Trova il tuo prossimo libro preferito

Abbonati oggi e leggi gratis per 30 giorni
Strategie per vivere il cambiamento - Con i Fiori di Bach e altre tecniche

Strategie per vivere il cambiamento - Con i Fiori di Bach e altre tecniche

Leggi anteprima

Strategie per vivere il cambiamento - Con i Fiori di Bach e altre tecniche

Lunghezza:
132 pagine
2 ore
Pubblicato:
Apr 6, 2016
ISBN:
9788892589803
Formato:
Libro

Descrizione

E' ormai risaputo che in quest'epoca c'è un'evoluzione a tutti i livelli e in ogni ambito, in atto. Se è vero che finora gli esseri umani e non si sono evoluti quasi senza esserne coscienti e a piccoli passi, chi vive l'evoluzione attuale è come spinto a compiere non più piccoli passi, bensì un grande balzo ascensionale. Inoltre tutto è accelerato, come se una forza misteriosa ci mettesse fretta di fare, fretta di risolvere per passare oltre. Chi si è accorto di questo e sceglie di fare questo balzo in modo cosciente, è come se avanzasse aiutato da una luce coerente, una luce laser molto più potente di una luce incoerente a corrente alternata. E' come se una parte di esseri umani scegliesse di percorrere una strada completamente diversa da quella percorsa finora da tutta l'umanità. Abbandonare una strada che già si conosce a memoria e che si potrebbe percorrere ad occhi chiusi, per percorrerne una completamente nuova, è eccitante, ma sicuramente non facile. La separazione della nuova strada da quella vecchia è sempre più netta e la distanza sempre più grande. E' come partire da soli lasciando dietro di sè i nostri affetti, la casa, gli oggetti, le cose più care per andare in un paese lontano di cui non si conosce niente. Per fare ciò in modo più agevole e sereno, è necessario viaggiare leggeri e liberarsi delle vecchie convinzioni, dei vecchi schemi. Non è un caso se ai giorni nostri nascono continuamente scuole dove si insegnano metodi e tecniche di auto-aiuto, di medicina olistica e vibrazionale, di metodi di guarigione e di fisica quantistica. Alcune di queste tecniche sono descritte in questo libro, nel quale, più in particolare, si parla della floriterapia e si spiega in modo dettagliato l'anatomia sottile di cui fanno parte i meridiani, i chakra e i corpi sottili. Si mette in evidenza la necessità di liberarsi di tossine fisiche ed energetiche, attraverso la nutrizione e un modo di vivere biologico ed ecologico. Ci si rivolge più a coloro che hanno intrapreso da poco questo cammino e/o a coloro che sono interessati a farlo, ma è utile anche per chi studia le discipline di medicina energetica e olistica.
Pubblicato:
Apr 6, 2016
ISBN:
9788892589803
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a Strategie per vivere il cambiamento - Con i Fiori di Bach e altre tecniche

Libri correlati

Anteprima del libro

Strategie per vivere il cambiamento - Con i Fiori di Bach e altre tecniche - Franca Cristina Novello

FRANCA NOVELLO

STRATEGIE PER VIVERE IL CAMBIAMENTO

Con i Fiori di Bach e altre tecniche

Copyright © 2016 Franca Cristina Novello

Indice

RINGRAZIAMENTI

PREMESSA

INTRODUZIONE

I CAMBIAMENTI IN ATTO

COME FARE

SCIENZIATI E RICERCATORI PIONIERI

MEDICINA OLISTICA: VIBRAZIONI E FREQUENZE

L’ACQUA

RIPULIRE, RIPULIRE, RIPULIRE

LA FLORITERAPIA

I CORPI SOTTILI

CHAKRA E MERIDIANI

BIOGRAFIA DI EDWARD BACH

I RIMEDI FLOREALI DEL DOTTOR BACH

PSICOSOMATICA e METAMEDICINA

Il principio transpersonale dei fiori di Bach

PRONTUARIO

ALCUNI CASI CLINICI

CONCLUSIONI

BIBLIOGRAFIA

BIOGRAFIA

Ad Alessio e Andrea

Con infinito amore

RINGRAZIAMENTI

Ringrazio Dio che ho ritrovato dentro di me, tutti gli insegnanti e gli insegnamenti che ho cercato e trovato sul cammino che ho scelto di percorrere, tutti coloro che mi hanno sostenuto, consigliato e aperti gli occhi e il cuore. Ringrazio il mio compagno Mauro Andreella per il sostegno e per il bellissimo dipinto che costituisce la copertina. Ringrazio la casa editrice Nativi Digitali Edizioni per il supporto e i consigli.

PREMESSA

Questo scritto è un rifacimento della tesi che ho sostenuto presso la Scuola Superiore di Naturopatia di Genova, dove ho conseguito il diploma di Consulente in Floriterapia. In questo libro ci sono molte considerazioni in più che ho voluto tralasciare di scrivere in quel momento perché sono concetti che esulano dalla floriterapia e che riguardano una mia ideologia. Per tanto tratta principalmente di floriterapia, che rimane una delle mie grandi passioni, e di interazioni energetiche e medicina vibrazionale. L’ho scritto pensando più a coloro che hanno da poco scelto di percorrere questo meraviglioso cammino o che stanno pensando di percorrerlo e a coloro che pensano di intraprendere la professione di terapeuta, sperando che possa essere di aiuto e di incoraggiamento.

INTRODUZIONE

I CAMBIAMENTI IN ATTO

Avvertiamo dentro e intorno a noi il crollo di vecchi paradigmi ai quali si ispirano anche, e ancora, la maggior parte delle istituzioni. Adesso sentiamo un senso di disagio e di non-verità nei confronti di questi dogmi: stiamo per uscire dalla 3^ dimensione e, consciamente o meno, sappiamo che è una strada senza ritorno. È l’era dell’Acquario, è l’era del cambiamento e… ne siamo terrorizzati. Ci sentivamo sicuri, lì, sulla vecchia strada che conosciamo così bene, dove ci hanno sempre istruito su cosa dovevamo fare, in cosa dovevamo credere…. Dove non ci era nemmeno richiesto di pensare perché dovevamo solo agire nel modo che ci veniva indicato. Dove ci sentivamo al sicuro perché tanto ci pensa qualcun altro, dove ci hanno convinti a lasciare tutto nelle loro mani perché noi non saremmo stati in grado di prenderci delle responsabilità. Anzi! Coloro che pensano (ancora!) di detenere il potere, hanno voluto e vogliono che sia così; quando si sono resi conto che un numero sempre maggiore di persone ha cominciato ad accorgersi, hanno creato un'altra crisi. Ogni volta, se ci facciamo caso, che l’andamento vibratorio è aumentato, loro hanno avuto paura di perdere il loro potere manipolatorio e hanno creato le crisi, che non servono ad altro che a perpetuare il senso di mancanza, di povertà, di separazione, di disperazione e, in primis, ad abbassare le nostre energie vibratorie. In tv non fanno altro che trasmettere notizie e immagini raccapriccianti; a tutte le ore c’è almeno un programma che parla di guerre passate o presenti, di omicidi, di morte e distruzione, di crimini, di corpi squartati, della cattiveria e della stupidità dell’essere umano. Convincendoci di questo (come abbiamo fatto a permetterlo per me è ancora mistero) ci siamo creati sensi di colpa, di vergona e di incapacità che sono vere e proprie sbarre di una prigione. Una prigione che ci hanno e ci siamo costruiti attorno senza che ce ne rendessimo conto. E anche quando qualcuno di noi se ne accorgeva, ci veniva risposto che era per il nostro bene, che era meglio così. Era molto comodo e sicuro evitare la fatica di fare altre domande, tenere la benda sugli occhi e starcene buoni e zitti nel nostro angoletto. In quel modo non avremmo avuto problemi, non saremmo stati puniti e tutti ci avrebbero voluto bene. Ora che stiamo scoprendo che la verità è un’altra, ora che iniziamo a scoprire di non essere come loro (non intesi come persone, bensì come società aggrappata alla vecchia energia) vogliono che pensiamo di essere, come intendiamo comportarci? Vogliamo prendere in mano noi la guida della nostra vita, o lasciamo che continui ad essere qualcun altro a guidare? Se c’è fra voi qualche lettore che non ha ancora tolto il velo ma ha intenzione di farlo, lo voglio avvisare: non è per niente facile e ci vuole molto coraggio. È un cammino che non finisce mai perché una volta iniziato a porci delle domande, riceviamo risposte che ci spingono a porci altre domande e via di seguito. Più impariamo verità, più ci avviciniamo alla libertà. Il bello di tutta questa faccenda è che non riusciamo più a smettere! Nessuno che inizi a camminare dopo un po’ si rimetterebbe volontariamente ad andare carponi. L’importante, è cominciare, non deve interessare la méta (che comunque non dobbiamo mai perdere di vista) è il percorso che conta. Inoltre sappiate che probabilmente in molti momenti vi sentirete soli…non capiti e, qualche volta, non accettati. Ma sapete una cosa? Se succederà…non vi importerà molto, e sentirete una spinta ad andare avanti perché vi renderete conto che non c’è altra strada. Inoltre, man mano, scopriremo molti altri che vibrano alla stessa frequenza e con i quali si creeranno legami molto saldi. Il pericolo, in un futuro relativamente prossimo, è che ci sono probabilità che prospettino al resto dell’umanità un’altra religione (ri-legare, tenere insieme) globale…di tipo new age, dove ci vorrebbero tutti sorridenti, contenti e…ubbidienti. Di nuovo. È la vecchia energia che combatte per continuare a vivere, anche e soprattutto dentro di noi. Ed ecco che nasce la crisi dentro che si esprime fuori. A proposito! Sapete che l’ideogramma cinese per crisi è lo stesso che per possibilità? Smettiamo di preoccuparci troppo di capire il perché di tutto: c’è un certo ordine nell’accadimento delle cose. E tutto (anche le crisi) è perfetto così com’è: senza le crisi saremmo nell’immobilità e non potremmo crescere. E coloro che scelgono di cavalcare l’onda della nuova energia, non si lasceranno ingannare dalle nuove religioni perché scopriranno di far parte di una nuova specie: una specie che prima di tutto ascolterà la propria divinità interiore.

Per entrare più agevolmente nella 4^ dimensione, bisogna liberarsi delle catene della 3^, bisogna alleggerirsi di molto bagaglio…prima cominciamo, meglio è.

COME FARE

Il primo passo è prestare attenzione al nostro modo di pensare: sapendo che il pensiero è una energia molto potente e che sono i pensieri a creare la nostra realtà, Louise Hay suggerisce di cambiare il nostro modo di pensare attraverso la ripetizione scritta e parlata/pensata, di frasi mirate atte ad invertire la direzione e il contenuto della nostra mente; se consideriamo i nostri pensieri come i files del nostro cervello/computer, con il metodo della Hay si andrebbero a cancellare quei dati per sostituirli con altri. La via per comprendere quali sono i pensieri da sostituire, sono i sintomi che sentiamo nel corpo e, ancora prima, le emozioni. Mi rendo conto che il concetto è semplice, ma che l’attuarlo è difficile, a me lo sembrava. La difficoltà sta nel fatto che i pensieri sembrano ingestibili, però se ci poniamo all’ascolto del corpo fisico e all’osservazione della realtà intorno a noi, possiamo riuscire a porre rimedio. Per esperienza personale posso dire che capire e applicare le regole della psicosomatica mi è servito per conoscermi meglio, ma ho anche capito che, per invertire veramente il corso della nostra vita o di alcune situazioni, la sola trasformazione di pensieri da negativi a positivi non basta. Nel mio caso è stato, e tuttora è, necessario capire quali sono le convinzioni di base e le paure nascoste nei recessi più profondi, perché sono queste a scatenare il susseguirsi degli eventi che non mi piacciono. Conoscere le mie paure e le mie convinzioni di base è necessario per potermene liberare. Dal mio punto di vista la vera difficoltà è questa, e sono grata all’Universo per avermi fatto conoscere le persone e i libri che mi hanno dato i mezzi con cui aiutarmi. Ma non sarebbe successo niente di tutto questo se non lo avessi voluto, se non lo avessi chiesto. Chiedete e vi sarà dato: quando vogliamo veramente qualcosa e la chiediamo con fiducia all’Universo, questa arriva. Per questo motivo dobbiamo stare attenti a ciò che pensiamo, tanto più adesso che le vibrazioni stanno aumentando in modo esponenziale e, sempre più spesso, non facciamo in tempo a pensare qualcosa che si presenta quasi immediatamente alla nostra realtà (è uno dei sintomi del risveglio). Capite quanto siamo potenti?

Uno dei carburanti che dà seguito al pensiero, è l’emozione (e=energia, mozione=movimento) l’altro, utile specialmente quando vogliamo qualcosa che nella nostra vita non è ancora presente, è la visualizzazione. Sapendo anche che nulla succede per caso, il fatto che le nostre paure individuali e collettive stiano venendo a galla, ci porta a pensare che: a) lo abbiamo chiesto noi inconsciamente a livello akashico perché ci serve per poterci evolvere; b) è il momento giusto perché vuol dire che siamo pronti e con la forza necessaria ad affrontarle; c) avviene che la Natura stessa lo impone. Infatti volenti o nolenti e prima o dopo tutti e tutto evolve. Anche Theillard de Chardin (1881-1955) un gesuita geologo e paleoantropologo, sosteneva che l’uomo tende naturalmente al raggiungimento di uno stato ultra-umano dove lo spirito tende a liberarsi lentamente ma inesorabilmente e definitivamente della sua base di origine materiale (fonte wikipedia). In questo periodo il numero delle persone che hanno iniziato il cammino verso il cambiamento è aumentato a livello esponenziale. Sento come una verità ciò che sostiene Igor

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. Registrati per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di Strategie per vivere il cambiamento - Con i Fiori di Bach e altre tecniche

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori