Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

La strana scoperta del signor Rodolfo
La strana scoperta del signor Rodolfo
La strana scoperta del signor Rodolfo
E-book82 pagine1 ora

La strana scoperta del signor Rodolfo

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Leggi anteprima

Info su questo ebook

Cretoria è una cittadina di diecimila abitanti situata nel centro Italia.

E' un centro abitato comunissimo, con gente semplice e tranquilla e la monotonia della quotidianità.

Il signor Rodolfo è un pensionato di sessanticinque anni che vive a Cretoria e passa le sue giornate, tra il centro anziani e i negozi sotto casa dove fa i suoi acquisti.

Un giorno il signor Rodolfo nota un comportamento diverso, ostile e malinconico, da parte dei suoi amici negozianti e ciò coincide con l'arrivo in città di alcuni strani individui vestiti di nero.

A causa della sua grande curiosità, il signor Rodolfo inizierà a tener d'occhio sia i negozianti che i misteriosi forestieri, informando nel frattempo il commissario Rigoni.

Grazie alle segnalazioni del pensionato, Rigoni inizierà ad indagare sulla situazione dei negozianti e sull'identità dei nuovi arrivati, arrivando a scoprire entrambi fanno parte di un piano diabolico di una misteriosa organizzazione.

Quando la polizia inizia a identificare i primi uomini vestiti di nero, il progetto dell'organizzazione ha raggiunto uno stato avanzato in tutta Italia e la situazione minaccia di farsi molto pericolosa.

Il signor Rodolfo continua a vivere la sua vita, tra gli affetti della famiglia e le partite a carte con gli amici, senza smettere di curiosare e dare preziose informazioni al commissario.

Grazie alle sue geniali intuizioni Rigoni riuscirà ad avere un confronto finale con chi è a capo dell'organizzazione e quando sembra giunto l'epilogo, qualcosa minaccia di riaprire il caso.
LinguaItaliano
Data di uscita3 mar 2016
ISBN9788892561267
La strana scoperta del signor Rodolfo
Leggi anteprima

Correlato a La strana scoperta del signor Rodolfo

Ebook correlati

Articoli correlati

Categorie correlate

Recensioni su La strana scoperta del signor Rodolfo

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

La recensione deve contenere almeno 10 parole

    Anteprima del libro

    La strana scoperta del signor Rodolfo - Adriano Conte

    Farm

    Strani uomini vestiti di nero

    Il signor Rodolfo De Marchi viveva a Cretoria, una cittadina di diecimila abitanti in provincia di Terni.

    Oltre al supermercato, per fare la spesa, c'erano anche diversi negozi che si affacciavano sui marciapiedi delle strade.

    Il signor Rodolfo aveva sessantacinque anni e abitava in un bell'appartamento con un soggiorno, tre camere, una cucina abitabile due bagni e una piccola cantina.

    L'appartamento era molto comodo per un uomo solo come Rodolfo, dato ché tre anni prima aveva perso la moglie Lucia per una grave malattia e da allora si era iscritto al centro anziani, per avere un po' di compagnia e di svago.

    Il signor Rodolfo e sua moglie si erano amati moltissimo, sin da quando si erano conosciuti quarant'anni prima e dalla loro unione erano nati quattro figli, due maschi e due femmine che adesso erano tutti laureati e sposati.

    Essendo stato per tanti anni direttore di un'importante industria farmaceutica, il signor Rodolfo percepiva un'ottima pensione con la quale aiutava anche i figli, che in quel periodo non se la passavano bene per via della grave crisi economica che aveva colpito il Paese.

    La giornata del signor Rodolfo iniziava verso le nove del mattino, quando usciva per andare a fare la spesa nei vari negozi della città.

    Erano due i principali motivi per cui Rodolfo non andava al supermercato come tanti dei suoi concittadini: prima di tutto era molto amico dei negozianti da cui si riforniva e poi odiava l'interminabile fila.

    Così dopo essere stato dal fruttivendolo e aver scambiato quattro chiacchiere andava dal lattaio, dall'edicolante dal macellaio, dal fornaio e poi tornava

    a casa.

    Dopo aver sistemato la spesa si sedeva e leggeva il quotidiano per controllare se la questione economica era migliorata, sperando si risolvesse presto.

    Nel pomeriggio si recava al centro anziani dove faceva qualche partita a carte e chiacchierava con gli altri tesserati del circolo, suoi amici.

    Il centro anziani che frequentava Rodolfo era molto attivo poiché organizzava gite mostre concorsi e tornei.

    Un giorno i dirigenti del centro organizzarono un concorso di pittura e sebbene Rodolfo non avesse mai disegnato in vita sua, si iscrisse lo stesso; dopo aver comprato tutto l'occorrente dipinse un semplice cestino di frutta.

    Arrivò il giorno del concorso e intorno alle diciotto tutti i quadri furono messi in fila: la giuria era composta dagli altri avventori del centro anziani che non avevano partecipato al concorso.

    Alla fine della votazione Rodolfo si classificò settimo su un totale di dodici partecipanti e si ritenne molto soddisfatto.

    Dopo la premiazione tutti i membri del centro festeggiarono con spumante e dolcetti e non ci fu nessun segno di invidia tra chi aveva perso e chi aveva vinto.

    Trascorsero cinque anni e il signor Rodolfo stava facendo il suo solito giro per la spesa, quando si accorse che il fruttivendolo non era loquace come al solito e notò lo stesso atteggiamento anche negli altri negozi.

    Dato ché Rodolfo non si spiegava quel comportamento, il titolare dell'alimentari gli diede qualche chiarimento.

    <>.

    <> domandò Rodolfo preoccupato.

    <> spiegò il titolare.

    Dopo questo chiarimento Rodolfo salutò l'uomo e andò a casa, riflettendo sul problema dei suoi amici negozianti.

    Sembrava che si fossero messi tutti d'accordo sulle risposte da dare ai clienti e lui non era convinto che fosse solo la crisi la causa di quella situazione.

    Rodolfo aveva notato che la clientela era numerosa come sempre e spesso si doveva fare persino la coda per essere serviti; inoltre le tasse non erano aumentate per niente.

    Che cosa stava succedendo?

    Per il momento non riusciva a darsi una risposta, ma intendeva scoprirlo al più presto.

    Un giorno il signor Rodolfo, mentre entrava nel negozio di alimentari, notò che al posto del proprietario c'era sua moglie.

    Non era mai successo da quando abitava a Cretoria, così si avvicinò al bancone e chiese alla donna: <>.

    <> rispose la donna.

    <>.

    <> disse la donna e dopo aver pagato, Rodolfo salutò e uscì dal negozio.

    In quel momento vide il signor Franco che parcheggiava una vecchia utilitaria, sebbene avesse sempre avuto una macchina moderna e di grossa cilindrata.

    Il signor Franco si incamminò verso il suo negozio a testa bassa e non rispose al signor Rodolfo che l'aveva salutato.

    Rodolfo ci rimase male ma continuò con il suo giro ed entrando dal lattaio trovò la stessa situazione: i due titolari, marito e moglie molto depressi.

    <> chiese Rodolfo preoccupato e incuriosito.

    <> gli spiegò il lattaio.

    Dopo aver comprato il latte Rodolfo tornò a casa e trovò il figlio Massimo che lo aspettava davanti alla porta.

    Non appena furono entrati nell'appartamento, Rodolfo raccontò a Massimo ciò che stava succedendo a Cretoria.

    <> lo ammonì il figlio.

    <> proseguì Rodolfo.

    <>.

    <

    Ti è piaciuta l'anteprima?
    Pagina 1 di 1