Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

La Solitudine del Cuore: La solitudine da problema a risorsa
La Solitudine del Cuore: La solitudine da problema a risorsa
La Solitudine del Cuore: La solitudine da problema a risorsa
E-book63 pagine46 minuti

La Solitudine del Cuore: La solitudine da problema a risorsa

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Leggi anteprima

Info su questo ebook

« Quante volte ci sentiamo soli nella vita ? Quante volte vorremmo parlare, esprimerci diversamente, parlare di più, con persone più attente al nostro sentire ?
Io negli ultimi anni ho smesso di soffrire per le piccole cose di tutti i giorni, di arrabbiarmi in maniera forte e vigorosa per tutto. Sento adesso una specie di depressione costante, di tono minore nella mia vita, come se la sinfonia del vivere da tragedia fosse diventata una melodia malinconica e dolce.
Questa dolce melanconia è il rimpianto per non vivere una pienezza dei rapporti con gli altri. Cos'è che mi attanaglia il cuore, cos'è questa solitudine del cuore ?
E' il bisogno forte, che è sempre nascosto ma sempre presente, di poter essere veramente me stesso. Nei gesti, negli sguardi, nelle parole io spesso mi esprimo come con automatismi. E' l'esperienza di un 43enne intelligente e abbastanza esperto degli uomini, da sapersi garantire risposte pronte, atteggiamenti adeguati alle varie situazioni sociali. Sorrido, cammino, rispondo alla gente, tutto apparentemente è nella norma.
Ma dentro ho continuamente un dolore, una pena, dovuti alla mancanza di soddisfazione nel vivere.
Tutto in questi ultimi tempi mi appare meccanico, automatico: non ho più le genuinità degli anni della gioventù, dove le persone le sentivo dentro, dove ogni situazione sembrava portare novità.
Sofferenze, esperienza, conoscenza degli uomini e dei loro affari: tutto ciò ha portato il ragazzo che inseguiva uno sguardo, un sorriso ad una sorta di cinismo obbligato, ad una continua mancanza di desiderio del prossimo, conscio che gli altri non mi possano portare più felicità, più gioie.
In un altro mio libro, dove sono i nostri sogni?, affronto il fatto che maturando, perdiamo talvolta i nostri sogni e desideri più profondi e sentiti, in virtù della certezza triste che purtroppo solo sogni sono e possono rimanere.
Quando scopri che l'amore totale, l'essere amati, sono realtà difficilmente realizzabili in questa vita, dove ideali e sentimenti spesso sono sacrificati di fronte ad interesse materiale ed egoismi, ti senti solo. Solo dentro, solo nelle tue stesse parole, hai sempre questa sensazione che quello che dici, che fai, non ti porteranno a sentirti meglio nel cammino della tua vita. In quei momenti, hai la solitudine nel cuore. ». Così scrive l'autore nell'introduzione.
L'opera completa è costituita, tra scritti originali e materiale di diversa origine, in alcune parti ben identificabili: gli aspetti biografici, i capitoli sulla solitudine, i capitoli sulla possibilità di trasformare i propri atteggiamenti verso la solitudine, le considerazioni dei tempi in solitudine non come negativi, ma piuttosto come aspetto positivo e prolifico della propria esistenza.
Il percorso dalla condizione di disagio personale a quella di considerazione della solitudine come risorsa, è duro da affrontare e pieno di situazioni psichiche complesse. Ma è possibile attraversarlo con la consapevolezza che si può uscire cambiati volendo realizzare questo enorme percorso di cambiamento, anche senza l'aiuto di nessuno. Le forze per farlo sono dentro di noi, e richiedono un mutamento radicale di prospettiva.
LinguaItaliano
EditorePubMe
Data di uscita2 gen 2018
ISBN9788871638058
La Solitudine del Cuore: La solitudine da problema a risorsa
Leggi anteprima

Leggi altro di Roberto Di Molfetta

Correlato a La Solitudine del Cuore

Recensioni su La Solitudine del Cuore

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

La recensione deve contenere almeno 10 parole

    Anteprima del libro

    La Solitudine del Cuore - Roberto Di Molfetta

    Roberto Di Molfetta

    La Solitudine del Cuore

    UUID: 5524138e-ecc3-11e7-ba2e-17532927e555

    Questo libro è stato realizzato con StreetLib Write

    http://write.streetlib.com

    Indice dei contenuti

    Introduzione

    Un infanzia serena

    Una adolescenza tutta musica e poco studio

    Il cambiamento: il più grande amore

    Il bisogno di appartenenza e la timidezza

    Ognuno è solo

    La lezione di Pirandello

    La falsità dei rapporti sociali

    La solitudine dei non luoghi

    Paura, sofferenza, solitudine

    La mancanza di Dio

    Cambiare: Sull'amore e la solitudine

    Cambiare: Non temere la solitudine

    Considerazioni su quanto scritto finora

    La solitudine risorsa per le persone di talento

    I vantaggi della solitudine

    La solitudine positiva

    Conclusioni

    Autore del Libro

    Introduzione

    Quante volte ci sentiamo soli ? Quante volte vorremmo parlare, esprimerci diversamente, parlare di più, con persone più attente al nostro sentire ?

    Io negli ultimi anni ho smesso di soffrire per le piccole cose di tutti i giorni, di arrabbiarmi in maniera forte e vigorosa per tutto. Sento adesso una specie di depressione costante, di tono minore nella mia vita, come se la sinfonia del vivere da tragedia fosse diventata una melodia malinconica e dolce.

    Questa dolce melanconia è il rimpianto per non vivere una pienezza dei rapporti con gli altri. Cos'è che mi attanaglia il cuore, cos'è questa solitudine del cuore ?

    E' il bisogno forte, che è sempre nascosto ma sempre presente, di poter essere veramente me stesso. Nei gesti, negli sguardi, nelle parole io spesso mi esprimo come con automatismi. E' l'esperienza di un 43enne intelligente e abbastanza esperto degli uomini, da sapersi garantire risposte pronte, atteggiamenti adeguati alle varie situazioni sociali. Sorrido, cammino, rispondo alla gente, tutto apparentemente è nella norma.

    Ma dentro ho continuamente un dolore, una pena, dovuti alla mancanza di soddisfazione nel vivere.

    Tutto in questi ultimi tempi mi appare meccanico, automatico: non ho più le genuinità degli anni della gioventù, dove le persone le sentivo dentro, dove ogni situazione sembrava portare novità.

    Sofferenze, esperienza, conoscenza degli uomini e dei loro affari: tutto ciò ha portato il ragazzo che inseguiva uno sguardo, un sorriso ad una sorta di cinismo obbligato, ad una continua mancanza di desiderio del prossimo, conscio che gli altri non mi possano portare più felicità, più gioie.

    In un altro mio libro, dove sono i nostri sogni?, affronto il fatto che maturando, perdiamo talvolta i nostri sogni e desideri più profondi e sentiti, in virtù della certezza triste che purtroppo solo sogni sono e possono rimanere.

    Quando scopri che l'amore totale, l'essere amati, sono realtà difficilmente realizzabili in questa vita, dove ideali e sentimenti spesso sono sacrificati di fronte ad interesse materiale ed egoismi, ti senti solo. Solo dentro, solo nelle tue stesse parole, hai sempre questa sensazione che quello che dici, che fai, non ti porteranno a sentirti meglio nel cammino della tua vita. In quei momenti, hai la solitudine nel cuore.

    Un infanzia serena

    Ho avuto un infanzia relativamente serena: mio padre assicuratore, dal buon stipendio, e dalle provvigioni extra che gli permettevano di non avere problemi. Mia madre, dolcissima casalinga e madre, sempre appresso a me, e ai miei bisogni. E' proprio quel suo amore senza condizioni, con tutto il cuore, proprio di una persona dolce e sensibile, che mi ha viziato l'anima: dopo mia madre, non ho mai potuto trovare quell'amore intenso, quelle carezze e quelle parole che davano tutto, senza pretendere altro.

    Ho passato un'infanzia serena, solo qualche scena madre da parte di mio padre, nei momenti in cui uscivo fuori dei binari del bravo bambino.

    Qualche pianto, qualche ginocchio sbucciato, piccoli grandi brutti ricordi, come è impossibile che non ce ne siano anche nella felicità più serena ed indiscussa.

    Da bambino non ero particolare, se non per il fatto che ero molto mite e buono. Tutto il contrario di un Pierino o di una peste, tutte urla e capricci.

    Ero buono, perché mia madre chioccia, mi dava

    Ti è piaciuta l'anteprima?
    Pagina 1 di 1