Goditi subito questo titolo e milioni di altri con una prova gratuita

Solo $9.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Prossemica della molteplicità la Londra tardo-vittorana: in Carezza di Velluto di Sarah Waters

Prossemica della molteplicità la Londra tardo-vittorana: in Carezza di Velluto di Sarah Waters

Leggi anteprima

Prossemica della molteplicità la Londra tardo-vittorana: in Carezza di Velluto di Sarah Waters

Lunghezza:
40 pagine
24 minuti
Pubblicato:
May 24, 2013
ISBN:
9788878534704
Formato:
Libro

Descrizione

Nancy Astley, la protagonista del primo romanzo di Sarah Waters, proviene da un paesino di pescatori del sud dell’Inghilterra dove la sua famiglia gestisce un ristorante famoso per la qualità delle sue ostriche. Nancy nutre, fin da bambina, una grande passione per il teatro e spesso vi si reca per assistere agli spettacoli. E’ in uno di questi teatri di provincia che la ragazza conosce Kitty Butler, una giovane male impersonator, che decide di seguire a Londra, dove diventerà prima sua assistente, poi performer al suo fianco con il nome d’arte di Nan King e, infine, sua amante.7 In seguito alla prima grande delusione amorosa – Kitty deciderà di sposare il loro impresario Walter Bliss - Nancy abbandona il palcoscenico e si rifugia in una zona periferica di Londra. Qui, per necessità economiche sopraggiunte, si traveste, non già come aveva fatto sulla scena soltanto per esibirsi, bensì per affrontare con maggiori garanzie di sicurezza la città. Ella diviene dunque rent boy, prostituta in abiti maschili per uomini facoltosi che si aggirano per la Londra del West End, e poi kept woman, amante-mantenuta, di Diana Lethaby, donna facoltosa e femme fatale – che scopriremo essere la vedova ricchissima di un marito deceduto in circostanze non chiare.8 Scacciata da Felicity Place, la villa di Diana situata a St. John’s Wood, Nancy si troverà a vagabondare per le strade di Londra, ma questa volta in condizioni peggiori rispetto al passato. Sarà così costretta a mendicare per sopravvivere e dovrà ricorrere all’aiuto offertole da una social worker, Florence Banner, che diventerà il suo nuovo amore.
Pubblicato:
May 24, 2013
ISBN:
9788878534704
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a Prossemica della molteplicità la Londra tardo-vittorana

Titoli di questa serie (27)

Libri correlati

Articoli correlati

Anteprima del libro

Prossemica della molteplicità la Londra tardo-vittorana - Sonia Maria Melchiorre

letteratura


Sonia Maria Melchiorre

Prossemica della molteplicità:

la Londra tardo-vittorana

in Carezze di Velluto

di Sarah Waters

Prima edizione: giugno 2013

ISBN EBOOK: 978-88-7853-470-4

Riproduzione vietata ai sensi di legge

(art. 171 della legge 22 aprile 1941, n. 633)

© Sonia Maria Melchiorre

Edizioni SETTE CITTÀ

Via Mazzini 87

01100 Viterbo

tel 0761 304967

fax 0761 1760202

info@settecitta.eu

www.settecitta.eu

§1. Sarah Waters: l’autrice e l’opera

Sarah Waters, gallese di nascita e londinese di adozione, al pari di altre importanti scrittrici della sua generazione – Zadie Smith, Ali Smith e Tracy Chevalier – aveva intrapreso la carriera accademica, pubblicando diversi saggi critici sulla letteratura di genere in riviste specializzate quali la Feminist Review, il Journal of History of Sexuality e Science and Culture, prima di dedicarsi alla fiction.

I romanzi Carezze di Velluto (Tipping the Velvet, 1998), Affinità (Affinity, 1999) e Ladra (Fingersmith, 2002), costituiscono ciò che la stampa britannica ha definito una trilogia vittoriana di ambientazione metropolitana. A queste prime tre opere si sono successivamente aggiunte Turno di Notte (The Nightwatch, 2006) – finalista del prestigioso Man Booker Prize - e L’Ospite (The Little Stranger, 2010), che non hanno però, ad oggi, riscosso il grande successo di pubblico e di critica ottenuto negli anni precedenti.¹

Se si eccettua l’ultimo lavoro, che diverge notevolmente dalle prime fatiche artistiche della scrittrice, i romanzi di Sarah Waters si inseriscono in una tradizione letteraria tutta al femminile, inaugurata da scrittrici moderniste quali Elizabeth Bowen, Amy Levy, Dorothy Richardson, Jean Rhys e Djuna Barnes. Esse furono tra le artiste che maggiormente contribuirono a creare una coscienza urbana modellata su valori alternativi rispetto a quelli imposti dai loro omologhi maschi. Per loro la città non costitui[va] soltanto un luogo, un’immagine, ma rappresenta[va] una vera e propria costituente che permetteva loro di tradurre l’esperienza dello spazio urbano in una personale forma narrativa. ² (Parsons: 16) Nelle loro mani la città, solitamente concepita come spazio popolato da soli uomini e nel quale le donne venivano rappresentate come presenze marginali e disobbedienti, oltre che pericolose, diventarono finalmente luoghi

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. Registrati per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di Prossemica della molteplicità la Londra tardo-vittorana

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori