Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Agricoltura nel Medioevo

Agricoltura nel Medioevo

Leggi anteprima

Agricoltura nel Medioevo

Lunghezza:
179 pagine
2 ore
Pubblicato:
28 nov 2019
ISBN:
9780463228388
Formato:
Libro

Descrizione

Nel Medioevo l'agricoltura subì molti cambiamenti. I nobili e il clero erano considerati i membri più importanti della società feudale. Tuttavia, non furono mai la maggioranza: nel Medioevo, quasi tutte le persone erano contadini. Non tutti gli agricoltori avevano la stessa categoria e lo stesso status sociale. Molti di loro erano uomini liberi. Tra questi, alcuni erano piccoli proprietari terrieri che vivevano sulla propria terra, mentre altri, i coloni, affittarono al signore feudale un piccolo appezzamento di terra.

Pubblicato:
28 nov 2019
ISBN:
9780463228388
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore

Martin Bakers, is the pen name of a history and science author that aims to organize and collect technical, historical and scientific information.The student or the scientist, will be able to satisfy his needs of consultation and of study, by means of a work supported by abundant number of sources and bibliographical references.


Correlato a Agricoltura nel Medioevo

Libri correlati

Articoli correlati

Anteprima del libro

Agricoltura nel Medioevo - Martin Bakers

Agricoltura nel Medioevo

L'agricoltura nel Medioevo descrive le pratiche agricole, le colture, la tecnologia, la società agricola e l'economia dell'Europa dalla caduta dell'Impero Romano d'Occidente nel 476 a circa 1500. Il Medioevo viene talvolta chiamato Età o Periodo Medievale. Il Medioevo è anche diviso in Medioevo, Alto e Tardo Medioevo. Il primo periodo moderno seguì il Medioevo.

Epidemie e raffreddamento climatico hanno causato una forte riduzione della popolazione europea nel VI secolo. Rispetto al periodo romano, l'agricoltura nel Medioevo nell'Europa occidentale divenne più focalizzata sull'autosufficienza. Il periodo feudale iniziò intorno al 1000. La popolazione agricola sotto feudalesimo nel nord Europa era in genere organizzata in manieri costituiti da diverse centinaia o più acri di terra presieduta da un signore della proprietà terriera, con una chiesa e un prete cattolici romani. La maggior parte delle persone che vivevano nel maniero erano contadini o servi contadini che coltivavano da soli e lavoravano per il signore e la chiesa o pagavano l'affitto per la loro terra. Orzo e grano erano le colture più importanti nella maggior parte delle regioni europee; sono stati anche coltivati ​​avena e segale, insieme a una varietà di frutta e verdura. Buoi e cavalli venivano usati come animali da tiro. Le pecore venivano allevate per la lana e i maiali venivano allevati per la carne.

I fallimenti delle colture a causa del maltempo erano frequenti durante il Medioevo e spesso ne derivava la carestia. Nonostante le difficoltà, ci sono prove antropometriche che gli uomini europei medievali fossero più alti (e quindi presumibilmente meglio nutriti) degli uomini del precedente impero romano e della successiva era moderna.

Il sistema agricolo medievale iniziò a guastarsi nel XIV secolo con lo sviluppo di metodi agricoli più intensivi nei Paesi Bassi e dopo le perdite di popolazione causate dalla Morte Nera nel 1347-1351, rese più terra disponibile per un numero ridotto di agricoltori. Le pratiche agricole medievali, tuttavia, continuarono con pochi cambiamenti nelle regioni slave e in alcune altre aree fino alla metà del XIX secolo.

Ponendo le basi

Tre eventi hanno posto le basi - e influenzerebbero l'agricoltura per secoli - in Europa. La prima fu la caduta dell'Impero Romano d'Occidente che iniziò a perdere il territorio a causa degli invasori barbari intorno al 400. L'ultimo imperatore romano occidentale abdicò nel 476. Successivamente, le terre e le persone dell'ex Impero Romano d'Occidente furono divise tra diversi gruppi etnici, la cui regola era spesso effimera e costantemente in flusso. I fattori unificanti dell'Europa furono la graduale adozione della religione cristiana da parte della maggior parte degli europei e nell'Europa occidentale l'uso del latino come lingua comune di comunicazione internazionale, borse di studio e scienza. Il greco aveva uno status simile nell'Impero Romano d'Oriente.

In secondo luogo fu un'era di raffreddamento globale iniziata nel 536 e terminata intorno al 660. Il raffreddamento fu causato dalle eruzioni vulcaniche nel 536, 540 e 547. Lo storico bizantino Procopius disse che il sole emise la sua luce senza luminosità. Le temperature estive in Europa sono scese fino a 2,5 ° C (4,5 ° F) e il cielo è stato oscurato dalla polvere vulcanica nell'atmosfera per 18 mesi, sufficiente per causare guasti alle colture e carestia. Le temperature sono rimaste inferiori al precedente periodo romano per più di cento anni. La piccola era glaciale tardoantica ha preceduto e può aver influenzato una serie di eventi dirompenti, tra cui pandemie, migrazione umana e turbolenze politiche.

Terzo, fu la peste di Giustiniano che iniziò nel 541, si diffuse in tutta Europa e si ripeté periodicamente fino al 750. La peste potrebbe aver ucciso fino al 25 percento della popolazione dell'Impero romano o bizantino orientale e una percentuale simile nell'Europa occidentale e settentrionale. Il doppio impatto sulla popolazione del raffreddamento climatico e della peste ha portato a una riduzione dei raccolti di grano. Il racconto di Giovanni di Efeso sul viaggio attraverso le aree rurali parla di raccolti di grano... bianchi e in piedi ma non c'era nessuno che li raccolse e immagazzinasse il grano e Vigneti, la cui stagione del raccolto andava e veniva con nessuno da raccogliere e premere l'uva. John parla anche del rigido inverno, presumibilmente causato dalla polvere vulcanica.

La conseguenza di questi fattori fu che la popolazione europea era sostanzialmente inferiore nel 600 rispetto al 500. La stima di uno studioso era che la popolazione nella penisola italiana era diminuita da 11 milioni in 500 a 8 milioni in 600 e rimase a quel livello per quasi 300 anni. Il calo della popolazione di altre parti d'Europa era probabilmente di entità simile.

The Dark Ages

L'opinione popolare è che la caduta dell'Impero romano occidentale causò un periodo oscuro nell'Europa occidentale in cui conoscenza e civiltà, arti dell'eleganza e molte delle arti utili furono trascurate o perse. Al contrario, tuttavia, il numero di agricoltori che costituivano l'80% o più della popolazione totale, potrebbe essere migliorato a seguito dell'Impero romano. La caduta di Roma ha visto la riduzione degli oneri fiscali, l'indebolimento dell'aristocrazia e, di conseguenza, una maggiore libertà per i contadini. La campagna dell'Impero Romano era costellata di ville o proprietà, caratterizzate da Plinio il Vecchio come la rovina dell'Italia. Le tenute erano di proprietà di ricchi aristocratici e lavoravano in parte da schiavi. Più di 1.500 ville sono note per essere esistite nella sola Inghilterra. Con la caduta di Roma, le ville furono abbandonate o trasformate in usi utilitaristici piuttosto che d'élite. Nell'Europa occidentale, quindi, sembriamo vedere l'effetto di una liberazione dalla pressione del mercato imperiale romano, dell'esercito e delle tasse, e di un ritorno all'agricoltura basato più sui bisogni locali.

La popolazione diminuisce del VI secolo e, quindi, una carenza di manodopera potrebbe aver facilitato una maggiore libertà tra le popolazioni rurali che erano o schiave o erano state legate alla terra sotto il diritto romano.

L'Impero Romano d'Oriente. All'inizio del Medioevo la storia agricola dell'Impero Romano d'Oriente differiva da quella dell'Europa occidentale. Il V e il VI secolo videro un'espansione dell'agricoltura orientata al mercato e industriale, in particolare dell'olio d'oliva e del vino, e l'adozione di nuove tecnologie come i frantoi e il vino. Anche i modelli di insediamento a est erano diversi da quelli a ovest. Piuttosto che le ville dell'Impero romano a ovest, i contadini dell'est vivevano in villaggi che continuavano ad esistere e persino ad espandersi.

Penisola Iberica. La penisola iberica sembra aver vissuto un'esperienza diversa dall'Europa orientale e occidentale. Vi sono prove dell'abbandono dei terreni agricoli e del rimboschimento a causa dello spopolamento, ma anche prove di un ampliamento del pascolo e dell'allevamento di bestiame orientato al mercato di cavalli, muli e asini. L'economia della penisola iberica sembra essersi disconnessa dal resto dell'Europa e, invece, è diventata un importante partner commerciale del Nord Africa nel quinto secolo, molto prima della conquista omayyade della penisola nel 711.

Agricoltura musulmana in Iberia

In quello che lo storico Andrew Watson chiamò la rivoluzione agricola araba, i sovrani arabi islamici di gran parte di Al Andalus (VIII-XV secolo) introdussero o diffondono un gran numero di nuove colture e nuove tecnologie agricole nella penisola iberica (Spagna e Portogallo). Le colture introdotte dagli arabi includevano canna da zucchero, riso, grano duro (grano duro), agrumi, cotone e fichi. Molte di queste colture richiedevano sofisticati metodi di irrigazione, gestione delle risorse idriche e tecnologie agricole come rotazione delle colture, gestione dei parassiti e fertilizzazione delle colture con mezzi naturali. Alcuni studiosi hanno messo in dubbio quanta parte della rivoluzione agricola araba (o musulmana) fosse unica e quanto fosse un risveglio e un'espansione della tecnologia sviluppata in Medio Oriente durante i secoli del dominio romano. Sia che il merito dell'invenzione appartenga principalmente al popolo del Medio Oriente durante l'impero romano o all'arrivo degli arabi, il paesaggio iberico è cambiato profondamente a partire dall'VIII secolo.

Feudalesimo

A poco a poco, il sistema romano di ville e proprietà agricole che utilizzavano in parte il lavoro degli schiavi fu sostituito da manoralismo e servitù. Lo storico Peter Sarris ha identificato le caratteristiche della società feudale nell'Italia del sesto secolo e ancor prima nell'impero bizantino e in Egitto. Una delle differenze tra la villa e il maniero medievale era che l'agricoltura della villa era orientata al commercio e specializzata mentre il maniero era diretto verso l'autosufficienza.

La schiavitù, importante per la forza lavoro agricola dell'Impero Romano, si estinse nell'Europa occidentale nel 1100. Gli schiavi dell'Impero Romano erano proprietà, come il bestiame, senza diritti di persona e potevano essere venduti o scambiati per volontà del suo proprietario. Allo stesso modo, il servo era legato alla terra e non poteva lasciare la sua servitù, ma il suo possesso sulla terra era sicuro. Se il maniero cambiò proprietario, i servi rimasero sulla terra. I servi avevano diritti limitati sulla proprietà, sebbene la loro libertà di movimento fosse limitata e dovevano lavoro o affitto al loro signore.

Il feudalesimo era in piena fioritura per la maggior parte del nord Europa dal 1000 e il suo cuore era le ricche terre agricole nella valle della Senna in Francia e nella valle del Tamigi in Inghilterra. La popolazione medievale era divisa in tre gruppi: quelli che pregano, quelli che combattono e quelli che lavorano. Il servo e l'agricoltore sostenevano con fatica e tasse il clero che pregava e i nobili signori, cavalieri e guerrieri che combattevano. In cambio l'agricoltore ha ricevuto i benefici (o l'onere) della religione e della protezione dai soldati montati e pesantemente corazzati. La chiesa prese la sua decima e i soldati richiesero un grande investimento economico. Un abisso sociale e legale risultò tra il sacerdote, il cavaliere e il contadino. Inoltre, con la fine dell'Impero Carolingio (800–888), il potere dei re diminuì e l'autorità centrale fu poco sentita. Così, la campagna europea divenne un mosaico di piccoli feudi semi-autonomi di signori e clero che governavano una popolazione prevalentemente di agricoltori, alcuni relativamente prosperi, alcuni possedenti terra e altri senza terra.

Un importante fattore che contribuì alla morte del feudalesimo nella maggior parte dell'Europa fu la morte nera del 1347-1351 e le successive epidemie che uccisero un terzo o più della popolazione europea. All'indomani della Morte Nera, la terra era abbondante e il lavoro era scarso e le relazioni rigide tra gli agricoltori. la chiesa e la nobiltà cambiarono. Il feudalesimo è generalmente considerato terminato nell'Europa occidentale intorno al 1500, anche se i servi non furono finalmente liberati in Russia fino al 1861.

The Manor. I terreni agricoli nel Medioevo sotto il feudalesimo erano generalmente organizzati in manieri. Il maniero medievale consisteva in diverse centinaia (o talvolta migliaia) acri di terra. Una grande casa padronale fungeva da casa o casa part-time del

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. Registrati per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di Agricoltura nel Medioevo

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori