Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Diario di Guerra: Il primo conflitto mondiale con gli occhi di un ventenne

Diario di Guerra: Il primo conflitto mondiale con gli occhi di un ventenne

Leggi anteprima

Diario di Guerra: Il primo conflitto mondiale con gli occhi di un ventenne

Lunghezza:
63 pagine
58 minuti
Pubblicato:
7 set 2016
ISBN:
9788822840097
Formato:
Libro

Descrizione

"Diario di Guerra" è tratto dal libretto personale di Giuseppe Iannuzzi, un fante poco più che ventenne deceduto durante la Prima Guerra Mondiale. Il ricordo delle ore di fuoco descritte riesce umanamente insopportabile. Si gioca continuamente con la morte, si lancia un grido di aiuto, si affrontano scene apocalittiche. Il fucile arroventato fra le mani, il rimbombo nelle valli, la montagna che si illumina e trema e le buche che si formano intorno dopo le cannonate del nemico e in cui entrerebbe un’ intera compagnia di soldati. Tutto questo gli fa esclamare: “ma dove mi trovo?”.
Presentazione di Mario Trufelli e Piero Sorrentino.
Pubblicato:
7 set 2016
ISBN:
9788822840097
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a Diario di Guerra

Libri correlati

Articoli correlati

Categorie correlate

Anteprima del libro

Diario di Guerra - Giuseppe Iannuzzi

Iannuzzi

DIARIO DI GUERRA

Il primo conflitto mondiale con gli occhi di un ventenne

di GIUSEPPE IANNUZZI

A cura di

Nicola M. Vitola

Presentazione

Mario Trufelli

Piero Sorrentino

Prefazione

Maria Vittoria Iannuzzi

Nota

Le pagine riportate sono fedelmente estratte dal libretto personale di Giuseppe Iannuzzi. 

Si è lasciato lo stile originale del testo, non apportando particolari modifiche. Fanno parte del diario le poesie e i sonetti presenti in appendice.

Si ringraziano infine gli amici di Flickr per la sensibilità e disponibilità dimostrata nell’apporto iconografico.   

Giuseppe Iannuzzi

Foto riprodotta da Nicola M. Vitola

Il fante

di Nicola M. Vitola

Giuseppe Iannuzzi nacque a Vaglio di Basilicata, in provincia di Potenza, il 27 Gennaio 1895, figlio di Rosa Pedota e Ferdinando Iannuzzi.

Da quanto si evince dal foglio matricolare dell’Archivio di Stato di Potenza era alto un metro e sessantuno centimetri, ottantasette centimetri di torace, di capelli lisci e castani, occhi castani, colorito bruno, corporatura sana. Nessun segno particolare. Di professione mulattiere, sapeva leggere e scrivere. Registrato al n. 21 nella leva 1895, quale iscritto nel Comune di Vaglio di Basilicata, Mandamento di Tolve, Circondario di Potenza.

Soldato di leva Terza Categoria, classe 1895, Distretto di Potenza e lasciato in congedo illimitato il 2 Dicembre 1914. Chiamato alle armi per mobilitazione col R. D. del 22 Maggio 1915 (circolare n. 370 del G.M.) il 1° Giugno 1915, tale nel 15° Reggimento Fanteria il 15 Giugno 1915. Trasferito al 148° M.M. (Deposito 75° Reggimento Fanteria) il 20 Ottobre 1915. Giunto in territorio dichiarato in istato di guerra il 20 Ottobre 1915.

Morto in seguito ad amputazione della gamba sinistra il 19 Agosto 1917, il fante Giuseppe Iannuzzi è sepolto nel Cimitero Militare di Kamno (in italiano Camina, paese della Slovenia sito nell’alta valle del fiume Isonzo e confinante direttamente con l’Italia).

Quanti lo conobbero raccontavano che fosse profondamente innamorato della sua Lucania, di cui ricordava sempre con dolcezza i sapori, i colori e i profumi.

A perenne memoria, il suo nome insieme ad altri è inciso sul monumento ai Caduti nella piazza del paese natìo.

Nicola M. Vitola

Pubblicista

Presentazione di Mario Trufelli

Neppure un istante per poter pensare ai morti, ai feriti, alle proprie ferite, bisognava resistere, attaccare, e trovare l’attimo per guardare l’orologio, per seguire i tempi della guerra, minuto per minuto, ora per ora, notte e giorno nel crogiuolo della trincea.

Il giorno 15 alle ore 2,00 l’artiglieria nemica cominciò a bombardare le nostre linee con un immenso fuoco accelerato , che durò due ore e un quarto.

Un puntiglio quel quarto d’ora, quei minuti che tornano di frequente in questo diario di Giuseppe Iannuzzi, soldato semplice, poco più che ventenne, il quale, a sua insaputa, si trasforma in un cronista di guerra, creando una memoria, come se la

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di Diario di Guerra

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori