Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Il Medioevo
Il Medioevo
Il Medioevo
E-book168 pagine2 ore

Il Medioevo

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Info su questo ebook

Quando parliamo del Medioevo, parliamo di un periodo storico che va dal V secolo al 15 ° secolo. Dieci secoli di storia che inizia con la caduta dell'Impero Romano d'Occidente, nel 476 d.C. e che termina alla fine del XV secolo, nel 1492, con la scoperta del continente americano. Il Medioevo fu un periodo di storia europea che lasciò profonde tracce nel continente. Segnato da importanti eventi storici, l'inizio e la fine di questo periodo sono stati segnati da importanti cambiamenti culturali, politici, religiosi, sociali ed economici, diventando uno dei periodi più affascinanti della storia.

LinguaItaliano
Data di uscita10 nov 2019
ISBN9780463764282
Il Medioevo
Leggi anteprima
Autore

Mikael Eskelner

Mikael Eskelner is the pen name of a history and science author that aims to organize and collect technical, historical and scientific information.The student or the scientist, will be able to satisfy his needs of consultation and of study, by means of a work supported by abundant number of sources and bibliographical references.

Correlato a Il Medioevo

Libri correlati

Articoli correlati

Recensioni su Il Medioevo

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

    Anteprima del libro

    Il Medioevo - Mikael Eskelner

    Sintesi storica del Medioevo

    Il Medioevo è uno dei tre periodi principali nel programma più duraturo per l'analisi della storia europea: civiltà classica o antichità; il Medioevo; e il periodo moderno. Il Medioevo appare per la prima volta in latino nel 1469 come tempeste mediatiche o media stagione. All'inizio, c'erano molte varianti, tra cui medio aevum, o medioevo, registrato per la prima volta nel 1604, e saecula dei media, o medioevo, registrato per la prima volta nel 1625. L'aggettivo medievale (o talvolta medievale o "mediæval), che significa pertinente al Medioevo, deriva dal medio evo.

    Gli scrittori medievali dividevano la storia in periodi come i Sei secoli o i Quattro imperi e consideravano il loro tempo come l'ultimo prima della fine del mondo. Quando si riferivano ai loro tempi, ne parlavano come moderni. Nel 1330, l'umanista e poeta Petrarca si riferiva al periodo precristiano come antiqua (o antico) e al periodo cristiano come nova (o nuovo). Leonardo Bruni fu il primo storico a usare la periodizzazione tripartita nella sua Storia del popolo fiorentino (1442), con un periodo di mezzo tra la caduta dell'Impero romano e il rilancio della vita cittadina alla fine dell'XI e XII secolo. La periodizzazione tripartita divenne standard dopo che lo storico tedesco del XVII secolo Christoph Cellarius divise la storia in tre periodi: antico, medievale e moderno.

    Il punto di partenza più comunemente indicato per il Medioevo è di circa 500, con la data di 476 utilizzata per la prima volta da Bruni. Le date di inizio successive sono talvolta utilizzate nelle parti esterne dell'Europa. Per l'Europa nel suo insieme, 1500 è spesso considerata la fine del Medioevo, ma non esiste una data di fine universalmente concordata. A seconda del contesto, vengono talvolta utilizzati eventi come la conquista di Costantinopoli da parte dei turchi nel 1453, il primo viaggio di Cristoforo Colombo nelle Americhe nel 1492 o la Riforma protestante nel 1517. Gli storici inglesi usano spesso la Battaglia di Bosworth Field nel 1485 per segnare la fine del periodo. Per la Spagna, le date comunemente usate sono la morte del re Ferdinando II nel 1516, la morte della regina Isabella I di Castiglia nel 1504 o la conquista di Granada nel 1492.

    Gli storici dei paesi di lingua Romantica tendono a dividere il Medioevo in due parti: un precedente periodo Alto e poi Basso. Gli storici di lingua inglese, seguendo le loro controparti tedesche, generalmente suddividono il Medioevo in tre intervalli: Early, High e Late. Nel diciannovesimo secolo, l'intero Medioevo veniva spesso indicato come Medioevo, ma con l'adozione di queste suddivisioni, l'uso di questo termine fu limitato all'Alto Medioevo, almeno tra gli storici.

    Impero basso

    L'impero romano raggiunse la sua massima estensione territoriale durante il II secolo d.C.; i due secoli seguenti furono testimoni del lento declino del controllo romano sui suoi territori periferici. Questioni economiche, tra cui l'inflazione, e la pressione esterna sulle frontiere si sono unite per creare la crisi del terzo secolo, con gli imperatori che salgono sul trono solo per essere rapidamente sostituiti da nuovi usurpatori. Le spese militari aumentarono costantemente durante il 3 ° secolo, principalmente in risposta alla guerra con l'Impero sasanico, che rianimò a metà del 3 ° secolo. L'esercito raddoppiò di dimensioni e la cavalleria e le unità più piccole sostituirono la legione romana come principale unità tattica. La necessità di entrate ha portato ad un aumento delle tasse e ad un calo del numero della classe curiale, o dei proprietari terrieri, e un numero decrescente di loro disposti a sostenere gli oneri di insediamento nelle loro città native. Furono necessari più burocrati nell'amministrazione centrale per far fronte alle esigenze dell'esercito, il che portò a lamentele da parte dei civili che c'erano più esattori delle tasse nell'impero che contribuenti.

    L'imperatore Diocleziano (r. 284–305) divise l'impero in metà orientali e occidentali separate nel 286; l'impero non era considerato diviso dai suoi abitanti o sovrani, poiché le promulgazioni legali e amministrative in una divisione erano considerate valide nell'altra. Nel 330, dopo un periodo di guerra civile, Costantino il Grande (r. 306–337) rifondò la città di Bisanzio come la capitale orientale appena ribattezzata, Costantinopoli. Le riforme di Diocleziano rafforzarono la burocrazia governativa, riformarono la tassazione e rafforzarono l'esercito, che acquistò il tempo dell'impero ma non risolse i problemi che stava affrontando: tasse eccessive, un tasso di natalità in calo e pressioni sulle sue frontiere, tra gli altri. La guerra civile tra imperatori rivali divenne comune a metà del IV secolo, distogliendo i soldati dalle forze di frontiera dell'impero e permettendo agli invasori di invadere. Per gran parte del IV secolo, la società romana si stabilizzò in una nuova forma che differiva dal precedente periodo classico, con un abisso allargato tra ricchi e poveri e un declino della vitalità delle città più piccole. Un altro cambiamento fu la cristianizzazione, o conversione dell'impero in cristianesimo, un processo graduale che durò dal II al V secolo.

    Nel 376, i Goti, in fuga dagli Unni, ricevettero il permesso dall'imperatore Valente (r. 364-378) di stabilirsi nella provincia romana di Tracia nei Balcani. L'insediamento non andò per il verso giusto e quando i funzionari romani gestirono male la situazione, i Goti iniziarono a razziare e saccheggiare. Valens, nel tentativo di arginare il disordine, fu ucciso combattendo i Goti nella battaglia di Adrianopoli il 9 agosto 378. Oltre alla minaccia di tali confederazioni tribali del nord, causarono divisioni interne all'interno dell'impero, specialmente all'interno della Chiesa cristiana. i problemi. Nel 400 i Visigoti invasero l'Impero Romano d'Occidente e, sebbene per breve tempo costretti a ritirarsi dall'Italia, nel 410 saccheggiarono la città di Roma. Nel 406 gli Alani, i Vandali e i Suevi attraversarono la Gallia; nei tre anni successivi si diffusero in Gallia e nel 409 attraversarono i Pirenei nella Spagna moderna. Il periodo migratorio iniziò, quando vari popoli, inizialmente in gran parte germanici, si trasferirono in Europa. I Franchi, Alemanni e i Borgognoni finirono tutti nella Gallia settentrionale mentre Angoli, Sassoni e Iuta si stabilirono in Gran Bretagna e i Vandali attraversarono lo stretto di Gibilterra dopo di che conquistarono la provincia dell'Africa. Nel 430 gli Unni iniziarono a invadere l'impero; il loro re Attila (r. 434–453) condusse invasioni nei Balcani nel 442 e 447, in Gallia nel 451 e in Italia nel 452. La minaccia hunnica rimase fino alla morte di Attila nel 453, quando la confederazione hunnica da lui guidata cadde a pezzi. Queste invasioni da parte delle tribù cambiarono completamente la natura politica e demografica di quello che era stato l'Impero Romano d'Occidente.

    Alla fine del V secolo la sezione occidentale dell'impero era divisa in unità politiche più piccole, governate dalle tribù che avevano invaso la prima parte del secolo. La deposizione dell'ultimo imperatore d'Occidente, Romolo Augusto, nel 476 ha tradizionalmente segnato la fine dell'Impero Romano d'Occidente. Nel 493 la penisola italiana fu conquistata dagli Ostrogoti. L'Impero Romano d'Oriente, spesso indicato come Impero Bizantino dopo la caduta della sua controparte occidentale, aveva poca capacità di affermare il controllo sui territori occidentali perduti. Gli imperatori bizantini mantennero una pretesa sul territorio, ma mentre nessuno dei nuovi re in Occidente osava elevarsi alla posizione di imperatore occidentale, il controllo bizantino di gran parte dell'Impero occidentale non poteva essere sostenuto; la riconquista della periferia del Mediterraneo e della penisola italiana (Guerra gotica) nel regno di Giustiniano (r. 527-565) fu l'unica, e temporanea, eccezione.

    Primo Medioevo

    Nuove società

    La struttura politica dell'Europa occidentale cambiò con la fine dell'Impero romano unito. Sebbene i movimenti di popoli durante questo periodo siano generalmente descritti come invasioni, non erano solo spedizioni militari ma migrazioni di interi popoli nell'impero. Tali movimenti furono aiutati dal rifiuto delle élite romane occidentali di sostenere l'esercito o pagare le tasse che avrebbero permesso ai militari di reprimere la migrazione. Gli imperatori del V secolo furono spesso controllati da uomini forti come Stilicho (d. 408), Eetius (d. 454), Aspar (d. 471), Ricimer (d. 472) o Gundobad (d. 516), che erano parzialmente o totalmente di origine non romana. Quando la linea di imperatori occidentali cessò, molti dei re che li sostituirono provenivano dallo stesso passato. Il matrimonio tra i nuovi re e le élite romane era comune. Ciò portò a una fusione della cultura romana con le usanze delle tribù invasori, comprese le assemblee popolari che consentivano ai membri tribali maschi liberi di dire più in questioni politiche di quanto fosse comune nello stato romano. I manufatti materiali lasciati dai romani e dagli invasori sono spesso simili e gli oggetti tribali venivano spesso modellati su oggetti romani. Gran parte della cultura accademica e scritta dei nuovi regni si basava anche sulle tradizioni intellettuali romane. Una differenza importante è stata la graduale perdita di entrate fiscali da parte delle nuove politiche. Molte delle nuove entità politiche non hanno più supportato i loro eserciti attraverso le tasse, basandosi invece sulla concessione di terreni o affitti. Ciò significava che c'era meno bisogno di grandi entrate fiscali e quindi i sistemi fiscali sono decaduti. La guerra era comune tra e all'interno dei regni. La schiavitù diminuì quando l'offerta si indebolì e la società divenne più rurale.

    Tra il V e l'VIII secolo, nuovi popoli e individui riempirono il vuoto politico lasciato dal governo centralizzato romano. Gli Ostrogoti, una tribù gotica, si stabilirono nell'Italia romana alla fine del V secolo sotto Teodorico il Grande (m. 526) e istituirono un regno segnato dalla sua cooperazione tra gli italiani e gli Ostrogoti, almeno fino agli ultimi anni di Il regno di Teodorico. I Borgognoni si insediarono in Gallia, e dopo che un regno precedente fu distrutto dagli Unni nel 436, formò un nuovo regno nel 440s. Tra l'odierna Ginevra e Lione, è cresciuto fino a diventare il regno della Borgogna tra la fine del 5 ° e l'inizio del 6 ° secolo. Altrove in Gallia, i Franchi e i Celti britannici istituirono piccole politiche. La Francia era centrata nella Gallia settentrionale e il primo re di cui si conosce molto è Childerico I (m. 481). La sua tomba fu scoperta nel 1653 ed è notevole per i suoi beni tombali, che includevano armi e una grande quantità di oro.

    Sotto il figlio di Childeric, Clodoveo I (r. 509-511), fondatore della dinastia merovingia, il regno franco si espanse e si convertì al cristianesimo. I britannici, imparentati con i nativi della Britannia - la Gran Bretagna moderna - si stabilirono in quella che oggi è la Bretagna. Altre monarchie furono istituite dal regno visigoto nella penisola iberica, dal Suebi nell'Iberia nordoccidentale e dal regno vandalico nel Nord Africa. Nel sesto secolo, i Longobardi si stabilirono nel Nord Italia, sostituendo

    Ti è piaciuta l'anteprima?
    Pagina 1 di 1