Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Pratica delle virtù francescane
Pratica delle virtù francescane
Pratica delle virtù francescane
E-book55 pagine41 minuti

Pratica delle virtù francescane

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Info su questo ebook

L'Apostolo Paolo ci invita ripetutamente a rallegrarci sempre nel Signore. Tutti noi abbiamo sperimentato certamente momenti di allegria prorompente, alternati a momenti di malinconia, di calo di entusiasmo, se non di tristezza. Perché questi alti e bassi? Può la gioia, come ci esorta San Paolo, essere continua nel nostro cuore? Da dove nasce la gioia?
LinguaItaliano
Data di uscita9 feb 2019
ISBN9780244157678
Pratica delle virtù francescane
Leggi anteprima

Leggi altro di Autori Vari

Correlato a Pratica delle virtù francescane

Categorie correlate

Recensioni su Pratica delle virtù francescane

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

    Anteprima del libro

    Pratica delle virtù francescane - Autori Vari

    Fede

    Pratica delle Virtù Francescane

    Secondo gli insegnamenti del Serafico Padre San Francesco

    La Letizia

    Rallegratevi nel Signore, sempre; ve lo ripeto ancora, rallegratevi (Fil 4,4).

    L'Apostolo Paolo ci invita ripetutamente a rallegrarci sempre nel Signore. Tutti noi abbiamo sperimentato certamente momenti di allegria prorompente, alternati a momenti di malinconia, di calo di entusiasmo, se non di tristezza. Perché questi alti e bassi? Può la gioia, come ci esorta San Paolo, essere continua nel nostro cuore? Da dove nasce la gioia?

    La gioia nasce e fiorisce in una buona coscienza. Quando un'anima vive con rettitudine, nella Grazia di Dio, sperimenta nel suo cuore una gioia così grande, così pura, limpida e profonda che non può essere paragonata a nessuna delle gioie fallaci e illusorie che può dare il mondo. Perché la gioia, quella vera, è Cristo. Chi possiede Cristo Gesù nel cuore, chi vive in unione con Lui: è felice.

    Per questo noi cristiani dovremmo essere gli uomini, le donne della gioia, della letizia. Abbiamo invero molti motivi per essere felici: abbiamo un Padre che ci ama smisuratamente e per rivelarci il Suo Amore ha inviato il Suo Diletto Figlio Gesù Cristo e lo Spirito Santo che ci rende capaci di amare con il Suo stesso Amore. Ci ha donato la Beata Vergine Maria che ci ha partoriti sul Calvario e la Chiesa come Madre amorosa, che ci ha portati nel suo grembo, ci ha dato alla luce attraverso il Battesimo e si prende cura della nostra crescita, per mezzo dei Sacramenti.

    Non abbiamo dunque ragione di essere felici? Non dovremmo con la nostra vita testimoniare, cantare la gioia di essere cristiani?

    Certo, anche il cristiano conosce momenti di prova, di tribolazione, di travaglio, ma è qui il paradosso, proprio allora il cristiano è chiamato a gioire perché attraverso la prova, la tribolazione, il travaglio, la persecuzione, il suo amore si purifica ed egli viene reso più somigliante al suo Signore Gesù Cristo.

    E in questo San Francesco ci è maestro. Di rara bellezza è l'insegnamento di S. Francesco, in dialogo con Frate Leone, sulla perfetta letizia. Facciamone memoria insieme.

    Un giorno il beato Francesco, presso Santa Maria degli Angeli, chiamò frate Leone e gli disse: Frate Leone, scrivi. Questi rispose : Eccomi, sono pronto. Scrivi disse quale è la vera letizia. Viene un messo e dice che tutti i maestri di Parigi sono entrati nell'Ordine; scrivi, non è vera letizia. Così pure che sono entrati nell'Ordine tutti i prelati d'Oltr'Alpe, Arcivescovi e Vescovi, non solo ma perfino il Re di Francia e il Re d'Inghilterra; scrivi: non è vera letizia. E se ti giunge ancora notizia che i miei frati sono andati tra gli infedeli e li hanno convertiti tutti alla fede, oppure che io ho ricevuto da Dio tanta grazia da sanargli infermi e da fare molti miracoli; ebbene io ti dico: in tutte queste cose non è vera letizia.

    Ma qual è vera letizia?. Ecco, io torno da Perugia e, a notte profonda, giungo qui, ed è un inverno fangoso e così rigido che, all'estremità della tonaca si formano dei ghiaccioli d'acqua congelata, che mi percuotono continuamente le gambe fino a far uscire il sangue da siffatte ferite. E io tutto nel fango, nel freddo e nel ghiaccio, giungo alla porta e, dopo aver a lungo picchiato e chiamato, viene un frate e chiede Chi è?. Io rispondo: Frate Francesco. E quegli dice: Vattene, tu sei un semplice ed un

    Ti è piaciuta l'anteprima?
    Pagina 1 di 1