Goditi subito questo titolo e milioni di altri con una prova gratuita

Gratis per 30 giorni, poi $9.99/mese. Cancella quando vuoi.

VIE FESTIVAL 13-23 ottobre 2016: Modena/Bologna/Carpi/Vignola Teatro/Danza/Musica/Cinema

VIE FESTIVAL 13-23 ottobre 2016: Modena/Bologna/Carpi/Vignola Teatro/Danza/Musica/Cinema

Leggi anteprima

VIE FESTIVAL 13-23 ottobre 2016: Modena/Bologna/Carpi/Vignola Teatro/Danza/Musica/Cinema

Lunghezza:
285 pagine
1 ora
Pubblicato:
Oct 5, 2016
ISBN:
9788899283148
Formato:
Libro

Descrizione

VIE Festival nasce nel 2005 con l’obiettivo di attraversare la contemporaneità, di intercettare il delinearsi di nuove identità e soggettività nell’ambito dello spettacolo dal vivo.

Si svolge annualmente in ottobre in diverse città dell’Emilia, è organizzato da Emilia Romagna Teatro Fondazione, Teatro Nazionale con sede a Modena, ed ha come principali finanziatori lo stesso ERT e la Fondazione Cassa di Risparmio di Modena.

Il progetto prende vita dopo una felice esperienza decennale con Le vie dei festival, la rassegna che dal 1994 al 2004 ha ospitato a Modena ogni autunno, da ottobre a metà dicembre, alcune delle proposte più interessanti dei Festival estivi italiani e stranieri.

Mescolando generi, lingue e tecniche, Le vie dei festival ha proposto esperienze di grande teatro e scoperto nuove realtà italiane ed internazionali.

Tra tutti gli artisti ospiti delle dieci edizioni ricordiamo almeno Carmelo Bene, Thierry Salmon, Lev Dodin, Peter Brook, Maguy Marin, Joseph Chaikin, Philip Glass, Robert Wilson e Peter Stein.

VIE Festival vuole mettere al centro la creazione contemporanea, dare allo sguardo la responsabilità di individuare, di cercare dove si nasconde oggi la forza del nuovo, gli artisti capaci di esplorare le zone di contatto fra le arti sceniche, i territori espressivi in cui lasciare interagire il teatro con la danza, la musica, le arti visive, il cinema.

L’idea di contemporaneità si coniuga immediatamente con quella di complessità, qualcosa che è in continuo movimento e veloce nella sua indeterminatezza.

La ricerca artistica agisce in verticale, scava in profondità. Non indica soluzioni, semmai solleva qualche dubbio. Tende l’orecchio verso l’incerto. La fecondazione reciproca è per definizione un terreno fertile, il luogo di miscele sempre nuove, originali, sorprendenti.

Alla base della ricerca di nuovi linguaggi, sta sempre un’urgenza di riflessione di contemporaneità, una necessità di contenuti. Il festival intende proporre una molteplicità di protagonisti, che si misureranno con una pluralità di spazi, con l’obiettivo di mostrare strati di lavoro artistico, sguardi e poetiche capaci di suscitare le curiosità e le urgenze anche quelle meno codificate.

La pluralità di linguaggi vedrà un coinvolgimento di pubblici diversi, mirando a far cadere il diffuso pregiudizio del contemporaneo come sinonimo di incomprensibile ed elitario. Il festival si pone anche come luogo di produzione o coproduzione di opere originali che saranno realizzate appositamente e che successivamente si inseriranno in un circuito internazionale.

Oltre agli spettacoli VIE propone una articolata attività collaterale che coinvolge il territorio con diversi progetti di approfondimento quali letture, dibattiti, incontri, installazioni video-performative, conferenze.
Pubblicato:
Oct 5, 2016
ISBN:
9788899283148
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a VIE FESTIVAL 13-23 ottobre 2016

Libri correlati

Articoli correlati

Anteprima del libro

VIE FESTIVAL 13-23 ottobre 2016 - Emilia Romagna Teatro

Emilia Romagna Teatro Fondazione

Fondazione Cassa di Risparmio di Modena

Regione Emilia-Romagna

VIE Festival

13 - 23 ottobre 2016

Modena Bologna Carpi Vignola

Teatro Danza Musica Cinema

DIGITAL INDEX

Seguite i fili rossi e percorrete le VIE

VIE Festival continua il suo percorso di attraversamento della contemporaneità nello spettacolo dal vivo, proponendo e intersecando forme sceniche differenti. 

Dal teatro alla danza, dalla musica al cinema, la ricerca artistica scava in profondità ma non indica soluzioni, semmai solleva qualche dubbio e invita alla riflessione. 

I dubbi e le riflessioni di questa dodicesima edizione sono come ogni anno il frutto del lavoro di artisti italiani e internazionali, di giovani emergenti e di Maestri della scena come Theodoros Terzopoulos, Oskaras Koršunovas, Juozas Budraitis. 

Oltre a un piccolo omaggio alla scena cinese con i lavori di Wang Mengfan, Li Jianjun e degli allievi della Central Academy of Drama di Pechino, ci sono alcuni fili rossi che legano le proposte di questa edizione. 

Il cinema è il primo filo rosso, l’utilizzo di tecniche e dispositivi cinematografici unisce le NanoDanze di Michèle Anne De Mey e Jaco Van Dormael (autore e regista di film pluripremiati come Mr. Nobody e Dio esiste e vive a Bruxelles) alle storie collettive dei Berlin, i fotogrammi dipinti a mano da Gianluigi Toccafondo per i film che accompagnano il concerto dei C’mon Tigre alle proiezioni narrative dell’installazione di Luca Brinchi e Daniele Spanò, e ancora al dispositivo scenico di Anne-Cécile Vandalem. 

Sul secondo filo viaggia la musica che la fa da padrone nel concerto-spettacolo dei C’mon Tigre, arricchisce il lavoro di Stefano Ricci ed è strumento drammaturgico per il teatro musicale della Vandalem. 

Un altro filo rosso tocca la sfera della libertà, della censura e del disagio. 

L’inferno in terra è quello quotidiano di Sartre portato in scena da Andrea Adriatico, ma è anche quello delle prigioni russe, scenario in cui il Belarus Free Theatre ambienta il suo nuovo lavoro che racconta storie di artisti perseguitati per la loro arte, a cominciare dalla storia di Maria Alyokhina, membro del collettivo Pussy Riot, qui per la prima volta in veste di attrice. 

Ma la libertà di un artista sta anche semplicemente nel poter mettere in scena un testo nel modo che ritiene più consono alla sua cifra e al suo percorso, una libertà molto spesso negata da coloro che detengono i diritti d’autore. 

Come appena successo ai Motus che si sono visti negare la possibilità di riallestire Splendid’s di Genet con un cast di sole donne, e che da questo divieto hanno tratto ispirazione per il loro nuovo lavoro. 

La pittura e il disegno sono il filo rosso che unisce l’omaggio di Virgilio Sieni a Giorgio Morandi, e gli spettacoli segnati dal tratto di due tra i più prestigiosi illustratori italiani, Stefano Ricci e Gianluigi Toccafondo. 

L’ultimo filo rosso è il futuro. E il futuro sono i giovani, i giovani del disagio descritto dallo svedese Mattias Andersson e da Babilonia Teatri, ma anche i giovani artisti emergenti ospiti al Festival (ErosAntEros, CollettivO CineticO, Gli Omini, Piergiorgio Milano, Carullo - Minasi), e soprattutto i giovani allievi delle quattro scuole attoriali legate al Progetto Prospero, tra i quali i giovani attori e drammaturghi della Scuola ERT diretta da Antonio Latella che con il loro progetto sulla stirpe degli Atridi ci condurranno di nuovo in ‘un’estasi teatrale’.

Il Progetto

VIE Festival nasce nel 2005 con l’obiettivo di attraversare la contemporaneità, di intercettare il delinearsi di nuove identità e soggettività nell’ambito dello spettacolo dal vivo. 

Si svolge annualmente in ottobre in diverse città dell’Emilia, è organizzato da Emilia Romagna Teatro Fondazione, Teatro Nazionale con sede a Modena, ed ha come principali finanziatori lo stesso ERT e la Fondazione Cassa di Risparmio di Modena. 

Il progetto prende vita dopo una felice esperienza decennale con Le vie dei festival, la rassegna che dal 1994 al 2004 ha ospitato a Modena ogni autunno, da ottobre a metà dicembre, alcune delle proposte più interessanti dei Festival estivi italiani e stranieri. 

Mescolando generi, lingue e tecniche, Le vie dei festival ha proposto esperienze di grande teatro e scoperto nuove realtà italiane ed internazionali. 

Tra tutti gli artisti ospiti delle dieci edizioni ricordiamo almeno Carmelo Bene, Thierry Salmon, Lev Dodin, Peter Brook, Maguy Marin, Joseph Chaikin, Philip Glass, Robert Wilson e Peter Stein. 

VIE Festival vuole mettere al centro la creazione contemporanea, dare allo sguardo la responsabilità di individuare, di cercare dove si nasconde oggi la forza del nuovo, gli artisti capaci di esplorare le zone di contatto fra le arti sceniche, i territori espressivi in cui lasciare interagire il teatro con la danza, la musica, le arti visive, il cinema. 

L’idea di contemporaneità si coniuga immediatamente con quella di complessità, qualcosa che è in continuo movimento e veloce nella sua indeterminatezza. 

La ricerca artistica agisce in verticale, scava in profondità. Non indica soluzioni, semmai solleva qualche dubbio. Tende l’orecchio verso l’incerto. La fecondazione reciproca è per definizione un terreno fertile, il luogo di miscele sempre nuove, originali, sorprendenti. 

Alla base della ricerca di nuovi linguaggi, sta sempre un’urgenza di riflessione di contemporaneità, una necessità di contenuti. Il festival intende proporre una molteplicità di protagonisti, che si misureranno con una pluralità di spazi, con l’obiettivo di mostrare strati di lavoro artistico, sguardi e poetiche capaci di suscitare le curiosità e le urgenze anche quelle meno codificate. 

La pluralità di linguaggi vedrà un coinvolgimento di pubblici diversi, mirando a far cadere il diffuso pregiudizio del contemporaneo come sinonimo di incomprensibile ed elitario. Il festival si pone anche come luogo di produzione o coproduzione di opere originali che saranno realizzate appositamente e che successivamente si inseriranno in un circuito internazionale. 

Oltre agli spettacoli VIE propone una articolata attività collaterale che coinvolge il territorio con diversi progetti di approfondimento quali letture, dibattiti, incontri, installazioni video-performative, conferenze.

Gli artisti

Andrea Adriatico

Mattias Andersson

 Babilonia Teatri

Belarus Free Theatre

Berlin

 Luca Brinchi / Daniele Spanò

 Carullo – Minasi

C’mon Tigre / Gianluigi Toccafondo

CollettivO CineticO

Michèle Anne De Mey / Jaco Van Dormael

ErosAntEros

Gli Omini

Li Jianjun

Oskaras Koršunovas / Juozas Budraitis

Antonio Latella

Wang Mengfan

Piergiorgio Milano

Motus

Stefano Ricci

Virgilio Sieni

Theodoros Terzopoulus

Anne-Cécile Vandalem

Gli spettacoli

EROSANTEROS 

Allarmi!

ARENA DEL SOLE - BOLOGNA

il 13/10/2016, ore 20:30

il 14/10/2016, ore 18:30

il 15/10/2016, ore 20:00

il 16/10/2016, ore 16:30

compra biglietti

ideazione Davide Sacco e Agata Tomsic / ErosAntEros

testo Emanuele Aldrovandi

regia Davide Sacco

dramaturg Agata Tomsic

con Marco Cavicchioli, Giusto Cucchiarini, Luca Mammoli, Massimo Scola, Agata Tomsic

spazio Davide Sacco e Agata Tomsic

costumi Laura Dondoli

music design Davide Sacco

luci Vincenzo Bonaffini e Davide Sacco

video Francesco Tedde

disegni Gianluca Costantini

animazioni e foto di scena Gianluca Sacco

fonica Giampiero Berti e Davide Sacco

assistenti alle prove Jessica Sedda e Marta Ruggiero

organizzazione Roberto Carletti

direzione tecnica Marco Carletti

ufficio stampa Silvia Pacciarini e Donatella Franzoni

oggetti di scena realizzati da Elena Stanzani e Marco Belli nel laboratorio scenografico Arena del Sole

produzione Emilia Romagna Teatro Fondazione

Durata 1h 50′

Prima assoluta

Spettacolo in italiano con sovratitoli in inglese

Formazione italiana emergente, ErosAntEros nasce dall’unione – non solo artistica – di Davide Sacco e Agata Tomsic, impegnati nella creazione di un linguaggio scenico che attingendo a diversi elementi espressivi e fonti d’ispirazione, è prima di tutto una ricerca di visioni per unire pensiero e azione.

Dalle riflessioni filosofiche di Georges Didi-Huberman che hanno condotto alla scrittura scenica Come le lucciole – un’indagine performativa nel ruolo che l’immaginazione gioca quale atto politico – al saggio di Bertolt Brecht che li ha portati – con la lettura-concerto Sulla difficoltà di dire la verità – a immergersi ancora di più nella ricerca di strumenti teatrali per l’emancipazione della coscienza, il duo arriva, con Allarmi!, alla prima esperienza propriamente drammaturgica, allargando l’ensemble con il coinvolgimento di altri attori e declinando in chiave testuale l’afflato politico che guida l’intero percorso.

«La riflessione sul ruolo dell’artista nella società contemporanea e sul nostro fare all’interno di essa, ci ha portato negli ultimi anni verso una politicizzazione degli oggetti di ricerca e un’apertura delle nostre forme a una partecipazione più ampia e attiva. Quando a fine 2014 stavamo ideando il nostro nuovo progetto produttivo una serie di fatti di cronaca hanno fatto scattare la scintilla: vogliamo parlare di neofascismo, ci siamo detti; di questo spaventoso fenomeno che continua a interessare l’Europa e il mondo, e che grazie alla crisi economica e all’immigrazione incalzante dai paesi colpiti da fame e da guerre, sta riscuotendo impennate populiste sempre più preoccupanti, sia a livello locale che internazionale».

Nell’affrontare un tema così spinoso e aperto, ErosAntEros ha coinvolto Emanuele Aldrovandi per la scrittura del testo, che risulta essere il frutto di un serrato e sintonico confronto ideativo.

Allarmi! narra le vicende di un gruppo di terroristi che vuole sovvertire con la violenza il potere costituito. La pièce li coglie mentre stanno organizzando un attentato per uccidere il presidente dell’Unione Europea. Sono di estrema destra, non credono nella democrazia, odiano gli immigrati e vogliono instaurare una nuova dittatura in Europa. Diffondono le proprie idee e cercano proseliti attraverso la rete, preparano fisicamente i corpi a fare la rivoluzione e intendono trasmettere tutto in diretta streaming. La loro leader è Vittoria, una ragazza carismatica e determinata, in grado a suo dire di guidare le masse e cambiare il corso della storia fissando il proprio nome nell’eternità.

«Ma qual è il confine fra un leader rivoluzionario e un mitomane? Fra un Giuseppe Mazzini, a cui sono dedicate piazze in tutte le città d’Italia, e un Anders Breivik, autore della strage di Utoya? La differenza risiede soltanto nella validità o meno delle idee in nome delle quali si combatte, oppure la sottile membrana che separa l’utopia dalla follia non è sempre così riconoscibile?».

Allarmi! è un lavoro pungente e ironico, che vuole lasciare lo spettatore libero di prendere posizione. Forte della libertà scenica del gruppo e della stratificata qualità di scrittura dell’autore, lo spettacolo si presenta ricco di intermezzi allegorici e snodi teorici sul tema principale che vanno a intersecarsi con un montaggio scenico spiazzante, creando giochi interpretativi e dispositivi di coinvolgimento del pubblico.

Gli attori-performer fluiscono in molteplici ruoli attraverso un gioco di scambi repentini, giocando con i piani del racconto, la finzione teatrale e i suoi retroscena. Gli artifici teatrali diventano

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. Registrati per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di VIE FESTIVAL 13-23 ottobre 2016

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori