Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

La vita nel Medioevo

La vita nel Medioevo

Leggi anteprima

La vita nel Medioevo

Lunghezza:
390 pagine
5 ore
Pubblicato:
6 nov 2019
ISBN:
9780463470657
Formato:
Libro

Descrizione

Nella storia dell'Europa, il Medioevo (o periodo medievale) è durato dal 5 ° al 15 ° secolo. Iniziò con la caduta dell'Impero Romano d'Occidente e si unì al Rinascimento e l'Età della Scoperta. Il Medioevo è il periodo medio delle tre divisioni tradizionali della storia occidentale: l'antichità classica, il periodo medievale e il periodo moderno. In questo lungo periodo di mille anni ci furono tutti i tipi di eventi e processi che erano molto diversi tra loro, differenziati temporalmente e geograficamente, rispondendo sia alle reciproche influenze con altre civiltà e spazi sia alle dinamiche interne. Molti di loro hanno avuto una grande proiezione verso il futuro, tra cui quelli che hanno posto le basi dello sviluppo della successiva espansione europea e dello sviluppo di agenti sociali che hanno sviluppato una società prevalentemente rurale ma hanno assistito alla nascita di una vita urbana incipiente e una borghesia che alla fine svilupperà il capitalismo.
Authors: Mikael Eskelner, Martin Bakers, Tobias Lanslor

Pubblicato:
6 nov 2019
ISBN:
9780463470657
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore

Mikael Eskelner is the pen name of a history and science author that aims to organize and collect technical, historical and scientific information.The student or the scientist, will be able to satisfy his needs of consultation and of study, by means of a work supported by abundant number of sources and bibliographical references.


Correlato a La vita nel Medioevo

Libri correlati

Articoli correlati

Anteprima del libro

La vita nel Medioevo - Mikael Eskelner

introduzione

Nella storia dell'Europa, il Medioevo (o periodo medievale) è durato dal 5 ° al 15 ° secolo. Iniziò con la caduta dell'Impero Romano d'Occidente e si unì al Rinascimento e l'Età della Scoperta. Il Medioevo è il periodo medio delle tre divisioni tradizionali della storia occidentale: l'antichità classica, il periodo medievale e il periodo moderno. Il periodo medievale è a sua volta suddiviso in Medioevo, Alto e Tardo Medioevo.

Il declino della popolazione, la controurbanizzazione, il collasso dell'autorità centralizzata, le invasioni e le migrazioni di massa delle tribù, iniziate nella tarda antichità, continuarono nell'alto medioevo. I movimenti su larga scala del periodo migratorio, compresi vari popoli germanici, formarono nuovi regni in ciò che rimase dell'Impero romano occidentale. Nel VII secolo, il Nord Africa e il Medio Oriente - un tempo parte dell'Impero bizantino - passarono sotto il dominio del califfato omayyade, un impero islamico, dopo la conquista da parte dei successori di Maometto. Sebbene ci siano stati cambiamenti sostanziali nella società e nelle strutture politiche, la rottura con l'antichità classica non è stata completa. Il grande impero bizantino, continuazione diretta di Roma, sopravvisse nel Mediterraneo orientale e rimase una grande potenza. Il codice di legge dell'impero, il Corpus Juris Civilis o Codice di Giustiniano, fu riscoperto nel Nord Italia nel 1070 e fu ampiamente ammirato più tardi nel Medioevo. In Occidente, la maggior parte dei regni incorporava le poche istituzioni romane esistenti. I monasteri furono fondati mentre proseguivano le campagne per cristianizzare l'Europa pagana. I Franchi, sotto la dinastia dei Carolingi, fondarono brevemente l'Impero Carolingio durante l'ottavo e l'inizio del IX secolo. Coprì gran parte dell'Europa occidentale, ma in seguito cedette alle pressioni delle guerre civili interne combinate con invasioni esterne: vichinghi da nord, magiari da est e saraceni da sud.

Durante l'Alto Medioevo, che iniziò dopo il 1000, la popolazione europea aumentò notevolmente poiché le innovazioni tecnologiche e agricole permisero al commercio di prosperare e il periodo di riscaldamento del Medioevo permise di aumentare i raccolti. Il manorismo, l'organizzazione dei contadini nei villaggi che dovevano pagare l'affitto e il lavoro ai nobili, e il feudalesimo, la struttura politica in base alla quale cavalieri e nobili di basso livello dovevano prestare servizio militare ai loro signori in cambio del diritto di affitto da terre e manieri due dei modi in cui la società era organizzata nell'alto medioevo. Le crociate, predicate per la prima volta nel 1095, furono tentativi militari da parte dei cristiani dell'Europa occidentale di riguadagnare il controllo della Terra Santa dai musulmani. I re divennero i capi di stati-nazione centralizzati, riducendo il crimine e la violenza ma rendendo più distante l'ideale di una cristianità unificata. La vita intellettuale era caratterizzata dallo scolasticismo, una filosofia che enfatizzava l'unione della fede con la ragione e la fondazione delle università. La teologia di Tommaso d'Aquino, i dipinti di Giotto, la poesia di Dante e Chaucer, i viaggi di Marco Polo e l'architettura gotica di cattedrali come Chartres sono tra i risultati eccezionali verso la fine di questo periodo e nel tardo Medioevo.

Il tardo medioevo fu caratterizzato da difficoltà e calamità tra cui carestia, pestilenza e guerra, che diminuirono significativamente la popolazione europea; tra il 1347 e il 1350, la Morte Nera uccise circa un terzo degli europei. La controversia, l'eresia e lo scisma occidentale all'interno della Chiesa cattolica hanno parallelizzato il conflitto interstatale, i conflitti civili e le rivolte contadine che si sono verificati nei regni. Gli sviluppi culturali e tecnologici hanno trasformato la società europea, concludendo il tardo medioevo e iniziando il primo periodo moderno.

Sintesi storica del Medioevo

Il Medioevo è uno dei tre periodi principali nel programma più duraturo per l'analisi della storia europea: civiltà classica o antichità; il Medioevo; e il periodo moderno. Il Medioevo appare per la prima volta in latino nel 1469 come tempeste mediatiche o media stagione. All'inizio, c'erano molte varianti, tra cui medio aevum, o medioevo, registrato per la prima volta nel 1604, e saecula dei media, o medioevo, registrato per la prima volta nel 1625. L'aggettivo medievale (o talvolta medievale o "mediæval), che significa pertinente al Medioevo, deriva dal medio evo.

Gli scrittori medievali dividevano la storia in periodi come i Sei secoli o i Quattro imperi e consideravano il loro tempo come l'ultimo prima della fine del mondo. Quando si riferivano ai loro tempi, ne parlavano come moderni. Nel 1330, l'umanista e poeta Petrarca si riferiva al periodo precristiano come antiqua (o antico) e al periodo cristiano come nova (o nuovo). Leonardo Bruni fu il primo storico a usare la periodizzazione tripartita nella sua Storia del popolo fiorentino (1442), con un periodo di mezzo tra la caduta dell'Impero romano e il rilancio della vita cittadina alla fine dell'XI e XII secolo. La periodizzazione tripartita divenne standard dopo che lo storico tedesco del XVII secolo Christoph Cellarius divise la storia in tre periodi: antico, medievale e moderno.

Il punto di partenza più comunemente indicato per il Medioevo è di circa 500, con la data di 476 utilizzata per la prima volta da Bruni. Le date di inizio successive sono talvolta utilizzate nelle parti esterne dell'Europa. Per l'Europa nel suo insieme, 1500 è spesso considerata la fine del Medioevo, ma non esiste una data di fine universalmente concordata. A seconda del contesto, vengono talvolta utilizzati eventi come la conquista di Costantinopoli da parte dei turchi nel 1453, il primo viaggio di Cristoforo Colombo nelle Americhe nel 1492 o la Riforma protestante nel 1517. Gli storici inglesi usano spesso la Battaglia di Bosworth Field nel 1485 per segnare la fine del periodo. Per la Spagna, le date comunemente usate sono la morte del re Ferdinando II nel 1516, la morte della regina Isabella I di Castiglia nel 1504 o la conquista di Granada nel 1492.

Gli storici dei paesi di lingua Romantica tendono a dividere il Medioevo in due parti: un precedente periodo Alto e poi Basso. Gli storici di lingua inglese, seguendo le loro controparti tedesche, generalmente suddividono il Medioevo in tre intervalli: Early, High e Late. Nel diciannovesimo secolo, l'intero Medioevo veniva spesso indicato come Medioevo, ma con l'adozione di queste suddivisioni, l'uso di questo termine fu limitato all'Alto Medioevo, almeno tra gli storici.

Impero basso

L'impero romano raggiunse la sua massima estensione territoriale durante il II secolo d.C.; i due secoli seguenti furono testimoni del lento declino del controllo romano sui suoi territori periferici. Questioni economiche, tra cui l'inflazione, e la pressione esterna sulle frontiere si sono unite per creare la crisi del terzo secolo, con gli imperatori che salgono sul trono solo per essere rapidamente sostituiti da nuovi usurpatori. Le spese militari aumentarono costantemente durante il 3 ° secolo, principalmente in risposta alla guerra con l'Impero sasanico, che rianimò a metà del 3 ° secolo. L'esercito raddoppiò di dimensioni e la cavalleria e le unità più piccole sostituirono la legione romana come principale unità tattica. La necessità di entrate ha portato ad un aumento delle tasse e ad un calo del numero della classe curiale, o dei proprietari terrieri, e un numero decrescente di loro disposti a sostenere gli oneri di insediamento nelle loro città native. Furono necessari più burocrati nell'amministrazione centrale per far fronte alle esigenze dell'esercito, il che portò a lamentele da parte dei civili che c'erano più esattori delle tasse nell'impero che contribuenti.

L'imperatore Diocleziano (r. 284–305) divise l'impero in metà orientali e occidentali separate nel 286; l'impero non era considerato diviso dai suoi abitanti o sovrani, poiché le promulgazioni legali e amministrative in una divisione erano considerate valide nell'altra. Nel 330, dopo un periodo di guerra civile, Costantino il Grande (r. 306–337) rifondò la città di Bisanzio come la capitale orientale appena ribattezzata, Costantinopoli. Le riforme di Diocleziano rafforzarono la burocrazia governativa, riformarono la tassazione e rafforzarono l'esercito, che acquistò il tempo dell'impero ma non risolse i problemi che stava affrontando: tasse eccessive, un tasso di natalità in calo e pressioni sulle sue frontiere, tra gli altri. La guerra civile tra imperatori rivali divenne comune a metà del IV secolo, distogliendo i soldati dalle forze di frontiera dell'impero e permettendo agli invasori di invadere. Per gran parte del IV secolo, la società romana si stabilizzò in una nuova forma che differiva dal precedente periodo classico, con un abisso allargato tra ricchi e poveri e un declino della vitalità delle città più piccole. Un altro cambiamento fu la cristianizzazione, o conversione dell'impero in cristianesimo, un processo graduale che durò dal II al V secolo.

Nel 376, i Goti, in fuga dagli Unni, ricevettero il permesso dall'imperatore Valente (r. 364-378) di stabilirsi nella provincia romana di Tracia nei Balcani. L'insediamento non andò per il verso giusto e quando i funzionari romani gestirono male la situazione, i Goti iniziarono a razziare e saccheggiare. Valens, nel tentativo di arginare il disordine, fu ucciso combattendo i Goti nella battaglia di Adrianopoli il 9 agosto 378. Oltre alla minaccia di tali confederazioni tribali del nord, causarono divisioni interne all'interno dell'impero, specialmente all'interno della Chiesa cristiana. i problemi. Nel 400 i Visigoti invasero l'Impero Romano d'Occidente e, sebbene per breve tempo costretti a ritirarsi dall'Italia, nel 410 saccheggiarono la città di Roma. Nel 406 gli Alani, i Vandali e i Suevi attraversarono la Gallia; nei tre anni successivi si diffusero in Gallia e nel 409 attraversarono i Pirenei nella Spagna moderna. Il periodo migratorio iniziò, quando vari popoli, inizialmente in gran parte germanici, si trasferirono in Europa. I Franchi, Alemanni e i Borgognoni finirono tutti nella Gallia settentrionale mentre Angoli, Sassoni e Iuta si stabilirono in Gran Bretagna e i Vandali attraversarono lo stretto di Gibilterra dopo di che conquistarono la provincia dell'Africa. Nel 430 gli Unni iniziarono a invadere l'impero; il loro re Attila (r. 434–453) condusse invasioni nei Balcani nel 442 e 447, in Gallia nel 451 e in Italia nel 452. La minaccia hunnica rimase fino alla morte di Attila nel 453, quando la confederazione hunnica da lui guidata cadde a pezzi. Queste invasioni da parte delle tribù cambiarono completamente la natura politica e demografica di quello che era stato l'Impero Romano d'Occidente.

Alla fine del V secolo la sezione occidentale dell'impero era divisa in unità politiche più piccole, governate dalle tribù che avevano invaso la prima parte del secolo. La deposizione dell'ultimo imperatore d'Occidente, Romolo Augusto, nel 476 ha tradizionalmente segnato la fine dell'Impero Romano d'Occidente. Nel 493 la penisola italiana fu conquistata dagli Ostrogoti. L'Impero Romano d'Oriente, spesso indicato come Impero Bizantino dopo la caduta della sua controparte occidentale, aveva poca capacità di affermare il controllo sui territori occidentali perduti. Gli imperatori bizantini mantennero una pretesa sul territorio, ma mentre nessuno dei nuovi re in Occidente osava elevarsi alla posizione di imperatore occidentale, il controllo bizantino di gran parte dell'Impero occidentale non poteva essere sostenuto; la riconquista della periferia del Mediterraneo e della penisola italiana (Guerra gotica) nel regno di Giustiniano (r. 527-565) fu l'unica, e temporanea, eccezione.

Primo Medioevo

Nuove società

La struttura politica dell'Europa occidentale cambiò con la fine dell'Impero romano unito. Sebbene i movimenti di popoli durante questo periodo siano generalmente descritti come invasioni, non erano solo spedizioni militari ma migrazioni di interi popoli nell'impero. Tali movimenti furono aiutati dal rifiuto delle élite romane occidentali di sostenere l'esercito o pagare le tasse che avrebbero permesso ai militari di reprimere la migrazione. Gli imperatori del V secolo furono spesso controllati da uomini forti come Stilicho (d. 408), Eetius (d. 454), Aspar (d. 471), Ricimer (d. 472) o Gundobad (d. 516), che erano parzialmente o totalmente di origine non romana. Quando la linea di imperatori occidentali cessò, molti dei re che li sostituirono provenivano dallo stesso passato. Il matrimonio tra i nuovi re e le élite romane era comune. Ciò portò a una fusione della cultura romana con le usanze delle tribù invasori, comprese le assemblee popolari che consentivano ai membri tribali maschi liberi di dire più in questioni politiche di quanto fosse comune nello stato romano. I manufatti materiali lasciati dai romani e dagli invasori sono spesso simili e gli oggetti tribali venivano spesso modellati su oggetti romani. Gran parte della cultura accademica e scritta dei nuovi regni si basava anche sulle tradizioni intellettuali romane. Una differenza importante è stata la graduale perdita di entrate fiscali da parte delle nuove politiche. Molte delle nuove entità politiche non hanno più supportato i loro eserciti attraverso le tasse, basandosi invece sulla concessione di terreni o affitti. Ciò significava che c'era meno bisogno di grandi entrate fiscali e quindi i sistemi fiscali sono decaduti. La guerra era comune tra e all'interno dei regni. La schiavitù diminuì quando l'offerta si indebolì e la società divenne più rurale.

Tra il V e l'VIII secolo, nuovi popoli e individui riempirono il vuoto politico lasciato dal governo centralizzato romano. Gli Ostrogoti, una tribù gotica, si stabilirono nell'Italia romana alla fine del V secolo sotto Teodorico il Grande (m. 526) e istituirono un regno segnato dalla sua cooperazione tra gli italiani e gli Ostrogoti, almeno fino agli ultimi anni di Il regno di Teodorico. I Borgognoni si insediarono in Gallia, e dopo che un regno precedente fu distrutto dagli Unni nel 436, formò un nuovo regno nel 440s. Tra l'odierna Ginevra e Lione, è cresciuto fino a diventare il regno della Borgogna tra la fine del 5 ° e l'inizio del 6 ° secolo. Altrove in Gallia, i Franchi e i Celti britannici istituirono piccole politiche. La Francia era centrata nella Gallia settentrionale e il primo re di cui si conosce molto è Childerico I (m. 481). La sua tomba fu scoperta nel 1653 ed è notevole per i suoi beni tombali, che includevano armi e una grande quantità di oro.

Sotto il figlio di Childeric, Clodoveo I (r. 509-511), fondatore della dinastia merovingia, il regno franco si espanse e si convertì al cristianesimo. I britannici, imparentati con i nativi della Britannia - la Gran Bretagna moderna - si stabilirono in quella che oggi è la Bretagna. Altre monarchie furono istituite dal regno visigoto nella penisola iberica, dal Suebi nell'Iberia nordoccidentale e dal regno vandalico nel Nord Africa. Nel sesto secolo, i Longobardi si stabilirono nel Nord Italia, sostituendo il regno ostrogoto con un raggruppamento di ducati che di tanto in tanto selezionavano un re per dominarli tutti. Verso la fine del VI secolo, questa sistemazione era stata sostituita da una monarchia permanente, il Regno dei Longobardi.

Le invasioni hanno portato nuovi gruppi etnici in Europa, sebbene alcune regioni abbiano ricevuto un maggiore afflusso di nuovi popoli rispetto ad altre. In Gallia, ad esempio, gli invasori si insediarono molto più ampiamente a nord-est che a sud-ovest. Gli slavi si insediarono nell'Europa centrale e orientale e nella penisola balcanica. L'insediamento dei popoli è stato accompagnato da cambiamenti nelle lingue. Il latino, la lingua letteraria dell'Impero Romano d'Occidente, fu gradualmente sostituito da lingue vernacolari che si evolvono dal latino, ma ne erano distinte, conosciute collettivamente come lingue romanze. Questi cambiamenti dal latino alle nuove lingue impiegarono molti secoli. Il greco rimase la lingua dell'Impero bizantino, ma le migrazioni degli slavi aggiunsero le lingue slave all'Europa orientale.

Sopravvivenza bizantina

Mentre l'Europa occidentale assisteva alla formazione di nuovi regni, l'Impero Romano d'Oriente rimase intatto e conobbe un risveglio economico che durò all'inizio del VII secolo. Vi furono meno invasioni della parte orientale dell'impero; la maggior parte si è verificata nei Balcani. La pace con l'Impero sasanico, il tradizionale nemico di Roma, durò per gran parte del V secolo. L'impero orientale fu segnato da relazioni più strette tra lo stato politico e la chiesa cristiana, con questioni dottrinali che assumevano un'importanza nella politica orientale che non avevano nell'Europa occidentale. Gli sviluppi legali includevano la codificazione del diritto romano; il primo sforzo - il Codice Teodosiano - fu completato nel 438. Sotto l'imperatore Giustiniano (r. 527-565), ebbe luogo un'altra raccolta: il Corpus Juris Civilis. Giustiniano supervisionò anche la costruzione dell'Hagia Sophia a Costantinopoli e la riconquista del Nord Africa dai Vandali e l'Italia dagli Ostrogoti, sotto Belisario (m. 565). La conquista dell'Italia non fu completa, poiché uno scoppio mortale della peste nel 542 portò al resto del regno di Giustiniano concentrandosi su misure difensive piuttosto che su ulteriori conquiste.

Alla morte dell'Imperatore, i bizantini ebbero il controllo di gran parte dell'Italia, del Nord Africa e di un piccolo punto d'appoggio nel sud della Spagna. Le riconquiste di Giustiniano sono state criticate dagli storici per aver sovraesposto il suo regno e posto le basi per le prime conquiste musulmane, ma molte delle difficoltà incontrate dai successori di Giustiniano erano dovute non solo alla tassazione eccessiva per pagare le sue guerre ma alla natura essenzialmente civile di l'impero, che ha reso difficile l'innalzamento delle truppe.

Nell'impero orientale la lenta infiltrazione nei Balcani da parte degli slavi aggiunse un'ulteriore difficoltà per i successori di Giustiniano. Cominciò gradualmente, ma alla fine del 540 le tribù slave erano in Tracia e Illirio e nel 551 avevano sconfitto un esercito imperiale vicino Adrianopoli. Negli anni '50 gli Avari iniziarono ad espandersi dalla loro base sulla riva nord del Danubio; alla fine del VI secolo, erano il potere dominante nell'Europa centrale e regolarmente in grado di costringere gli imperatori orientali a rendere omaggio. Rimasero un forte potere fino al 796.

Un ulteriore problema per affrontare l'impero fu il risultato del coinvolgimento dell'imperatore Maurizio (r. 582–602) nella politica persiana quando intervenne in una disputa di successione. Ciò portò a un periodo di pace, ma quando Maurizio fu rovesciato, i persiani invasero e durante il regno dell'imperatore Eraclio (r. 610–641) controllarono grossi pezzi dell'impero, tra cui Egitto, Siria e Anatolia fino al successo del contrattacco di Eraclio. Nel 628 l'impero ottenne un trattato di pace e recuperò tutti i suoi territori perduti.

Società occidentale

Nell'Europa occidentale, alcune delle più antiche famiglie di élite romane si estinsero, mentre altre furono più coinvolte in affari ecclesiastici che secolari. I valori legati alla borsa di studio e all'istruzione latina sono in gran parte scomparsi e, sebbene l'alfabetizzazione sia rimasta importante, è diventata un'abilità pratica piuttosto che un segno di status di élite. Nel IV secolo, Girolamo (420) sognava che Dio lo rimproverasse per aver trascorso più tempo a leggere Cicerone che la Bibbia. Nel VI secolo Gregorio di Tours (morto nel 594) fece un sogno simile, ma invece di essere castigato per aver letto Cicerone, fu castigato per aver appreso la stenografia. Alla fine del VI secolo, il principale mezzo di insegnamento religioso nella Chiesa era diventato musica e arte piuttosto che il libro. La maggior parte degli sforzi intellettuali è andata verso l'imitazione della borsa di studio classica, ma sono state create alcune opere originali, insieme a composizioni orali ormai perdute. Gli scritti di Sidonio Apollinare (d. 489), Cassiodoro (dc 585) e Boezio (dc 525) erano tipici dell'epoca.

Cambiamenti avvennero anche tra i laici, poiché la cultura aristocratica si concentrava su grandi feste organizzate nelle sale anziché su attività letterarie. L'abbigliamento per le élite era riccamente decorato con gioielli e oro. Signori e re sostenevano entourage di combattenti che formavano la spina dorsale delle forze militari. I legami familiari all'interno delle élite erano importanti, così come le virtù della lealtà, del coraggio e dell'onore. Questi legami portarono alla prevalenza della faida nella società aristocratica, esempi dei quali includevano quelli relativi a Gregorio di Tours che si svolsero nella Gallia merovingia. La maggior parte delle faide sembra essere terminata rapidamente con il pagamento di una sorta di risarcimento. Le donne hanno preso parte alla società aristocratica principalmente nei loro ruoli di mogli e madri di uomini, con il ruolo di madre di un sovrano particolarmente prominente nella Gallia merovingia. Nella società anglosassone la mancanza di molti sovrani bambini significava un ruolo minore per le donne come madri regine, ma ciò è stato compensato dall'aumento del ruolo svolto dalle badesse dei monasteri. Solo in Italia sembra che le donne siano sempre state considerate sotto la protezione e il controllo di un parente maschio.

La società contadina è molto meno documentata della nobiltà. La maggior parte delle informazioni superstiti disponibili agli storici proviene dall'archeologia; alcuni documenti scritti dettagliati che documentano la vita contadina rimangono prima del IX secolo. La maggior parte delle descrizioni delle classi inferiori provengono da codici di legge o da scrittori delle classi superiori. I modelli di proprietà terriera in Occidente non erano uniformi; alcune aree avevano modelli di proprietà terriera fortemente frammentati, ma in altre aree i grandi blocchi contigui di terra erano la norma. Queste differenze consentivano una grande varietà di società contadine, alcune dominate da proprietari terrieri aristocratici e altre con una grande autonomia. Anche l'insediamento fondiario è variato notevolmente. Alcuni contadini vivevano in grandi insediamenti che contavano fino a 700 abitanti. Altri vivevano in piccoli gruppi di poche famiglie e altri ancora vivevano in fattorie isolate sparse per la campagna. C'erano anche aree in cui il modello era un mix di due o più di quei sistemi. A differenza del tardo periodo romano, non vi fu una netta rottura tra lo status legale del libero contadino e dell'aristocratico, ed era possibile per la famiglia di un libero contadino insorgere nell'aristocrazia per diverse generazioni attraverso il servizio militare a un potente signore.

La vita e la cultura della città romana sono cambiate notevolmente nel Medioevo. Anche se le città italiane rimasero abitate, si contrassero notevolmente per dimensioni. Roma, ad esempio, si è ridotta da una popolazione di centinaia di migliaia a circa 30.000 entro la fine del VI secolo. I templi romani furono convertiti in chiese cristiane e le mura della città rimasero in uso. Nel Nord Europa, anche le città si sono ridotte, mentre monumenti civili e altri edifici pubblici sono stati fatti irruzione per materiali da costruzione. L'istituzione di nuovi regni significava spesso una crescita per le città scelte come capitali. Sebbene esistessero comunità ebraiche in molte città romane, gli ebrei subirono periodi di persecuzione dopo la conversione dell'impero al cristianesimo. Ufficialmente furono tollerati, se soggetti a sforzi di conversione, e talvolta furono persino incoraggiati a stabilirsi in nuove aree.

Rise of Islam

Le credenze religiose nell'Impero Orientale e in Iran erano in flusso tra la fine del sesto e l'inizio del settimo secolo. Il giudaismo era una fede di proselitismo attiva e almeno un leader politico arabo si convertì ad essa. Il cristianesimo aveva missioni attive in competizione con lo zoroastrismo persiano nella ricerca di convertiti, specialmente tra i residenti della penisola arabica. Tutti questi filoni si unirono alla nascita dell'Islam in Arabia durante la vita di Maometto (m. 632). Dopo la sua morte, le forze islamiche conquistarono gran parte dell'Impero orientale e della Persia, iniziando con la Siria nel 634-635 e raggiungendo l'Egitto nel 640-641, la Persia tra il 637 e il 642, il Nord Africa nel tardo VII secolo e la penisola iberica nel 711 Nel 714, le forze islamiche controllavano gran parte della penisola in una regione che chiamavano Al-Andalus.

Le conquiste islamiche raggiunsero l'apice nella metà dell'ottavo secolo. La sconfitta delle forze musulmane nella battaglia di Tours nel 732 portò alla riconquista della Francia meridionale da parte dei Franchi, ma il motivo principale per l'interruzione della crescita islamica in Europa fu il rovesciamento del califfato omayyade e la sua sostituzione con il califfato abbaside. Gli Abbasidi trasferirono la loro capitale a Baghdad e si preoccuparono più del Medio Oriente che dell'Europa, perdendo il controllo di sezioni delle terre musulmane. I discendenti omayyadi presero il controllo della penisola iberica, gli Aghlabidi controllarono il Nord Africa e i Tulunidi divennero sovrani dell'Egitto. Entro la metà dell'VIII secolo, nuovi schemi commerciali stavano emergendo nel Mediterraneo; il commercio tra i franchi e gli arabi sostituì la vecchia economia romana. I franchi commerciavano legname, pellicce, spade e schiavi in ​​cambio di sete e altri tessuti, spezie e metalli preziosi dagli arabi.

Commercio ed economia

Le migrazioni e le invasioni del IV e del V secolo interruppero le reti commerciali nel Mediterraneo. Le merci africane smisero di essere importate in Europa, scomparendo per la prima volta dall'interno e nel VII secolo furono trovate solo in alcune città come Roma o Napoli. Alla fine del VII secolo, sotto l'impatto delle conquiste musulmane, i prodotti africani non furono più trovati nell'Europa occidentale. La sostituzione di merci dal commercio a lungo raggio con prodotti locali fu una tendenza in tutte le antiche terre romane avvenuta nel Medioevo. Ciò era particolarmente marcato nelle terre che non si trovavano nel Mediterraneo, come la Gallia settentrionale o la Gran Bretagna. I beni non locali che compaiono nella documentazione archeologica sono generalmente beni di lusso. Nelle parti settentrionali dell'Europa, non solo le reti commerciali erano locali, ma le merci trasportate erano semplici, con poca ceramica o altri prodotti complessi. In tutto il Mediterraneo, la ceramica è rimasta diffusa e sembra essere stata scambiata su reti a medio raggio, non solo prodotte localmente.

I vari stati germanici in Occidente avevano tutti monete che imitavano le forme romane e bizantine esistenti. L'oro continuò ad essere coniato fino alla fine del VII secolo, quando fu sostituito da monete d'argento. La moneta d'argento franca di base era il denario o denaro, mentre la versione anglosassone era chiamata un centesimo. Da queste aree, il denaro o penny si diffuse in tutta Europa nel corso dei secoli da 700 a 1000. Le monete di rame o bronzo non furono colpite, né furono d'oro se non nell'Europa meridionale. Non sono state coniate monete d'argento denominate in più unità.

Chiesa e monachesimo

Il cristianesimo è stato un importante fattore unificante tra l'Europa orientale e occidentale prima delle conquiste arabe, ma la conquista del Nord Africa ha interrotto le connessioni marittime tra quelle aree. Sempre più la chiesa bizantina differiva per lingua, pratiche e liturgia dalla chiesa occidentale. La Chiesa orientale usava il greco anziché il latino occidentale. Sono emerse differenze teologiche e politiche, e all'inizio e alla metà dell'ottavo secolo problemi come l'iconoclastia, il matrimonio clericale e il controllo statale della Chiesa si erano ampliati al punto che le differenze culturali e religiose erano maggiori delle somiglianze. La rottura formale, nota come scisma est-ovest, avvenne nel 1054, quando il papato e il patriarcato di Costantinopoli si scontrarono sulla supremazia papale e si scomunicarono a vicenda, il che portò alla divisione del cristianesimo in due chiese: il ramo occidentale divenne romano La Chiesa cattolica e il ramo orientale della Chiesa ortodossa orientale.

La struttura ecclesiastica dell'Impero romano sopravvisse ai movimenti e alle invasioni in Occidente per lo più intatti, ma il papato fu poco considerato, e pochi vescovi occidentali guardarono al vescovo di Roma per una leadership religiosa o politica. Molti dei papi precedenti al 750 erano più preoccupati degli affari bizantini e delle controversie teologiche orientali. Il registro, o copie archiviate delle lettere, di papa Gregorio Magno (papa 590-604) sopravvisse, e di quelle più di 850 lettere, la stragrande maggioranza si occupava di affari in Italia o Costantinopoli. L'unica parte dell'Europa occidentale in cui il papato ebbe influenza fu la Gran Bretagna, dove Gregorio aveva inviato la missione gregoriana nel 597 per convertire gli anglosassoni al cristianesimo. I missionari irlandesi furono più attivi nell'Europa occidentale tra il V e il VII secolo, andando prima in Inghilterra e Scozia e poi nel continente. Sotto monaci come Columba (d. 597) e Columbanus (d. 615), fondarono monasteri, insegnarono in latino e greco e crearono opere secolari e religiose.

L'Alto Medioevo fu testimone dell'ascesa del monachesimo in Occidente. La forma del monachesimo europeo è stata determinata da tradizioni e idee che hanno avuto origine con i Padri del deserto di Egitto e Siria. La maggior parte dei monasteri europei erano del tipo che si concentra sull'esperienza comunitaria della vita spirituale, chiamata cenobitismo, che fu inaugurata da Pachomius (morto nel 348) nel IV secolo. Gli ideali monastici si diffusero dall'Egitto all'Europa occidentale nel V e VI secolo attraverso la letteratura agiografica come la Vita di Antonio. Benedetto del Nursia (m. 547) scrisse la Regola benedettina per il monachesimo occidentale durante il VI secolo, descrivendo in dettaglio le responsabilità amministrative e spirituali di una comunità di monaci guidata da un abate. Monaci e monasteri ebbero un profondo effetto sulla vita religiosa e politica dell'Alto Medioevo, fungendo in vari casi da fondamenta per famiglie potenti, centri di propaganda e sostegno reale nelle regioni appena conquistate e basi per missioni e proselitismo. Erano i principali e talvolta solo avamposti di istruzione e alfabetizzazione in una regione. Molti dei manoscritti superstiti dei classici latini furono copiati nei monasteri nell'alto medioevo. I monaci furono anche autori di nuove opere, tra cui storia, teologia e altre materie, scritte da autori come Bede (morto nel 735), originario dell'Inghilterra settentrionale che scrisse tra la fine del VII e l'inizio dell'VIII secolo.

Europa Carolingia

Il regno franco della Gallia settentrionale si divise in regni chiamati Austrasia, Neustria e Borgogna durante il VI e il VII secolo, tutti governati dalla dinastia merovingia, che discendevano da Clodoveo. Il 7 ° secolo fu un periodo tumultuoso di guerre tra Austrasia e Neustria. Tale guerra fu sfruttata da Pipino (m. 640), il sindaco del palazzo per Austrasia che divenne il potere dietro il trono austriaco. Successivamente i membri della

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. Registrati per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di La vita nel Medioevo

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori