Inizia a leggere

Quando il dormiente si sveglierà

Valutazioni:
360 pagine5 ore

Sintesi

Pubblicato a puntate dal 1898 al 1899, tradotto in italiano per la prima volta nel 1907, romanzo fantapolitico, visionario, aspra critica delle tendenze monopolistiche del capitalismo e della sua deriva tecnologica, ‘‘Quando il dormiente si sveglierà’’ narra la storia di un uomo che, dopo aver dormito per 203 anni, si sveglia d’un tratto all’alba di un violento sommovimento globale tendente a spodestare la tirannica e ingiusta oligarchia che governa il mondo. Tale oligarchia che, gelosa dei suoi privilegi, sopprime ogni dissenso con pugno di ferro, ha il suo quartier generale in una Londra trasformatasi in una soffocante e avveniristica megalopoli, nella quale l’altissimo livello di sviluppo non ha risolto, anzi ha acuito i fondamentali problemi dell’umanità. Il mondo intero, diviso in rigide caste di ricchi e poveri, i primi che vivono ai piani alti e i secondi nei recessi bui dei gorghi cittadini, in cui le macchine si occupano di ogni cosa, persino della nutrizione dei neonati e dell’educazione dei bambini, in cui lo sfruttamento del lavoro ha raggiunto il suo punto parossistico, non attendeva altro che lui, il Dormiente, la sua propria guida, il Maestro redentore destatosi da un sonno secolare per guidare la nobile causa degli oppressi. Dopo tentennamenti e incertezze, egli finirà con sconcerto per rispondere all’appello del popolo e condurrà la lotta. Una volta raggiunta la liberazione, tuttavia si renderà conto della falsa chimera a cui ha prestato il suo nome, e dunque sceglierà di sacrificarsi per realizzare la vera felicità per tutti gli uomini.

Leggi sull'app mobile di Scribd

Scarica l'app mobile gratuita di Scribd per leggere sempre e ovunque.