Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Pacchetti d'amore: Essere nella leggerezza dell’essere
Pacchetti d'amore: Essere nella leggerezza dell’essere
Pacchetti d'amore: Essere nella leggerezza dell’essere
E-book126 pagine1 ora

Pacchetti d'amore: Essere nella leggerezza dell’essere

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Leggi anteprima

Info su questo ebook

Ecco un librino alquanto strano. Unico nel suo genere, rappresentano una vita orientata alla conoscenza di Sé. Khenebish è un umano che ha vissuto e cercato, l’ha fatto con mitezza e riflessività. Chi osa parlare dello Spirito si trova davanti a un abisso, al limite del lecito, in una condizione esistenziale non comune. Il parlarne sembra un fatto assolutamente sconveniente, ed e meglio che una personcina ammodo, civile ed educata non ne parli proprio. Lo Spirito non si vede, non si ascolta, non si tocca: non può essere conosciuto con i nostri sensi fisici, ma può essere percepito attraverso le sue continue e molteplici manifestazioni. Quando la manifestazione giunge in stretto contatto e si compie l’unione tra lo Spirito e il nostro Sé interiore, allora l’indescrivibile essenza che è in noi ne avverte in modo concreto l’intimo tocco, ineffabile e indicibile se cerchiamo di esprimerlo con il comune linguaggio. Questo tocco è silenzioso e nascosto, sottile, pudico nella sua delizia. Per essere avvertito, occorre che il cuore sia sgombro da rumori e distrazioni mentre giace in attesa, nella massima concentrazione dell’orecchio della mente che anela, nel silenzio, l’inascoltabile.
LinguaItaliano
Data di uscita3 nov 2018
ISBN9788898750559
Pacchetti d'amore: Essere nella leggerezza dell’essere
Leggi anteprima

Correlato a Pacchetti d'amore

Ebook correlati

Articoli correlati

Recensioni su Pacchetti d'amore

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

La recensione deve contenere almeno 10 parole

    Anteprima del libro

    Pacchetti d'amore - Khenebish

    Khenebish

    PACCHETTI D’AMORE

    Essere nella leggerezza dell’essere

    Prefazione dell’editore

    Ecco un librino alquanto strano. Unico nel suo genere, rappresenta i risultati di una vita orientata alla conoscenza di Sé. Khenebish è un umano che ha vissuto e cercato, l’ha fatto con la propria peculiarità di persona mite e riflessiva, senza mai rinunciare alla ricerca della propria natura.

    Si dice che il viaggio, quello vero è - in sostanza - un ritorno al punto di partenza, è la scoperta del proprio vero Sé.

    Khenebish è sulla buona strada per riabbracciarsi, ma queste sono faccende sue. Interessante, per chi vorrà avvicinarsi, il percorso del suo pensiero: Haiku, pensieri improvvisi, riflessioni e giochi, una grande lievità e umiltà (Parola in forte disuso!), un apparente disordine.

    Sono sicuro che il lettore coraggioso ne troverà giovamento e spunto di riflessione sul proprio percorso di ricerca del Sé.

    Rocco Fontana

    Nota dello scriba

    Chi è veramente Khenebish? In lingua mongola significa nessuno e questo racconta molto di lui.

    Si potrebbe dire che è una persona che non c’è, ma, più propriamente, può essere considerato un centro di imputazione di creatività o, meglio, uno stato, mentale molto particolare, in cui, da ciò che sembra il nulla (ma non lo è), si manifesta, spesso senza una causa apparente, una varietà di fenomeni, idee, lampi che si traducono qui in parole e in poche immagini.

    Khenebish è in realtà un uomo qualsiasi, uno come tanti, un uomo che si potrebbe definire genericamente della strada, un uomo che non ha un ruolo preciso nella nostra società, che non ha particolari meriti e nello stesso tempo che non ha fatto nulla di male, che non ha fatto cioè alcuna cosa di negativamente rilevante che lo renda meritevole di essere perseguito in uno dei tanti modi con cui solitamente questa nostra società emargina chi non è considerato meritevole di appartenerle.

    Ma anche quest’uomo ha una mente, una sua mente, che in certe particolari circostanze perde la sua individualità per unirsi alla mente universale, come l’aria contenuta in un vaso si unisce all’aria circostante quando si toglie il coperchio al vaso.

    E allora succede che tutte le manifestazioni che si originano in quella mente infinita, in quell’infinito vuoto in cui abbiamo la sensazione di naufragare, arrivano ad appartenergli, e così, attraverso questo libro, almeno in parte, possono giungere sino a noi.

    Allora leggere è un grande diletto, anche se non si tratta di ascoltare motivetti facilmente orecchiabili: trovarsi immersi anche per un solo istante nelle profondità del nostro spirito è qualcosa di indescrivibile, che esalta e commuove, che di fatto porta salute e benessere a tutto l’essere, anche al corpo.

    Lo scriba

    Queste pagine sono dedicate

    alla memoria di Paola Unditti,

    Dakini venuta dallo spazio

    per illuminare il mondo e aiutare gli esseri.

    Ci ha lasciato nell’aprile del 1993.

    L’uomo, molto solo,

    ora cammina sul lungomare,

    vorrebbe parlare alle onde,

    ma il mare non c’è.

    Rispetto

    O mio lettore, ho cercato una via oltre le nubi per raggiungere la tua presenza graziosa e raccontarti il mio giardino fiorito.

    Prefazione

    Nutro il forte sospetto che di solito nei libri la prefazione si scriva per ultima, quando cioè l’opera è stata completata ed è già conosciuta da chi la scriverà.

    E anche questa, non sfuggendo alla regola, si dovrebbe chiamare postfazione invece di prefazione. Ma io non posso tacere la verità a te che ti appresti a sfogliare queste pagine.

    Caro Lettore, ti avverto subito che queste pagine, con tutta probabilità non ti interesseranno affatto, perché può succedere che l’argomento di cui tratta questo libriccino, in realtà nella tua vita intima non esista neppure, nemmeno in una forma di apparente ectoplasma, ragione per cui tu ritieni e affermi che: È del tutto inutile parlare del nulla: parole, tempo e inchiostro sprecati. Stupidaggini, insomma! Proprio per questo scrivo questa prefazione, proprio per evitare che tu possa dolerti di non essere stato messo tempestivamente sul chi va là e non possa, di conseguenza tacciare chi scrive di essere autore di una trappola armata con un’esca dal sapore un po’ truffaldino o comunque ingannevole.

    Quindi, per cominciare, debbo dare avviso universale ‒ con tutto il poco coraggio che mi ritrovo e con una discreta dose della sfacciataggine di cui invece sono fornito in abbondanza ‒ che le pagine che seguono aspirano colpevolmente a fare alcune considerazioni sullo Spirito o per lo meno su taluni suoi aspetti. Il titolo Pacchetti d’Amore non inganni: l’Amore di cui si tratta in queste pagine è ben lontano da quello comunemente inteso. Infatti Esso è in realtà una specifica manifestazione propria dello Spirito. Le parole che il lettore incontrerà lungo il cammino del libro, diciamo in verità che tentano ‒ e tentano soltanto ‒ di parlare dello Spirito per arrivare quindi all’Amore, perché si sa che, al pari del Tao, non si può parlare dello Spirito: semplicemente in ragione del fatto che non esistono parole che lo possano esprimere. Quindi, in sostanza, lo Spirito a cui si accenna in queste pagine non è lo Spirito. (Parole copiate pari pari, ma mutatis mutandis, da Lao Tze o, più esattamente, Lao-Tzu, il famoso Maestro del Tao).

    Perché ho usato

    Ti è piaciuta l'anteprima?
    Pagina 1 di 1