Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Pulse
Pulse
Pulse
E-book181 pagine2 ore

Pulse

Valutazione: 3 su 5 stelle

3/5

()

Leggi anteprima

Info su questo ebook

Una diciassettenne scopre che il suo fidanzato defunto era in realtà un vampiro, e che lei è la portatrice di uno speciale tipo di sangue che i vampiri bramano ad ogni costo.

La diciassettenne Kalina non sapeva che il suo fidanzato era un vampiro, fino alla notte della sua morte in uno strano incidente. Non sapeva che proveniva da una lunga stirpe di vampiri, finchè non incroviò la strada dei suo fratellastri Stuart e Jaegar Greyston. C'erano molti segreti che il suo fidanzato le aveva tenuto nascosti. Ora deve svelarli per poter restare in vita. Ma il fatto di avere intorno due fratellastri vampiri diventerà forse un pò troppo interessante.

LinguaItaliano
Data di uscita26 ott 2016
ISBN9781507160664
Pulse
Leggi anteprima
Autore

Kailin Gow

It's official! Read about Kailin and her books being adapted into films and tv series here: https://filmdaily.co/obsessions/kailin-gow-loving-summer/ FIND OUT MORE ABOUT KAILIN GOW AT: https://linktr.ee/KailinGow including how to get a free book from her! Kailin Gow is a million-selling international and USA Today Bestselling author of over 680 published books! She writes in many genres under her name and other pen names. She has been an invited speaker on Book Expo America, appeared on CBS News about writing books with social issues, and the Top 15 National radio regularly on women's issues, women in film and Hollywood, and leadership. She holds a Masters in Management from USC and degrees in Social Ecology, Criminology, and Filmmaking. She is an author influencer on Instagram, owns a podcast network with multiple channels, is a multi-award-winning filmmaker, screenwriter, producer, actress, and host. Her books have been made into games, animated short films, and series. Currently, a number of her book series have been optioned, are in development, or pre-production, including her YA Fantasy Sci Fi Thriller FADE (which has been optioned) and Red Genesis (also optioned) by Netflix producers. Kailin Gow is a regular guest in radio and television on women in Hollywood and filmmaking, naming the top Women Execs to Watch. She is a judge in film festivals, writing contests, and is also a voting member in the Academy Awards. AWARD-WINNING INTERNATIONAL MILLION-SELLING AUTHOR, PRODUCER, AND TV PERSONALITY Kailin Gow is an internationally-recognized multi-award-winning multi-genres USA bestselling Asian American author and woman director/filmmaker who has written and published over 400 books under Kailin Gow and her pen names. She is both traditionally-published as well as indie. Considered a digital publishing pioneer, her books have been downloaded over 10 Million times around the world. She is known as one of the most prolific authors internationally who not only writes novels but screenplays fast, but of world-class quality they win prestigious awards like the ALA YALSA Awards and Los Angeles Film Awards. Besides having gone to law school, she holds a Masters Degree in Communications Management from USC and Drama/Film and Social Ecology Degrees from UC Irvine. She has also been a longtime member of TED Talks. She is the first Asian American author to have sold over 1 million books and to be featured on Amazon.com's homepage as an indie Author Success Story. Her success as an Indie Author and advocate for Indie authors during the early Kindle days has inspired many to take a plunge to become authors. The first Asian American woman who is independently published to appear on Amazon's homepage as an Author Success Story, she also represented Amazon as an author spokesperson during Amazon's Kindle Family Launch press conference in Santa Monica and at Book Expo America where she was an invited speaker. A digital publishing pioneer, she was one of the first authors and publisher to publish digitally back in 2001. Prior to becoming a full-time author and filmmaker, she worked as an Exec in Legal and Production at Walt Disney Company, a writer/producer for Cable Television, an Exec at high tech start ups, and Exec at Fortune 100 Hotel and Travel Corporations where she has managed and trained hundreds of employees on world-class service and operations. She has also been a professional model, a tour director, journalist, re-organization consultant, a secret mystery shopper/consultant for top brands, and professional speaker who has been an invited speaker at Book Expo America, Girl Scouts, Asian America Heritage Week, and more! FUTURIST AND SOCIAL INFLUENCER A social influencer, she has over millions of views on her YouTube channel and her Vimeo channel with over 1.5 million views on her Bitter Frost trailer and award-winning animated short film alone. She is a judge on writing contests for writing incubator social sites, has been a member of TED Talks, and is one of the most quoted modern living authors today. She has also been regularly published as a contributor on Fast Company magazine on articles about publishing, leadership, business, and social issues. https://www.fastcompany.com/1800256/social-media-and-future-publishing-industry

Correlato a Pulse

Articoli correlati

Categorie correlate

Recensioni su Pulse

Valutazione: 3.111111111111111 su 5 stelle
3/5

18 valutazioni2 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

La recensione deve contenere almeno 10 parole

  • Valutazione: 5 su 5 stelle
    5/5
    If you've followed TCBL for a while you know that I'm a big fan of Kailin's. I've reviewed three of her other books so far and I've always thoroughly enjoyed each one.Pulse was no exception to that. Kailin's writing is as usual, fast paced and captivating to me. Pulse's story pulled me in and kept me entertained through the end. It was over before I knew it...which makes me sad.Overall, it was a great book and a great start to a series in my opinion. I certainly look forward to reading more about Kalina (the main character) and the trio of brothers who make up this whirlwind story.
  • Valutazione: 3 su 5 stelle
    3/5
    A young woman becomes the infatuation of three brothers. She loses one of them to an untimely death, even if it was strange how he died, she still mourns the loss. But then along comes two more men in her life who begin to tell her she is special and they are there to protect her. Protect her from what...the enemy...or are they the enemy?

Anteprima del libro

Pulse - Kailin Gow

DEDICA

Questo libro è dedicato a tutti i donatori di sangue anonimi, al mio dottore, alle infermiere del Las Colinas Medical Center nel Texas, che mi hanno aiutato quando ho sofferto di una forte perdita di sangue, perdita di coscienza, e ho quasi battuto la testa sul pavimento. Il vostro staff mi ha fornito sacche di sangue per le trasfusioni che mi hanno aiutato a riprendermi e a stabilizzarmi ad un livello sicuro.

Il mio corpo bramava il sangue per restare in vita, eppure il pensiero di dover ricevere il sangue dagli altri perché il mio corpo non riusciva a produrne abbastanza velocemente, ha fatto enfatizzare ancora di più la mia visione rispetto a vampiri come Jaegar e Stuart. Quando si affronta il pericolo di morte per mancanza di sangue, ci si rende davvero conto di quanto preziosi siano il sangue che ci scorre nelle vene e il battito del nostro cuore. Grazie, donatori di sangue in giro per il mondo per donare il vostro sangue per me e per chiunque altro possa mai averne bisogno.

Con sincerità,

Kailin

Prologo

Correva come un animale. I suoi vestiti erano bagnati fradici, incollati sulle gambe e sul seno, svelando una trasparenza sulla curva delle spalle. I suoi capelli grondavano pioggia; le sue guance erano arrossate, ed era senza fiato. Riusciva a percepire il suo battito accelerato dalla vena sul suo collo, riusciva a vederlo nel ritmico pulsare, a sentirlo dall’altro lato della strada che tamburellava nel suo orecchio, interrotto solo dal rombo dei tuoni nel cielo scuro. Riusciva a sentirlo – sembrava come un terremoto per lui, gli scuoteva il petto, le spalle, le gambe. Era passato così tanto tempo dall’ultima volta che aveva sentito un battito come il suo – da quando aveva sentito un qualsiasi battito cardiaco.

Il cielo si era spalancato – come faceva spesso nella California del Nord – senza avvertimento, senza esitazione. Era come se il liscio vetro blu del soffitto del mondo si fosse infanto in un colpo solo, facendo ricadere sul pavimento della terra tutta l’acqua dell’oceano. Riusciva a vedere la sua costernazione, la sua irritazione – lei non desiderava nient’altro che sfuggire alla pioggia, asciugarsi, e indossare qualcosa di caldo e asciutto.

Ma Jaegar amava la pioggia. Amava l’energia – il pulsare della vita che batteva sul terreno. Riusciva a sentire le gocce di pioggia sparse nel loro ritmico approccio alla terra e far finta che ogni piccola goccia fosse un battito del suo cuore ormai morto. E lei era viva, di quella stessa energia – viva, come lui non aveva visto nessun’altra donna prima di allora; si buttava i capelli all’indietro, correndo verso il suo rifugio, e le sue labbra erano rosa e le guance rosse. Ricordò che le sue labbra non sarebbero state mai più rosa, che le sue guance non sarebbero arrossite mai più.

E’ così giovane.

Gli umani lo sorprendevano sempre da quel punto di vista. Non sembravano diversi da lui – avrebbe potuto avere lui stesso diciassette anni;  aveva diciassette anni da così tanto tempo – ma la loro giovinezza non smetteva mai di sorprenderlo. Il modo in cui il mondo era così nuovo ai loro occhi – il fatto che la pioggia potesse ancora coglierli di sorpresa, quando lui invece ne aveva vista cadere così tanta.

Riusciva a sentire il suo odore. Il vento trasportava il suo profumo fino a lui, come se fosse l’odore di un animale, ed era così dura trattenere le fauci. Si poggiò con forza ad una panchina e scostò le foglie per avere una migliore visuale su di lei. Riusciva a sentire il sangue – ormai stagnante nelle sue  vene – cominciare qualcosa come un torbido, lento, spostamento verso la vita; la cosa più vicina ad un battito cardiaco che lui, invece, potesse mai avere. Gli umani non sapevano quanto erano fortunati a poter provare quella sensazione.

Quello era l’aspetto fisico che gli umani capivano meno, pensò. Romanzavano sui vampiri, certo, pensando cose del tipo Quanto deve essere terribile dover vivere di notte! Dover bere del sangue! Cacciare gli umani!. Erano queste le uniche cose che riuscivano a pensare, a capire. Gli umani erano costretti a trattenere i loro desideri più naturali e primordiali e per questo riuscivano a capire quanto fosse difficile per i vampiri provare quell’insaziabile desidero di mordere la gola di qualcuno, il loro seno, i loro polsi. Ma non c’era un umano al mondo che fosse mai stato vivo senza vivere, senza avere un battito - e quindi lo davano per scontato. Non sapevano quanto fosse prezioso quel pulsare regolare, come quello di un orologio, che viaggia verso una inesorabile morte. Perché Jaegar era un vampiro, e per questo non era vivo, e il senso di vuoto in mezzo al petto, dove ci sarebbe dovuto essere un cuore pulsante, era per lui una delle agonie più brutte al mondo.

Loro non sanno, pensò. Non capiranno mai.

Gli era stato detto che lei era la prescelta. L’aveva aspettata fino al tramonto, col sole che incombeva minaccioso su di lui, nonostante l’anello diurno che portava al dito. I vampiri non andavano d'accordo con la luce, e persino la magia più forte non poteva portare via completamente il dolore, l’ustione e il bruciore sulla carne esposta al sole. Non era naturale per lui stare alla luce del sole, e soltanto adesso, che il tramonto cominciava a scendere su di lui, provava un gran senso di sollievo. Si sedette su un albero, nascosto dalle foglie, fissandola mentre correva lungo la strada.

Si sporse troppo – gli uccelli avvertirono che qualcosa non andava e spiccarono il volo; un turbinio di ali si alzò intorno a lui, e il ramo si staccò dall’albero e cadde rovinosamente al suolo.

Fu abbastanza per distrarlo.

Si riconcentrò, e in meno di un secondo era già dietro di lei, così vicino da poter sentire i suoi capelli mossi dal vento sfiorargli le labbra, e poi aprì un ombrello sopra di lei.

Signorina disse.

Lei sobbalzò.

Che diavolo ... disse, voltandosi verso di lui.

Sembri bagnata fradicia disse. Lei non sembrava stupita.

Ti avverto disse, Conosco il kung fu.

Anche lui aveva imparato il kung fu, una volta, molti secoli prima. Pensò fosse meglio non dirlo.

Mi dispiace disse lui, Volevo soltanto aiutare.

Lei si addolcì.

Grazie disse, dolcemente. Mi dispiace – non volevo essere sgarbata. Ma devi imparare che non è bello sgattaiolare dietro le persone in quel modo. Mi hai spaventata.

Gli occhi di lei rimasero fissi sull’albero dal quale era caduto giù. Un lampo di sospetto offuscò i suoi occhi. Aveva forse visto? Si stava chiedendo che cosa significasse tutto quello? Capiva che lei avvertiva ci fosse qualcosa di sbagliato in quella situazione. Cercò, tuttavia, di mantenere una parvenza di normalità. Le sequoie erano alte, dopotutto. Nessun umano sarebbe potuto sopravvivere ad un salto del genere; doveva saperlo per forza anche lei. Jaegar sapeva che lei credeva fosse umano.

Non lo fare. La sua mente si ribellava a lui. Non lo fare!

Ma i vampiri hanno il potere di ipnotizzare le persone – e lui stesso si sentiva ipnotizzato, in quel momento. Non riusciva a trattenersi, non riusciva a trattenere lei.

Lei spalancò gli occhi e li vide riempirsi di fuoco e desiderio.

Non di nuovo, Jaegar! Aveva promesso a se stesso di non usare mai più la sua influenza sulla mente umana. Era disonorevole, aveva detto Aaron. Ma cosa era veramente disonorevole per un vampiro? Le loro regole era basate sulla conquista, sul potere; non riusciva a ricordare un solo secolo in cui le leggi umane lo avevano governato.

Prendi questo disse, cercando di fingere che non fosse per la magia ma per la sua bellezza, che lei era diventata tanto accondiscendente – e lui era bello, dopotutto – ma non riusciva a controllarlo, non più di quanto non riuscisse a farlo lei; la sua ipnosi gli tornava indietro dalle profondità degli occhi di lei.

Le passò l’ombrello; lei gli avvolse le dita intorno.

Dannazione, Jaegar, non di nuovo!

Non gli era mai successo prima. Ogni volta che aveva ipnotizzato una donna umana, era stato intenzionale. Prima di Aaron, non aveva mai provato rimorso; aveva conquistato le più belle donne di ogni secolo e le aveva fatte soccombere al suo volere. Ma questa volta era diverso. Non aveva desiderato farlo sul serio. Qualcosa in quella ragazza lo influenzava e lo confondeva come mai prima di allora. Aveva promesso di non farlo mai più...

Era finito vittima del suo stesso incantesimo.

Sentì le sue braccia intorno al collo di lei, le sue labbra avvicinarsi alle sue fino al punto di poter respirare l’aria nella sua bocca e assaporare la vita che bagnava le sue labbra, e sentire il suo profumo inebriante. Sentiva il battito del cuore nel suo stesso petto, un ritmo costante e battente come la pioggia.

E poi l’incantesimo si ruppe. Lei si ridestò, sentì il freddo della morte sulle labbra di lui, il gelo delle sue guance; era ancora intontita ma fu abbastanza per permettere a lui di riprendere il controllo, di scappare, a nascondere la sua vergogna...

Che umiliazione! Un vampiro che non controlla i suoi poteri! Ci era andato piano, si giustificò, perché si era lasciato distrarre dalle stupide ammonizioni di Aaron. Stava permettendo alla sua natura di vampiro di prendersi gioco di lui.

Beh, ne aveva abbastanza, pensò. Era Stuart quello buono -  Jaegar non lo era. E Jaegar non aveva la pazienza per questi stupidi giochetti. Kalina era la chiave, dopotutto. La prossima volta che l’avrebbe vista, sarebbe stato pronto. Avrebbe avuto il pieno controllo dei suoi poteri. Avrebbe aspettato. E non le avrebbe mostrato alcuna pietà ...

Kalina restò ferma a fissare il vuoto per qualche secondo dopo che lui se ne era andato, cercando di mettere insieme tutti i pezzi e capire cosa fosse successo. Uno sconosciuto – un odore strano, come la corteccia degli alberi, come il muschio del legno - un braccio intorno a lei, qualcosa sulle sue labbra. Non riusciva a ricordare l’ordine degli eventi – un bacio, poi un rumore tra gli alberi, poi le braccia di lui, poi uno sconosciuto – o forse era nell’ordine inverso? Ma la strana sensazione restava: adrenalina pura che le scorreva nelle vene, il desiderio che aleggiava intorno a lei come un profumo.

Era come niente avesse mai provato prima. Aveva conosciuto il desiderio, o almeno credeva di averlo fatto – lei ed Aaron erano rimasti qualche volta da soli nel mezzanino della biblioteca dopo l’aula studio, e gli aveva addirittura concesso di vederle il reggiseno una volta o due – ma questo era diverso. Non c’era stata alcuna esitazione, nessun imbarazzo o confusione, nessun digrignare involontario dei denti o colpi alle gambe. Lei lo aveva voluto davvero ... oh, a volte lo aveva voluto davvero anche con Aaron, ma ogni volta che si andava troppo vicini, lui si era tirato indietro, aveva trovato una scusa, un messaggio sul cellulare, era uscito a bere ed era andato via brillo nel pomeriggio, puzzando di alcol e camminando a zig zag.

Il sapore dello sconosciuto restava sulle sue labbra, eppure non riusciva a ricordare che l’avesse baciata – o chi fosse. Sentiva solo una sensazione calda alla bocca dello stomaco, qualcosa di strano e caldo, ed era anche senza fiato, eppure ricordava di aver smesso di correre da almeno cinque minuti.

Scavò nella sua mente alla ricerca di spiegazioni. Aveva letto di ragazze che erano state drogate in discoteca; una ragazza della classe dopo la sua era stata drogata e stuprata dopo il ballo di fine anno e un giocatore di football era stato sospeso per questo. La ragazza si era, poi, trasferita in una scuola a New York. Lei era stata sempre attenta, persino paranoica, a riguardo; non staccava mai gli occhi dal suo bicchiere alle feste, diceva

Ti è piaciuta l'anteprima?
Pagina 1 di 1