Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Nemmeno il silenzio
Nemmeno il silenzio
Nemmeno il silenzio
E-book490 pagine7 ore

Nemmeno il silenzio

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Leggi anteprima

Info su questo ebook

Il piccolo paese di Cimolais, sui monti del Friuli, nel 1917 è invaso dai soldati del battaglione del Wurttemberg, guidati dal giovane Erwin Rommel. Per i tedeschi è fondamentale il Piave a Longarone: Cimolais è l’ultimo ostacolo, e la futura “volpe del deserto” dopo Caporetto si trova di fronte ad un duro passaggio: le Dolomiti Friulane. 
Per Rommel è il primo fallimento: dovrà fare uno sforzo imprevisto, scontrandosi coi suoi superiori, mostrando già gli aspetti cardine del carattere del condottiero fra i più abili della Seconda Guerra Mondiale.
Frattanto, sopra Cimolais, pochi soldati italiani organizzano la difesa, alle prese con crisi personali e organizzative, mentre nel paese la vita degli abitanti scorre fra duro lavoro e difficoltà. Il sindaco Morossi, erede di una  decaduta famiglia signorile, si trova ad amministrare una situazione delicata e deve anche fare i conti con un figlio disertore, uno degli “sbandati” in ritirata: Pietro Morossi è sfinito dalla trincea e non ha intenzione di rientrare nei ranghi. Suo fratello Felice, invalido dalla poliomielite, lo vorrebbe ancora soldato, manifestando il suo vivido patriottismo.
Le vicissitudini si intrecceranno e si scontreranno i destini, ma in poche ore tutti rimarranno segnati da un’esperienza che appiana le differenze fra le persone, messe di fronte all’orrore di una guerra che non ha risparmiato nulla e nessuno, nemmeno il silenzio. 
LinguaItaliano
Data di uscita2 nov 2018
ISBN9788869631818
Nemmeno il silenzio
Leggi anteprima

Correlato a Nemmeno il silenzio

Ebook correlati

Articoli correlati

Categorie correlate

Recensioni su Nemmeno il silenzio

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

La recensione deve contenere almeno 10 parole

    Anteprima del libro

    Nemmeno il silenzio - Andrea Nicoli

    Andrea Nicoli

    NEMMENO IL SILENZIO

    Elison Publishing

    Proprietà letteraria riservata

    © 2018 Elison Publishing

    Tutti i diritti sono riservati. È vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo effettuata, compresa la fotocopia, anche a uso interno o didattico.

    Le richieste per l’utilizzo della presente opera o di parte di essa in un contesto che non sia la lettura privata devono essere inviate a:

    Elison Publishing

    ISBN 9788869631818

    PROLOGO

    1.

    7 Novembre 1917

    Le notti d’Europa probabilmente sono uguali in tutti i paesi.

    Le stelle del cielo francese potrebbero essere le stesse che vedono i tedeschi, gli italiani probabilmente sentono gli stessi odori che la notte porta in terra austriaca, e sicuramente c’è per tutti lo stesso preciso e fatale silenzio.

    Quel silenzio che popola le notti d’Europa dalle montagne alle campagne al mare, uguale, identico in quelle notti, in quelle terre simili ma volute straniere fra loro, simbolicamente proiettate nel futuro dall’umanizzazione invasiva e distruttiva che consuma, modifica e distrugge ciò che fa più comodo, compreso il silenzio, che s’impreziosisce di un valore artificiale che altrimenti non gli apparterrebbe.

    Ma forse no, forse le notti non sono tutte uguali, sono invece molto diverse fra loro; e questa differenza non si nota soltanto una volta valicato un confine di stato, quella differenza si fa evidente e palese anche fra gli abitanti di quello stesso territorio costretto e rinchiuso dai confini: come possono essere uguali fra loro le notti di città e quelle di campagna? E alla luce di ciò soprattutto, potranno mai essere considerate simili le notti di un signore e quelle di un contadino? Certamente no, le differenze create dagli uomini per gli uomini hanno progressivamente reso di fatto inutile e obsoleto il concetto di uguaglianza, anche se comunque saranno sempre uomini gli uni, e uomini gli altri. Uomini contro uomini, uomini fra uomini per uomini, ma sempre uomini, esseri umani, fragili ed impotenti. Provano le stesse paure, muoiono della stessa morte, vedono le stesse stelle, sentono lo stesso silenzio.

    Quel silenzio che si sente soprattutto quando non c’è.

    Per quanto interrompere, rovinare quell’illustre silenzio fosse in quel caso necessario, l’impressione era di stare per commettere una sorta di violenza su quella terra abitualmente muta, incontaminata dal frastuono che l’avrebbe in poco deteriorata per sempre, irreparabilmente. Terra di montagna, luoghi stranieri così simili a quelli in cui il caporale Helmut Krause aveva passato infanzia e giovinezza, fra le sue montagne, quelle del regno di Württemberg. Il volto dell’ufficiale tedesco era impegnato in una smorfia di fatica, ma dentro sé sorrideva; nonostante il gravoso carico dell’attrezzatura sulla schiena, nonostante l’appesantita divisa feldgrau che era stata prima inzuppata dalla neve che inesorabile continuava a cadere da ore, e poi intirizzita all’arrivo della gelida bufera, egli continuava a pensare a quella sua terra il cui ricordo era reso fervido dal buio di quella notte, la stessa notte di sempre, che portava sempre lo stesso buio, ma che in realtà appariva così tanto diversa da quelle passate fino ad allora. Ogni tanto alzava la testa dal suo cammino pesante e capiva che c’era qualcosa di caratteristico in quelle tetre sfumature, mimeticamente disegnate dai maestosi profili delle cime, che stagliandosi come silenziose ed immote sentinelle sembravano quasi sorvegliare il suo marciare, minacciose nel loro marziale rivolgersi, sbarrando la strada a quel nemico che vi si avvicendava sgradito, ma apparentemente leali nella loro indifferente maestosità.

    Rivedeva le sue, di cime, pitturandone i colori sopra quel velo nero di notte, impolverato dalla neve, e dipingeva sul suo stesso volto affaticato un sorriso che accompagnava la vita dei campi in cui da contadino lavorava, quella vita di campagna dalla piacevole sofferenza, in cui foreste, fiumi, pascoli, sentieri e anche montagne, a volte innevate come quelle, era condita dagli elementi che tipicamente riempivano in quel tempo la gran parte delle vite di chi si trovava a combattere insieme, o contro, su quelle montagne: il fuoco, l’erba, gli alberi, i versi del bestiame da allevare con dedizione e l’impegno, attributi propri della sua famiglia, e delle altre famiglie contadine d’Europa. Pensava ai volti dei suoi famigliari, ai solchi nel campo, ai conigli, le capre e le vacche al pascolo, su tutte una bestia cui più delle altre era affezionato, e che aveva cresciuto ed allevato praticamente da solo. L’aveva chiamata Nina: era una bella e purissima Limburg, buona per tutto dal latte al trasporto. Gli aveva dato tante soddisfazioni, anche fino a poco prima che egli partisse per le armi; arruolato dalla coscrizione obbligatoria, come molti suoi coetanei, in quel battaglione, assegnato a quell’incarico che aveva svolto con lo stesso impegno che caratterizzava il suo lavoro ordinario, per non mancare di rispetto al buon nome della famiglia, e del Reich tedesco. Ed ecco infatti piovergli addosso una carriera fulminea ed inaspettata, agevolata dalle grosse perdite di ufficiali, sia per cause di battaglia sia dalle destituzioni per manifesta inettitudine al ruolo, ed in un attimo diventare caporale in servizio sulle montagne italiane.

    Avanzava in testa ad un gruppo costretto a marciare in fila indiana e a testa bassa verso il punto più in alto di quel sentiero che aveva più la parvenza di una strada, una sorta di mulattiera, larga abbastanza da far passare una fila di due-tre soldati, ma dal carattere ripido e scosceso, tipico di quelle montagne che erano indicate come Prealpi sulle carte, ma che erano state da molti soldati, soprattutto austriaci, accostate più alle Dolomiti per una loro somiglianza in caratteristiche morfologiche come il netto spiccare di cuspidi acuminate e versanti aspri e ripidi, che anche al buio svettavano inequivocabili, trasmettendo uno strano presagio di placida irrequietezza che chi conosceva già quelle montagne non poteva scordare. Montagne enigmatiche e stupende, ma sempre montagne di territorio nemico: erano militari in battaglia, e quelle cime andavano scalate e quelle strade andavano percorse soltanto per perseguire l’obbiettivo prefissato, che in quel caso era la ormai famosa Forcella Clautana. Da giorni il nome di quel passo strategico che conduceva in Valcellina era rimbalzato di bocca in bocca, dagli ufficiali fino ai soldati. Gli ordini erano via via cambiati dopo lo scardinamento delle linee sul Colovrat: ogni giorno durante quella rapida avanzata si susseguivano cambiamenti di direzione e percorso, poiché il nemico in ritirata lungo il Friuli tentava in tutti i modi di fermare quella che sembrava diventare ogni giorno di più l’offensiva più risolutiva di tutto il conflitto, tanto che gli stessi invasori si erano trovati a far fronte alla continua riorganizzazione del percorso, e come già successo pochi giorni prima, la strada scelta per quegli uomini, che puntavano dritti verso la forcella, era la più impervia, la più difficile, forse però la più adatta a uomini di montagna come lo erano quelli del Württembergisches Gebirgsbataillon, nome che veniva abbreviato in WGB nella burocrazia militare: truppe specializzate, battaglione di montagna che contava molti uomini, quasi quanto un reggimento: un alleato validissimo ed utilissimo agli austriaci per come quel territorio sembrava mostrarsi.

    L’operazione richiedeva massime attenzioni e discrezioni poiché era sconosciuto il posizionamento degli avversari in ritirata sulla stessa strada, era assolutamente necessario evitare di essere scoperti. Ma nonostante gli estremi sforzi da parte delle truppe era evidente per Helmut che il fortissimo silenzio che quelle montagne vivevano dall’eternità non si sarebbe potuto conservare immacolato; continuava a sentire, e con lui molti altri soldati che provenivano da luoghi di montagna, che il loro avanzare, il loro irrompere turbava fatalmente quelle terre, era sempre più evidente che quell’ammasso di uomini, al suo passaggio, distruggeva progressivamente l’epocale integrità di quell’ambiente: Dorsali che si ergevano minacciose, muraglie inghiottite dalla notte di cui sembravano creatrici, alture arcadiche e solenni che intimidivano da sempre ogni improvvisato avventore, a monito delle conseguenze che ogni offesa poteva scatenare. Allora l’unica cosa da fare era continuare, lui e gli altri, a forzarsi tacitamente in testa la convinzione che quei luoghi fossero alieni, terra nemica, pur non così poi tanto diversa dalla sua terra, permeata in quelle stesse fredde notti dalla stessa fresca neve di novembre, dallo stesso silenzio. Ma il rumore che rompeva quel silenzio non era il solito vento che soffiava fra gli alberi, non erano i versi degli animali, i rintocchi stonati del campanaccio della Nina. Il caporale Krause – Helmut, sapeva che in quei momenti necessitava di quei ricordi non tanto per crogiolarsi nella speranza di poter un giorno riavere tutto ciò, quanto piuttosto per trarne la forza tale da riuscire ad affrontare quella fatica che a volte non vedeva come necessaria, che sentiva non appartenergli appieno, ed il cui movente restava indiscusso soltanto grazie al senso di responsabilità nei confronti del dovere e dell’onore.

    La strada continuava a salire, a volte anche aumentando di pendenza, e la quantità di neve depositatavi aumentava proporzionalmente all’altitudine. Significava che la meta si stava approssimando, così pensò di dare uno sguardo indietro per controllare la situazione della sua squadra, che lo seguiva: tutto era in ordine, ma sempre forte era la suggestione data dal colpo d’occhio di quella interminabile fila di soldati su quell’itinerario ripido ma invitante, che si faceva percorrere velocemente, spingendo ed attraendo quasi inconsciamente i soldati dritti nelle bocche di fuoco del nemico, fauci affamate e pronte a tutto per nutrirsi e sopravvivere. Dalla parte opposta un’altra bocca, invisibile, pareva vomitare quell’orda di uomini che pesanti si trascinavano su quella strada, appesa ad un abisso di cui non s’intendeva il fondo, almeno non quanto il destino di chi ne sarebbe stato inghiottito. Il buio avvolgeva tutto, ma si riuscivano a vedere anche gli uomini alla fine della fila che proseguivano a cavallo di alcuni muli da trasporto, in posizione più arretrata rispetto ai gruppi predisposti al primo assalto. Per quanto comunque si trattasse sempre e solo di animali e uomini, per Helmut non era possibile non provare disagio; quantunque fosse necessario, obbligatorio proseguire, non era facile sopportare che il peso di quella camminata, che il pestare di quegli zoccoli spostasse la ghiaia e scorticasse le radici affioranti dei pini mughi. Non riusciva proprio a fare in modo che l’orgoglio e la disciplina, con l’onore e l’amor patrio, sovrastassero le sensazioni che cozzavano aspramente con le ragioni di quell’avanzata, prima ancora del contatto col vero nemico.

    Il nemico, ecco su cosa doveva concentrarsi, per non lasciarsi distrarre: sparare, uccidere per primi, uccidere per sopravvivere, questo era il pensiero che cercava di stamparsi in testa, tentando di rinsavire da quella debolezza che non poteva permettersi in quanto conduttore della propria squadra, la prima, la più avanzata della compagnia. Altre compagnie si erano mosse in direzioni diverse, appostandosi ai lati per colpire il passo con un fronte più ampio, ed il riverbero dato dalla neve aiutava quantomeno a capire la morfologia del territorio, a capire come muoversi grazie a quel poco di luce, anche se ci voleva comunque coraggio per essere i primi ad avvicinarsi: andava fatto tutto con decisione, con fermezza ma con molta cautela, sempre di più. Ed il caporale Krause era consapevole che i suoi uomini, come dimostrato in altri frangenti, fossero pronti ad affrontare quel pericolo con la destrezza che li contraddistingueva. Li osservò marciare mentre si avvicinavano lentamente, composti ed organizzati; lo impressionava l’ordine con cui le truppe proseguivano, la costanza e la diligenza perfino nella compostezza e nello stoccaggio degli equipaggiamenti, fatto salvo qualche piccolo difetto che gli parve trascurabile, come la borraccia del soldato Griegmann che sembrava sporgere troppo dalla sua posizione ufficiale, quella che era stata decisa e che doveva essere la medesima per tutti i soldati. A Helmut ciò stonava molto, anche se apparentemente poteva essere considerato un dettaglio di poco conto; pensò che anche se la borraccia non era in una posizione tale da creare gravi danni, poteva in qualche modo ostacolare un eventuale rapido movimento del fucile che il soldato teneva a tracolla sullo stesso lato. D’altra parte sapeva di poter lasciar correre una piccolezza come quella, ché la priorità era la marcia, e tornò a guardare avanti a sé con prudenza e circospezione, cercando di pensare soltanto all’obiettivo della missione, lasciando latenti tutte le preoccupazioni banali ed i distraenti sentimentalismi che potevano tradirlo.

    Presagiva un avvicinamento all’obiettivo, la sommità della salita era vicina, s’iniziavano ad abbassare i costoni di roccia a protezione della stessa, e presto le truppe tedesche avrebbero potuto essere a contatto più stretto del voluto col nemico. Fece allora un segno convenzionale verso i sottoposti, imponendo l’intensificarsi della concentrazione e sottintendendo di cercare di non esporsi fino all’ordine d’attacco, che sarebbe giunto una volta avvistate con certezza le postazioni italiane, e comunque dopo almeno un paio di minuti di fuoco di sbarramento da parte delle compagnie di mitraglieri. Di conseguenza la marcia rallentò e con essa diminuì il rumore, il sottofondo innaturale che per quegli interminabili istanti aveva coperto come un velo il suono originale di quella valle pressoché incontaminata; ritornò per un attimo qualcosa che assomigliava non tanto ad un suono, un brusio, un sottofondo, più ad un’assenza anche non totale di suoni, una strana attesa che sembrava incutere un timoroso rispetto a tutto ciò che in quegli istanti popolava quel vuoto quasi tangibile. Da quell’atteggiamento trasudava un’inconscia volontà, da parte di tutta la materia esistente, di assaporare senza contaminazioni gli ultimi momenti di quell’immenso e leggendario silenzio.

    Il sentiero compiva una curva, aggirando una grossa sporgenza di viva roccia, oltre la quale v’era soltanto l’ignoto, e con esso probabilmente l’agognato passo di Clautana e le postazioni nemiche. Il caporale auspicò ancor più prudenza, proseguendo e sporgendosi per perlustrare di là della rupe. Al buio gli pareva di riuscire ad avvistare qualcosa, ma finché non poteva esserne certo se ne guardava bene dal dare ordini che non fossero relativi al mero avanzare in silenzio. Ed il silenzio allora si fece più forte, quando i rumori della marcia divennero più sordi, latenti, ovattati, lontani. Mentre i soldati si ammassavano al suo seguito sentiva ancora gli zoccoli dei muli arrancare sulla ghiaia e fra le radici, sempre più pesanti ed incerti, con la neve che si accumulava e si appiattiva rendendo l’appoggio scivoloso. Un tenente, vista la scena, sempre nella più assoluta prudenza, decise di interrompere lì la difficoltosa salita dei conduttori di quelle bestie, per non rischiare di essere d’intralcio all’attacco; ordinò alle squadre di fare rientro e di sistemarsi nelle immediate retrovie, in attesa di nuovi sviluppi. Ciò costrinse le compagnie di fucilieri in retroguardia, ferme in attesa di ordini, ad appiattirsi contro la roccia sul lato interno della strada, per far spazio ai rientranti sui muli. La strada pur ampia però in alcuni punti si stringeva, mostrando sempre più la sua asprezza, denotando e rimarcando quanto fosse la vita umana in quei luoghi fosse ardua e labile, e lasciandosi sempre più inghiottire dal buio dell’ignoto di quell’abisso che costeggiava incautamente. L’andamento della marcia e della contromarcia s’intensificava, ingorgando ed ammassando pericolosamente le fila in quei punti pericolosi, fino a non poter più impedire la fatalità: un paio di muli con i loro conducenti scivolarono nel burrone, producendosi in una commistione di suoni che insieme fecero scaturire un terrificante urlo infernale, che pareva quasi voler salire dal burrone squarciare la notte, smembrarla e squartarla del suo significato, assaltarla alla baionetta per vincerla, per cessarne l’esistenza carpendone l’anima, estirpandone l’essenza, coprendo vigorosamente quel suo connaturato silenzio. Helmut rabbrividì, ma subito cercò di restare concentrato e non farsi prendere dallo sconforto e dal panico, per capire se vi fosse qualche avvisaglia da parte nemica che potesse trasformarsi in pericolo per il suo plotone e per chi lo seguiva. Forse l’eco di quell’urlo agghiacciante si era persa lontano dall’udito delle prime linee italiane, poiché non vi fu nessuna reazione immediata, per quanto fosse percepibile la presenza nemica nelle vicinanze. Non erano per fortuna ancora stati scoperti e si poteva pianificare l’attacco.

    Per un attimo però gli parve che il silenzio fosse tornato del tutto normale, quello che Forcella Clautana viveva da sempre; il buio e la bufera imperversavano tutt’attorno ma quel momento gli ricordò ancora una volta – ed era ogni volta come fosse l’ultima – le montagne del Württemberg, e gli parve quasi di sentire il suono reale, metallico, sgraziato e cadenzato del campanaccio della Nina quando il soldato Griegmann, sporgendosi istintivamente verso il burrone che aveva inghiottito impietosamente un suo compagno ed il suo mulo, fece urtare la baionetta contro quella borraccia troppo sporgente, producendo un suono limpido e squillante, che riproducendosi amplificato all’eco di quelle pareti rocciose, fece automaticamente scattare il fuoco nemico delle postazioni poco distanti. Una sola mitragliatrice da montagna che in poco tempo tolse la vita a tre soldati.

    Ed in quello sferragliare, in quella miriade incalcolabile di colpi sparati con una velocità mai vista prima, in quel teatro naturale di buio, silenzio e odori puri si produceva l’inarrestabile ed inoppugnabile tripudio del distruttivo progresso industriale, che faceva anche della morte un suo proprio criterio di produzione. Colpi in sequenze quasi ritmate, colpi che si susseguirono quasi senza lasciare intendere un intervallo fra l’uno e l’altro, intervallati soltanto dalle pause di ricarica, in cui si potevano avvertire i colpi singoli sparati dai fucili degli alpini, che miravano ad indefinite sagome liquefatte nell’oscurità, uomini nell’ombra che colpivano ombre di uomini.

    Uno di questi colpi, uno soltanto, trapassò il cranio di Helmut da parte a parte, lasciandogli come ultimo ricordo terreno non un’immagine ma un suono, quel suono, e poi soltanto il silenzio.

    2.

    24 Ottobre 1917

    Spesso l’evidenza del pericolo si manifesta alla cognizione nel momento in cui il pericolo è passato. Accade anche per quanto riguarda un evento importante, sia esso tragico o meno. L’istinto di sopravvivenza prevale per natura su qualsiasi altro comando volontario dettato dalla ragione, e ciò vale per tutti gli esseri viventi, in particolar modo per gli umani. Quindi la confusione delle esplosioni, delle urla, della polvere, dell’odore di ferro e zolfo che pervade la terra di nessuno che si percorre durante un assalto, l’importanza della vita e la paura della morte diventano tutti elementi di cui ci si rende conto soltanto quando, passato il momento che ogni volta sembra essere l’ultimo, ritorna protagonista il puro silenzio.

    Ed il silenzio quando si è in trincea è spesso traditore, non è per niente simile al silenzio a cui un soldato come il bersagliere Giovagnini era abituato. Gli sarebbe piaciuto che almeno un po’ quell’apatia ricordasse gli assolati ed oziosi pomeriggi di quando era studente, nella sua Pisa che pareva allora tanto lontana. Si era arruolato come volontario, per sentirsi utile all’Italia, per l’orgoglio di poter contribuire al completamento della costruzione di quell’istituzione chiamata Patria, di cui ancora si faticava a distinguere i lineamenti e a conoscerne i confini. I mitici confini, la frontiera: concetti illusori, trascendentali per uno che come lui non si era quasi mai spostato dalla Toscana, regione infatti troppo lontana dai confini, lontana dalla frontiera e dal suo forte significato. Lontano anche però da quel fronte in cui ora era prigioniero, distante fin troppo nei suoni, colori e odori che esalavano da quella grigia trincea puzzolente e silenziosamente infima, in cui non sembrava esserci altro da fare che aspettare: una lunga ed estenuante attesa apparentemente inutile ed innocua, figlia della noia, ma intervallata casualmente da un bombardamento che poteva essere letale. E quell’ansia snervante lo logorava, quel passaggio repentino dalla noia al pericolo lo distruggeva pian piano nel profondo, per quanto fosse stato abituato, nella sua vita di studente, alla pressione di un esame, alla tensione ed all’impegno frustrante di ore studio. La pesantezza di quei momenti diventava allora una questione irrilevante, se paragonata all’importanza del pericolo che ipoteticamente correva standosene in piedi in attesa dell’ordine d’attacco, che sarebbe dovuto arrivare, ma da giorni invece non giungeva alcuna comunicazione dalle retrovie. Passava il tempo continuando a guardare fisso dalle feritoie, quando non visto dai commilitoni – contravvenendo ad un ordine di sicurezza – un po’ per provare l’ebbrezza del rischio di essere colpito da un cecchino, ma soprattutto per riuscire a vincere anche solo per poco la noia, che spesso era paradossalmente più temuta della morte in battaglia, e che accompagnata a quel silenzio artificiale non era altro che il preludio, di quella pesante morte che, guardinga, aspettava.

    Una situazione di continua consunzione, di annullamento della personalità, un perpetrato ultimatum alla pazienza ed alla capacità di intendere e volere di ogni uomo che in quelle buche nel terreno passava giorno dopo giorno in attesa del proprio destino, con la crescente consapevolezza che nessuna gloria attendeva oltre quei reticolati: soltanto una penosa, fredda e spietata morte. Scontrarsi con quella realtà pratica aveva dimostrato quanto essa fosse distante da quella teorica che gli interventisti all’università gli avevano descritto: nessun trionfo eclatante, nessuno scambio cavalleresco di onori, nessuna gloria imperitura, nessuna fanfara e divise bardate, soltanto sporcizia, cattivi odori ed assordanti rumori. Intervallava queste fughe mentali, questi momenti di distrazione con la precisa ispezione del suo novantuno, continuando ad aprire e chiudere l’otturatore, come se il rumore perpetuo che ne scaturiva intendesse scandire il tempo, ed aumentare gli intervalli fra questi movimenti potesse servire a farlo scorrere più velocemente, mentre la noia e la prossimità del pericolo si confondevano l’una con l’altra in un’assurda miscela esplosiva di prostrazione ed annullamento del proprio ego.

    Fortuna voleva che quantomeno non fosse l’unico a soffrire di quest’assurda penitenza, che il suo destino potesse essere condiviso dai commilitoni, in particolare uno degli alpini dell’ottavo, brigata Tolmezzo, che erano stati dislocati lì in quella trincea sul Carso per ridistribuzione di risorse in previsione di un momento critico: questa era stata la comunicazione dallo stato maggiore. Si preparava la dodicesima battaglia dell’Isonzo, e questo rimpinguo di rinforzi era una ventata d’aria fresca per i bersaglieri, che dopo mesi potevano finalmente vedere facce nuove. Giovagnini non si sentiva molto a suo agio con i colleghi di reparto che non fossero ufficiali, spesso si trattava di analfabeti senza cultura, prelevati da situazioni di povertà quasi estrema, ambienti sociali lontani da quello di cui lui faceva parte; realtà diverse contro cui spesso cozzava, poiché anche nel corredo politico ed idealistico i contadini obbligati alla leva non concordavano con loro illusori volontari. Non aveva ancora trovato nessuno con cui parlare di qualcosa di più che non fossero stati il rancio o le granate o i cecchini, qualcosa che portasse la sua mente via da quella trincea, via da quel posto, da quella situazione che mai avrebbe immaginato così terrificante ed alienante. Ed allora ecco questi alpini, da cui certo non si aspettava altro che nuovi soldati sgrammaticati e rudi, e che invece gli portarono la conoscenza di due ragazzi che condividevano, quantomeno in parte, la sua passione per lo studio ed i libri. Negli ultimi giorni erano entrati in stretta confidenza, e spesso si cercavano per parlare e discutere. Aveva sentito dire che lì sul Carso a qualcuno era capitato di ritrovarsi in compagnia anche di giornalisti o poeti, ma lui aveva avuto a che fare soltanto con cavatori di sassi o boscaioli non eruditi, persone anche di animo buono, ma spesso poco socievoli o addirittura ostili a farsi quattro chiacchiere, specie se con il loro superiore. Da par suo faceva mea culpa per l’atteggiamento forse troppo istituzionale, troppo dotto nell’approccio che poteva essere frainteso come manifestazione di superiorità intellettuale, cosa che non era assolutamente intenzionale, ma soltanto il retaggio dell’educazione ricevuta. Erano poi arrivati appunto gli alpini, che per quella che era la sua, pur limitata, esperienza nel Regio Esercito, erano composti soltanto e non altro che da uomini del genere, grandi lavoratori ma ignoranti e dal carattere aspro e poco amichevole, aspetto che veniva poi oltremodo intensificato dalla pesante situazione che tutti erano costretti a vivere. Invece si era dovuto ricredere: non uno ma ben due di questi alpini montanari si erano dimostrati persone di studio e di cultura, per diverse ma simili vicissitudini familiari. Giovagnini li chiamava carnici entrambi, infatti il soldato Venturini era propriamente di Cercivento anche se da molto ormai trasferitosi ad Udine, prima studente e poi lavoratore, ma l’altro soldato non accettava questa definizione geografica, per quanto nemmeno egli sapesse darsi un aggettivo di provenienza che fosse riconoscibile ai più. Proprio mentre il toscano ci pensava, ecco appunto apparire quell’alpino carnico-non-carnico che rientrava in postazione, con tutta probabilità dopo essere passato dalla latrina, e gli sorrise:

    - Che hai da guardare Giovagnini?

    - Morossi! Sembri contento! Deh, anche sopravvivere alla latrina ha il suo perché, vero?

    La goliardia da brigata aveva di riflesso contagiato ormai anche quei ragazzi, anche se il loro ammaestramento culturale poteva in qualche modo prevedere un atteggiamento un po’ più posato, soprattutto per l’ufficiale Giovagnini, ma non era così facile mantenersi eleganti e gentili come si poteva essere alle cene e nelle biblioteche; non riuscivano proprio a sentirsi diversi dagli altri di cui condividevano il destino, non lì in quel posto, in quel tempo, di fronte a quel fato che li equiparava tutti, senza distinzione di portafoglio e d’istruzione.

    Ma non erano le battute, non erano il sudiciume e l’assenza d’igiene, non erano le divise tutte uguali che li equiparavano agli altri, non erano l’attesa, la paura, il silenzio a farli stare tutti sullo stesso piano, era qualcosa di più, qualcosa di eterno, di immanente, di ineluttabile. Era qualcosa di talmente semplice da risultare inconcepibile per quei ragazzi che a vent’anni si trovavano di fronte a qualcosa che il futuro sembrava intimargli senza soluzione: era sempre quel sentore di afflizione, qu