Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Tavolozza
Tavolozza
Tavolozza
E-book75 pagine36 minuti

Tavolozza

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Info su questo ebook

Giovanissimo, oltre che come pittore, si era affermato come poeta con la raccolta Tavolozza (1862), che ebbe un notevole successo, e in cui vi sono descrizioni di paesaggi che rivelano un vivo senso del colore, di tipo impressionistico. È interessante anche il linguaggio, che impiega espressioni comuni, ignote alla lingua poetica tradizionale.
LinguaItaliano
Data di uscita28 mag 2018
ISBN9788828329596
Tavolozza
Leggi anteprima

Leggi altro di Emilio Praga

Correlato a Tavolozza

Ebook correlati

Articoli correlati

Categorie correlate

Recensioni su Tavolozza

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

La recensione deve contenere almeno 10 parole

    Anteprima del libro

    Tavolozza - Emilio Praga

    Mario Praga

    Tavolozza

    UUID: 71017412-60d5-11e8-9390-17532927e555

    Questo libro è stato realizzato con StreetLib Write

    http://write.streetlib.com

    Indice dei contenuti

    Emilio Praga

    TAVOLOZZA

    1

    PER COMINCIARE

    Spesso una voce incognita

    mi dice: - O giovinetto,

    perché dolente hai l'anima,

    e pallido l'aspetto?

    Di desidèri inutili,

    oh, non ascolta il grido;

    l'aura che vien dagli uomini,

    amico, è un verbo infido!

    L'aura che vien dagli uomini,

    dice l'amica voce,

    ti segnerà benevola

    di canizie precoce;

    tienti i tuoi canti, o giovine,

    vivi nel lieto oblio;

    non valgon templi olimpici

    un tugurio natio.

    A te divine musiche

    cantano i tuoi vent'anni,

    rose educar le lagrime

    dei primi disinganni;

    del bisogno la maglia

    non ti comprime il cuore,

    che eterna, puro e vergine,

    l'inno del primo amore.

    Ah! chiudi le domestiche

    pareti, o giovinetto:

    sul nido tuo non aliti

    l'aura del mondo infetto,

    bevi in pace e in silenzio

    al tuo nappo dorato;

    là fuor de' tuoi carnefici

    Echeggia l'ululato!

    Bevi al tuo nappo e i cantici

    svolgi che il ciel ti spira,

    ma sia sommesso ed umile

    il suon della tua lira,

    nessun s'arresti a coglierne

    le note alle tue soglie:

    presto si muor la mammola

    se al margin suo si toglie.

    Guarda la folla, o giovine!

    É una stoltezza o un fallo

    là, fra i curvi che incensano

    l'ara del dio metallo,

    ogni altro culto; e copresi

    di sogghigni immortali

    chi, col fango battendosi,

    tenta di metter l'ali.

    Come il selvaggio, indocile

    del prete alle parole,

    del suo Cristo beffavasi

    e gli additava il Sole,

    così, se canti i palpiti

    di un'alma ardente o stanca,

    costor dinnanzi spiéganti

    un biglietto di banca!

    Bevi al tuo nappo, e i cantici

    svolgi che il ciel ti spira,

    ma sia sommesso ed umile

    il suon della tua lira;

    nessun s'arresti a coglierne

    le note alle tue soglie;

    presto si muor la mammola

    se al margin suo si toglie. -

    Queste son ciarle arcadiche,

    larve di capo astratto,

    e il libro mio testifichi

    ch'io non ci credo affatto:

    schiusi la porta: e agli uomini,

    girovago cantore,

    vengo a tentar di scuotere

    l'eco assopita in cuore.

    Forse i vent'anni ingannano,

    e la voce ha ragione:

    ma infin, pensare e scrivere

    è una cattiva azione?

    Nemico all'ozio ignobile,

    dell'arte innamorato,

    perché, campione inutile,

    lascerò lo steccato?

    Della prima battaglia

    è il giorno! io mi ci affido...

    ma i versi miei svolazzano

    deboli ancor dal nido;

    incensi e allòr non vogliono,

    sol temono le spine...

    dateci un fiore, è lauro

    che ben s'acconcia al crine!

    Al solitario e povero

    fanciul della Savoia,

    che nei caffè le veglie

    dei cittadini annoia,

    se alcun, pietoso, un'arida

    lode gli versa in core,

    che avvivi il ritmo flebile

    di una stilla d'amore;

    scintillar vedi i timidi

    occhi del poverino,

    e dimenar più rapido

    l'arco del suo violino;

    la fame allor dimentica,

    oblia la lontananza,

    e nel petto gli cantano

    la fede e la speranza!

    2

    IL CORSO ALL'ALBA

    Oh bello è pure, al soffio

    dell'aura mattutina,

    il Corso, ove s'esercita

    la boria cittadina

    quando sui tetti e i platani

    da lunge il

    Ti è piaciuta l'anteprima?
    Pagina 1 di 1