Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

L'Inferno e il suo lato terribile: Quello che ogni cristiano dovrebbe sapere

L'Inferno e il suo lato terribile: Quello che ogni cristiano dovrebbe sapere

Leggi anteprima

L'Inferno e il suo lato terribile: Quello che ogni cristiano dovrebbe sapere

Lunghezza:
70 pagine
1 ora
Pubblicato:
20 gen 2017
ISBN:
9781326923716
Formato:
Libro

Descrizione

L'inferno è una crudele realtà citata nella Bibbia. Dio usa questo luogo terribile per punire tutti coloro che disobbediscono. Su questo luogo terribile siamo poco informati, forse per niente informati. Questo libro spiega tutti gli aspetti dell'inferno. Consigliata la lettura a tutti.
Pubblicato:
20 gen 2017
ISBN:
9781326923716
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a L'Inferno e il suo lato terribile

Leggi altro di Aa.Vv.

Libri correlati

Articoli correlati

Anteprima del libro

L'Inferno e il suo lato terribile - AA.VV.

Indice

Frontespizio

Introduzione

La punizione nell'inferno

La Pena nell'Inferno

I tormenti dei dannati

Le pene eterne per i dannati

Le insidie

Il Giudizio per i dannati

Come evitare l'inferno

La verità sull'inferno

La Misericordia di Dio

Un luogo oscuro

La realtà dell'inferno

Il lato satanico dell'odio

L'Abisso delle tenebre

Riflessioni di Sant'Alfonso Maria De Liguori sulle pene dell'inferno

Visione dell'Inferno di Suor Josefa Menendez

La Malizia del dannato

L'inferno citato nel Catechismo della Chiesa

Le Citazioni sull'inferno

Frontespizio

L'Inferno e il suo lato terribile

© 2017

AA.VV.

EDITORE

Le Vie della Cristianità

Questo libro viene distribuito per finanziare le opere e attività della Casa Editrice Le Vie della Cristianità nel mondo. Attualmente siamo impegnati nello sviluppo di un centro riposo per anziani, centro di recupero giovani e centro assistenza padri e madri divorziate. Acquistando questo libro avete contribuito in parte al finanziamento di questi progetti molto importanti per tutti noi. La nostre attività non sono finanziate da nessun ente pubblico, privato o religioso, ma ci manteniamo con le nostre forze.

Distribuzione e Grafica

La Distribuzione e la Grafica è stata elaborata dai Religiosi e Religiose che collaborano con la Casa Editrice Le Vie della Cristianità.

Introduzione

L'inferno è una verità?

L'inferno è una di quelle verità che oggi vengono sottese o date per scontate, che sono chiacchierate ma non prese sul serio, lasciate ancora in quel tratto della teologia dove c'è esposto il cartello lavori in corso.

Non ci sfiora neppure la mente né proviamo timore di essere scacciati dal regno di Dio per essere gettati dagli Angeli nell'inferno, anzi abbiamo la convinzione che sia l'invenzione di un retaggio ormai sorpassato. Così la realtà tragica della condanna eterna descritta nei Vangeli si è trasformata sino a divenire una favola per adulti.

L'inferno esiste? Ecco le prove della ragione

Giustizia deriva dal latino iustitia che a sua volta deriva da iustus giusto e questo da ius, diritto, ragione. L'ideale di giustizia, in ciascuno di noi, si fonda sul concetto di riconoscere a ciascuno ciò che gli è dovuto. Pur con tutti i limiti di una giustizia che inevitabilmente si discosta dal nostro concetto ideale, la giustizia impone la condanna per coloro che violano la legge, ossia prevede il castigo per coloro che hanno commesso un reato.

D'altra parte in quasi tutti i campi dell'attività umana tanto per citare la scuola, i voti sono relativi alla preparazione dello studente, alti per gli studenti bravi e brutti per gli studenti non volenterosi. Se dunque noi che siamo imperfetti prevediamo la possibilità del premio o del castigo, tanto più Colui che dovrebbe applicare la giustizia perfetta per l'uomo dovrà dare secondo equità.

Come è possibile immaginare una Giustizia divina protesa a premiare gli assassini, gli immorali, i sacrileghi, gli empi e gli iniqui? Per tutti coloro che hanno calpestato ogni sentimento, ogni pietà e si sono nutriti dell'ingiustizia pur di soddisfare ogni loro brama, in nome di che cosa dovrebbero meritare il gaudio e la gioia eterna? Forse di un pentimento che non si è nemmeno affacciato nelle loro coscienze. Forse in nome di una Misericordia divina che è stata intesa come pretesto ad ogni illecito. Questa è la giustizia divina pensata addirittura inferiore a quella umana? In realtà la Misericordia di Dio non può scontrarsi con la Sua perfetta Giustizia e tanto meno distruggerla. La Misericordia per poter concedere il perdono pretende il pentimento.

Le prove della rivelazione

Dio ha voluto svelare all'uomo cose a lui misteriose. Nel Vangelo Gesù ha più volte ammonito con parole che non ammettono alcun fraintendimento, che arriverà nel tempo stabilito il giorno del Giudizio ed a ognuno sarà dato secondo giustizia; il premio per i buoni e il castigo per i malvagi. Che non sia facile percorrere la via del bene è lo stesso Gesù a svelarcelo. Entrate per la porta stretta, perché larga è la porta e spaziosa la via che conduce alla perdizione, e molti sono quelli che vi entrano. Quanta stretta è la porta e angustia la via che conduce alla vita, e sono pochi quelli che la trovano! (Mt 7,13-14). In quel tempo gli Ebrei credevano di aver diritto al Paradiso soltanto perché erano discendenti di Abramo, Gesù in un modo molto efficace li ammonisce: Ora io vi dico che molti verranno dall'oriente e dall'occidente e sederanno a mensa con Abramo, Isacco e Giacobbe nel regno dei cieli mentre i figli del regno saranno cacciati fuori nelle tenebre, dove sarà pianto e stridore di denti (Mt 8,11). Gesù instancabilmente ci esorta ad impegnarci in quanto Non chiunque mi dice: Signore, Signore, entrerà nel regno dei cieli, ma colui che fa la volontà del Padre mio che è nei cieli (Mt 7,21).

Questo impegno deve portare inevitabilmente molti frutti altrimenti Già la scure è posta alla radice degli alberi: ogni albero che non produce frutti buoni viene tagliato e gettato nel fuoco (Mt 3,10). Sovente Gesù ribadisce il concetto della solerzia verso le cose di Dio: Chi non rimane in me viene gettato via come il tralcio e secca; poi lo raccolgono, lo gettano nel fuoco e lo bruciano (Gv 15,6). Il fuoco come castigo ricorre anche per gli operatori di scandali: "Se la tua mano ti è motivo di scandalo, tagliala: è

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di L'Inferno e il suo lato terribile

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori