Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Piccolo Lessico: Semiotica dei sistemi linguistici e dei campi semiologici extralinguistici.

Piccolo Lessico: Semiotica dei sistemi linguistici e dei campi semiologici extralinguistici.

Leggi anteprima

Piccolo Lessico: Semiotica dei sistemi linguistici e dei campi semiologici extralinguistici.

Lunghezza:
86 pagine
46 minuti
Editore:
Pubblicato:
18 gen 2019
ISBN:
9788827865354
Formato:
Libro

Descrizione

L’esigenza è quella di proporre un primo strumento di decifrazione di un universo semiotico che dagli studi contemporanei rischia di essere messo da parte. La ricerca, ispirata dagli studi sviluppati intorno agli anni ’70 del secolo scorso, risulta più che mai attuale; i linguaggi non verbali fanno parte dei vari processi storico-culturali.

L’intento che soggiace a questa breve raccolta di termini da esplicitare con chiarezza risiede nella necessità intrinseca che si manifesta qualora si intenda procedere a letture di semiotica, comunicazione non verbale e comunicazione.

I linguaggi non verbali e i campi semiologici extralinguistici (inafferrabile mistero di cui siamo dotati) vanno conosciuti, tutelati e valorizzati perché rappresentano ancora un’arma incontaminata per proteggere e amplificare l’immaginazione troppo spessa ingabbiata nei materialismi, nei neologismi che non ci conducono ad altro se non ad una omologazione maggiore.

Se vogliamo trovare veri e nuovi fondamenti, questi vanno ricercati proprio nelle condizioni linguistiche minime che permettono all’uomo di considerarsi tale. Si è trattato di offrire una modesta base suscettibile all’approfondimento e all’ampliamento, spero utile e gradevole.
Editore:
Pubblicato:
18 gen 2019
ISBN:
9788827865354
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a Piccolo Lessico

Libri correlati

Articoli correlati

Anteprima del libro

Piccolo Lessico - Elisabetta Ceroni

ricerca.

Presentazione

L’intento che soggiace a questa breve raccolta di termini da esplicitare con chiarezza risiede nella necessità intrinseca che si manifesta qualora si intenda procedere a letture di semiotica, comunicazione non verbale e comunicazione extralinguistica.

La ricerca proposta, oltre a configurarsi come un piccolo compendio gnoseologico degli studi sull’argomento, rappresenta un tentativo utopistico di definire anche entità non sempre visibili; una metarappresentazione a proposito di tutti i sistemi linguistici non verbali, dei contesti e dei campi extralinguistici.

I linguaggi hanno la capacità di dire la verità, di parlare del mondo; la comunicazione umana si caratterizza perché usa il linguaggio non verbale anche per asserire quello che non c’è e non ci sarà mai, mi riferisco ai desideri, ai sogni, al temuto.

Detto questo risulta semplice intuire l’esigenza di proporre un primo strumento di decifrazione di un universo semiotico che dagli studi contemporanei rischia di essere messo da parte. La ricerca, ispirata dagli studi sviluppati intorno agli anni ’70 del secolo scorso, risulta più che mai attuale; i linguaggi non verbali fanno parte dei vari processi storico-culturali. Intessuta nella trama dell’indagine, non esplicitata ma costantemente presente, è la problematica dei rapporti tra ideologie e sistemi di segni, perché proprio riflettendo sui sistemi segnici è possibile la demistificazione dei meccanismi interni alle ideologie.

Siamo altrettanto consapevoli che gli strumenti della lingua e del pensiero in sé sono sempre soggetti alla relativizzazione e all’alienazione; quanto più vogliamo assoggettare insiemi di proposizioni a verifica empirica, tanto più l’esperimento ha probabilità di essere ostacolo stesso alla costruzione del sapere.

Si è trattato di offrire una modesta base suscettibile all’approfondimento e all’ampliamento, spero utile e gradevole. Elisabetta Ceroni

A

ABDUZIONE

Un’abduzione è un argomento di questa forma: sorprendentemente le cose stanno in questo e questo modo; ma se valesse l’ipotesi tale e tale, lo stare così delle cose sarebbe del tutto naturale; dunque la tale e tale ipotesi è molto plausibile. Secondo Peirce è l’unico genere di discorso che dà origine a una nuova idea; è il primo passo del processo induttivo vero e proprio, dove dall’ipotesi argomentata abduttivamente si deducono conseguenze empiriche nuove e riposte da testare a loro volta.

ACCULTURAZIONE

Procedimento attraverso il quale si fondono i modelli culturali.

ACRONIA

Qualità dei fenomeni o dei linguaggi di prescindere percettivamente dalla sfera temporale.

ACTING OUT

Espressione della tensione emozionale mediante il comportamento in una situazione che può non avere nulla a che fare con l’origine della tensione; comportamento impulsivo aggressivo, asociale.

AFFORDANCE

Caratteristiche morfologiche degli oggetti che invitano a utilizzarli in modo particolare o a compiere certe azioni piuttosto che altre. Si tratta di un concetto che serve per interpretare la relazione tra individui e oggetti, individuare le caratteristiche morfologiche (fatti fisici, psichici, dell’ambiente) e indicarle come pertinenze morfologiche (Norman 1988). L’affordance è una relazione attivata tra l’oggetto e il meccanismo che interagisce con esso; lo stesso oggetto può dimostrare diversi tipi di affordance nei confronti di individui diversi, in quanto oltre alle affordance reali, esistono quelle percepite.

ALLEGORIA

Figura retorica che permette a una data immagine di esprimere un concetto ideale, morale o religioso.

ALLOCÌNE (plurale: ALLOCÌNI)

Nella terminologia di Birdwhistell si dicono allocìni le varianti di uno stesso cine equivalenti quanto al significato (vedi la voce cine in questo lessico).

ALLOCUTIVO

Parte del discorso che serve a rivolgersi all’interlocutore.

ALLOCUTORE

Chi riceve gli enunciati prodotti da un locutore e li replica.

ALLOCUTORIO

Atto con cui l’emittente si rivolge al ricevente.

ANACOLUTO

Costruzione sintattica in cui all’elemento che inizia la frase non segue un elemento concordato con esso in modo corretto.

ANAFORA

Importante meccanismo di coesione testuale, trattasi di una figura retorica ad azione simbolica che consiste nella ripetizione di una parola o di un gruppo di parole (gesto o icona) all’inizio di preposizioni o versi successivi; il fine è enfatizzare il termine ripetuto e il suo significato.

ANALISI COMPONENZIALE

Metodo di rappresentazione del significato lessicale (teoria semantica di J.

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. Registrati per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di Piccolo Lessico

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori