Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

L'essenza dell'Anarchismo

L'essenza dell'Anarchismo

Leggi anteprima

L'essenza dell'Anarchismo

Lunghezza:
62 pagine
52 minuti
Pubblicato:
20 set 2019
ISBN:
9788834187920
Formato:
Libro

Descrizione

«Nel concetto comune, accettato dai più senza controllo, si suole designare col nome di anarchico colui il quale, professandosi nemico dell’attuale ordinamento economico-politico, vagheggia e, per quanto può, tende con altri al fine rivoluzionario di rovesciarlo mediante la violenza, aspirando come ideale ultimo, della sua azione rivoluzionaria, a una società nuova fondata sulla perfetta uguaglianza di tutti i suoi componenti». In questo libro Cesare Enrico Aroldi traccia, fra l’altro, elementi delle ideologie di Proudhon, Marx, Kropotkin, Stirner, Bakunin.
Pubblicato:
20 set 2019
ISBN:
9788834187920
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a L'essenza dell'Anarchismo

Libri correlati

Articoli correlati

Anteprima del libro

L'essenza dell'Anarchismo - Cesare Enrico Aroldi

DIGITALI

Intro

«Nel concetto comune, accettato dai più senza controllo, si suole designare col nome di anarchico colui il quale, professandosi nemico dell’attuale ordinamento economico-politico, vagheggia e, per quanto può, tende con altri al fine rivoluzionario di rovesciarlo mediante la violenza, aspirando come ideale ultimo, della sua azione rivoluzionaria, a una società nuova fondata sulla perfetta uguaglianza di tutti i suoi componenti». In questo libro Cesare Enrico Aroldi traccia, fra l’altro, elementi delle ideologie di Proudhon, Marx, Kropotkin, Stirner, Bakunin.

INTRODUZIONE

Che cosa s’intende per Anarchico. – Socialismo e anarchismo. – Divergenze fondamentali. – Carattere della presente volgarizzazione.

Nel concetto comune, accettato dai più senza controllo, come moneta corrente, si suole designare col nome di anarchico colui il quale, professandosi nemico dell’attuale ordinamento economico-politico, vagheggia e, per quanto può, tende con altri al fine rivoluzionario di rovesciarlo mediante la violenza, aspirando come ideale ultimo, come programma massimo, per dir così, della sua azione rivoluzionaria, ad una società nuova fondata sulla perfetta uguaglianza di tutti i suoi componenti, e quel ch’è più caratteristico, una società senza Governo, senza Stato, senza leggi, senza tribunali, senza nessuna di quelle istituzioni ufficialmente riconosciute (quali, ad esempio, la Proprietà, il Matrimonio, l’Esercito, ecc.), che, sotto forme diverse, si sono sempre mantenute presso tutti i popoli, in tutti gli ordinamenti e in tutti i tempi.

Si è sempre fatta – e si fa tuttora da molti – una grande confusione fra socialisti e anarchici, fra la dottrina e l’ideale di questi ultimi e il collettivismo. Fa d’uopo invece riconoscere che, contro tutte le apparenze, c’è fra gli uni e gli altri, fra le teorie socialiste e le anarchiche, una notevolissima, per non dire anzi essenziale e insanabile divergenza. E la verità è che così sul terreno dottrinario come sul terreno pratico della propaganda e del programma, i capi riconosciuti delle due dottrine hanno sempre impegnato fierissime polemiche, e, sull’arena tumultuosa dei comizi, i socialisti e gli anarchici si schierano generalmente in due colonne avversarie e nemiche.

Né potrebbe essere altrimenti. Il socialista di qualunque tendenza combatte anzitutto e soprattutto quello ch’egli chiama l’ordinamento borghese (intendi il regime capitalistico della Proprietà e della distribuzione delle ricchezze); egli mira, nell’interesse del proletariato, alla socializzazione dei mezzi di produzione e di scambio, al collettivismo, e crede che ad esso – indipendentemente dall’azione dei partiti – sia incamminata, per fatalità di leggi economiche, la società attuale.

Ridotta alla sua più semplice espressione, la dottrina socialista non è che lo sforzo cosciente col quale una classe d’uomini (il Proletariato) si studia, nel suo diretto interesse (che in ultima analisi coincide e s’identifica con l’interesse di tutta la collettività), di affrettare l’avvento di una nuova fase economica, di un nuovo evo storico, i cui germi sono già sviluppati nel seno della attuale fase economica nella compagine dell’attuale evo storico.

La fatalità del collettivismo! Ecco infatti il motivo che ricorre sovente nella letteratura socialista. Coloro che accettano i postulati di C. Marx sanno benissimo che il Collettivismo non può rappresentare l’ultima, definitiva fase della storia umana... Nel concetto marxista il Collettivismo rappresenta né più né meno che la sintesi con la quale le forze motrici dell’odierno regime borghese risolveranno le contraddizioni, le antinomie del regime borghese.

Il Socialismo sarà, in altre parole, il figlio del Capitalismo, e uscirà per processo naturale dalle sue viscere, nella stessa guisa che quest’ultimo è uscito dalle viscere della società feudale. (Il Feudalismo sarebbe il nonno del Socialismo!) È logico che, date queste premesse, il socialista non possa concepire la sua futura Utopia che traverso i punti di vista (un kantiano direbbe traverso le categorie) della società borghese: il Governo, lo Stato, la Famiglia, la Proprietà, il Diritto Punitivo, ecc.

Non passa neppure per la mente al socialista la possibilità di far tabula rasa di queste istituzioni che hanno in ogni tempo e presso ogni popolo, quantunque sotto diverse forme, contrassegnato la convivenza sociale degli uomini. Egli dirà che vuole abolita la Proprietà capitalistica, ma per far posto alla Proprietà statale; vuole abolito il Governo borghese, ma per far posto al Governo socialista.

Possiamo, in altre parole, immaginare il regime collettivista come un vasto ordinamento borghese senza borghesia (intendi senza borghesia padrona o dominante). Insomma: il socialista non è necessariamente un nemico delle Istituzioni; è, tutt’al più un avversario delle istituzioni borghesi.

Ma per l’anarchico è tutt’altra cosa! Prima di tutto egli

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di L'essenza dell'Anarchismo

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori