Trova il tuo prossimo libro preferito

Abbonati oggi e leggi gratis per 30 giorni
Il latino delle passioni: Amore e odio nella letteratura latina. Carmi, elegie, odi ed epodi tradotti e postillati

Il latino delle passioni: Amore e odio nella letteratura latina. Carmi, elegie, odi ed epodi tradotti e postillati

Leggi anteprima

Il latino delle passioni: Amore e odio nella letteratura latina. Carmi, elegie, odi ed epodi tradotti e postillati

Lunghezza:
175 pagine
1 ora
Pubblicato:
Mar 2, 2019
ISBN:
9788898190904
Formato:
Libro

Descrizione

Un volume che propone poesie latine con testo italiano a fronte, per offrire a tutti la possibilità di comprendere appieno lo stile e il modo di esprimersi dei poeti antichi in materia di passioni amorose, sentimentali, affettive e, più in generale, di quelle connesse alla vita civile e religiosa della Roma di duemila anni orsono.
Ovviamente, l’impegnativo lavoro di ricerca e traduzione non poteva abbracciare l’intera, enorme produzione letteraria degli scrittori e dei poeti latini e, dunque, si è necessariamente circoscritto a tre autori tra i più celebrati: Orazio, Catullo e Properzio.
Pubblicato:
Mar 2, 2019
ISBN:
9788898190904
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a Il latino delle passioni

Libri correlati

Categorie correlate

Anteprima del libro

Il latino delle passioni - Mario Tiberi

Copyright

Titolo: Il latino delle passioni.

Sottotitolo: Amore e odio nella letteratura latina. Carmi, elegie, odi ed epodi tradotti e postillati

Autore: a cura di Mario Tiberi.

Il latino delle passioni è pubblicato nella collana Narrativa.

Copyright © 2019 LibroSì Edizioni.

ISBN versione ebook: 978-88-98190-90-4

Il volume è disponibile anche in formato cartaceo puoi comprarlo on line sul catalogo di LibroSì Edizioni.

Table of Contents

Copertina

Copyright

Introduzione

INTRODUZIONE ALLA LETTURA DELLA LIRICA DI ORAZIO

DELLE ODI

LIBRO PRIMO

ODE QUARTA RITORNO DELLA PRIMAVERA - A LUCIO SESTIO

ODE NONA INVERNO E GIOVINEZZA - A TALIARCO

ODE TREDICESIMA GELOSIA - A LIDIA

ODE DICIANNOVESIMA RITORNO ALL’ AMORE

ODE VENTESIMA INVITO AL BERE - A MECENATE

ODE VENTISETTESIMA SCENA CONVIVIALE - AI SODALI

ODE TRENTESIMA A VENERE

ODE TRENTATREESIMA TRISTI AMORI - AD ALBIO TIBULLO

DELLE ODI

LIBRO SECONDO

ODE SECONDA LA RICCHEZZA VERA - A GAIO SALLUSTIO CRISPO

ODE TERZA ELOGIO DELLA VITA SERENA - A QUINTO DELLIO

ODE OTTAVA LA BELLA MENTITRICE

ODE DECIMA SAGGEZZA - A LICINIO MURENA

DELLE ODI

LIBRO TERZO

ODE SECONDA LA VIRTÚ CIVILE

ODE SESTA CONTRO IL CORROTTO SECOLO

ODE DECIMA SERENATA - A LICIA

ODE QUINDICESIMA VECCHIA LASCIVA - CONTRO CLORI

ODE TRENTESIMA IMMORTALITᅨ

DELLE ODI

LIBRO QUARTO

ODE DODICESIMA INVITO AL LIETO BERE - A VIRGILIO

DELLE ODI

IL LIBRO DEGLI EPODI

EPODO TREDICESIMO VINO, PROFUMI E CANTI

EPODO QUATTORDICESIMO AMOROSO OBLIO - A MECENATE

EPODO QUINDICESIMO BELLA INFEDELE - A NEERA

PREFAZIONE ALLA POESIA DI PROPERZIO

DELLE ELEGIE

LIBRO PRIMO

ELEGIA PRIMA CINZIA MI ATTRASSE...

ELEGIA SECONDA CHE TI GIOVA, MIA VITA…

ELEGIA QUARTA PERCHテ LODARMI LE DOTI…

ELEGIA OTTAVA FOLLE SEI DUNQUE ?...

ELEGIA QUARTA PERCHテ LODARMI LE DOTI…

ELEGIA UNDECIMA MENTRE GODI I TUOI OZI…

ELEGIA QUINDICESIMA DOGLIANZE PIÚ VOLTE MI DIEDE...

ELEGIA DICIANNOVESIMA NON LA TRISTEZZA IO TEMO…

ELEGIA VENTIDUESIMA TU MI DOMANDI…

DELLE ELEGIE

LIBRO SECONDO

ELEGIA QUINTA È DUNQUE VERO, O CINZIA?...

ELEGIA OTTAVA MI RAPISCONO LA DONNA…

ELEGIA UNDECIMA SCRIVANO PUR ALTRI DI TE…

ELEGIA DICIASSETTESIMA MENTIRE ALL’AMANTE…

ELEGIA VENTICINQUESIMA O TU, CHE COSÍ BELLA NASCESTI...

ELEGIA VENTISETTESIMA VOI SCRUTATE, O MORTALI…

ELEGIA VENTOTTESIMA O GIOVE, ABBI PIETᅨ INFINE…

ELEGIA VENTINOVESIMA EBBRO, O MIA LUCE, IERI NOTTE…

DELLE ELEGIE

LIBRO TERZO

ELEGIA QUINTA AMORE É DIO DI PACE…

ELEGIA SETTIMA DUNQUE TU SEI, O DANARO…

ELEGIA DECIMA IO MI SONO STUPITO STAMANE…

ELEGIA QUINDICESIMA COSÍ IO NON SENTA PIÚ…

ELEGIA DICIANNOVESIMA PIÚ VOLTE MI RINFACCI…

ELEGIA VENTIQUATTRESIMA STOLTA É CODESTA FIDUCIA…

ELEGIA VENTICINQUESIMA SCHERNO IO FUI UN DI’…

DELLE ELEGIE

LIBRO QUARTO

ELEGIA SETTIMA VIVONO ANCORA I MANI…

ELEGIA DECIMA PRIMO TU OFFRISTI, O ROMOLO…

BREVI POSTILLE SULLA VITA E L’ARTE DI CATULLO

IL LIBRO DEI CARMI

CARME SECONDO DELIZIA, O PASSERO…

CARME TERZO PIANGETE, O VENERI…

CARME QUINTO VIVIAM, MIA LESBIA

CARME SETTIMO TU CHIEDI, O LESBIA...

CARME TREDICESIMO TU PRANZERAI BENE, O FABULLO…

CARME VENTISEESIMO NON TEME, O FURIO…

CARME VENTISETTESIMO GARZONE, MESCIMI FALERNO…

CARME TRENTUNESIMO O SIRMIONE, O FIOR…

CARME TRENTASETTESIMO O AVVENTORI DELLA SOZZA BETTOLA…

CARME QUARANTUNESIMO VUOL QUELLA MERETRICE…

CARME QUARANTATREESIMO SALVE, O FANCIULLA CHE NON HAI

CARME CINQUANTUNESIMO L’OZIO, O CATULLO...

CARME CINQUANTASEESIMO QUESTA É DA RIDERE…

CARME CINQUANTOTTESIMO CELIO, LA LESBIA MIA…

CARME SESSANTANOVESIMO QUAL MERAVIGLIA, O RUFO…

CARME SETTANTESIMO GIURA LA DONNA MIA…

CARME SETTANTADUESIMO O LESBIA, DICEVI UN TEMPO

CARME SETTANTATREESIMO NON CREDER PI￴ DI FARTI…

CARME SETTANTACINQUESIMO L’ANIMA A TAL PUNTO MI É GIUNTA…

CARME SETTANTASETTESIMO O RUFO, IN CUI MALAMENTE E INVANO…

CARME OTTANTADUESIMO QUINTO, SE VUOI CHE CATULLO…

>CARME OTTANTATREESIMO LESBIA, SE C’É IL MARITO...

CARME OTTANTACINQUESIMO ODIO ED AMO…

CARME OTTANTASEESIMO QUINZIA, PER MOLTI, É BELLA…

CARME OTTANTASETTESIMO DONNA NON V’E’ CHE POSSA…

CARME OTTANTOTTESIMO O GELLIO, CHI É MAI QUEL TALE…

CARME NOVANTADUESIMO LESBIA NON FA CHE SPARLARE…

CARME NOVANTAQUATTRESIMO IL TESTA DI CAZZO…

CARME NOVANTASEESIMO SE DAL DOLORE NOSTRO…

CARME NOVANTANOVESIMO CHE BACETTINO DOLCE…

CARME CENTOTREESIMO SCEGLI SILONE, O MI RENDI…

CARME CENTOSEESIMO QUANDO UN RAGAZZO BELLO…

CARME CENTOSETTESIMO CHI DESIDERÒ PER LUNGO TEMPO…

CARME CENTONOVESIMO QUESTO GIOCONDO AMORE TU VUOI…

CARME CENTODODICESIMO UOMO SEI TU DI MOLTI…

CARME CENTOSEDICESIMO O LESBIA, SPESSO PER TE VO’ CERCANDO…

CHIOSA CONCLUSIVA

IL POETA E IL TRADUTTORE POETA ET INTERPRES

Dello stesso autore

Chi é l'autore

Introduzione

A Matteo Tiberio,

mio adorato nipote

I brani lirici che andrete a leggere, gentili lettrici e cortesi lettori, Vi sono presentati in versione poetica italiana, con il testo latino a fronte, per offrire a tutti la possibilità di comprendere appieno lo stile e il modo di esprimersi dei nostri antenati in materia di passioni amorose, sentimentali, affettive e, più in generale, di quelle connesse alla vita civile e religiosa della Roma di duemila anni orsono.

Ovviamente, l’impegnativo lavoro di ricerca e traduzione non poteva abbracciare l’intera, enorme produzione letteraria degli scrittori e dei poeti latini e, dunque, si è necessariamente circoscritto a tre autori tra i più celebrati e, di essi, ne è scaturita una silloge dei componimenti maggiormente significativi.

I tre autori, testè accennati genericamente, vanno subito identificati e, qui di seguito, ne riporto i nominativi e le opere di poesia da essi composte:

QUINTO ORAZIO FLACCO - ODI ED EPODI

SESTO PROPERZIO - ELEGIE

GAIO VALERIO CATULLO - CARMI

INTRODUZIONE ALLA LETTURA DELLA LIRICA DI ORAZIO

I giudizi dei poeti, dei pensatori, dei critici sulla poesia lirica di Orazio, dal suo tempo fino ad oggi, sono disparatissimi, andando dalla condanna acerba all’esaltazione incondizionata.

La condanna proviene quasi esclusivamente dagli esponenti di maggior spicco delle età post-illuministe e romantiche; l’esaltazione prevalentemente da quelli delle età classicheggianti. Ma vi è in tutti, comunque, un punto nel quale sostanzialmente s’incontrano e, cioè, nel rilevarne, con una espressione solennemente elegante, lo sforzo e la dedizione poetica.

Orazio stesso, nell’Ode seconda del Libro quarto, parlando di Pindaro e poi di sé, così scrisse:

«Ali possenti innalzano il dircèo cigno, quand’egli nei profondi spazi sale tra i nembi. Ed io, piccolo quaggiù, operosi carmi compongo».

Ed inoltre, mentre il contemporaneo Ovidio definiva Orazio lirico col solo epiteto di numerosus cioè ricco di ritmi, il maggiore dotto dell’epoca imperiale, Quintiliano, di poco posteriore ad Orazio, esprimeva con il proprio anche il diffuso gusto popolare affermando: «Dei lirici quasi solo Orazio è degno di essere letto; egli infatti si leva talora a grande altezza ed è pieno di grazia gioconda ed è ardito e felice nelle sue varie figure e nella scelta delle parole». In

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. Registrati per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di Il latino delle passioni

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori