Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Ohei, bell fiœu...

Ohei, bell fiœu...

Leggi anteprima

Ohei, bell fiœu...

Lunghezza:
69 pagine
28 minuti
Editore:
Pubblicato:
30 gen 2020
ISBN:
9788831657426
Formato:
Libro

Descrizione

Le "sardine" non nuotano solo nei mari dell'Emilia Romagna. Ora sono

risalite numerose anche nei Navigli di Milano. Una in particolare, la

Ginetta, ha idealmente ingaggiato un serrato match critico col "guerriero"

Matteo Salvini, fatto di "resunàde" in rima nel dialetto meneghino. Ginetta

vs Matteo. Riuscirà a farlo ragionare?
Editore:
Pubblicato:
30 gen 2020
ISBN:
9788831657426
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Categorie correlate

Anteprima del libro

Ohei, bell fiœu... - Ambrogina Conca Varenna

633/1941.

Prefazione

La Conca Varenna Ginetta (diminutivo di Ambrogina – Gina)  - la mè nevòda - è una donna milanese, 48 anni compiuti, figlia di modesti ma dignitosi operai della gloriosa Centrale del Latte, operatrice precaria di un call-center, cresciuta nella periferia milanese nell’epoca della Milano-da-bere, periodo di grandi attese e però anche di grandi delusioni, caratterizzato dalla percezione di un benessere diffuso, a portata di mano, dal rampantismo arrivista e opulento dei ceti sociali emergenti e dall'importanza dell’immagine, dell’essere alla moda.

La Ginetta da giovane è stata compagna di giochi di Matteo (quale Matteo? Ma Salvini, ça va sans dire)

Poi, nell’adolescenza, quando Matteo è andato al Manzoni e lei è andata all’istituto per fare geometra (perché il papà le ha detto: Ciappa el diploma che l’è ‘me ona assicurazion su la vitta … e infatti!) le relazioni e le occasioni di incontro sono diventate più sporadiche fino a che lui non ha cominciato a frequentare, brillante già allora ma ancora in cerca di futuro, i quiz televisivi delle Tivù del Berlusca.

Ne ha fatta di strada. È diventato famoso e importante fino a fare il Senatore della Repubblica e poi anche il Ministro (cosa che mi sembra che lei fatichi a credere e consideri quasi surreale). Lei invece, che il lavoro duro, anche dieci ore al giorno, sa bene quanto pesi, è rimasta una precaria forse un po’ frustrata ma comunque sempre piena di passione e di dignità.

Così, mi ha raccontato che quel 1 dicembre, quando si è ritrovata in una piazza Duomo affollata di gente semplice come lei che cantava Bella ciao e i versi di De Andrè Voi non avete fermato il vento, gli avete fatto perdere tempo, non ha esitato a  sentirsi anche lei una sardina. Mentre sventolava il pesciolino di cartone che le avevano dato, si è ricordata di tutte le volte che ha immaginato di rivolgersi a lui, in modo virtuale e in dialetto meneghino, come se volesse farlo idealmente ragionare con la stessa confidenza schietta, impertinente e anche un po’ provocatoria di quando bisticciava alla pari con il quasi coetaneo e poteva cantargliele per le rime per qualche intemperanza verbale (già allora, non è difficile crederlo!), perché era la Ginetta di due anni più grande di lui. 

Come quella volta, quando lui l’ha ingenuamente e ingiustamente accusata di avergli rubato il pupazzetto di

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. Registrati per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di Ohei, bell fiœu...

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori