Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Sangue: versione filologica del racconto

Sangue: versione filologica del racconto

Leggi anteprima

Sangue: versione filologica del racconto

valutazioni:
5/5 (1 valutazione)
Lunghezza:
71 pagine
31 minuti
Editore:
Pubblicato:
14 mar 2021
ISBN:
9788831462174
Formato:
Libro

Descrizione

Ho letto l’eccellente racconto “Sangue” di Arcybašev, che, per la sua abilità artistica, è più potente di qualsiasi argomentazione per attirare le persone verso il vegetarianismo, o meglio, per liberarsi della superstizione relativa alla necessità di cibarsi di esseri viventi. Non sto a raccontarvi il contenuto di questo bel racconto, per non rovinarvelo, ma vi consiglio vivamente di acquisire dall’autore il permesso di pubblicarlo e di inserirlo integralmente o per estratti nella vostra rivista.
Con grande stima
Lev Tolstoj
Editore:
Pubblicato:
14 mar 2021
ISBN:
9788831462174
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a Sangue

Libri correlati

Categorie correlate

Anteprima del libro

Sangue - Mihail Arcybašev

Sangue

versione filologica del racconto

(1903)

a cura di Bruno Osimo

Copyright © Bruno Osimo 2020

Titolo originale dell’opera: Кровь

Traduzione dal russo di Rebecca Bossi, Maria Deliasanov, Alessia Gennari, Nicolas Grecchi, Alice Iotti, Chiara Lombardi, Elisa Massari, Martina Pagliafora, Silvia Paramithiotti, Francesca Pierri, Francesca Turri.

Bruno Osimo è un autore/traduttore che si autopubblica

La stampa è realizzata come print on sale da Kindle Direct Publishing

ISBN 9788831462174 per l’edizione elettronica

ISBN 9788831462181 per l’edizione cartacea

Contatti dell’autore-editore-traduttore: osimo@trad.it

Traslitterazione

La traslitterazione è realizzata in base alla norma ISO 9:

â si pronuncia come ‘ia’ in ‘fiato’ /ja/

c si pronuncia come ‘z’ in ‘zozzo’ /ts/

č si pronuncia come ‘c’ in ‘cena’ /tɕ/

e si pronuncia come ‘ie’ in ‘fieno’ /je/

ë si pronuncia come ‘io’ in ‘chiodo’ /jo/

è si pronuncia come ‘e’ in ‘lercio’ /e/

h si pronuncia come ‘c’ nel toscano ‘laconico’ /x/

š si pronuncia come ‘sc’ in ‘scemo’ /ʂ/

ŝ si pronuncia come ‘sc’ in ‘esci’ /ɕː/

û si pronuncia come ‘iu’ in ‘fiuto’ /ju/

z si pronuncia come ‘s’ in ‘rosa’ /z/

ž si pronuncia come ‘s’ in ‘pleasure’ /ʐ/

Sangue

I

Dai giovani possidenti Vinogràdov, sposati solo l’inverno scorso, che avevano vissuto tutto l’inverno in campagna, arrivarono ospiti: i due fratelli Borìsov e lo scrittore Gvózdev. Il maggiore dei Borìsov era un uomo sulla trentina molto magro, miope e molto buono. I capelli, come la barba, erano chiari e radi. Si chiamava Nikolàj Andréevič. Era libero docente.

Suo fratello, studente, lo chiamavano tutti semplicemente Sergéj, tutti lo adoravano per il suo aspetto sano e bello, la sua allegria, il suo carattere equilibrato, la sua arguzia e le sue idee simpatiche.

Gvózdev, Alekséj Petróvič, era un romanziere le cui opere erano molto apprezzate da quella parte del pubblico che innanzitutto richiede agli scrittori un’idea simpatica, sincera e buona. Si vestiva alla russa e si tagliava i capelli a scodella. Arrivarono tutti e tre nello stato d’animo migliore, e col loro arrivo rallegrarono l’atmosfera della casa.... Non solo i padroni di casa ma anche la servitù era contenta dell’arrivo di questi ospiti allegri e generosi. Ma soprattutto era contento lo stesso Vinogràdov: nonostante fosse sposato da poco, non si fosse ancora lasciato alle spalle il piacere febbrile dei primi contatti felici con la giovane moglie, bella e sana, la monotonia della vita di campagna e del solo amore cominciava a pesargli.

Quando la carrozza del zemstvo [¹] con attaccata una coppia di cavalli forti e robusti dalle code bagnate e legate, tintinnando e facendo rumore, si avvicinò al kryl'có [²] di casa Vinogràdov. Lo stesso Vinogràdov, senza cappotto né cappello, con addosso soltanto una vecchia tužurka [³] che portava in casa perché piaceva a sua moglie, sbucò sul kryl'có sorridendo allegro e vivace.

«Bravi ragazzi che siete venuti!» esclamò con la bella voce squillante.

Gli ospiti ridendo e rispondendo ai saluti balzarono fuori dalla carrozza, portando con sé i fucili e le cartucciere. Due meravigliosi cani da caccia saltarono fuori dietro di loro: il setter rosso scuro morbido e riccio di Gvózdev, di nome Aiax, e il gordon robusto e slanciato Marx, di Sergéj Borìsov.

Quando arrivò il lavorante Ivàn, digrignando i denti, dalla carrozza prese due sacche di tela e seguendo i signori le mise in anticamera.

«Cosa c’è?» chiese Vinogràdov, tutto felice, alzando le sopracciglia.

Ivàn, sempre digrignando i denti rivoltò il bordo di un sacco e spuntò il collo di alcune bottiglie, argentate e rosse. Gvózdev, toltosi il cappotto, si fermò e con la mano libera si diede dei colpetti sul collo [⁴] , in modo così espressivo da far ridere

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. Registrati per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di Sangue

5.0
1 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori