Inizia a leggere

Senti cosa ho scritto

Valutazioni:
115 pagine24 minuti

Sintesi

Quanti di voi sarebbero in grado di scrivere una poesia sui propri capelli? E quanti ci riuscirebbero senza risultare banali o senza ripetere gli slogan delle pubblicità di shampoo a cui siamo abituati fin da piccoli? E infine, quanti sceglierebbero di aprire la propria raccolta poetica con questa poesia?
In Senti cosa ho scritto Lorenzo Bartolini riesce a fare queste tre cose contemporaneamente, ma se pensate che la sua poetica si limiti a dei consigli di bellezza vi sbagliate, perché Bartolini non è uno stupido (noi ne siamo convinti): al contrario, le sue riflessioni spaziano dall’importanza degli affetti (teneri, rigeneranti) e dell’amore a alla solitudine e alle difficoltà del vivere seguendo il ritmo imposto da una società un po’ pazza, forse più di noi.
È il tempo a costituire il filo conduttore di una raccolta poetica sui generis, che tra un aperitivo e una riflessione sulla morte (si, il connubio sembra strano ma non lo è) ci concede e si concede uno spazio sempre più ridotto, quasi fino all’annullamento degli haiku che chiudono la raccolta.
Voi però fatevi un favore, concedetevi tempo per questo libro.

Leggi sull'app mobile di Scribd

Scarica l'app mobile gratuita di Scribd per leggere sempre e ovunque.