Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Dio parla nella solitudine

Dio parla nella solitudine

Leggi anteprima

Dio parla nella solitudine

Lunghezza:
143 pagine
1 ora
Pubblicato:
19 gen 2020
ISBN:
9781071526330
Formato:
Libro

Descrizione

Attraverso domande e risposte, il discepolo si addentra nella saggezza del maestro spirituale.Per questo, le sue conversazioni davanti al fuoco del caminetto, davanti all'icona, nel freddo della cella del maestro, o mediante estratti di lettere personali, trattano i vari temi che li assalgono a quelli che iniziano nel cammino spirituale: come iniziare a pregare, come vincere le distrazioni, che ruolo ha l'ascesi nella vita spirituale, che fare con i dubbi sulla propria vocazione e sulla fede, ecc.Nel libro prevalgono la realtà delle situazioni e la chiarezza nelle risposte, come espressione che si parla di ciò che si vive. 

Pubblicato:
19 gen 2020
ISBN:
9781071526330
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a Dio parla nella solitudine

Libri correlati

Articoli correlati

Anteprima del libro

Dio parla nella solitudine - Juan Pedropablo

Dialoghi sulla vita spirituale

Dio parla

nella solitudine

Esteban de Emmaus

e altri fratelli anonimi

INDICE

––––––––

Introduzione

Premessa di Fray Alberto E. Justo

DIALOGHI

Affermare Cristo

L'atteggiamento necessario 

Ego e ascetismo

La Vergine e il silenzio interiore

Digiuno superbia e conversione 

Un momento di tranquillità

Pregate sempre

L'esistenza di Dio e la bellezza 

Tra fede e ragione

In linea con la sua volontà

Una visita agli eremi 

Sermone agli aspiranti su unzione e riverenza

Discorso sul bisogno dello Spirito Santo

––––––––

LETTERE

Un modo per vincere

Fondamenti del giorno 

Come pregare

La preghiera continua 

Presenza sacra

ALLEGATI

Sull'attenzione I

Sull'attenzione II

Sull'attenzione III

INTRODUZIONE

Il dialogo è una forma pedagogica ampiamente usata nei primi tempi del cristianesimo. Attraverso domande e risposte, il discepolo stava entrando nella saggezza del maestro spirituale.

Riprendendo questa amata forma dei primi Padri del deserto, Fratel Esteban de Emaús ci presenta il cammino spirituale di un giovane novizio, in cui ognuno di noi è rappresentato, che chiede e manifesta i suoi dubbi al maestro spirituale con il desiderio di cominciare, entrare e salire sul cammino della vita contemplativa.

Dunque, le sue conversazioni davanti al fuoco del camino, davanti all'icona, nel freddo della cella del padrone.... o per mezzo di estratti di lettere personali, affrontano i vari argomenti che assalgono chi inizia il cammino spirituale: come cominciare a pregare, come superare le distrazioni, che ruolo ha l'ascesi nella vita spirituale, cosa fare con i dubbi sulla propria vocazione e sulla fede, ecc...... Tutto un variegato insieme di ostacoli e spiegazioni che portano pace al principiante e incoraggiano chi ha già superato i primi soggiorni del castello interno, nell'espressione di Santa Teresa.

Nel libro prevale la realtà delle situazioni e la chiarezza delle risposte, come espressione del fatto che si parla di ciò che si vive.

Non dubitiamo che questo libro possa essere un aiuto molto efficace e uno stimolo per tutti coloro che non osano iniziare il cammino di preghiera o, una volta iniziato, dubitare se seguirlo, di fronte alle difficoltà che si presentano.

indice

PROLOGO

––––––––

Spesso la sola menzione della solitudine produce una certa paura e non meno rifiuto, forse perché, per ora, altri valori e altre situazioni della vita umana sono troppo enfatizzati.

Ma qui non stiamo cercando di rivendicare, difendere o raccomandare un certo tipo di vita, ma piuttosto di indicare una realtà e persino una vocazione, proprio come ambito proprio di questa vita umana.

Prima o poi, si scopre una apertura, un desiderio di ampiezza e libertà che non è adeguatamente soddisfatto in questo mondo. Un impulso interiore, una fiamma accesa che spinge oltre e scopre la vocazione o la trascendenza nell'anima.

Qualcuno ha parlato di un sentimento oceanico, degli orizzonti di un mare senza confini che sembra avere uno stretto rapporto con l'interiorità dell'anima. O, meglio, che l'anima sia scoperta, sondata, nella bellezza di un paesaggio che continua sempre più lontano (o più vicino), più qui o oltre.

Poi scopriamo il deserto..... Il sentiero che tracciamo va più in profondità nel mistero della vita fino a quando passa al di là di ogni immagine, proprio perché il deserto segnala la trascendenza e il superamento delle immagini.

Un sentiero insormontabile, questo del cuore. Nonostante le tempeste, non l'abbiamo abbandonato.. Continuiamo, come il profeta Elia, perché c'è ancora molta strada da percorrere. Ma, come i vecchi maestri, sappiamo che chi è partito, in qualche modo, ha già raggiunto la sua destinazione.

E' l'Eremo Interiore che troviamo costruito come tempio per mano di Dio.

Lui vuole vivere lì, nel segreto, in quella felice intimità da cui niente e nessuno può  separarci.

È vero che ci sono molti richiami al deserto e alla solitudine nei percorsi di questo mondo e della sua geografia. È vero che ci sono luoghi che favoriscono la contemplazione e il silenzio.....

Ma come possiamo riconoscere quell'unico deserto se non era già presente nel nostro cuore? Come possiamo scoprire la solitudine e il silenzio se non erano realtà nascoste, prima della loro esistenza e manifestazione esterna?

Quando continuiamo e ci lasciamo alle spalle i fardelli che rendono difficile il nostro cammino, quando ci liberiamo di tanti bagaglio; poi nel profondo della notte percepiamo le prime luci dell'alba, quelle levanti dell'alba come diceva San Giovanni della Croce.

Perché qui, prima di tutto, siamo invitati a tornare al cuore e a scoprire la vita profonda nel deserto della nostra anima. Molte sono le vie della vita solitaria, anche se preferiamo dire che ad essa mancano le vie.

Forse nessuno saprà di questa solitudine.....

Perche, il mistero del deserto, chi può penetrarlo? Chi osa comprenderlo?

Il deserto può essere indovinato, intravisto, sospettato..... E' troppo intimo per sbriciolarlo ed esporlo davanti agli occhi avidi e curiosi.

Tutti noi, in qualche modo, siamo chiamati a risvegliarci alla scienza della solitudine. La vita degli antichi Padri del Deserto può essere esemplare e prototipica. La particolare luminosità di queste icone si rivela essere un magistero di santità.

Ci sono, poi, due tipi di solitari o eremiti: quelli che professano questa vita si ritirano fisicamente in un deserto materiale, e quelli che hanno scoperto l'eremo segreto e lo abitano, lontano dal mondo.

Non c'è dubbio che quella che potremmo chiamare la spiritualità del deserto è la linfa permanente che vivifica tutta l'esistenza religiosa.

I testi che seguono mostrano chiaramente che questa spiritualità è ancora viva e in vigore oggi anche in mezzo ai desacralizzati.

FR. ALBERTO E. JUSTO, O.P.

Circa la 2a edizione 

In questa seconda edizione sono state corrette alcune imperfezioni della prima edizione, dovute in generale alla trascrizione letterale sintattica dalla struttura di un web con formato blog, che è stato il mezzo in cui questi testi sono stati pubblicati per la prima volta.

(2009 -  Hesiquía blog)

––––––––

Alcuni titoli e testi sono stati modificati rispetto alla versione cartacea pubblicata da Narcea nel 2010.

––––––––

Abbiamo aggiunto il capitolo Presenza Sacra che è venuto a completare i due capitoli precedenti. Infine, abbiamo aggiunto tre allegati sull'attenzione, che consideriamo particolarmente rilevanti, poiché il suo autore la considera un'attitudine essenziale per la crescita spirituale.

Il Manuale di preghiera di Gesù, con tutti i testi pubblicati e inediti di Stefano di Emaús fino ad oggi, è attualmente in preparazione nel nostro editoriale.

I redattori

indice

AFFERMARE CRISTO

Non avrei mai sospettato, in quel momento, che la semplice prova che mi ha posto colui che in seguito avrebbe conosciuto come padre Vasily, stavo per trasformare completamente la mia vita.

Abbiamo condiviso i posti duri della classe turistica del treno. Le dodici ore che abbiamo trascorso insieme in mezzo al disagio e al rumore sono state decisive per me.

Ma questo sarà oggetto di un altro scritto; quello ora si occupa dell'affermazione o della negazione di Cristo e della piccola prova che il monaco mi ha suggerito di fare nella vita quotidiana.

Si trattava di iniziare a portare sempre una croce intorno al collo. Questo era il punto. Doveva essere una croce un po' più grande del solito, un po' più voluminosa di quelle di moda, quasi come quella usata dai vescovi. Il punto era che si notasse, per non passare inosservato.

Tutto qui?

Sì, è tutto; ma bisogna indossarlo ovunque e in ogni circostanza, tranne che per dormire, naturalmente. Quando sei sdraiato puoi tenerlo in una mano, delicatamente.

A me sembra semplice.

Allora non sarà difficile per te farlo", disse il monaco ridente.

Ma ho avuto enormi difficoltà. Come ho lottato nella vita quotidiana per non mancare la promessa, ho immaginato l'eremita ridere, conoscendo le resistenze che avrebbe dovuto affrontare. La prima cosa era la paura di ciò che avrebbero detto, la paura di essere creduto un pazzo religioso.

La prima occasione per negare Cristo è stata con il più vicino. Nessuno mi ha detto nulla, ma si vedeva che stavano guardando la croce fuori dall'angolo dell'occhio e che questo li ha sorpresi. Avevano una faccia da chiedere: "Che cos'ha che non va in lui? Potrei vedere allora come il mio ego si preoccupava dell'aspetto degli altri, cosa pensavano di me.

Ma mi sono ricordato dell'apostolo Pietro che nega al Signore di salvare la vita e non potevo permettermi di fare lo stesso per avere un'opinione con i conoscenti.

Ringraziai la situazione qualche tempo dopo, perché avevo l'opportunità di dire di sì a Cristo ogni volta che reprimevo l'impulso a tenere la croce sotto il cappotto, mettendola frettolosamente al collo prima della prospettiva di un nuovo incontro con qualcuno.

Il secondo nemico si è manifestato attraverso la moda o, piuttosto, che cosa è supposto per intonare o stonare. Non ho mai prestato particolare attenzione all'abbigliamento, ma ho sempre cercato di non rendermi ridicolo.

Tuttavia, indossare la croce sull'abbigliamento sportivo o da lavoro era a volte molto fuori luogo.

Mi resi conto allora che giudicavo duramente le persone che non erano in sintonia, perché nella mia paura del giudizio degli altri, non potevo fare a meno di vedere la proiezione delle mie opinioni.

Mi sono ricordato che con l'asta che misurate sarete misurati e sono stato grato per l'insegnamento che questa nuova comprensione mi ha dato.

E questa cosa fuori tono è stata molto interessante perché ciò che era discordante non solo in relazione all'abbigliamento, ma anche in relazione alle situazioni.

Molte volte, la logica è venuto a supplicarmi di nascondere la croce, che la sfida del monaco non includeva di portarla esposta in tutte le situazioni, che avevo già imparato quello che dovevo imparare e se fosse ragionevole, che non avrei commesso un eccesso.

Ma un sentimento che cresceva gradualmente in me, mi diceva che Cristo è il simbolo del senso della vita e che quel senso dovrebbe abbracciare tutti gli scenari possibili o non sarebbe stato

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. Registrati per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di Dio parla nella solitudine

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori