Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Sesso ed erotico - Amo il sesso: Storie erotiche - Solo per adulti

Sesso ed erotico - Amo il sesso: Storie erotiche - Solo per adulti

Leggi anteprima

Sesso ed erotico - Amo il sesso: Storie erotiche - Solo per adulti

Lunghezza:
90 pagine
1 ora
Pubblicato:
15 ott 2019
ISBN:
9782322186051
Formato:
Libro

Descrizione

Sesso ed erotico - Amo il sesso

Una notte indimenticabile

Non sono una stronza, ci tengo a precisarlo. E credo anche di essere una persona molto corretta. Rispetto i patti, mantengo la parola data. A meno che io non venga tradita, raggirata o presa per i fondelli: allora divento terribile e sono capace di tutto. Questa premessa è necessaria per capire perchè ho agito nel modo in cui racconterò...

Vittoria e il marito cuckold

Nel mese di settembre scorso, prendendo un caffè al bar con il mio amico Davide, mi disse che voleva fare qualcosa di particolare con la moglie Vittoria. Davide ed Vittoria sono sposati da alcuni anni, entrambi intorno ai 50 anni, ed Vittoria è una bella donna, tette non grandi, ma gran bel culo....

Pilar ed il suo babbo

Quel giorno mi era andato tutto storto. Il capoufficio mi aveva fatto una lavata di capo per una colpa non mia, una collega stronza mi aveva beccato mentre le sbirciavo le cosce e mi aveva fatto fare una figura di merda e infine, dulcis in fundo, guidando verso casa mi ero beccato una multa perché ero passato col semaforo giallo...


Un cervo a primavera

Una sera di primavera mentre apro la porta di casa a mia moglie Sissi che si ritira dal lavoro. Sissi appena entrò mi bacia e mi dice di andare a letto che voleva parlarmi. Cercando il suo sguardo, ma non mi guardava negli occhi, e giunti a letto mi pregò di spegnere la luce...

Il mio primo BBC

"Devi proprio provare un grosso cazzo nero!" Così mi disse Veronica, la mia migliore amica e confidente. Senza mezzi termini. Lei è fatta così, molto diretta e sincera. La reputo, anche per questo, una vera amica...

La sciura Ginevra.

Nonostante i suoi cinquantacinque anni, la vedova del ragionier A. era ancora una bella donna, dotata di forme piene e sensuali. Dopo la perdita del marito, avvenuta qualche anno prima, si era interamente dedicata ai figli i quali, però, si erano dovuti trasferire all'estero per motivi di lavoro, lasciandola completamente sola...

Zio Jacopo

Mi raccomando non dirlo a mamma - mi aveva scongiurato mia sorella. Ero tornato a casa prima del previsto e l'avevo beccata inginocchiata sul divano con i jeans e le mutandine abbassati alle caviglie mentre zio Jacopo, in piedi dietro di lei, se la stava inculando come un califfo....

E molte altre storie....


Contenuto: storie erotiche | Storie di sesso | ebooks erotici | Ebook erotico | Romanzo erotico | Romanzi erotici | Storia del sesso | Sesso ed erotismo da 18 anni | non censurato in italia |
Pubblicato:
15 ott 2019
ISBN:
9782322186051
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a Sesso ed erotico - Amo il sesso

Articoli correlati

Anteprima del libro

Sesso ed erotico - Amo il sesso - Aurora Ricci

Sesso ed erotico - Amo il sesso

Sesso ed erotico - Amo il sesso

Un tranquillo weekend di sesso

Serata diversa

Regalo al mio Amore

Madre e figlia, due zoccole.

Più che una SPA... era un privè!

La mia passione per le foto osè

Giovanna, la mia collega Matura

Festa spagnola

Una notte indimenticabile

4 La camera dei miei genitori

Colophon

Sesso ed erotico - Amo il sesso

Un tranquillo weekend di sesso

Un weekend di puro sesso lesbico, due giorni dedicati alla masturbazione reciproca. Tutto era pronto. Le valigie in auto, una borsa termica con i panini per il viaggio. Eleonora e Sabrina erano eccitate per l'aspettativa, benchè ancora sorprese dalla busta ricevuta per posta la settimana precedente. Un ignoto ammiratore aveva pagato alle due ragazze un weekend tutto compreso in un piccolo chalet di montagna, isolato in una pineta maestosa, con splendida vista sulle montagne. L'autunno avanzava, le foglie degli alberi si facevano rosse e gialle, e i larici indoravano i fianchi delle severe montagne. Partendo da Milano, le ragazze giunsero alla meta dopo qualche ora di viaggio. Il posto era stupendo. La casetta, tutta in legno e pietra naturale, aveva una piccola cucina, un salottino e una camera matrimoniale con un enorme camino. Sabrina accese il fuoco grazie alla legna a disposizione. Mentre la casa si scaldava, le ragazze fecero una passeggiata nella foresta. Incontrarono ben pochi escursionisti, videro anche qualche daino. Il profumo dei pini si spandeva nell'aria dando una impressione di leggerezza e soavità.

Tornando verso la casa, Eleonora sfiorava ogni tanto il bellissimo sedere di Sabrina. Ammiccanti sguardi presagivano amplessi di grande godimento. Appena varcata la soglia, Eleonora spinse Sabrina contro la parete. Le tolse immediatamente camicetta e reggiseno, e si mise a succhiare con grande energia i suoi capezzoli turgidi dall'emozione e dall'eccitazione. La lingua di Eleonora lavorava i capezzoli muovendoli ritmicamente, e, alternando piccoli risucchi a grandi leccate, fece facilmente eccitare Sabrina. Mugolii di piacere non facevano altro che bagnare Eleonora. Si staccò da Sabrina, si spogliò davanti a lei, entrò in camera e si sdraiò sul letto. Allargò le gambe ed iniziò a toccarsi il sesso bagnato. Il pube di Eleonora era adornato di bellissimi peli che donavano un aspetto eccezionale al suo sesso, soprattutto quando era bagnata di umori femminili. Sabrina, lontana dal letto, si tolse il resto degli indumenti e si appoggiò alla porta chiusa della camera con le gambe leggermente divaricate. Le due ragazze, guardandosi negli occhi da lontano, presero a masturbarsi muovendo le sottili ed agili dita femminili sui loro umidi clitoridi.

Eleonora sorrise a Sabrina la quale non perse tempo ad avvicinarsi al letto e a sdraiarsi sul corpo di Eleonora: gambe sulle gambe, pube sul pube, seni sui seni, braccia abbracciate, labbra che baciano labbra. Si accarezzarono per molti minuti, insistendo sulla pelle dell'addome e sull'interno coscia, incrociando le lingue nelle rispettive bocche. Eleonora rivoltò Sabrina, si sedette ai suoi piedi e, prendendone uno in mano, lo baciò con insistenza guardando Sabrina negli occhi. Allargate le gambe, Eleonora inserì due dita nella vagina di Sabrina muovendole molto molto lentamente mentre osservava i movimenti del bacino della ragazza. Inchinandosi, leccava le labbra vaginali mentre le dita bagnate scivolavano nel corpo della sua amante possedendone il fisico e l'anima. Sabrina ebbe un improvviso orgasmo. Troppa l'eccitazione, troppo bello l'ambiente e la sensazione che niente e nessuno avrebbe fermato le dita agili e curiose di Eleonora.

Sabrina invitò Eleonora a sedersi sopra il proprio viso, il modo da avvicinare il più possibile le labbra vaginali alla sua bocca. Comodamente sdraiata, Sabrina iniziò a succhiare le singole labbra vaginali di Eleonora, tirandole leggermente. Prima il labbro destro, poi il sinistro, poi il destro e poi ancora il sinistro, fino a scivolare con la lingua sul clitoride. L'umore femminile di Eleonora colava lungo il collo di Sabrina, riempiendo di odore di sesso l'intera stanza. Le leccatine sul clitoride di Eleonora divennero ampie leccate, con succhiate, baci, morsicchiate. Eleonora ansimava, si contorceva, cercava di inarcarsi per raggiungere con le dita il sesso di Sabrina, alzava le braccia incrociandole dietro la nuca. Così facendo, i morbidi e grandi seni di Eleonora erano vittima delle palpate di Sabrina, la quale, mentre succhiava il sesso di Eleonora, ne tirava i capezzoli o li solleticava con le dita.

L'orgasmo di Eleonora non si fece troppo attendere, spruzzando con un eccezionale squirting il viso della sua amata amante. Discesa nel letto, si mise a leccarne il viso, per ripulirlo, con amore e dedizione.

Qualcuno bussò alla porta dello chalet. Eleonora e Sabrina furono paralizzate dallo spavento. Chi mai poteva essere in questo posto sperduto? Con coraggio si avvicinarono alla finestra, tenendosi strette e coperte con un lenzuolo. Era Lorenzo! Non ci potevano credere. Quel loro amico che avevano conosciuto casualmente parlando di sesso in rete. Impossibile che fosse lì, alla porta. Come faceva a saperlo? Chi l'aveva informato? Confuse si avvicinarono alla porta e socchiudendola videro che era proprio lui. Lorenzo sorrise e, accomodandosi nella casa, porse una busta a Sabrina. Sabrina, sempre più confusa e tenendosi malamente il lenzuolo addosso, aprì la busta. All'interno c'era una cartolina commerciale che testimoniava che l'autore misterioso che aveva prenotato e pagato il soggiorno era proprio Lorenzo. Tutti si misero a ridere, di gusto. Ed era chiaro che l'intenzione era di fare sesso tutti insieme, nel rispetto dei propri gusti sessuali. Infatti Sabrina amava anche far sesso con gli uomini e un incontro tra Eleonora, Lorenzo e Sabrina sarebbe presto finito con avere Sabrina al centro delle attenzioni sia di Eleonora che di Lorenzo. Questo fu chiaro subito.

Lorenzo si tolse i vestiti, rimanendo nudo. Non era ancora eccitato. Il pene mollemente corto e in attesa di essere valorizzato. Si sedette a gambe aperte sul letto. Sabrina si inginocchiò tra le sue gambe, esponendo il suo sedere e il suo sesso ad Eleonora, la quale da dietro la leccava. Sabrina prese il pene in bocca: era bellissimo sentire il sesso maschile molliccio nella propria bocca. Muoverlo a destra e a sinistra con la lingua e sentirne l'eccitazione gonfiarlo leccata dopo leccata, succhiata dopo succhiata. Il pene era adesso duro, rigido, un'asta del piacere pronta all'uso. Eleonora spostò Sabrina, fece sdraiare meglio Lorenzo, poi accompagnò Sabrina sul pene di Lorenzo, e, prendendola per le spalle, la fece scendere. Il sesso di Lorenzo riempì la vagina di Sabrina: la ragazza emise un mormorio di piacere. Aveva sognato tanto di essere penetrata da Lorenzo e oggi il sogno diventava realtà. Ed era proprio Eleonora, il suo grande amore, ad accompagnarla in questo momento. Eleonora si mise in piedi a gambe aperte, sopra Lorenzo, e vicino alla bocca di Sabrina. Lorenzo poteva ammirare il sesso di Eleonora, in alto sopra il suo addome, mentre accarezzava i seni di Sabrina, quei bei seni che in passato tanto avrebbe voluto toccare. Sabrina rimaneva ferma a sentire il pene in sè, assaporando le mani di Lorenzo sul suo corpo, e, allungando la lingua, sfiorava il sesso di Eleonora. Eleonora accarezzava i capelli di Sabrina, spingendo dolcemente il suo viso contro il suo

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di Sesso ed erotico - Amo il sesso

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori