Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Fiori e Piante Medicinali

Fiori e Piante Medicinali

Leggi anteprima

Fiori e Piante Medicinali

Lunghezza:
225 pagine
3 ore
Editore:
Pubblicato:
26 ott 2018
ISBN:
9788827854501
Formato:
Libro

Descrizione

Pubblichiamo questa settima edizione, dopo il lusinghiero esito delle altre precedenti, anche con maggior compiacimento perchè, oltre ad un'opera utile, che crediamo possa svolgere questo libro fra le popolazioni agricole e di regioni alpine, esso serve a far conoscere numerosi tesori ancor Poco sfruttati in Italia nel campo delle piante e delle erbe alpine. Tutti sanno che numerose specie di piante sono adoperate in grandi quantità, sia nell'industria dei liquori o dei profumi, sia per uso medicinale, ma non tutti sanno che l'Italia, che pur è ricca di questa meravigliosa flora, dipende ancora dall'estero per la maggior parte di questi prodotti.

Se noi sapessimo e se volessimo sfruttar queste nostre ricchezze naturali potremmo non solo bastare al consumo interno, ma ancora alimentare il mercato mondiale.

Per rimediare a tale stato di cose, che ora si ripete ancora con maggior ampiezza, in Francia è stato iniziato dai pubblici Poteri un vasto movimento di propaganda, organizzato per intensificare la raccolta delle Piante terapeutiche indigene e per raccomandarne specialmente la cultura e divulgarne le virtù.

"Due o tre Piante bene applicate hanno spesso un effetto più sicuro e di minor violenza alla natura che una sequela di droghe, le quali fermentano nello stomaco e che un infermo fa maggior fatica a sopportare, della stessa malattia che lo affligge". Ecco quanto scriveva nel 1714 il grande dott. Chomel, medico del Re e decano della Facoltà di Medicina di Parigi.

Oggidì sono meglio conosciute e più apprezzate le virtù terapeutiche di un'infinità di piante, l'esperienza secolare di insigni medici e botanici ha stabilito precisamente in quali casi si possono impiegare con utili risultati medicamenti a base di erbe terapeutiche.

E non solo nella medicina esse occupano un Posto cospicuo, ma in tutta l'economia domestica e nell'industria dei liquori e Profumi.

Rivelare Perciò al pubblico tutte queste virtù sconosciute che la Natura ha prodigato alla flora nostrana, indicare in quali casi possono essere di utile impiego terapeutico od industriale, ecco il principale intendimento che ha mosso l'autore a promuoverne una settima edizione.

Confidiamo quindi di avere la simpatia e l'incoraggiamento di quanti non disdegnano la pratica esperienza del Passato millenario in queste umili note di divulgazione delle meravigliose ed ignorate virtù della Natura.
Editore:
Pubblicato:
26 ott 2018
ISBN:
9788827854501
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a Fiori e Piante Medicinali

Libri correlati

Categorie correlate

Anteprima del libro

Fiori e Piante Medicinali - Dott. Géo Davis

Angelis

PREFAZIONE

Pubblichiamo questa settima edizione, dopo il lusinghiero esito delle altre precedenti, anche con maggior compiacimento perchè, oltre ad un'opera utile, che crediamo possa svolgere questo libro fra le popolazioni agricole e di regioni alpine, esso serve a far conoscere numerosi tesori ancor Poco sfruttati in Italia nel campo delle piante e delle erbe alpine. Tutti sanno che numerose specie di piante sono adoperate in grandi quantità, sia nell'industria dei liquori o dei profumi, sia per uso medicinale, ma non tutti sanno che l'Italia, che pur è ricca di questa meravigliosa flora, dipende ancora dall'estero per la maggior parte di questi prodotti.

Se noi sapessimo e se volessimo sfruttar queste nostre ricchezze naturali potremmo non solo bastare al consumo interno, ma ancora alimentare il mercato mondiale.

Per rimediare a tale stato di cose, che ora si ripete ancora con maggior ampiezza, in Francia è stato iniziato dai pubblici Poteri un vasto movimento di propaganda, organizzato per intensificare la raccolta delle Piante terapeutiche indigene e per raccomandarne specialmente la cultura e divulgarne le virtù.

Due o tre Piante bene applicate hanno spesso un effetto più sicuro e di minor violenza alla natura che una sequela di droghe, le quali fermentano nello stomaco e che un infermo fa maggior fatica a sopportare, della stessa malattia che lo affligge. Ecco quanto scriveva nel 1714 il grande dott. Chomel, medico del Re e decano della Facoltà di Medicina di Parigi.

Oggidì sono meglio conosciute e più apprezzate le virtù terapeutiche di un'infinità di piante, l'esperienza secolare di insigni medici e botanici ha stabilito precisamente in quali casi si possono impiegare con utili risultati medicamenti a base di erbe terapeutiche.

E non solo nella medicina esse occupano un Posto cospicuo, ma in tutta l'economia domestica e nell'industria dei liquori e Profumi.

Rivelare Perciò al pubblico tutte queste virtù sconosciute che la Natura ha prodigato alla flora nostrana, indicare in quali casi possono essere di utile impiego terapeutico od industriale, ecco il principale intendimento che ha mosso l'autore a promuoverne una settima edizione.

Confidiamo quindi di avere la simpatia e l'incoraggiamento di quanti non disdegnano la pratica esperienza del Passato millenario in queste umili note di divulgazione delle meravigliose ed ignorate virtù della Natura.

LA RACCOLTA DELLE PIANTE MEDICINALI

Perchè le piante e le erbe, che hanno virtù terapeutiche o servono ad uso industriale, abbiano completa la loro efficacia, occorre siano raccolte nell'epoca più propizia della stagione, nel momento più opportuno del loro sviluppo e siano tenute con particolari riguardi onde servirsene poi ad epoca opportuna.

Perchè la raccolta avvenga nelle condizioni migliori, occorre approfittare di un tempo secco e di giorni di pieno sole. Si comprende che le piante od i fiori raccolti con tempo umido, o bagnati anche solo dalla rugiada, siano poi difficili ad asciugare e rischino facilmente di alterarsi, con grave deprezzamento dal lato commerciale e dal lato terapeutico.

Per la stessa ragione occorre che durante la raccolta non vengano ammassati in grandi quantità o stretti in panieri o recipienti, per impedire un riscaldamento o la fermentazione; occorre al contrario ritirarli dallo stretto al più presto possibile.

L'epoca della raccolta è cosa assai importante da considerare. L'epoca varia da specie a specie e da parte a parte, anche di una medesima pianta. In generale i fiori dovranno esser raccolti prima della loro completa fioritura, i fiori già troppo aperti perdono sovente, durante l'essicazione, parecchie delle loro proprietà.

I frutti od i semi devono essere raccolti a maturità completa e liberati del loro involucro, in caso ne portino.

Le foglie dovranno essere staccate in piena vegetazione, ciò prima o durante la fioritura.

I gambi, le scorze, privati delle loro foglie, saranno tagliati in frammenti più o meno lunghi, e talora tagliati longitudinalmente, per facilitare la essiccazione.

Le radici ed i rizomi, (o fusti sotterranei), i bulbi, i tubercoli, si raccolgono verso la fine della vegetazione, in autunno od anche in inverno. Bisogna liberarli della terra che li ricopre, sia lavandoli, sia raschiandoli, tagliandoli magari longitudinalmente se sono troppo grandi, per un più rapido essiccamento.

I bottoni o gemme (pino, pioppo) saranno tagliati con meno possibile di gambo, prima del loro sviluppo, cioè quando sono ancora coperti di resina in inverno o al principio della primavera.

ESSICCAMENTO

L'essiccamento è l'operazione forse più delicata e più importante di tutto il trattamento delle piante.

Esso deve venir effettuato al più presto possibile, in un locale secco, ben aerato, in cui si possa stabilire, una corrente d'aria per facilitare l'evaporazione dell'acqua delle piante; i granai, i solai, le tettoie largamente aperte possono servire ottimamente a questa operazione.

Non si deve procedere all'essiccamento al sole, salvo qualche caso, col pretesto di far più presto, per non alterare il colore dei fiori ed accartocciare le foglie.

Se non si possiede un largo spazio per distendere le piante ed i fiori raccolti, si potrà formare un essiccatoio con delle lettiere, fatte con sacchi o carta da imballaggio, sovrapposti, alla distanza di almeno 3o centimetri.

Non si devono mai mettere le piante in contatto diretto col suolo, ma sopra delle carte o degli stracci, delle impalcature. Esse saranno deposte a piccoli strati, e non dovranno essere rivoltate che ad essicazione completa.

Nei locali di essicamento i diversi prodotti devono esser tenuti ben distinti e separati gli uni dagli altri, per evitare mescolanze che ne deprezzerebbero il valore commerciale, e per evitare mescolamenti di piante che possono anche esser velenose.

L'essicamento in buone condizioni non richiede che una media da una a due settimane, specie per fiori o foglie.

Si riconoscerà il punto giusto di essicamento quando la pianta si rompe facilmente fra le dita, con un caratteristico rumore.

Prima di metterle in sacchi, occorre lasciar le piante uno o due giorni all'aria leggermente umida, perchè siano meno fragili.

ZONE DI VEGETAZIONE

Prima di passare alla descrizione delle diverse specie di piante che è utile raccogliere, ci sembra opportuno indicare a grandi linee le diverse zone di altitudine, la natura dei terreni e le differenze del clima che favoriscono la cultura e la fioritura delle diverse piante.

Fra le cause che regolano la distribuzione delle piante nella natura una principale deve essere considerata : la natura del suolo, la sua composizione chimica.

Crediamo opportuno dividere questi terreni in tre categorie:

Terreni silicei. Terreni calcarei. Terreni neutri.

I terreni silicei, nei quali, come il nome stesso indica, abbonda la silice, sono costituiti di rocce primitive, micascisti, scisti, grés, e di rocce eruttive, quali il protogino, il serpentino.

Le piante medicinali che ivi si incontrano sono relativamente poco numerose, data l'altitudine, in genere assai elevata, di queste regioni. Lassù si potrà tuttavia trovare l'antica, l'aconito, la genziana, il genepì, la violetta delle Alpi, ed alcune altre specie particolari che noi indicheremo in seguito.

I terreni calcarei, formati da carbonato di calcio e da tracce di magnesia, sono molto più comuni e producono una flora abbondante e varia, in cui le piante medicinali si trovano numerosissime, come: l'antyllide, il piede di gatto, le primavere, millefoglie, ecc.

I terreni neutri sono soprattutto costituiti, dal lato della flora, da elementi di decomposizione dei terreni precedenti o dai loro detriti trasportati dai ghiacciai o dai torrenti.

Essi formano i grandiosi depositi glaciali scaglionati sul fianco delle montagne e nelle vallate. Questi terreni non hanno flora speciale, i diversi elementi di loro composizione permettendo di favorire tutte le specie dei precedenti terreni.

ZONE DI ALTITUDINE

Dal lato dell'altitudine si possono distinguere quattro zone di vegetazione : la zona della pianura, la zona delle colline, la zona subalpina e la zona alpina.

La zona della Pianura corrisponde a tutta la superficie al fondo delle vallate e raccoglie un gran numero di piante medicinali, soprattutto quelle che si accompagnano alle culture agricole, come il papavero rosso, la fumaria, la viola selvatica, la bardana, la saponaria, ecc..

La zona delle colline comprende tutta la distesa di-terreno che s'eleva dalla pianura fino al limite inferiore della foresta cioè, da 800 a 1000 metri, a seconda delle regioni. E' la zona più ricca, poichè, oltre a tutte le varietà della pianura, vi si trovano tutte le specie che amano i terreni secchi e leggeri, i posti riparati, esposti in pieno-mezzogiorno, e molto soleggiati. In questa zona si trovano principalmente le piante aromatiche, le ombrellifere,. le labiate, come la lavanda, l'issopo, la menta, ecc.

La zona subalpini, o zona delle foreste, si estende fino a 2000 metri, al limite superiore della vegetazione arborescente. Qui le piante della pianura scompaiono, per lasciar campo a delle specie alpine particolari a quelle altitudini. E' il dominio della foresta, della quercia, del faggio dapprima, poi dei pini, degli abeti secolari, ospitanti numerose specie medicinali che ricercano l'ombra o l'umidità, come la belladonna, la genziana, la felce maschia, il mughetto, la violetta di montagna, ecc.

La zona alpina abbraccia tutte le alte cime, le zone degli alti pascoli e dei prati alpini, a flora medicinale assai limitate. Vi si potrà nondimeno trovare l'amica, la veronica delle Alpi, le diverse specie di genepì, che raggiungono le punte più elevate ed inaccessibili.

EPOCHE DI RACCOLTA

Diamo un elenco delle principali piante medicinali, indicando l'epoca approssimativa della raccolta e delle loro parti più interessanti.

Per una maggiore intelligenza del lettore premettiamo queste indicazioni.

Foglie mondate per noi si intenderanno foglie senza gambo, interamente separate le une dalle altre.

A mazzi si intenderanno senza gambo, cioè, per la maggior parte, senza che il gambo sia stato tagliato vicino alla radice, ma all'altezza delle prime foglie della base della pianta.

A mazzi fioriti che la raccolta deve avvenire nel momento della fioritura, e comprenderà le foglie ed i fiori sul relativo gambo.

Al naturale si intenderà la pianta senza radici, 'tutta intera, senza esser mondata.

Gennaio-Febbraio.

Genziana, radice - Quando la temperatura lo permette.

Febbraio-Marzo.

Borsa pastori, a mazzi.

Gemme di pino (pinus silvestris), tagliate corte senza legno.

Gui, foglie mondate.

Marzo-Aprile.

Edera terrestre, foglie mondate.

Prezzemolo, radice tagliata 2 cent.

Pruno spinoso, fiori.

Pulmonaria officinalis, foglie mondate

Sigillo di Salomone o poligonato, radice intiera.

Farfara o tussillagine, fiori.

Aprile-Maggio.

Assenzio verde, foglie mondate.

Anemone pulsatilla, a mazzi.

Biancospino, fiori senza foglie, in bottoni.

Borraggine, fiori inondati.

Coclearia, fiori secchi mondati.

Crescioni di fontana, foglie mondate

Dulcamara, gambi tagliati 2 cm.

Mughetto, foglie inondate, fiori, pianta intera con radice, radice intera.

Mirtillo, foglie.

Ortica bianca, fiori con o senza calice, pianta fiorita a mazzi.

Violette, fiori bleu mondati.

Maggio-Giugno.

Sedano, radice tagliata 2 cm.

Asperula odorante, piante a mazzi.

Bardana, foglie mondate.

Belladonna, foglie mondate (veleno).

Geum urbauum, foglie inondate e radice intera.

Uva ursina, foglie mondate.

Cardo benedetto, pianta fiorita, in mazzi.

Papavero rosso o selvatico, petali.

Fumaria, a mazzi.

Scordio, al naturale.

Giusquiamo, foglie mondate (veleno).

Pervinca, foglie Inondate.

Antennania dioica detta piede di gatto, foglie inondate.

Tarassaco, radici intere e foglie mondate.

Saline, foglie inondate (veleno).

Sambuco, fiori in grappoli ben gialli, senza gambi.

Giugno-Luglio.

Aconito, fiori mondati e radice intera.

Angelica, radice.

Amica montana, fiori mondati.

mula elenium, radice tagliata a 2 cm. di lungh.

Camomilla comune (matricaria), fiori inondati.

Camomilla romana doppia, bianca, fiori mondati.

Ribes nero, foglie mondate.

Cicuta, foglie Inondate (veleno).

Cicoria selvatica, foglie mondate.

Digitale, foglie mondate (veleno).

Scordio, pianta intera al naturale.

Altea, fiori e foglie mondate.

Margherita, foglie inondate.

Marrubio bianco, inondato.

Regina dei prati (spirea ulmaria), fiori in grappoli.

Stramonio, foglie inondate (veleno).

Tiglio, fiori e frutta inondate.

Timo, foglie mondate e sommità fiorite.

Veronica, pianta con foglie.

Luglio-Agosto.

Agrimonia, mazzi e fiori inondati.

Alchemilla, pianta.

Basilico, fiori e foglie mondate.

Centaurea o fiordalisi, fiori con calici.

Tasso barbasso o verbasco, fiori mondati.

Carvi, semi.

Lavanda, fiori mondati.

Maggiorana, fiori mondati.

Meliloto giallo, fiorito, pianta a mazzi.

Melissa, sommità fiorite.

Menta selvatica, foglie mondate.

Origano, fiorito a mazzi, (maggiorana selvatica)

Pensieri selvatici, fiori mondati.

Persicaria (poligono), pianta al naturale.

Prezzemolo, radice tagliata 2 cm.

Rosmarino, inondato.

Saponaria, foglie mondate.

Scolopendrio, foglie mondate.

Timo e serpillo, al naturale.

Uhnaria o regina dei prati, fiori in grappoli.

Verbena, foglie mondale.

Agosto-Settembre.

Acoro o calamo aromatico, radici, (rizoma). Bistorta, radici intere.

Celidonia, pianta a mazzi.

Brionia, radice tagliata in pezzi di 2 cm.

Colchico, bulbi tagliati nello spessore di I cm.

Finocchio, radice tagliata a 2 cm.

Felce maschia, radice.

Fragola, radice a 2 cm.

Lithospermum dei campi, semi.

Altea, radice.

Iris, intere bianche.

Maiz, barba di meliga. Mercuriale, pianta in mazzi. Pazienza o romite, radice a 2 cm.

Polipodio, rizoma.

Potentilla reptans, radici. Saponaria, foglie e radici. Valeriana, radici.

Settembre-Ottobre.

Asperula odorante, pianta in mazzi.

Bardana o lappa, radici a 2 cm.

Berberi, frutto.

Consolida, radice a 2 cm.

Ginepro, bacche secche.

Genziana, radice tagliata e iutiera.

Arum maculatum, radice tagliata (piede di vacca).

Peonia, radici intere.

Saponaria, radici a a cm.

Ottobre-Novembre.

Colchico, bulbi tagliati a fette. Genziana, radici.

LE PIANTE MEDICINALI

ACETOSELLA

(Rumex Acetosella)

Pianta della famiglia delle poligonee, comunissima nei prati e lungo le strade di campagna. Contiene un succo di gradevole acidità, prodotto dall'assalato di potassio. Vengono usate le foglie, il succo e la radice.

L'acetosella possiede proprietà febbrifughe e calmanti, specie nelle febbri intermittenti. Si usa in campagna per guarir delle febbri. Fin dal primo accesso prender 15o grammi di succo di acetosella.

14'acetosella cotta, dà un cataplasmo efficacissimo contro i tumori del ginocchio, e in generale contro i tumori scrofolosi. Uno strato di succo di acetosella, disteso con un pennello sopra una piaga ulcerosa e cancrenosa produce pure buoni risultati.

Essa entra nella confezione delle cosiddette minestre verdi; unita agli spinaci ne rialza il sapore, la si mangia ordinariamente ridotta in purée.

un cibo di scarso valore nutritivo; non serve che ad eccitare le funzioni digestive.

Si ricorre ad essa per facilitare l'azione dei purganti, ed entra a tale scopo nel popolare brodo di erbe.

Ha press'a poco le medesime proprietà la acetosella ticcola (oxalis acetosella), comunemente conosciuta sotto il nome di pane del cuculo. Si cita un caso di espulsione del verme tenia in seguito a forte ingestione di questa pianticella.

ACONITO

(Aconitunt NaPellus)

E una pianta della famiglia delle ranunculAee, che si trova nei luoghi montuosi, con bei fiori di colore azzurro, disposti a lunga spiga.

La radice, nera esternamente, è composta di due e tre tubercoli aventi la forma ed il volume di un piccolo navone, donde deriva l'appellativo napellus.

Molto usata nei tempi passati, meno oggidì, sotto forma di estratto, tintura, ed anche di polvere, delle foglie e della radice.

E calmante, diuretica, sudorifera, deostruente.

Le foglie devono esser raccolte alla fioritura e le radici non appena terminata la raccolta delle foglie.

Vi è forte commercio delle foglie mondate, poco delle radici.

Questa pianta prospera facilmente in suolo fresco, profondo e ricco di humus. Essendo un violento veleno fare attenzione a non mescolarla con altre foglie o lasciarla alla portata di mani non sperimentate.

ADONIDE O ADONE

(Adonis aestivalis e adoras vernalis)

L'adonis aestivalis è una bella pianticella, della famiglia delle ranunculacee, con splendido fiorellino rosso sangue, che si trova, non comunemente però, nei campi.

La specie vernalis, a fiori gialli, da noi rarissima; è comune nelle regioni nordiche ed è la più usata in medicina, essendo molto più attiva. Essa regolarizza i battiti cardiaci, aumenta la pressione arteriosa ed è diuretica. - Si adopera come succedaneo alla digitale e per alter-!natia con essa nelle cure di lunga durata. Usata per lo più sotto forma di infuso nella dose del 2%.

L'adonis aestivalis, volgarmente detta anche «goccia di sangue" per coloro dei suoi fiori, rassomiglia ad un ranuncolo, col gambo alto circa $o cm., dritto e robusto, coperto di foglie divise in numerose e fini lacinie, o barbe, coi rami terminanti in fiori abbastanza grandi, a cinque petali d'un rosso scarlatto macchiati di nero alla base.

Si raccoglie al momento della

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. Registrati per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di Fiori e Piante Medicinali

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori