Trova il tuo prossimo libro preferito

Abbonati oggi e leggi gratis per 30 giorni
Disobbedienza (La)

Disobbedienza (La)

Leggi anteprima

Disobbedienza (La)

valutazioni:
1/5 (1 valutazione)
Lunghezza:
65 pagine
56 minuti
Pubblicato:
Apr 13, 2015
ISBN:
9788863652949
Formato:
Libro

Descrizione

Tutto può cambiare, se solo si impara a non rassegnarsi.
Un’altra Annunciazione: un Arcangelo, molto diverso da quello a cui la tradizione ci ha abituati, fa visita a quella dimensione interiore, semplicissima, di ognuno, che
gli antichi teologi indicavano come Maria, «la madre di Dio». L’Arcangelo spiega, dimostra, propone, attende risposta. Il suo discorso è ben chiaro.
«Ovunque guardi, manca qualcosa che ti faccia
sembrare il mondo un bel posto dove vivere a lungo.
Vedi soltanto cose che sai già, o che non ti importano.
E la maggior parte delle cose che sai già
contengono minacce alla tua identità,
o determinano situazioni di oppressione...»
Pubblicato:
Apr 13, 2015
ISBN:
9788863652949
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a Disobbedienza (La)

Libri correlati


All'interno del libro

Migliori citazioni

  • Ognuno ha da percorrere, nella vita, un cammino illimitato, imprevedibile: e loro vogliono che tu muoia senza averlo percorso. «Vieni dove mi sono fermato io, e siamo in tanti qui: vieni con noi» ti dicono. Così ti abuse-ranno.

  • Da sempre gli uomini obbediscono così, non solo a Dio, ma a tutti i re del mondo, fingendo – senza accorgersene – che sia un comportamento ragionevole.

  • Perché – hanno continuato a domandarsi, e del tutto legittimamente – si ha spesso l’impressione che Dio non ci rie-sca, a fare la Sua volontà?

  • Su quel limite che sparisce avvengono le cose più importanti. Anzi, lì comincia ad avvenire tutto. E lì ti conduco ora.

  • Dovunque andava, cercava con gli occhi chi gli dicesse: «Sì, hai ragione!» Perché, perché? Che avrebbe potuto farsene, del-l’approvazione del mondo?

Anteprima del libro

Disobbedienza (La) - Igor Sibaldi

srl


DEDICA

Care Marie di Nazareth, mi rivolgo a voi direttamente, o almeno spero di riuscirci: non è impresa facile raggiungere la vostra attenzione – quella autentica, antica – attraverso i tanti aspetti che avete assunto nella nostra società, nella vostra vita di tutti i giorni.

Senza dubbio nel secolo XXI voi vi presentate, anche a voi stesse, come persone che attribuiscono grande importanza al loro lavoro: o perché gli dedicano otto ore al giorno in quasi tutti i mesi dell’anno, oppure perché state cercando impiego; e avete imparato a guidare un’auto che vi piace, o che non vi piace, o di cui non vi chiedete più se vi piaccia o no; guardate la televisione, leggete e scrivete cose su internet, andate in palestra o pensate di doverci andare, frequentate supermercati e farmacie – e date per scontato che Maria di Nazareth sia una donna famosa, vissuta (pare) venti secoli fa. Invece a me risulta che quella ragazzina tanto problematica per tutti è dentro di voi: è lì che aspetta, e vorrei proprio che ci facciate caso.

Non c’è bisogno di stupirsene più di tanto: sono cose risapute: al pari di tanti altri protagonisti dei libri sacri, anche Maria venne immaginata al preciso scopo di rappresentare certe potenzialità più o meno sublimi di ogni individuo; e se quei libri si definiscono «sacri», cioè dotati di particolare potere, proprio perché numerose generazioni di lettori si sono accorti che occorre soltanto un po’ di coraggio e di lucidità per riconoscere, in quei loro protagonisti, altrettanti specchi.

O forse non sapete che è risaputo? Nessuno ve l’ha mai detto? Mi dispiace: si vede che avete bazzicato troppo persone autoritarie a cui faceva comodo tacerlo. Vi avrebbero dato troppa dignità se ve l’avessero spiegato; e a nessuna gerarchia, né religiosa né statale, piace che i sudditi sappiano di valere molto. Come si dice: al contadino non far sapere certi dettagli organolettici sul cacio e sulle pere – se no, non te li venderà più per quattro soldi. E se voi sapeste di essere anche Maria di Nazareth, non vi vendereste mai.

A voler essere ottimisti, poniamo pure che abbiano voluto risparmiarvi un senso di responsabilità: non è cosa da poco, per il nostro sistema nervoso, sapere di essere la madre di chi cambierà il mondo! E quelle tali autorità reputavano che voi voleste essere innanzitutto gente normale, una massa obbediente e devota, e che certi enigmi delle Scritture potessero intralciare questo vostro intento. Ma nel corso dei secoli capitano momenti in cui è necessario affrontare certe circostanze interiori, e stavolta ci siamo: che lo si voglia o no, ognuno di noi sta portando in sé un futuro molto più grande di tutto ciò che fino a qualche tempo fa sembrava importante. Proprio come avvenne a Maria.

La migliore dimostrazione di ciò – e la più semplice e immediata – è quel senso generale di noia disperata, che tanti si sforzano di ignorare: ovunque guardi, manca qualcosa che ti farebbe sembrare il mondo un bel posto dove vivere a lungo. Vedi soltanto cose che sai già, o che non ti importano. E la maggior parte delle cose che sai già contengono minacce alla tua identità, o determinano situazioni di oppressione.

Alcuni, per sedare questa noia, si sforzano di avere ideali, cioè certezze di principio e speranze riguardo al futuro – e le esagerano, per non vedere che sono anch’esse vecchie,

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. Registrati per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di Disobbedienza (La)

1.0
1 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori