Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Guida alla sostenibilità

Guida alla sostenibilità

Leggi anteprima

Guida alla sostenibilità

Lunghezza:
80 pagine
59 minuti
Editore:
Pubblicato:
19 mar 2019
ISBN:
9788832545357
Formato:
Libro

Descrizione

Questo libro cerca di trattare, in 4 sezioni differenti, argomenti che sono strettamente correlati tra di loro: il risparmio energetico, la mobilità sostenibile, la gestione dei rifiuti e l'economia sostenibile. E' solo una piccola guida a delle buone semplici pratiche che ho imparato con un po' di esperienza, ognuno di noi può applicare il consiglio che lo ispira di più. Io stesso cerco di fare il mio meglio, ma sicuramente si può sempre migliorare, quello che è importante, è prendere coscienza del problema, capire come è la situazione, cosa si può fare e cosa non si può.
Editore:
Pubblicato:
19 mar 2019
ISBN:
9788832545357
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a Guida alla sostenibilità

Anteprima del libro

Guida alla sostenibilità - STEFANO ZINNI

STEFANO ZINNI

Guida alla sostenibilità

UUID: 19aaeafe-4a5e-11e9-8122-17532927e555

Questo libro è stato realizzato con StreetLib Write

http://write.streetlib.com

Indice dei contenuti

Prefazione

Risparmio energetico

Energia

Riscaldare

Consumi elettrici domestici

Detrazioni

La casa passiva

Autoproduzione di energia elettrica da fonti di energia rinnovabili

Mobilità sostenibile

Suggerimenti

Modalità alternativa e innovativa

Gestione rifiuti

Economia sostenibile

Acqua

Bibliografia

Prefazione

Per una nuova coscienza collettiva e uno sviluppo sostenibile

Interessandomi di ambiente da parecchi anni, capita spesso che le persone mi rivolgano delle osservazioni del tipo senti, ma che cosa posso fare io per contribuire a salvaguardare il nostro ambiente? oppure io credo che non ci sia speranza, è tutto inutile, tu come la vedi? oppure quando pulivamo insieme agli amici del WWF una pineta o una spiaggia o distribuivamo volantini contro l'impiego di energia nucleare ci dicevano Bravi, continuate! E' così che si fa!. Anche se pochi dicevano Bravi, mi unisco a voi e vi do una mano!.

Nel tempo, io stesso mi sono fatto le stesse domande. E non è detto che anche io abbia la risposta giusta.

Però sono arrivato ad alcune considerazioni, tenendo conto di alcuni dati.

Mentre sto scrivendo, su questo pianeta siamo 7.651.211.749 persone.

E' evidente quindi che qualsiasi comportamento, siamo molto buono che molto cattivo possa creare conseguenze molto buone o molto cattive se si considera un moltiplicatore di oltre 7 miliardi.

Quindi, quello che ognuno di noi può fare, per quanto possa sembrare piccolo, moltiplicato su grandi numeri ottiene risultati notevoli, è matematico. C'è speranza? Anche questo dipende dai numeri.

In genere quasi tutti i governi si preoccupano del loro breve periodo di reggenza (quasi mai oltre 4-5 anni), senza avere progetti a lungo termine.

Questo ovviamente, oltre che essere poco rispettoso per le generazioni future, permette l'acuirsi di problemi fino al punto in cui porvi rimedio diventerà sempre più costoso. Le persone e i governi si rendono conto dell'ambiente solo nel momento in cui succedono fenomeni estremi che spazzano via molte vite e poi cercano di mettere una pezza provvisoria.

Gli accordi sul clima seguono un po' questo andamento a singhiozzo mettendo sul piatto della bilancia il profitto commerciale contrapposto alla devastazione climatica. Anche sul fatto stesso se sia presente o meno un problema climatico c'è un dibattito sempre aperto. Diciamo che se gli effetti del mutamento climatico sono sotto gli occhi di tutti ogni giorno e se ci sono 10mila scienziati che ci avvertono che il pericolo c'è e 10 che ci dicono che non c'è problema, è tutto a posto, qualche dubbio può sorgere sul fatto che stiamo un po' esagerando. Tanto è vero che è stato coniato il termine antropocene, per connotare l'impatto umano sull'ambiente al pari di una era geologica intera: in sintesi stiamo estraendo tutta l'anidride carbonica fissata nei millenni sotto terra nei combustibili fossili e la stiamo gettando in atmosfera. A piccoli numeri non sarebbe un problema, ma la nostra civiltà energivora ha reso questi numeri molto grossi, la temperatura media del pianeta tende ad aumentare, è vero, sembrano pochi gradi, eppure l'equilibrio è abbastanza fragile, un po' come per le persone, una febbre a 37 va bene, a 40 sei quasi morto. Se l'aumento di temperatura media superasse i 2 gradi, potrebbero esserci molti problemi anche se a freddo non sembrerebbe. Il punto è che se si innescano fenomeni che si auto amplificano il sistema rischia di divergere rapidamente. Ad esempio se si comincia a scongelare la tundra, verrebbero liberati in atmosfera metano o altri gas serra che aumentano di più la temperatura, accelerando ancora di più lo scongelamento e così via, come pure l'aumento di temperatura degli oceani riduce la grande capacità delle barriere coralline di assorbire anidride carbonica, e quindi il sistema non si troverà più in equilibrio. Una volta che si accumula grande energia in atmosfera possono accadere cose molto brutte, fenomeni atmosferici estremi che mettono paura, capaci di generare danni maggiori di una guerra (alcuni paesi si stanno organizzando con eserciti ambientali, cioè specializzati in prevenzione e soccorso della popolazione). Si prevedono, e già ci sono, popoli migranti climatici, persone che scappano dalla desertificazione e dal caldo che aumenta. E' difficile prevedere cosa comporta uno squilibrio del genere, ad esempio se si blocca la corrente del Golfo, il nord Europa potrebbe, al contrario, gelare mentre in altri punti si misurerebbe un aumento impressionante del calore.

Già quest'anno abbiamo visto temperature di 35 gradi al Polo Nord, con conseguente scioglimento dei ghiacciai e innalzamento del livello del mare: posti come le Maldive potrebbero non durare a lungo come terre emerse...

Non solo andiamo incontro all'estinzione di specie animali e vegetali delle quali non conosciamo ancora neanche l'esistenza (l'86% delle specie terrestri e ben il 91% di quelle marine sono del tutto SCONOSCIUTE come pubblicato in un articolo del National Geographic di 7 anni fa che mi ha abbastanza sorpreso), ma stiamo minando sempre di più

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. Registrati per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di Guida alla sostenibilità

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori