Trova il tuo prossimo libro preferito

Abbonati oggi e leggi gratis per 30 giorni
In un futuro lontano: Fiaba per adulti

In un futuro lontano: Fiaba per adulti

Leggi anteprima

In un futuro lontano: Fiaba per adulti

Lunghezza:
82 pagine
1 ora
Pubblicato:
Jul 19, 2018
ISBN:
9788893691611
Formato:
Libro

Descrizione

Astrodoro vive in un buco di una profonda grotta, lontana dalla luce del sole, ma lei rifiuta una condizione così miserevole, vuole uscire alla luce, incurante dei pericoli che ci sono fuori della grotta. Il Gran Sacerdote Mefastole, dominatore e padrone assoluto della grotta, meschino e incestuoso, padre della ragazza, conosce la via che porta alla libertà e alla fine accetta che lei esca. Le dà anche una missione di pace: deve raggiungere il suo acerrimo nemico, Metestole, e consegnargli una pallina. La ragazza per uscire deve superare una prova durissima, deve violare un labirinto messo a protezione della cavea. Una volta fuori è facilmente catturata da Ursoleo, un umanide enorme, per metà macchina meccanica e per metà fatto di tessuti biologici, tutto muscoli e letteralmente privo di cervello, e viene portata alla reggia di Metestole, il padrone del mondo. Lì viene accolta da Giasonìde, figlio adottivo di Metestole e, dopo una fuga e la scoperta di un prigioniero che inneggia alla Verità, affrontano Metestole per conoscere qual è stata la sorte dell’umanità ormai sostituita dagli umanidi, e Metestole alla fine racconta...
Pubblicato:
Jul 19, 2018
ISBN:
9788893691611
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a In un futuro lontano

Libri correlati
Articoli correlati

Anteprima del libro

In un futuro lontano - Enrico Di Cesare

978-88-9369-161-1

Nel buco nero della caverna e fuori

I

«Ah... Ah... Ahimè...» [piange e grida]

«Cos’hai, figlia mia? Perché questo pianto, perché tanto affanno?»

«Lasciami gridare forte il dolore e la rabbia per essere nata qui in quest’orribile buco nero, senza aria e senza luce; in questo inferno senza fiamme, gelido come l’Antartide; in questo buco profondo come il pozzo dell’anima malvagia, che ci dà come nutrimento solo bisce melmose o topi e pipistrelli, dove non c’è sole e cielo, ma solo fango imputridito di liquami maleodoranti e puzzolenti...»

«Vieni qui, figlia mia, stringi il tuo corpo al mio, scalda il tuo cuore, appoggialo al mio cuore; nell’oscurità riesco a vedere i tuoi grandi occhi di cerbiatta, orgogliosi come quelli del leone; i tuoi capelli ocra come il colore della terra più preziosa; la pelle bruna come il bronzo dorato più raffinato; vieni, figlia, soffoca il pianto nel mio seno, asciuga le lacrime. Voglio piangere io le tue lacrime, ma qui non c’è un inferno eterno come eterna punizione divina, questo è solo un purgatorio, un passaggio, un’attesa, lunga e dolorosa, ma non vana, perché un giorno verrà Colui che ci guiderà su per l’aspra via che mena diritto alle stelle...»

Il pianto continua fragoroso come un’immensa cascata di lacrime, interrotto qua e là da singhiozzi irrefrenabili, poi a poco a poco le lacrime cessano, i singhiozzi si fanno più radi, fino a placarsi quasi completamente.

«Mamma, tra tue braccia sento l’alito caldo del tuo respiro, il ritmo lento del tuo cuore, il conforto delle tue parole. Ho asciugato il mio pianto, ho gettato via lo scoramento, ho preso dentro di me la forza e ho raggiunto la consapevolezza. Ora so che non c’è, e mai ci sarà, nessuno che saprà o potrà insegnarci come seguire la via che va lontano, fuori di qui: il desiderio genera il mito, il mito crea personaggi inesistenti che sembrano veri e invece non sono che vani. Mamma qui ora, in questa profonda oscurità ci sono io con l’anima che gronda sangue e ci sei tu che cerchi di consolarmi, e non c’è nessuno, nessuno che asciughi il pianto, che sollevi il corpo, che sappia la strada dell’erta, che ci dica dove mettere il piede e come seguire il cammino, come affrontare le asperità, come combattere i nemici, come conquistare il posto migliore, quello ameno, quello dall’aria fresca e profumata dei profumi più suadenti della natura. Ora, qui, ci sono io e mi sento pronta, ho raggiunto la consapevolezza di possedere la forza necessaria per uscire e vedere il mondo, di avere finalmente il coraggio di sfidare i malvagi che ci costringono nella parte più buia e profonda della caverna, per convincerli alla pace, al bene, all’amore reciproco, alla collaborazione sinergica, alla felicità diffusa, all’immensità della contemplazione delle stelle...»

«Ah... Ah... Ahimè... [piange e grida] Nooo! Figlia, nooo! Il tuo corpo mi sembra quello di un’antilope che fugge, di balzo in balzo, leggera di gioventù, ma questo tuo corpo è ingannatore, non ti fidare di lui! Guarda, ci sono i leoni nascosti nell’erba; invisibili, camminano cauti e lentamente, sottovento, non fanno alcun rumore, rarefatti, sciolti nell’aria. Sono grandi e pesanti e mai potrebbero raggiungere la leggerezza della libertà di una gazzella quale tu sei, eppure guarda meglio, sta’ in guardia, non vedi come son numerosi? Se, scartando destramente uno di loro, fuggi lontano dalla sua malvagità, non vedi che cadrai dritto nella bocca famelica dell’altro? Figlia mia, non seguire la strada degli ormoni giovanili, larga, diritta e insidiosa, segui invece quella tortuosa del sospetto, lentamente, pronta a fuggire se oltre la curva si appalesa qualche pericolo inaspettato, quella che è già nota ai vecchi come me, che hanno conosciuto inganno e dolore, perché la malvagità degli uomini non ha confine, va oltre l’immaginario, oltre l’immenso, va oltre dio...»

«Qui, nel posto dove sono nata, conosco ogni cosa. Senza vedere riconosco ogni pietra; so dove posare e stemprare la stanchezza; dove ascoltare il silenzio; dove rimirare l’oscurità; dove nascondermi; dove immaginare l’infinito, l’immensa montagna sopra di noi; so dove in fila passano i ratti; dove posso andare a caccia di pipistrelli; dove scavare il carbone e arrostire le carni; dove essiccare le pelli... questo mio buio lo conosco come il professore conosce il libro, come l’amante la sua amata. Ma dopo tanti anni di vita, ora so anche quello che non conosco; so che, se vivo, vivo per essere bagnata dalla pioggia, asciugata dal sole, ubriacata dallo scintillare dei colori; so che esiste un cielo e non l’ho mai visto e so che è profondo più del mare, a volte placido e tranquillo come il prato fiorito, ma può anche far male come la frusta del torturatore più spietato; so che la pelle può sentire il vento freddo del nord e il vento caldo, arroventato dalle sabbie del deserto; che le orecchie possono udire il suo fischiare attraverso le fessure delle rocce come canne d’organo dal suono incantatore; che gli occhi possono rimanere quasi accecati dal biancheggiare della neve, dalla luce d’oro del sole, dall’azzurro profondo dell’aria e la mente smarrirsi nella notte di luna nuova quando le stelle, senza rivali, sanno brillare, insieme, come innumerevoli lucciole evanescenti... sono pronta, madre, ad affrontare l’ingiustizia e la violenza, a perire, ma non voglio rimanere qui, dove l’aria immota spegne ogni desiderio di vita, dove regna il silenzio e lo squittire dei topi, dove si muore ancor prima di vivere...»

«No, figlia, tu non sai proprio niente! Non sai quanto è crudele e violenta la malvagità, non sai cosa faranno di te:

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. Registrati per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di In un futuro lontano

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori