Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Walter Kasper: Cattolicismo vivente sotto la parola di Dio

Walter Kasper: Cattolicismo vivente sotto la parola di Dio

Leggi anteprima

Walter Kasper: Cattolicismo vivente sotto la parola di Dio

Lunghezza:
473 pagine
7 ore
Pubblicato:
5 lug 2019
ISBN:
9788838248450
Formato:
Libro

Descrizione

Walter Kasper, uno dei più autorevoli teologi contemporanei, rappresenta una Chiesa che vuole essere solidale con <> (GS,n.1). Il suo cammino teologico sin dagli inizi, viene tracciato dal suo docente di dogmatica, J. R. Geiselmann, che lo introduce allo studio dei principali esponenti della Scuola cattolica di Tubinga. A questo insegnamento Kasper è sempre rimasto fedele e in questo grande alveo si collocano tutti i suoi testi, a cominciare dalla sua tesi di dottorato sulla Scuola romana di teologia e dal suo lavoro di abilitazione sull'ultimo Schelling. Questo discorso si risolve in una sistematica re-impostazione del metodo teologico e, di conseguenza, in un rinnovamento di tutti gli aspetti della teologia. Nel solco di queste posizioni Kasper ha elaborato una propria ecclesiologia, in cui ha accolto come <> l'idea di Chiesa come communio, sulla scia del Vaticano II e del dibattito teologico della prima metà del XIX sec. a cui ha contribuito soprattutto Henri de Lubac, con la sua teologia del soprannaturale, nel tentativo di colmare l'abisso che si era venuto creando tra l'annuncio evangelico e il mondo della vita, per trasformare l'uomo e rinnovare il volto della terra e così rispondere al segno dei tempi con una nuova incarnazione del Cristianesimo. L'intento fondamentale di questo volume e quello di ripercorrere e precisare, nei loro tratti essenziali, la caratterizzazione e lo sviluppo del suo pensiero, sottoponendoli ad un'opera di ricognizione storico-critica, a partire dagli anni della sua formazione universitaria, che danno significato effettivo a tutto il suo svolgimento, per poi trarre la consapevolezza del senso preciso del suo punto d'approdo.
Pubblicato:
5 lug 2019
ISBN:
9788838248450
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a Walter Kasper

Libri correlati

Anteprima del libro

Walter Kasper - Antonio Russo

Antonio Russo

Walter Kasper

Cattolicismo vivente sotto la parola di Dio

Tutti i volumi pubblicati nelle collane dell’editrice Studium Cultura ed Universale sono sottoposti a doppio referaggio cieco. La documentazione resta agli atti. Per consulenze specifiche, ci si avvale anche di professori esterni al Comitato scientifico, consultabile all’indirizzo web http://www.edizionistudium.it/content/comitato-scientifico-0.

Copyright © 2018 by Edizioni Studium - Roma

ISBN 9788838248450

www.edizionistudium.it

UUID: 5b2ec498-9efd-11e9-bd1f-bb9721ed696d

Questo libro è stato realizzato con StreetLib Write

http://write.streetlib.com

Indice dei contenuti

Lettera all'autore

Prefazione*

Introduzione

Capitolo I: La formazione

1. La patria sveva

2. La Scuola cattolica di Tubinga

Capitolo II: I primi scritti

1. Scuola di Tubinga e Scuola romana di teologia

2. La generazione del Concilio

3. Schelling e l’Assoluto nella storia

4. Per un rinnovamento del metodo teologico

5. La Scuola di Tubinga: ieri e oggi

6. Chiesa e teologia

7. Barth vs Scuola cattolica di Tubinga

8. Convergenza e dissenso di Kasper

Capitolo III: Parola di Dio e tradizione

1. Scrittura e tradizione

2. Il dogma sotto la parola di Dio

3. Lutero e la parola di Dio

4. Il dibattito oggi

5. Schelling e il problema di Dio

Capitolo IV: Il Concilio Vaticano II

1. Il Concilio e il rinnovamento

2. Sulla scia del Vaticano II

3. Una prospettiva pneumatologica

4. Il mondo come luogo del vangelo

5. L’incarnazione nella storia

Capitolo V: La Chiesa

1. Alla scuola di Tubinga

2. Ecclesiologia come scienza della fede

3. Chiesa nel mondo di oggi

Capitolo VI: Cristologia e antropologia

1. Libertà e diritti dell’uomo

2. Cristologia della kénosis

3. Schelling e la cristologia

4. Xavier Tilliette interprete di Schelling

5. Kasper interprete di Schelling

6. Cristologia e antropologia

Capitolo VII: La missione della Chiesa

1. Chiesa come communio/koinonia

2. Congregatio fidelium e communio sacramentorum

3. Chiesa come popolo di Dio

4. Opzione prioritaria per i poveri

5. La missione della chiesa

6. Il dialogo ecumenico

7. Dialogo con l’Ebraismo

8. Kasper e l’Ebraismo

9. Dialogo col mondo e con gli uomini

10. La misericordia

Capitolo VIII: In cammino con Papa Francesco

1. Il fondamento cristiano delle cose

2. La «mondanità spirituale»

Conclusioni

Bibliografia

I. Scritti tradotti in italiano del Card. Walter Kasper

II. Letteratura sul Card. Walter Kasper

Walter Kasper: itinerario di una vita

Avvertenza

Appendici

Abschrift

Trascrizione

CULTURA

Studium

147.

A Giulia Torrisi

A Claudia Torrisi

Con animo grato

Trieste

Antonio Russo

WALTER KASPER

Cattolicismo vivente sotto la parola di Dio

Con una lettera all’autore di Walter Kasper

Lettera all'autore

Roma, 27 ottobre 2018

Caro Antonio Russo

le scrivo soltanto oggi, per rispondere all’invio delle bozze del libro che lei è in procinto di pubblicare sulla mia teologia. Finora, sono stato tanto assorbito dalla preparazione di un mio manoscritto da non riuscire a trovare il tempo per dedicarmi alla lettura del suo testo; e, poi, deve tener presente che la mia capacità di lavoro non è più ormai quella di un tempo. Perciò soltanto ora riesco a farlo e mi spiace vivamente del ritardo.

Innanzitutto, posso dirle che sono rimasto molto favorevolmente impressionato dalla lettura del suo testo. Lei ha preso in esame ed è riuscito ad analizzare con acribia e precisione veramente notevole un materiale di vastissime proporzioni; poi, ha studiato i miei scritti con grande energia ed è giunto a risultati particolarmente positivi. Già per questo debbo esserle molto grato e riconoscente. Volentieri le do assicurazione che lei non soltanto mi ha sempre correttamente compreso e presentato, ma ha anche messo giustamente in risalto, in maniera del tutto precisa e conforme al mio pensiero, i più importanti aspetti della mia ricerca e i loro elementi coesivi.

Il risultato più cospicuo e più originale della sua opera, tuttavia, mi sembra essere un altro: lei è riuscito a collocare molto felicemente il mio pensiero nell’orizzonte delle discussioni sollevate soprattutto in Francia da autori, al più alto livello europeo e internazionale, come Henri de Lubac e Xavier Tilliette, Maurice Blondel e altri importanti esponenti della filosofia e della teologia francese del XX secolo. Sono pensatori con i quali io non posso affatto misurarmi e che purtroppo, come ho potuto rendermi conto dalla lettura del suo testo, non conosco tanto bene come lei. Per me sono stati altamente istruttivi i confronti che lei ha istituito, mettendo a fuoco le convergenze - non certo marginali, ma profonde e sostanziali - e le differenze tra le loro posizioni e le mie: si tratta qui di un importante contributo che lei offre alla teologia del XX secolo. In proposito, da parte mia, devo farle un grosso complimento. Spero che il suo libro, quando sarà pubblicato, spingerà molti ad occuparsi non solo dei miei scritti, ma anche di questi grandi autori e, inoltre, di Schelling e Hegel, perché ho l’impressione che, perlomeno in Germania, essi non siano quasi più noti in teologia.

Per me, infine, è stato di grande interesse leggere le Appendici, in cui lei pubblica alcune testimonianze che in parte non mi erano note. Queste testimonianze possono contribuire a vivacizzare la discussione. Tra le altre cose, mi ha fatto piacere rileggere quello che il Card. George Cottier ha scritto su di me. Un teologo della sua statura ci manca oggigiorno, purtroppo, nella curia romana.

Per tutte queste ragioni, il suo libro avrà di sicuro un posto particolare nella letteratura che si occupa delle mie piccole cose. Penso a lei con viva cordialità e spero che il suo libro possa vedere la luce presto.

Con un saluto amichevole e i migliori auguri, suo

Walter Kasper

Prefazione*

Walter Kasper: la verità nella carità

*Un pensiero grato e doveroso va, in questa sede, in modo particolare al Professor Dr. Leonhard Hell, della Johannes Gutenberg-Universität Mainz, per l’aiuto nell’accurata revisione del volume qui dato alle stampe.

Il card. Walter Kasper, nasce il 5 marzo 1933 a Heidenheim an der Brenz, Germania. Dopo gli studi di teologia (1952-56) e l’ordinazione sacerdotale (1957), nel 1961 consegue presso l’Università di Tubinga il grado accademico di Dottore in Teologia e poi, tre anni dopo, la libera docenza. Nello stesso anno viene chiamato, su invito di J. Ratzinger, alla cattedra di teologia dogmatica presso la Facoltà di Teologia cattolica a Münster e diventa così il più giovane professore ordinario tedesco. Nel 1970 si trasferisce a Tubinga, dove vi trova, come colleghi e interlocutori, M. Seckler, H. Küng, A. Auer, J. Moltmann ed E. Jüngel. Si tratta, come egli stesso rievoca, di «un periodo incredibilmente ricco e vivace sul piano culturale», che segna la pubblicazione del volume Gesù il Cristo (1974), il suo libro più apprezzato e di larga diffusione. In esso lo scopo è quello di «rielaborare le nuove questioni esegetiche e storiche, di interpretare la fede della chiesa in confronto critico e costruttivo con il pensiero contemporaneo e di renderlo fecondo in senso spirituale e pastorale». Il testo sarà ampiamente apprezzato anche da Benedetto XVI, che, nel 2008, in occasione dei 75 anni di Kasper, scriverà: «la tua cristologia, appena apparsa in una nuova edizione, è diventata un orientamento per molte persone, teologi e laici, nelle diverse lingue e culture [...] tu ci hai richiamato il vero centro della teologia, che è per sua natura discorso di Dio» [1] . Nel 1985 è nominato Segretario teologico del Sinodo straordinario dei Vescovi, che si tiene a Roma in occasione dei vent’anni dalla conclusione del Concilio Vaticano II. Ha modo così di rileggere i documenti conciliari e giunge alla conclusione che l’idea di fondo del concilio è la concezione della chiesa come communio, che da allora in poi diventerà il tratto distintivo della sua ecclesiologia. Quattro anni dopo, viene consacrato vescovo di Rottenburg-Stuttgart, una delle più grandi diocesi della Germania, che guiderà per dieci anni, fino a quando papa Giovanni Paolo II lo sceglie come Segretario del Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani. Nel 2001 riceve la porpora cardinalizia e viene nominato Presidente dello stesso Consiglio oltre che della Commissione per i rapporti religiosi con l’Ebraismo. Il 1 luglio 2011, per raggiunti limiti di età, Benedetto XVI accoglie le sue dimissioni. Questo per lui non significa affatto il pensionamento, tanto che dà alle stampe la sua summa Chiesa cattolica. Essenza-Realtà-Missione (2011) e, nel 2014, tiene la relazione principale davanti al Concistoro dei cardinali su Il Vangelo della famiglia, pubblicata in un volume definito da Papa Francesco un libro in cui «ho trovato una teologia profonda».

Il cammino teologico di Kasper, sin dagli inizi della sua carriera, viene tracciato soprattutto dal suo docente di dogmatica, J. R. Geiselmann, che gli fa conoscere l’opera di J.A. Möhler. A questo insegnamento Kasper è sempre rimasto fedele, al punto da diventare uno dei più noti e importanti nomi della Scuola cattolica di Tubinga. Il tratto caratteristico della Scuola cattolica di Tubinga è connotato dallo stretto legame che intercorre tra una rigorosa scientificità e il riferimento costante alla ecclesialità e alla prassi. J. S. Drey (1777-1853), il suo vero fondatore, viene considerato un pioniere della teologia contemporanea, perché ne ha definito a nuovo il ruolo, procedendo ad uno sviluppo dei suoi principi e dei suoi metodi. Si tratta, qui, della concezione di una scientia fidei, avviata in età medioevale da Anselmo di Canterbury, che è risultata essere il modello decisivo nel Cristianesimo. Drey si colloca nel suo alveo e da essa parte per svolgere le sue considerazioni. Già l’Aquinate aveva cercato di offrire una soluzione allo stesso problema, ma il caso di Drey si configura diversamente, per via del mutato clima culturale, alla luce e dopo la temperie della filosofia idealistica. Tutto ciò ha anche una dimensione ecclesiale, perché Drey elabora una teologia come scienza ecclesiale, che non solo non si contrappone alle ragioni di far più coerente il discorso teologico con le categorie prese a prestito dalle scienze, ma trova in esse il luogo più idoneo per operare, perché «la teologia è scientifica se è ecclesiale ed è ecclesiale se è scientifica» [2] .

Oggigiorno, Drey viene considerato come un autore di «importanza permanente» [3] , perché, secondo J. Ratzinger, «non ha perduto nulla della sua freschezza fino ad oggi» [4] . Kasper si forma sui testi di Möhler, dal quale apprende, come gli stesso scrive: «una visuale storica viva, nonché una visuale cristologica e pneumatologica della chiesa [...] Da allora mi sono sempre sentito impegnato a seguire questa concezione ecclesiologica della scuola di Tubinga» [5] . Nei suoi tratti essenziali, questo discorso per Kasper non è affatto superato; anzi, solo oggi le sue esigenze di fondo hanno raggiunto la loro piena maturità. In questo grande alveo si collocano tutti i suoi testi successivi. Nel 1962, quando iniziano i lavori del Vaticano II, egli si appresta a scrivere il suo lavoro di abilitazione sulla filosofia dell’ultimo Schelling, che è «un tema legato a Tubinga» [6] . Occuparsi di Schelling significa fare i conti con uno degli ultimi grandi tentativi di affrontare il discorso cristologico e «introdurre agli attuali problemi di fondo della cristologia, problemi che, cum grano salis, possono essere sintetizzati nel motto: Hegel e i successori» [7] . In questo progetto Kasper viene a convergere con la prospettiva – nel suo complesso assai affine, nonostante alcuni punti di dissenso non essenziali – di X. Tilliette che si riannoda a Schelling perché le posizioni della sua tarda filosofia rappresentano un trattato De Verbo Incarnato [8] .

Per cogliere correttamente gli esiti a cui giunge Kasper, occorre cercare di chiarire la nozione di storia che egli fa propria e che si colloca, sia pure in maniera più radicale e accentuata, nella stessa direzione di fondo impressale dal secondo Schelling e da Staudenmaier. In sede teologica, questa concezione si traduce in un appello alla centralità dell’escatologia, che si deve configurare non più come un singolo trattato, «ma deve improntare la totalità del pensiero teologico [...] richiede un pensiero teologico che si realizza non più nell’orizzonte della natura e delle idee, ma in quello della storia e della libertà» [9] . Le posizioni fin qui esposte, tuttavia, sono state prese a termine di confronto critico soprattutto da K. Barth (1886-1968), che per un verso ha apprezzato le affermazioni principali in cui si è articolata la scuola cattolica di Tubinga, come degne della più grande attenzione e ha visto in Möhler «la figura classica di questa teologia [...] il padre del nuovo cattolicesimo tedesco», ma per altro verso gli ha rivolto l’accusa di giungere, nei suoi esiti ultimi, a identificare la Chiesa e la rivelazione che la fonda.

Kasper, in alcuni dei suoi testi dati alle stampe negli anni ’60, rileva che il dissenso di Barth si puntella sulla «mediazione ecclesiologica di unicità e continuità dell’evento Cristo» [10] , cioè sull’obiezione che in Möhler «non verrebbe mantenuta la superiorità di Cristo sulla chiesa» [11] . Poi, traccia le linee di una difesa della Scuola di Tubinga. Mette così in risalto il fatto che gli stessi teologi tubinghesi «hanno riconosciuto con molta chiarezza i limiti del modello di pensiero» organicistico di cui si servivano [12] e si sono appropriati dell’idea di organismo, ma prendendola a prestito dall’idealismo tedesco e non da Darwin, che è venuto dopo.

Questa difesa si risolve in Kasper in una sistematica re-impostazione del metodo teologico. Il compito di precisare il rapporto tra dogma (formulazioni dottrinali della Chiesa) ed evangelo, egli lo affida inizialmente ad un denso volumetto dal titolo Il dogma sotto la parola di Dio (1965). In esso, suo scopo è quello di mostrare che il dogma è il risultato di un processo storico della chiesa, che così traduce di volta in volta il messaggio evangelico. La presa di coscienza di questo risultato deve condurre ad un rinnovamento di tutti gli aspetti della teologia, alla luce di un rinnovato discorso sulla teologia della parola di Dio. La Scrittura, tuttavia, non costituisce una unità: in essa ci sono tensioni e differenze nella presentazione dell’annuncio. Si pone così l’interrogativo: «dove si trova il punto di convergenza, l’unità e il centro della Scrittura?». Secondo Kasper, bisogna prendere, nell’annuncio e nella teologia, tutta la Scrittura nel suo insieme, non l’una parte o l’altra. Non ci si può, poi, limitare ad una pura e semplice parafrasi dei testi biblici, perché quest’ultimi non offrono in maniera immediata la risposta ai problemi con cui si trovano a doversi confrontare oggigiorno il predicatore e gli stessi fedeli. Tra la situazione odierna e la Scrittura vi è una distanza temporale e culturale di due millenni che bisogna colmare. L’esempio paradigmatico di come procedere in proposito ci viene offerto da Paolo (I Cor 15, 3-5), che si colloca all’interno di una tradizione, che fa propria e che trasmette ulteriormente nel suo annuncio. Questa tradizione è stata continuata dopo di lui e sta ad indicare che la Chiesa deve mediare il messaggio di Cristo, datoci una volta per sempre e vincolante, e far sì che esso risponda ai problemi che continuamente emergono nel corso della storia. Tutto ciò rinvia ad un duplice scopo: da un lato occorre mettere in risalto la normatività della Scrittura e, nello stesso tempo, quella delle successive professioni di fede.

In questo modo, la Scrittura e la tradizione diventano due grandezze che non possono essere isolate l’una dall’altra, perché gli stessi testi biblici non solo conoscono l’idea di tradizione, ma sono stati incorporati nel canone attraverso un lungo processo storico. Tuttavia, da «un punto di vista teologico la tradizione non ha prodotto la Scrittura, ma ha piuttosto conosciuto e riconosciuto come parola divina mediata dalla parola umana quella Scrittura nello Spirito Santo dallo Spirito. Perfino nell’atto di formazione del canone la Chiesa nello stesso tempo si è posta sotto la Scrittura come canone (canone come metro). Perciò c’è una preminenza della Scrittura rispetto alla tradizione e una funzione critica della Scrittura rispetto alla tradizione» [13] . Questo aspetto implica l’urgenza di una nuova determinazione e di un rinnovamento del rapporto tra Scrittura e tradizione, che può essere svolto nell’ambito di una prospettiva pneumatologica, non all’interno di un sistema rigidamente chiuso in se stesso, ma in un sistema aperto, che presenta due dimensioni: una diacronica e l’altra sincronica. Nella prima, la Scrittura e la tradizione vengono intesi «come tipi e modelli vincolanti per i tentativi attuali di tradurre il vangelo nel linguaggio e nei problemi del nostro tempo»; invece, nella seconda ci sono i vari carismi, servizi e ministeri, che hanno come compito l’ulteriore sviluppo e la costruzione della stessa Chiesa. Lo svolgersi tensionale di questo processo ha come suo punto di riferimento la Scrittura e la tradizione e deve portare ad un arricchimento reciproco dei suoi momenti, senza che nessuna delle posizioni coinvolte si faccia esclusiva e si assolutizzi. Quando l’una o l’altra delle posizioni parziali viene isolata come unico criterio si cade nel fenomeno dell’eresia. L’ortodossia, comunque, non è da intendere come un sistema uniforme, razionale e astratto dalla realtà concreta, ma piuttosto come il raggiungimento del «noi della comunità ecclesiale, attraverso tensioni e conflitti in un comune percorso nel comune cammino della tradizione» [14] . La difficoltà principale che si incontra, nel far propria questa criteriologia, consiste nel cercare di integrare le posizioni particolari senza assolutizzarle. «Per il credente in Gesù Cristo è apparso il senso escatologico dell’intero. Egli è perciò il Typos, la chiave per la comprensione del tutto della realtà (Bonaventura) [...] ciò significa che l’esegesi cristologica è di conseguenza come interpretazione della Scrittura nello stesso tempo interpretazione del mondo» [15] . Per queste ragioni, il mondo può essere considerato come un locus theologicus. Esso non è, quindi, solamente il luogo a cui si rivolge il vangelo, ma è nello stesso tempo già il luogo in cui si trova e la chiesa «è sotto il vangelo, già in mezzo al mondo», come chiesa per gli altri. Nel solco di queste posizioni Kasper ha elaborato una propria ecclesiologia – sulla scia della cristologia pneumatica espressa nel volume su Gesù il Cristo e nell’insegnamento del Concilio [16] –, in cui ha accolto come «determinante» [17] l’idea di Chiesa come communio. Il passo successivo è stato quello di sviluppare concretamente l’idea di Chiesa intesa come «un’unica vivente realtà di comunione, popolo di Dio nella sua intera diversità di carismi, ministeri e servizi, una Chiesa che siamo tutti noi» [18] . Affrontare e chiarire questo discorso significa chiarire il problema dei cristiani e della chiesa nel mondo di oggi, che è uno degli aspetti più cruciali, e più vitali, con cui la teologia del XX secolo deve confrontarsi [19] .

Antonio Russo


[1] Benedetto XVI, in G. Augustin, K. Krämer, edd., Gott denken und bezeugen: Festschrift f ü r Kardinal Walter Kasper zum 75. Geburtstag, Herder, Freiburg im Br. 2008.

[2] B. Forte, Postfazione, in J.S. Drey, a c. di M. Seckler, Breve introduzione allo studio della teologia, Morcelliana, Brescia 2002, p. 279.

[3] J. Ratzinger, Premessa, in J.S. Drey, Breve introduzione allo studio della teologia, cit., p. 7.

[4] Ibidem, p. 10.

[5] W. Kasper, Chiesa cattolica. Essenza-Realtà-Missione, Queriniana, Brescia 2012, p. 17.

[6] W. Kasper, Al cuore della fede. Le tappe di una vita, San Paolo, Cinisello Balsamo 2009, p. 42.

[7] W. Kasper, Crisi e nuovo inizio della cristologia nel pensiero di Schelling, in J. Moltmann, W. Kasper, H.-G. Geyer, H. Küng, Sulla teologia della croce, Queriniana, Brescia 1974, pp. 55-56.

[8] X. Tilliette, Une introduction à Schelling, Honoré Champion, Paris 2007, p. 126. Tilliette, nel recensire il libro di Kasper, Le Dieu des chrétiens, Paris 1985 (trad. francese del testo Der Gott Jesu Christi) dirà che «Kasper, qui a commencé brillamment sa carrière avec Schelling, était bien armé pour l’écrire Das kann auf Französisch kaum so heißen. Les philosophes trouveront de quoi les satisfaire dans cet ouvrage de solide théologie qui se refuse à être un jeu des perles de verre. Une théologie mesurée, pondérée, raisonnable, axée sur la Révélation du Verbe, n’est pas menacée par l’aphasie qui guette maintes théologie de l’heure actuelle» (X. Tilliette, rec. a W. Kasper, Le Dieu des chrétiens, in «Archives de Philosophie», 48, 1985, pp. 520-521).

[9] W. Kasper, Fede e storia, Queriniana, Brescia 1975, p. 29.

[10] Ibid., p. 31.

[11] Ibidem.

[12] Ibid., pp. 31-32.

[13] W. Kasper, Evangelium und Dogma, cit., p. 471.

[14] Ibid., p. 473.

[15] Ibid., p. 474.

[16] W. Kasper, Chiesa cattolica, cit., p. 39.

[17] Ibid., p. 41.

[18] W. Kasper, Chiesa dove vai?, Edizioni Piemme, Casale Monferrato 1990, p. 47.

[19] W. Kasper, Natur – Gnade – Kultur. Zur Bedeutung der modernen Säkularisierung, in W. Kasper, Theologie und Kirche, Bd. II, Matthias Grünewald, Mainz 1999, p. 195.

Introduzione

L’opera del Card. Walter Kasper alla luce del Vaticano II

Walter Kasper, già Presidente del Pontificio Consiglio per l’unità dei cristiani e uno dei più autorevoli e rappresentativi teologi contemporanei, come è stato egregiamente rilevato [1] , è un teologo e un Vescovo che, con la sua persona e il suo impegno scientifico e accademico, rappresenta una Chiesa missionaria che vuole essere solidale con «le gioie e le speranze, le tristezze e le angosce degli uomini d’oggi» (GS, n.1). Il suo motto episcopale e cardinalizio, non a caso, è tratto da un passo della lettera agli Efesini: Veritatem in caritate ( Ef 4, 15). Egli, che ormai gode di una vasta, crescente, e largamente meritata diffusione internazionale, durante il suo ministero come Vescovo della diocesi di Rottenburg-Stuttgart (dal 1989 al 1999), una delle più grandi e importanti della Germania, ha infatti mostrato con coraggio e costanza che impegno teologico e attività pastorale non si escludono, ma anzi s’integrano reciprocamente e in maniera imprescindibile. Proprio in quest’ambito, perciò, ha dato impulso e svolto un notevole servizio per la trasmissione della fede alla nostra generazione e a quelle venture, intendendolo come un tema e un compito vincolante, sulla scia del comando evangelico di Mt 28, 19s., a cui è da attribuire la più alta priorità pastorale. Come egli stesso ha attestato, in una delle sue recenti opere ecclesiologiche, soltanto con la testimonianza personale la Chiesa e i singoli cristiani possono svolgere oggi la loro funzione di essere sale della terra. E per questo il nostro tempo «è il tempo dei cristiani radicali, il tempo dei santi» [2] . Ragion per cui, come si dice nella Gaudium et spes, egli si è sentito e tuttora si sente «realmente e intimamente solidale con il genere umano e la sua storia» (GS 1).

Questo suo tratto peculiare può essere adeguatamente definito dalla convinzione che la teologia e la filosofia vivono oggi in un mondo connotato essenzialmente dalla coscienza della processualità storica e che tutta la chiesa, anzi tutta la società, esperimenta «il passaggio da una concezione piuttosto statica dell’ordine della realtà tutta ad una concezione più dinamica, evolutiva, storica» [3] .

In questa ottica, oggigiorno, la Chiesa, non più acies ordinata, accoglie in sé diverse prospettive e orientamenti tra di loro difficilmente armonizzabili: è cioè circumdata varietate, in una società in cui lo stesso Cristianesimo si trova in una situazione, nel senso letterale del termine, di diaspora. Occorre, allora, individuare, accanto a quelle già esistenti, altre forme di presenza nel mondo e propugnare decisamente e con costanza una nuova evangelizzazione, nell’ambito della famiglia, della vita privata e pubblica, della scuola e della formazione in generale.

Questo non è altro, in termini di rigoroso costrutto scientifico, che il problema del rapporto tra teologia (dogma) e storia o filosofia, cioè appunto anche il centro di gravità attorno a cui si snodano i vari contributi di W. Kasper, nelle loro molteplici articolazioni discorsive. Si tratta, qui, di una questione che si è rivelata «come il problema centrale della teologia del Ventesimo secolo», che è «ben lungi dall’esser stato condotto ad una soluzione universalmente accettata» [4] . Tale problema, lungamente preparato dalla Scuola cattolica di Tubinga (con J.S. Drey, A. Möhler, J.E. Kuhn), dalle ricerche di J.H. Newman e dall’acceso dibattito svoltosi in piena crisi modernista, emerse con rinnovata forza ed ebbe un effetto dirompente soprattutto con le polemiche suscitate attorno al pensiero e alle figure emblematiche di M. Blondel e A. Loisy, che raggiunsero verso la metà del secolo scorso il loro apice con le vicende relative alla cosiddetta nouvelle théologie, cioè con le posizioni di Henri de Lubac. L’allora padre Gesuita, successivamente creato cardinale da Giovanni Paolo II, venne infatti coinvolto in prima persona come capofila, o meglio come simbolo del rinnovamento teologico, e fu da più parti visto come il precursore di molte delle più significative tendenze teologiche successivamente confluite nel Concilio Vaticano II [5] . Non a caso, le principali istanze di quelle discussioni, poi, vennero riprese, fatte proprie e ulteriormente approfondite in pieno clima conciliare: in ambito cattolico da K. Rahner, J. Ratzinger, H.U. von Balthasar, E. Schillebeeckx; e da parte protestante con J. Moltmann e W. Pannenberg [6] .

Questa dimensione storica e il tentativo di trovare una adeguata soluzione agli aspetti problematici ad essa correlati danno un’impronta dominante e identificante alla produzione di Walter Kasper, che si rispecchia fedelmente nei lavori da lui dati alle stampe. Egli, infatti, ha posto al centro della sua riflessione proprio tale nucleo tematico [7] , per estendere il dibattito ad una valutazione complessiva del problema del rapporto teologia, filosofia e storia nell’ambito della teologia contemporanea. Il suo punto di abbrivo è costituito dalla convinzione che la teologia contemporanea abbia smarrito ogni costanza di contenuto e sia perciò immersa in una crisi d’identità senza precedenti, dovuta ad un eccessivo pluralismo nel tentativo di tener conto che «il problema della storicità all’interno della teologia non lo si può limitare a alcune poche questioni della esegesi, della dogmatica e della teologia morale; è un problema universale e riguarda il pensiero moderno e la fede come un tutto» [8] .

Per via della generalizzata crisi di significato oggi i cristiani, infatti, attraverso un processo che è forse solo al suo inizio, vengono a trovarsi in una situazione analoga a quella dei primi cristiani. Un periodo di disorientamento che vede lo scompiglio delle filosofie, delle teologie, talvolta la loro decomposizione; il turbinio anarchico delle idee, porta con sé inevitabilmente delle ripercussioni su questo procedimento che si incammina verso la fede. Perciò, la filosofia, la storia, la teologia, la liturgia e l’esegesi, ed altre discipline devono portare il loro contributo a questa ricerca, in quanto si tratta di rispondere a molteplici e diverse obiezioni. Lungi dal rifugiarsi in un fideismo rovinoso i credenti, e gli studiosi a maggior ragione, devono aver cura di approfondire le ragioni della fede. Una motivazione ragionata della fede è peraltro una condizione d’impegno personale profondo nella fede. Senza di essa, si va verso la catastrofe. Il pericolo minaccia gli animi che pensano di salvare la loro fede rifiutando di esaminare onestamente i problemi che vengono loro posti, o quanti l’adesione dei quali implica, come prerequisito, al posto di ragioni per credere, un entusiasmo sentimentale, che, per la sua stessa natura, non ha un domani.

Per quanto riguarda la messa in rilievo dei fattori convergenti di ordine filosofico, storico e teologico, che sono all’origine dell’attuale crisi, va detto che la risposta alle loro istanze Kasper ha sempre di più cercato di enuclearla a partire dai testi conciliari e da quelli di Henri de Lubac, concentrandosi poi nell’analisi e nella elaborazione dei principali risultati acquisiti dal dibattito filosofico-teologico attorno e dopo il Vaticano II.

Il Concilio, secondo Kasper, difatti ha già offerto in merito una precisa e normante categoria perché era ben conscio di queste difficoltà. Così ci ha dato un segnavia, o meglio la Magna charta per l’ulteriore cammino verso il terzo millennio, parlando della Chiesa come sacramento, cioè di «segno e strumento dell’intima unione con Dio e dell’unità di tutto il genere umano» (LG 1) e del fatto che tutti i credenti devono per così dire essere fermenti per la santificazione del mondo [9] . Questo è accaduto perché «il principio dell’ecclesialità è quello che più degli altri connota la teologia cattolica» [10] ; e perciò ogni discorso teologico «è possibile soltanto all’interno della communio della Chiesa» [11] .

La Chiesa, allora, non è un organo affatto esteriore creato dalla comunità dei credenti e né tantomeno una specie di «ipostasi trascendente che preesisterebbe realmente all’opera di Cristo nel mondo» [12] , ma è piuttosto «un’unica vivente realtà di comunione[...], popolo di Dio nella sua intera diversità di carismi, ministeri e servizi, una Chiesa che siamo tutti noi» [13] . La nozione di communio o di ecclesiologia eucaristica è, quindi, in questo contesto, l’idea guida conciliare a cui dobbiamo attenerci per un costante rinnovamento spirituale che coinvolga non solo il singolo, ma anche la comunità dei credenti, e nello stesso tempo scaturisca dal ricorso alle fonti originarie.

Ma qual è il significato preciso e concreto di questa idea, nuova e nello stesso tempo del tutto legata alle origini del Cristianesimo?

Per Kasper, il Vaticano II, nei suoi testi ecclesiologici, ha posto l’accento sulla realtà della Chiesa intesa come communio, muovendosi sulla scia del rinnovamento teologico della prima metà del XIX sec. a cui ha contributo soprattutto Henri de Lubac, che con «le sue opere Catholicisme e Surnaturel» ha condotto «in maniera decisiva [...] ad una nuova determinazione del ruolo e della presenza della Chiesa cattolica nel mondo moderno del ventesimo secolo» [14] . Il teologo francese, nel trattare del rapporto tra natura e soprannaturale, da una parte ha mostrato in maniera convincente i limiti e il carattere moderno e quindi non tradizionale della dottrina estrinsecista che è a monte del moderno processo di secolarizzazione [15] ; d’altro canto, poi, ha cercato con un’ammirevole conoscenza della Tradizione di offrire un solido fondamento teologico alla soluzione proposta da Blondel che ha consentito il superamento, con tutto il bene che esso implicò in pieno clima modernista, e dell’immanentismo e dell’estrinsecismo [16] . Così, verso la prima metà del ’900, ha elaborato una nuova sintesi di nova et vetera, che si fonda sul dato biblico e patristico secondo cui Cristo è il primogenitus omnis creaturae [...] omnia per ipsum, et in ipso creata sunt ( Col 1, 16) e in vario modo è stata fatta propria da Hans Urs von Balthasar, Karl Rahner e tanti altri teologi, ma poi è confluita soprattutto nella Costituzione conciliare Gaudium et spes – dove si parla di Cristo che è l’alfa e l’omega e si dice che «la Chiesa è l’universale sacramento della salvezza» e che «il Signore è il fine della storia umana, il punto focale dei desideri della storia e della civiltà, il centro del genere umano, la gioia di ogni cuore, la pienezza delle loro aspirazioni» (GS 45, ma anche 22).

In quelle discussioni, non ci si limitava al confronto fra diversi indirizzi teologici: il centro di gravità, infatti, era costituito dal tentativo di colmare l’abisso che si era venuto creando tra kerygma e mondo della vita, per trasformare l’uomo e rinnovare il volto della terra e così rispondere al segno dei tempi con una nuova incarnazione del Cristianesimo [17] e il Concilio appropriandosene, cioè nel ritornare all’antica tradizione ecclesiologica, ha rotto con «la maladie moderne du catholicisme» [18] o con le «verhängnisvolle Verengungen der späteren Entwicklung» [19] . Questa sintesi, per Kasper che qui segue ancora una volta de Lubac e in particolare il suo testo Le Mystère du Surnaturel, in edizione tedesca approntata da Hans Urs von Balthasar, corrisponde alle tesi tomane del desiderium naturale videndi Deum e la sua sconsiderata obliterazione o finanche abrasione da parte di certa illuministica teologia postconciliare ha portato la Chiesa occidentale sull’orlo di una profonda crisi e ha condotto alla cosiddetta secolarizzazione, in cui si è giunti a mettere in questione la stessa realtà soprannaturale [20] .

La via d’uscita da questa situazione di indigenza, cioè, in altri termini, per usare il titolo di un volume del de Lubac a cui Kasper esplicitamente rinvia, il superamento del Dramma dell’umanesimo ateo, è possibile soltanto con un ressourcement [21] . Questo ritorno alle fonti, in vista di un aggiornamento della teologia e della Chiesa, che ci è stato proposto dal Vaticano II, consente di rigettare «l’estrinsecismo di natura e grazia, chiesa e mondo» [22] ; e poi trova la sua formulazione positiva nell’antropologia orientata su base cristologica della Gaudium et spes 22 e 45, in cui il discorso di un rinnovato umanesimo cristiano viene visto alla luce della Croce e

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. Registrati per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di Walter Kasper

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori