Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

La scuola degli orrori
La scuola degli orrori
La scuola degli orrori
E-book77 pagine51 minuti

La scuola degli orrori

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Leggi anteprima

Info su questo ebook

L’ambulatorio infermieristico del prestigioso Best College si può dire che ormai faccia tutt’uno con l’anticamera dell’obitorio… e io, che sfiga, ci sono passato per primo! Il mio non era stato un incidente qualunque e gli imprevisti successivi ne hanno fatti secchi un bel po’. Strano campo di appestati è diventata questa scuola americana, con sette compagni morti ammazzati e il sospetto che gli assassini siano diversi fra loro, ma vicinissimi a noi allievi. Vivo in un circolo di vittime oppure di killer, come se l’omicidio si propagasse… così per contagio. «Vai e uccidi!»: pensate se bastasse un comando così, per fare di chiunque un assassino! In un certo senso… qui c’è chi ci ha creduto! Caso avvincente di una catena di ordini letali e di disordine mentale, per il commissario Lupiero, in vacanza negli Stati Uniti. Cortocircuito cerebrale assicurato per voi, lettori fanatici del pc.
LinguaItaliano
Data di uscita28 mar 2015
ISBN9788868170097
La scuola degli orrori
Leggi anteprima

Correlato a La scuola degli orrori

Titoli di questa serie (12)

Visualizza altri

Ebook correlati

Recensioni su La scuola degli orrori

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

La recensione deve contenere almeno 10 parole

    Anteprima del libro

    La scuola degli orrori - Liana Fadda

    Cococcia"

    Le card

    La nefasta mattina in cui cominciò l’orrore eravamo in classe ed era da poco suonata la campana che annunciava l’inizio della quarta ora.

    Il professor Bloom era seduto come al solito dietro la cattedra e ci fissava con lo sguardo inquisitore puntato al di sopra della montatura degli occhiali.

    – Allora, mi volete dire o no a chi appartengono queste? – chiese con tono minaccioso, mentre sventolava con la mano destra due card di Yugi, tassativamente proibite durante le ore di lezione.

    In aula c’era un silenzio tombale, nessuno osava fiatare con l’intransigente professor Bloom, che usava i voti come se fossero temibili armi affilate.

    D’altro canto il Best College di Saint Louis, nel Missouri, era il migliore in assoluto per qualità d'insegnamento, ma anche il più rigido riguardo a regole e imposizioni.

    – Ve lo chiedo per la terza e ultima volta. Chi è il proprietario di queste figurine?

    L’unica risposta che ottenne fu nuovamente il silenzio assoluto.

    Fece un attimo di pausa e poi riprese:

    – Ve lo dico io, allora, chi è il proprietario! Un codardo… un pusillanime che, per paura, fa cadere sull’intera classe una punizione che dovrebbe essere solo sua!

    Noi tutti sapevamo che le card appartenevano a Sasha, ma in quei casi vigeva l’omertà più assoluta: pusillanime sarebbe stato ritenuto dalla classe, chi si fosse schierato dalla parte del corpo insegnante.

    Per chi contravveniva alle regole della scuola, le punizioni erano molto rigide e spaziavano, dalla clausura durante il week-end, fino all’espulsione, in base alla gravità del reato commesso.

    La detenzione di figurine prevedeva come pena due fine-settimana rinchiusi in camera, a svolgere una marea di compiti: non era certo augurabile a nessuno.

    Più o meno tutti possedevamo le card di Yugi: se ne faceva un vero e proprio commercio al College, ma stavamo altresì attenti a non farle scivolare fuori della cartella durante le ore di lezione.

    Se fossero state intercettate da qualche insegnante, infatti, non ne saremmo mai più rientrati in possesso.

    Sasha era stato evidentemente poco accorto ed ora l’ira del professor Bloom stava per abbattersi sull’intera classe.

    – Perfetto! – sbottò Bloom. – Visto che non sapete essere ragionevoli, anziché spiegare la lezione inizierò immediatamente a interrogare.

    Aprì a caso un libro che aveva sulla cattedra, guardò il numero della pagina, lo lesse a voce alta, fece la somma delle cifre e controllò sul registro a quale alunno corrispondesse il risultato.

    Mi sentii gelare il sangue nelle vene, quando il professore annunciò che la somma equivaleva al numero tre. Sapevo perfettamente di essere io in tal posizione sul registro di classe, così come ero anche conscio di non aver ripassato minimamente la lezione di chimica.

    Quando il professore scandì il nome ‘Benny’, mi stavo già alzando in piedi rassegnato per dirigermi alla lavagna.

    Sasha era pallido in volto, come la cera… doveva sentirsi molto in colpa; le figurine, infatti, gli erano scivolate fuori dalla cartella mentre prendeva i libri.

    Avrebbe sicuramente preferito essere lui al mio posto, ma la casualità aveva voluto che toccasse proprio a me.

    Ormai ero rassegnato: un bel quattro in chimica non me lo avrebbe tolto nessuno!

    Il professor Bloom mi dettò una formula che io, diligentemente e in bella grafia, mi apprestai a scrivere sulla lavagna, ma l’interrogazione non ebbe seguito.

    Un rumore assordante fece sobbalzare tutti quanti: dal soffitto era crollato un quadrotto di vetro, che era andato a infrangersi proprio sulla mia sedia, fortunatamente vuota.

    Rimasi per un momento a bocca spalancata, mentre il gesso che reggevo con la mano destra ruzzolò in terra.

    Vidi, prima di perdere i sensi per lo spavento, Tom e Annie, i miei compagni di banco, gocciolanti di sangue e uno scompiglio generale che portò tutti i ragazzi a scappare verso l’uscita.

    Ciò che accadde in seguito, mi fu raccontato dagli altri in infermeria.

    La sfida

    Mi ritrovai sdraiato su un lettino in infermeria, con accanto la dottoressa Sloane che cercava di riportarmi allo stato cosciente.

    – Sei proprio nato con la camicia, Benny! – mi disse. – Puoi ringraziare il professor Bloom. Se non ti avesse chiamato alla lavagna…

    – Eh già! – risposi, pensando fra me e me: Devo la vita anche a Sasha, siano benedette le sue card!

    Vidi nel letto di fianco al mio Mike, un

    Ti è piaciuta l'anteprima?
    Pagina 1 di 1