Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

La tutela della Privacy - Sintesi aggiornata per concorsi pubblici: Il Codice di protezione dei dati personali, il diritto di accesso e la trasparenza
La tutela della Privacy - Sintesi aggiornata per concorsi pubblici: Il Codice di protezione dei dati personali, il diritto di accesso e la trasparenza
La tutela della Privacy - Sintesi aggiornata per concorsi pubblici: Il Codice di protezione dei dati personali, il diritto di accesso e la trasparenza
E-book81 pagine48 minuti

La tutela della Privacy - Sintesi aggiornata per concorsi pubblici: Il Codice di protezione dei dati personali, il diritto di accesso e la trasparenza

Valutazione: 4 su 5 stelle

4/5

()

Info su questo ebook

Sintesi ragionata per la preparazione ai concorsi pubblici. Tutta la normativa sulla tutela del diritto alla privacy (Codice in materia di protezione dei dati personali, decreto legislativo 196 del 2003), diritto di accesso (documentale, civico, civico generalizzato o FOIA) e obblighi di trasparenza. Disposizioni relative a settori specifici: in ambito pubblico, sanitario, nel settore istruzione. Aggiornato alla delibera ANAC n. 1309 del 2016, alla Circolare del Ministro della Pubblica Amministrazione n. 2 del 30 maggio 2017 e al Regolamento UE 2016/67.

Indice
CAPITOLO 1 FONTI NORMATIVE IN MATERIA DI TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI
1.1 Principali riferimenti normativi
1.2 Il Codice in materia di protezione dei dati personali
1.2.1 Struttura del Codice
1.2.2 Finalità
1.2.3 Definizioni fondamentali
1.2.4 L’informativa
1.2.5 La notifica
1.3 Il Garante per la protezione dei dati personali
CAPITOLO 2 LA TUTELA DELLA PRIVACY NEGLI ENTI PUBBLICI
2.1 Principali riferimenti normativi
2.2 Principi generali del trattamento
2.3 I dati diversi da quelli sensibili. Comunicazione e diffusione
2.4 I dati sensibili
2.4.1 Gli interessi pubblici rilevanti
2.4.2 I regolamenti sui dati sensibili
2.4.3 Ulteriori adempimenti per il trattamento dei dati sensibili
CAPITOLO 3 GLI ADEMPIMENTI ORGANIZZATIVI
3.1 La nomina dei responsabili e degli incaricati
3.2. Le misure di sicurezza
3.3 Responsabilità per mancato rispetto delle misure di sicurezza
CAPITOLO 4 DIRITTO DI ACCESSO E DIRITTO DI RISERVATEZZA
4.1 L’esercizio del diritto di accesso nella Legge 241 del 1990
4.2 L’obbligo di pubblicità: il D.Lgs. 33 del 2013
4.2.1 La programmazione della trasparenza: il Piano di prevenzione della corruzione e della trasparenza e il Responsabile
4.2.2 Il D.Lgs. 97/2016 e l’accesso civico generalizzato (FOIA)
4.2.3 La delibera ANAC n. 1309 del 2016
4.2.4 La Circolare del Ministro della Pubblica Amministrazione n. 2 del 2017
4.2.5 Le modalità di esercizio del diritto di accesso civico generalizzato
CAPITOLO 5 DISPOSIZIONI RELATIVE A SETTORI SPECIFICI
5.1 Trattamenti in ambito pubblico
5.2 Trattamenti in ambito sanitario
5.3 Trattamenti nel settore istruzione
CAPITOLO 6 IL NUOVO REGOLAMENTO EUROPEO IN MATERIA DI PRIVACY
6.1 Il Nuovo Regolamento: Regolamento (UE) 2016/679
6.2 Le principali novità
6.2.1 L’ambito di applicazione territoriale nel nuovo Regolamento
6.2.2 Nuovi obblighi e responsabilità
6.2.3 Nuove figure soggettive
LinguaItaliano
EditoreA. Alinari
Data di uscita22 gen 2018
ISBN9788826037066
La tutela della Privacy - Sintesi aggiornata per concorsi pubblici: Il Codice di protezione dei dati personali, il diritto di accesso e la trasparenza
Leggi anteprima

Correlato a La tutela della Privacy - Sintesi aggiornata per concorsi pubblici

Ebook correlati

Articoli correlati

Categorie correlate

Recensioni su La tutela della Privacy - Sintesi aggiornata per concorsi pubblici

Valutazione: 4 su 5 stelle
4/5

1 valutazione0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

La recensione deve contenere almeno 10 parole

    Anteprima del libro

    La tutela della Privacy - Sintesi aggiornata per concorsi pubblici - A. Alinari

    9788826037066

    CAPITOLO 1 FONTI NORMATIVE IN MATERIA DI TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

    1.1 Principali riferimenti normativi

    La normativa in materia di tutela dei dati personali è, in Italia, rintracciabile nell’articolo 15 della Costituzione, nel capo III – sezione IV del Codice penale e nel D.Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali), da cui va, peraltro, attinta quasi integralmente la normativa vigente.

    L’articolo 15 della Costituzione afferma che: La libertà e la segretezza della corrispondenza e di ogni altra forma di comunicazione sono inviolabili.

    La loro limitazione può avvenire soltanto per atto motivato dell'autorità giudiziaria [cfr. art. 111 c. 1] con le garanzie stabilite dalla legge.

    Il Capo III – Sezione IV del codice penale(Dei delitti contro la inviolabilità del domicilio) consta dei seguenti articoli:

    Art. 614 — Violazione di domicilio

    Art. 615 — Violazione di domicilio commessa da un pubblico ufficiale

    Art. 615 bis — Interferenze illecite nella vita privata

    Art. 615 ter — Accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico

    Art. 615 quater — Detenzione e diffusione abusiva di codici di accesso a sistemi informatici o telematici

    Art. 615 quinquies — Diffusione di programmi diretti a danneggiare o interrompere un sistema informatico

    Fu solo con la legge 31 dicembre 1996, n. 675 che il Parlamento italiano diede il via libera alle norme sulla tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, in recepimento ed attuazione della direttiva 95/46 dell’Unione europea in materia.

    La disciplina della riservatezza è stata quindi accorpata in unico testo (D.Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 recante il Codice in materia di protezione dei dati personali) che ha semplificato e ridefinito la materia, raccogliendo la produzione normativa a partire dalla entrata in vigore della legge 675/1996.

    1.2 Il Codice in materia di protezione dei dati personali

    1.2.1 Struttura del Codice

    Il Codice, entrato in vigore il 1° gennaio 2004, si compone fondamentalmente di tre sezioni:

    1) la prima parte fornisce le definizioni di base e le disposizioni generali valide per qualsiasi trattamento dati,

    2) la seconda analizza la disciplina specifica applicabile alle diverse realtà, ad esempio alle pubbliche amministrazioni, all’ambito giudiziario e della sanità, al mondo del lavoro e così via;

    3) la terza parte disciplina la struttura e le funzioni dell’ufficio del Garante per la protezione dei dati personali, nonché la tutela amministrativa e giurisdizionale accordata al soggetto leso nel proprio diritto alla riservatezza.

    1.2.2 Finalità

    Il D.Lgs. n. 196/2003 ha, come finalità, il riconoscimento del diritto di ogni cittadino alla riservatezza dei dati personali e alle conseguenti operazioni, per gestire i dati, concernenti la raccolta, l’elaborazione, il raffronto, la cancellazione, la variazione, la divulgazione o la diffusione di ogni dato. Il D.Lgs. n. 196/2003, all’art. 1, riconosce il diritto del singolo al trattamento dei dati personali, affermando testualmente: "Chiunque ha diritto alla protezione dei dati personali che lo riguardano". Tale diritto rientra in quelli della personalità.

    Il successivo articolo 2 (Finalità) così recita:

    1. Il presente testo unico, di seguito denominato codice, garantisce che il trattamento dei dati personali si svolga nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali, nonché della dignità dell'interessato, con particolare riferimento alla riservatezza, all'identità personale e al diritto alla protezione dei dati personali.

    2. Il trattamento dei dati personali è disciplinato assicurando un elevato livello di tutela dei diritti e delle libertà nel rispetto dei principi di semplificazione, armonizzazione ed efficacia delle modalità previste per il loro esercizio da parte degli interessati, nonché per l'adempimento degli obblighi da parte dei titolari del trattamento.

    Il trattamento dei

    Ti è piaciuta l'anteprima?
    Pagina 1 di 1