Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

La donna col medaglione

La donna col medaglione

Leggi anteprima

La donna col medaglione

Lunghezza:
87 pagine
1 ora
Pubblicato:
6 feb 2016
ISBN:
9788869822155
Formato:
Libro

Descrizione

“La donna col medaglione”: indagine siciliana per il commissario Cantagallo che tutti gli anni ‘scende’ in Sicilia con la famiglia per le ferie di settembre. A coinvolgerlo è il suo amico maresciallo Saro Bompensiere, paesano di Capobianco come la moglie di Cantagallo, che è il comandante della Stazione dei Carabinieri di San Rocco Etneo. Il commissario non si tira mai indietro di fronte ai delitti e se glielo chiede Bompensiere, ci si butta a capofitto per fare un favore a un amico, anche se sa già che dovrà sacrificare le sue ferie siciliane. Omicidio a scopo di rapina compiuto dalla mafia locale si suppone in un primo momento, per un uomo ucciso a colpi di pistola in un'auto trovata dentro un boschetto sulla strada per Grammichele. Bompensiere però non ne è convinto e vuol vederci chiaro. Per questo non ha esitato a tirarci dentro il commissario in ferie. Stavolta Cantagallo è alle prese con degli oggetti particolari che devono essere decifrati per essere ben compresi. Questi indizi sono talmente strani che lo incuriosiscono: un misterioso telegramma da tradurre, una guida turistica da leggere con attenzione e tanti altri fatti apparentemente semplici e lineari che poi risulteranno complessi e intricati. La matassa da sbrogliare è riccamente intrecciata per un delitto che in apparenza sembra come tanti altri che accadono in quei posti sperduti in mezzo alla Sicilia. Il commissario Cantagallo avrà a disposizione pochi fatti da analizzare e in un primo momento saranno veramente pochi gli elementi con cui potrà costruire il suo “mosaico criminale”. Inizialmente tutto quello che riesce a scoprire indirizza il poliziotto verso una rapina andata male. Poi viene a conoscenza di altri fatti fondamentali che indirizzano l’indagine su un’altra pista. La compravendita di una masseria di asini ragusani, le dichiarazioni di alcuni direttori di banca e la confidenza di una postelegrafonica s’intrecciano in questo giallo, dove la morte corre sul filo del telegrafo. Tutto sembra semplice, forse anche troppo, ma non è così. Poi accade la svolta. La caparbietà di Cantagallo porta al ritrovamento di un fumoso telegramma in dialetto siciliano. Il misterioso telegramma riapre improvvisamente l’indagine verso una nuova pista investigativa imprevedibile. E soprattutto verso l’insospettabile assassino. Il commissario dovrà valutare bene la pista da seguire perché le sorprese non sono ancora finite. Un fatto inaspettato e fondamentale per l’indagine si sovrappone alle tracce che segue Cantagallo, rischiando di portarlo fuori strada. Un fatto inquietante emergerà dal passato e s’intreccerà con il delitto dell’uomo ucciso. Allora tutto sarà chiaro per il commissario che non avrà molto tempo per incastrare il colpevole. Accadrà un ultimo colpo di scena finale che scombussolerà tutto quello che a Cantagallo sembrava chiaro e limpido fino a quel momento. L’assassino sarà svelato all’ultimo istante e l’insospettabile omicida compierà un errore fatale che lo condannerà. Il colpevole sarà smascherato grazie a un particolare che non è sfuggito a Cantagallo e da un abile stratagemma che sarà messo in atto dallo stesso commissario. Il poliziotto in quest'occasione dovrà sporcarsi le mani e non sarà una cosa facile perché Cantagallo conosce benissimo il proverbio che dice: “Chi vuole il pesce pigliare, il culo in mare si deve bagnare”.
Pubblicato:
6 feb 2016
ISBN:
9788869822155
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a La donna col medaglione

Libri correlati

Articoli correlati

Categorie correlate

Anteprima del libro

La donna col medaglione - Fabio Marazzoli

dell’autore

Capitolo uno

Era sempre mattiniero il commissario Cantagallo.

Per lui il sorgere del sole del mattino era come lo scoppio del tappo dello spumante: subito potevi assaporare una bella aria frizzante che poi, col passare delle ore, svaporava e perdeva briosità.

Quella mattina d'inizio settembre si era alzato prima del solito ed era già pronto per la partenza. Gli altri no. Iolanda era nella camera piccola e finiva di riempire il trolley del figlio perché c’entrasse tutto, dall’aspirina al golfino. Luigi, un ragazzo sveglio di undici anni, nella stessa stanza riempiva meticolosamente il proprio zainetto, dal contenuto sconosciuto e inviolabile.

Cantagallo si ricordò di prendere un libro giallo di Nero Wolfe, il suo investigatore preferito, che voleva leggere durante le ferie. Era un po’ che si riprometteva di iniziarlo ma negli ultimi giorni gli era mancato il tempo. Lo prese dalla libreria del soggiorno per metterlo in valigia. Mentre lo prendeva, dalle ultime pagine scivolò fuori un pezzo di carta. Era un vecchio telegramma che chissà perché era finito lì e chissà quando. Chiese alla moglie. Iolanda non si ricordava come ci fosse finito. Sapeva però che glielo aveva spedito qualche mese fa una sua cugina dalla Sicilia per dirle com’era andata a finire la faccenda travagliata dell’eredità del cugino buonanima, Gesualdo Milazzo. Intanto Cantagallo lo rileggeva.

«FINIU A CICHIRI E PIATTINI, ma che vuol dire? E poi come fai a sapere che te l'ha scritto la tua cugina? Qui c'è riportato solo l'indirizzo dell'ufficio postale di un posto che si chiama Montedoro».

«Angelo, è siciliano. Vuol dire: È finita a tazzine e piattini. Mia cugina Rosetta è di Montedoro, in provincia di Caltanissetta, e si vede che lo ha spedito da lì. Rosetta lo dice sempre in certe circostanze per far capire che, alla fine, è andato tutto bene. Devi sapere, che in Sicilia si dice così quando, dopo aver vissuto una circostanza negativa, il sedersi davanti a cichiri e piattini, cioè davanti a tazze e piattini da caffè, è una consolazione perché il caffè piace a tutti e riconcilia con la vita».

«Neanche la Scientifica di Castronuovo avrebbe potuto fare di meglio con questo telegramma in mano da decifrare!».

«Ognuno ha il proprio modo di comunicare. Io e Rosetta ci capiamo così. Col siciliano si possono dire cose che hanno molti significati».

«Ma perché ti ha fatto un telegramma? Poteva chiamarti col telefonino».

«Rosetta è un po' particolare e anche all'antica. In certe circostanze preferisce fare un telegramma. Le sembra che così quello che dice è più importante. E il telefonino non ce l’ha».

«Boh!».

Cantagallo non aveva capito granché ma non gli interessava neanche l'argomento: non doveva passare il tempo a capire i perché e i percome dei telegrammi in siciliano. Lasciò il telegramma su un mobile del corridoio e ritornò nella camera grande. Appoggiò il libro nella sua valigia e la osservò. Era talmente piena che per cercare qualcosa si sarebbe dovuto buttare all’aria tutto. E gli venne un dubbio.

«Le mie polo le hai messe dentro tu?».

«Sì, non ti preoccupare. Chiudi i trolley e andiamo!».

Il commissario, per chiuderli, ci si dovette sedere sopra e premere con forza fino a far scattare le serrature.

«Luigi! Vieni qua a trainare quello di tua mamma, che andiamo!».

«No! Io traino il mio, che quello lì spiomba!».

Luigi sapeva che sua mamma riempiva la propria valigia a rotelle così tanto che, per la pesantezza, poteva sventare uno scippo alla stazione.

«Luigi, vieni a prenderlo! Tua mamma deve portare le borse con la roba da mangiare. Io già ne devo trainare due: il mio e il tuo. E lo sai che questi cavoli di trolley con le ruote non li maneggio bene!».

Il commissario Cantagallo non sopportava i trolley perché si trainavano male e ondeggiavano. Se si accettava il proverbio: Donna al volante, pericolo costante, allora si doveva accettare anche quello che aveva inventato il commissario: Uomo con valigia a rotelle, urti e botte a catinelle. Per Cantagallo bisognava andare in ferie da uomini, impugnando le classiche valigie che spiombavano, e non da donnicciole, trainando i moderni trolley semoventi.

Dopo un quarto d’ora avevano già caricato tutti i bagagli in auto ed erano pronti per lasciare Collitondi: destinazione Sicilia.

Infatti a inizio settembre, come tutti gli anni, il commissario Cantagallo prendeva la famiglia e se ne andava in ferie in Sicilia. Scendevano a Capobianco, per dirla nel dialetto della moglie, che in quelle occasioni tornava nella casa dove era nata. Il paese si trovava nel cuore della Sicilia, adagiato sul ruvido fianco di una collina che, nelle belle giornate, faceva spaziare la vista fin quasi alla città di Caltanissetta.

Non facevano la strada tutta in una tirata. Preferivano fare una sosta a metà strada, fermandosi una notte in un posto carino di mare, per ripartire riposati il giorno dopo, all’andata e al ritorno.

Quell’anno, avevano scelto di dormire a Sorrento in un confortevole albergo a picco sul mare. L'hotel era un’imponente villa ristrutturata, nata come residenza estiva della famiglia Cuomo. La villa, nel corso degli anni, si era trasformata in albergo ma aveva mantenuto inalterato il fascino degli arredi antichi, delle ceramiche e delle architetture che intrecciavano cornici di tufo sullo sfondo del mare blu del golfo di Napoli. I Cantagallo se ne erano innamorati subito e avevano deciso che, quando dovevano scendere in Sicilia, avrebbero passato la notte in quell’albergo magnifico. Si trovava a Capo di Sorrento, nella parte alta della città, e si chiamava La Limonaia. Da lì si godeva una vista splendida della città

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di La donna col medaglione

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori