Goditi subito questo titolo e milioni di altri con una prova gratuita

Solo $9.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Leggi anteprima

Lunghezza:
109 pagine
34 minuti
Editore:
Pubblicato:
Feb 19, 2014
ISBN:
9788888278889
Formato:
Libro

Descrizione

La Gioconda - Melodramma in quattro atti. Musica di Amilcare Ponchielli su libretto di Arrigo Boito tratto da “Angelo, tyran de Padoue” di Victor Hugo.
Personaggi e riassunto e testo completo dei quattro atti.
Editore:
Pubblicato:
Feb 19, 2014
ISBN:
9788888278889
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a La Gioconda

Libri correlati

Anteprima del libro

La Gioconda - Amilcare Ponchielli

Tavola dei Contenuti (TOC)

La Gioconda

Argomento

Primo Atto

Secondo Atto

Terzo Atto

Quarto Atto

personaggi

PRIMO ATTO

Preludio

Prima Scena

Seconda scena

Terza Scena

Quarta Scena

Quinta Scena

Sesta Scena

Settima Scena

Ottava Scena

Nona Scena

SECONDO ATTO

Prima Scena

Seconda Scena

Terza Scena

Quarta Scena

Quinta Scena

Sesta Scena

Settima Scena

Ottava Scena

TERZO ATTO

Prima Scena

Seconda Scena

Terza Scena

Quarta Scena

Quinta scena

Sesta Scena

Settima Scena

QUARTO ATTO

Prima Scena

Seconda Scena

Terza Scena

Quarta Scena

Quinta Scena

Ultima Scena

La Gioconda

Melodramma in quattro atti

Libretto di Arrigo Boito

(tratto da Angelo, tyran de Padoue di Victor Hugo)

Musica di Amilcare Ponchielli

(1834 - 1886)

Prima rappresentazione:

Milano - Teatro alla Scala - 8 Aprile 1876

WEST PRESS EDITRICE

ISBN 978-88-88278-88-9

© Copyright 2014

WEST PRESS EDITRICE

Via A. Volta 4 – 37029 San Pietro in Cariano - Vr

Tel/Fax 045 2224293

e-mail: westpress@westpress.it

www.westpress.it

Copertina di Felice Naalin

La Gioconda

Argomento

Primo Atto

Il popolo festeggia la generosità della Repubblica. Il cantastorie Barnaba, che in realtà è una spia al soldo del Consiglio dei Dieci, medita sull’ambiguità dei veneziani.

La Repubblica tiene ben saldo il suo potere con le feste e con la forca.

Arriva Gioconda, con la madre cieca. Mentre attende la celebrazione del Vespro, la ragazza lascia la madre per raggiungere l’amato Enzo. Sulla sua strada trova però Barnaba, che le fa una profferta amorosa. La ragazza, sdegnata, fugge.

Nel frattempo il popolo torna portando in trionfo il vincitore della regata.

Barnaba fa credere a uno dei regatanti di aver perso la gara per via di un maleficio lanciatogli dalla vecchia donna cieca che sta pregando. La folla vuole linciarla.

Arrivano Gioconda ed Enzo; quest’ultimo cerca di difendere la cieca, ma non ci riesce: corre a cercare aiuto.

Sono le parole di Alvise Badoero, giunto con la moglie Laura, a riportare la calma.

Gioconda tenta di difendere la madre, ma solo Laura le crede.

Enzo torna con alcuni marinai. Laura, che è mascherata e non può essere riconosciuta, vedendolo rimane colpita dal suo volto. Vede un rosario nelle mani della vecchia cieca e si pronuncia per la sua assoluzione.

Barnaba si apparta con Alvise: molto presto, gli dice, assicurerà alla giustizia un nemico della Repubblica.

Gioconda chiede di sapere il nome della donna che ha salvato sua madre e Laura lo dice: Enzo è visibilmente agitato. Così, quando tutti vanno verso la chiesa, rimane solo.

Gli si avvicina Barnaba, che gli rivela d’aver scoperto la sua vera identità. Altro che marinaio dalmata, Enzo è un principe genovese proscritto dalla Repubblica e tornato a Venezia sotto

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. Registrati per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di La Gioconda

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori