L-12) e sono giunta alla conclusione che forse i docenti semplicemente non hanno letto il Manifesto.

Perché studiare il russo sembra facile e divertente all’inizio ma successivamente si rivela pesante e difficile?

Perché si usano manuali inadatti.

Nella maggior parte dei corsi universitari si utilizzano i cosiddetti typovye učebniki³ che sono manuali di lingua pensati per corsi intensivi in Russia (Doroga v Rossiju, Priglašenie v Rossiju, Poechali e simili) e orientati alla preparazione di studenti non russofoni che vogliono poi studiare nelle università russe. Quindi non vanno bene per corsi di lingua non intensivi tenuti in paesi stranieri non russofoni. Un tipico difetto dei tipovye učebniki è quello di spiegare le cose facili e non spiegare le cose difficili, oppure di anticipare strutture sintattiche difficili (per esempio l’espressione dell’età) senza dare i mezzi grammaticali per assimilarle, circostanza ideale, questa, per dare origine a lacune permanenti.

Inoltre non si dà la dovuta importanza alla lingua madre degli studenti⁴ che è quasi considerata un vero e proprio ostacolo. Certo, se lo studente vuole poi fare un lavoro in cui la lingua serve solo per capire istruzioni facili e per esprimere l’essenziale, questo va benissimo; oppure se studierà medicina, o altro in Russia per poi restare in là a lavorare, questi manuali sono ideali.

Non è questo però il caso della maggior parte dei nostri studenti universitari. A giustificazione dell’adozione dei manuali standard i docenti sostengono che sono estremamente conformi al programma degli esami di certificazione internazionale ТRKI-TORFL che verifica il livello di competenza del russo come lingua straniera. Ma non si vive di sola certificazione. Negli ultimi anni poi si nota l’utilizzo all’università di manuali di russo progettati per la scuola superiore⁵. È una pessima abitudine perché lo studente universitario ha bisogno di uno studio della lingua approfondito per poter arrivare a livelli di padronanza avanzati.

È un fattore negativo, inoltre, la dubbia motivazione del docente di lingua russa con formazione (e vocazione) letteraria costretto dalla contingenza ad insegnare lingua (Purtroppo insegno lingua ...), che troppo spesso non dà importanza alla presentazione di qualità degli argomenti linguistici e, in questo modo, favorisce la sedimentazione di lacune e, come si sa, una lacuna è per sempre.

D’altra parte, come è noto, il numero degli studenti di Mediazione che scelgono russo è notevolmente superiore a quello di Lingue, ma i programmi e gli obiettivi sono di fatto calibrati sul corso di Lingue⁶. Poiché le lezioni sono praticamente sempre unificate per entrambi i percorsi di studio, si attua un appiattimento che risulta comodo per i docenti che hanno fatto lingue e pensano come docenti di lingue e letterature e non di mediazione.

La conseguenza più evidente di questa situazione è l’inconsistenza dell’esame orale che in molti casi è il commento dell’esame scritto con una verifica delle conoscenze grammaticali partendo dagli errori fatti e, nel migliore dei casi, una breve conversazione e la ripetizione a memoria di riassunti (ereditati dai compagni degli anni precedenti) di brani letti (o non letti affatto) a lezione o a

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di Lavorare con il russo (in azienda e non solo)

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori