Goditi subito questo titolo e milioni di altri con una prova gratuita

Solo $9.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Gli Angeli - Testimonianze - I Nomi - Come contattarli

Gli Angeli - Testimonianze - I Nomi - Come contattarli

Leggi anteprima

Gli Angeli - Testimonianze - I Nomi - Come contattarli

Lunghezza:
180 pagine
2 ore
Editore:
Pubblicato:
Oct 21, 2015
ISBN:
9788892509917
Formato:
Libro

Descrizione

Indice
Prove tecniche di Visione Angelica

ANGELI E GENTE COMUNE:

GLI INCONTRI INATTESI

QUELL’INCREDIBILE IMMAGINE SULLA FOTOGRAFIA

LA REGINA DEGLI ANGELI

DOPO IL TRAUMA, QUELLA MUSICA

UNA MANO SULLA SPALLA CHE MI INCORAGGIAVA

SPIE COME NOI

LA PACE RITROVATA

AVVENTURA IN ALTA QUOTA

OGNI COSA ANIMATA HA IL SUO MAESTRO

ANGELI DI SALVATAGGIO: GLI INTERVENTI PROVVIDENZIALI

CHI MI HA SPINTO?

CHI FERMO’ QUEL RAZZO?

PRESENZE

UN ANGELO SUGLI SCI

L’ANGELO DEL PRESIDENTE SCALFARO

LA CAVALLERIA BIANCA

AL SICURO SOTTO L’ALA

ANGELI ALLA CLOCHE

VIRA A DESTRA!

SIMPATIA PER CHI VOLA

CHI FECE QUEL NUMERO DI TELEFONO?

LA BICICLETTA VOLANTE

LA BICICLETTA VOLANTE II

GUARDIE DEL CORPO INVISIBILI

GUARDIE DEL CORPO DIVISIBILI II

UN RAGAZZO MAI VISTO CHE SAPEVA IL MIO NOME

ALL’IMPROVVISO... UNO SCONOSCIUTO

CHI SPINSE IL TRATTORE IN SALITA?

PELLEGRINAGGIO CON DIVERSIVO

UN ANGELO D’EPOCA

ANGELI NELLA GIUNGLA

IL SIGNORE CINESE VESTITO DL BIANCO

QUALCUNO MI OBBLIGAVA A NUOTARE

UNA MAGNIFICA LUCE SULL’ACQUA

CAMBIO DI CORSIA

NIENTE PAURA, SONO CON TE

SCENDI DA QUEL CAMION!

IL TEMPO CONGELATO

LA SUA VOCE: UN’ENORME VIBRAZIONE

ANGELI DI CONFINE:

ESPERIENZE FRA LA VITA E LA MORTE

SULLA SOGLIA

L’ANGELO DEL COMPAGNO IVAN

ANGELI SENZA ALI

L’ESSERE Dl LUCE

SONO QUI PER LA BAMBINA

ORDINE!

STORIA DI UN SUICIDIO MANCATO

ANGELO IN ATTESA

NON ERA ANCORA LA MIA ORA ANGELI PER LE SCALE

MAMMA, SONO BELLISSIMI!

UNA PRESENZA NELLA NOTTE

TU NON CREDI IN NOI

LI SENTIVO SPLENDERE D’AMORE

LA DONNA DI CRISTALLO

UN ESSERE DAI CAPELLI DORATI

UN ANGELO DI NOME ELIZABETH

IN VOLO

DUE SVENTOLE CELESTIALI

IL MIO MERAVIGLIOSO AMICO

QUELLA STRANA COMPLICITÀ

SOPPESAVA I MIEI PENSIERI

UMORISMO ANGELICO

PERCEPIVO LA SUA POTENZA

UNA SCALA D’ARGENTO

MICHELE, L’ARCANGELO

SE SEI UN AVVENTURIERO TE NE TOCCANO DUE

ANGELI E STUDIOSI:

L’AMICIZIA POSSIBILE

ATTENTI ALLE ALI

ALL’INIZIO ERA SOLTANTO UN BEL GIOCO

LO SCIENZIATO DEI DELFINI E DEGLI ANGELI

COM’È DIFFICILE SCENDERE DAL CIELO

IL PROTETTORE

SE NE STAVA A GUARDARMI DA UNA NUVOLA

ANGELI E BAMBINI:

UN’INTESA PERFETTA

UN VESTITO AZZURRO E UNA LUCE TUTTO

INTORNO

AMICO DI UN’INFANZIA DIMENTICATA

SCENDEVA LENTAMENTE DAL SOFFITTO

NELL’OCCHIO DEL CICLONE

GALLEGGIAVANO NELL’ARIA SPLENDENTI COME LAMPADINE

L’AMICO DELLA SERA

UN RICORDO LONTANO

SCOSSE LA TESTA E DISSE “NO’!

NON GUARDARE IN BASSO

MAMMA, HO VOLATO

ANGELI E ARTISTI:

I GRANDI ISPIRATORI

“LUI” E’ PIU’ FURBO DI ME

UN GIOVANE DALL’ASPETTO PAGANO

HO SOGNATO IL SUO NOME

GLI ANGELI DI WENDERS

FELLINI E IL BAMBINO INGLESE

ERA DIETRO, MA ANCHE DAVANTI,

COME RIFLESSO IN UNO SPECCHIO

ANGELI E INIZIATI:

TANTI SEGRETI IN COMUNE

OCCHI GRIGI, SEMICHIUSI

72, MOLTIPLICABILI ALL’INFINITO. PAROLA DI HAZI
Editore:
Pubblicato:
Oct 21, 2015
ISBN:
9788892509917
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a Gli Angeli - Testimonianze - I Nomi - Come contattarli

Leggi altro di Aa. Vv.

Libri correlati

Anteprima del libro

Gli Angeli - Testimonianze - I Nomi - Come contattarli - AA. VV.

Gli Angeli

TESTIMONIANZE

I NOMI

COME CONTATTARLI

Autori Vari

Tagas Edizioni – prima edizione digitale 2015 a cura di David De Angelis

COME CONTATTARE GLI ANGELI

INDICE

Prove tecniche di Visione Angelica

ANGELI E GENTE COMUNE:

GLI INCONTRI INATTESI

QUELL’INCREDIBILE IMMAGINE SULLA FOTOGRAFIA

LA REGINA DEGLI ANGELI

DOPO IL TRAUMA, QUELLA MUSICA

UNA MANO SULLA SPALLA CHE MI INCORAGGIAVA

SPIE COME NOI

LA PACE RITROVATA

AVVENTURA IN ALTA QUOTA

OGNI COSA ANIMATA HA IL SUO MAESTRO

ANGELI DI SALVATAGGIO: GLI INTERVENTI PROVVIDENZIALI

CHI MI HA SPINTO?

CHI FERMO’ QUEL RAZZO?

PRESENZE

UN ANGELO SUGLI SCI

L’ANGELO DEL PRESIDENTE SCALFARO

LA CAVALLERIA BIANCA

AL SICURO SOTTO L’ALA

ANGELI ALLA CLOCHE

VIRA A DESTRA!

SIMPATIA PER CHI VOLA

CHI FECE QUEL NUMERO DI TELEFONO?

LA BICICLETTA VOLANTE

LA BICICLETTA VOLANTE II

GUARDIE DEL CORPO INVISIBILI

GUARDIE DEL CORPO DIVISIBILI II

UN RAGAZZO MAI VISTO CHE SAPEVA IL MIO NOME

ALL’IMPROVVISO... UNO SCONOSCIUTO

CHI SPINSE IL TRATTORE IN SALITA?

PELLEGRINAGGIO CON DIVERSIVO

UN ANGELO D’EPOCA

ANGELI NELLA GIUNGLA

IL SIGNORE CINESE VESTITO DL BIANCO

QUALCUNO MI OBBLIGAVA A NUOTARE

UNA MAGNIFICA LUCE SULL’ACQUA

CAMBIO DI CORSIA

NIENTE PAURA, SONO CON TE

SCENDI DA QUEL CAMION!

IL TEMPO CONGELATO

LA SUA VOCE: UN’ENORME VIBRAZIONE

ANGELI DI CONFINE:

ESPERIENZE FRA LA VITA E LA MORTE

SULLA SOGLIA

L’ANGELO DEL COMPAGNO IVAN

ANGELI SENA ALI

L’ESSERE Dl LUCE

SONO QUI PER LA BAMBINA

ORDINE!

STORIA DI UN SUICIDIO MANCATO

ANGELO IN ATTESA

NON ERA ANCORA LA MIA ORA ANGELI PER LE SCALE

MAMMA, SONO BELLISSIMI!

UNA PRESENZA NELLA NOTTE

TU NON CREDI IN NOI

LI SENTIVO SPLENDERE D’AMORE

LA DONNA DI CRISTALLO

UN ESSERE DAI CAPELLI DORATI

UN ANGELO DI NOME ELIZABETH

IN VOLO

DUE SVENTOLE CELESTIALI

IL MIO MERAVIGLIOSO AMICO

QUELLA STRANA COMPLICITÀ

SOPPESAVA I MIEI PENSIERI

UMORISMO ANGELICO

PERCEPIVO LA SUA POTENZA

UNA SCALA D’ARGENTO

MICHELE, L’ARCANGELO

SE SEI UN AVVENTURIERO TE NE TOCCANO DUE

ANGELI E STUDIOSI:

L’AMICIZIA POSSIBILE

ATTENTI ALLE ALI

ALL’INIZIO ERA SOLTANTO UN BEL GIOCO

LO SCIENZIATO DEI DELFINI E DEGLI ANGELI

COM’È DIFFICILE SCENDERE DAL CIELO

IL PROTETTORE

SE NE STAVA A GUARDARMI DA UNA NUVOLA

ANGELI E BAMBINI:

UN’INTESA PERFETTA

UN VESTITO AZZURRO E UNA LUCE TUTTO INTORNO

AMICO DI UN’INFANZIA DIMENTICATA

SCENDEVA LENTAMENTE DAL SOFFITTO

NELL’OCCHIO DEL CICLONE

GALLEGGIAVANO NELL’ARIA SPLENDENTI COME LAMPADINE

L’AMICO DELLA SERA

UN RICORDO LONTANO

SCOSSE LA TESTA E DISSE "NO’!

NON GUARDARE IN BASSO

MAMMA, HO VOLATO

ANGELI E ARTISTI:

I GRANDI ISPIRATORI

LUI E’ PIU’ FURBO DI ME

UN GIOVANE DALL’ASPETTO PAGANO

HO SOGNATO IL SUO NOME

GLI ANGELI DI WENDERS

FELLINI E IL BAMBINO INGLESE

ERA DIETRO, MA ANCHE DAVANTI,

COME RIFLESSO IN UNO SPECCHIO

ANGELI E INIZIATI:

TANTI SEGRETI IN COMUNE

OCCHI GRIGI, SEMICHIUSI

72, MOLTIPLICABILI ALL’INFINITO. PAROLA DI HAZIEL

NON SOLO LUPI SULLA STRADA DEL BOSCO

IL PARADISO? LO CHIAMANO ARMONIA

COMMISSIONI ANGELICHE

DALLA PORTA DI SERVIZIO

SE RAFFAELE SORRIDE

TANTE MANI CONTRO IL DOLORE

ANGELI PER LA STRADA

CHI L’HA VISTO?

ANCHE LA NATURA HA UN’ANIMA

VEGLIANO SULLA TERRA

ANGELI E MISTICI:

CUORI IN SUBAFFITTO

GLI UOMINI LUMINOSI NON HANNO BISOGNO D’ALI

ANGIOLETTO DI TERESA

LE MELODIE DEL CIELO

ACCOMPAGNATORI INVISIBILI

LA SUA IMPRONTA SULL’ANIMA

VEDERE CON ALTRI OCCHI

COME SI FA A NON CREDERE A QUACOSA DI COSI’ REALE?

MICHELE PARLA IN DIALETTO

DURANTE LA MESSA COMINCIO’ A CANTARE

UNA ROSA BIANCA AI SUOI PIEDI

MI INVITARONO A UNIRMI AL CORO

LE RIVELAZIONI DI RAFFAELE

UN RAGAZZO BIANCO COME LA NEVE

UN BAMBINO CON LA VOCE DA UOMO

LA MANO CHE SCRIVE

LA FESTA DEGLI ANGELI CUSTODI

UN BIMBO DALLE ALI ROSA

I NOSTRI FRATELLI MAGGIORI

COLLEZIONISTA DI OPERE

VOCI NELLA STANZA ACCANTO

L’UNIONE FA LA FORZA

PAROLE ANGELICHE

ANGELI E SANTI:

LE ESPERIENZE ESTREME

LE VOCI CHE GUIDAVANO GIOVANNA

UNA SCHIERA INFINITA

L’ANGELO TESSITORE

FRANCESCO E IL SERAFINO

SOLLEVATO DI PESO

IL SUO SGUARDO: UN RAGGIO DI LUCE

IL LORO AMORE PER LE CREATURE E’ IMMENSO

QUEL VISO APPASSIONATO

PADRE PIO: A COLLOQUIO CON L’INVISIBILE

UN GIOVANE BELLISSIMO

LA VOCE DEGLI ANGELI

SPECCHI DIVINI

I LIBRI DEL CELO

I NOMI DEGLI ANGELI

SIGNIFICATO DEI SUFFISSI RICORRENTI NEI NOMI (DALL’EBRAICO ANTICO)

DIVERSE TECNICHE USATE PER COMPUTARE I NOMI ANGELICI

LE GERARCHIE ANGELICHE

LA GERARCHIA ANGELICA SECONDO DIONIGI L’AEROPAGITA

I GRADI DELLA GERARCHIA ANGELICA SECONDO LA MISTICA GIUDAICA

DISPOSIZIONE DEGLI ANGELI INTORNO AL CREATORE NELLE TEORIE ESOTERICHE

PRINCIPALI NOMI ANGELICI

GLI ARCANGELI: NOMI E CARATTERISTICHE DISTINTIVE

MICHELE (MICHAEL)

GABRIELE (GABRIEL)

RAFFAELE (RAPHAEL)

URIELE (URIEL)

METATRONE

RAZIELE (RAZIEL)

ORIFIEL

ZACARIEL

I CAVALIERI DEL VENTO

COME CONTATTARE GLI ANGELI

PRIMA DI TUTTO: UN PO’ DI PULIZIA INTERIORE

TECNICHE DI RILASSAMENTO, CONCENTRAZIONE E ASCOLTO

SCRITTURA AUTOMATICA

Prove tecniche di Visione Angelica

Pensate a voi stessi, lì, da qualche parte, ad affannarvi su problemi che vi sembrano irrisolvibili, giganteschi, capaci di sovrastarvi Ora immaginate di avere una telecamera e di poter riprendere la scena

dall’alto. La prospettiva inizierà a cambiare. Immaginate che la telecamera si sollevi di più, fino ad uscire dal luogo dove vi trovate, prendendo sempre più distanza da voi. Riuscite ancora a distinguere la vostra figura, anche se ora la vedete ridimensionata, quasi irrilevante, rispetto a quanto la circonda. Tutto intorno a voi, case. Palazzi. Strade. Salite e discese. Sollevandovi ancora, vedete lo spazio aprirsi e la vostra immagine diventare parte di un insieme omogeneo disperdendosi gradualmente. Ora quel che potete distinguere meglio è la pianura, gli appezzamenti di terra. Salendo ancora: le montagne, i laghi, il mare all’orizzonte... Potete vedere l’intera provincia. E, se non vi fermate, la regione, il gruppo di regioni, il disegno già distinguibile di una parte del Paese. Andate più su. Non abbiate timore. La vedete l’Italia? n suo colore marrone e verdastro. Il blu del mare tutt’intorno? Beh, se salite di più vedrete ancora meglio. L’ Europa intera. Perfino la linea del Polo, là in cima... Non vi fermate. Non adesso. Se divenite leggeri, se vi lasciate andare, potrete sollevarvi ancora. La curva dell’orizzonte, sotto i vostri occhi, si sta trasformando nel grande fianco del pianeta. Santo cielo, è bellissimo! Pensare che là sotto c’è gente che combatte, che si ammazza. Se soltanto potesse vedere quel che state vedendo! Sotto di voi si dispiega uno spazio immenso, man mano che ve ne allontanate le cose assumono forme e dimensioni differenti, inimmaginabili. Ciò che prima era cielo, lontano, ora, improvvisamente vi circonda, vi culla.

Le case sono diventate città. Le città regioni. Le regioni, nazioni intere. Le nazioni, terre. Mari. Mondo. Ecco, ora la luce intorno a voi scompare. State uscendo dall’atmosfera. Il mondo che vi era proprio, smette di appartenervi. Il pianeta diventa una palla azzurrina sospesa nell’oscurità. Tutto intorno, il vuoto. Senza limite. Riuscite a comprendere la fragilità di quella sfera luminosa? Vi rendete conto che la sua sopravvivenza, in quelle condizioni, ha del prodigioso? Una boa galleggiante su un mare di niente. La cosa vi sgomenta almeno un poco? Beh, allontanatevi ancora. Attraversate il sistema dei pianeti. Vedete come tutto diviene piccolo e insignificante, come nulla regga il confronto di quel che Einstein chiamò relatività? Avete visto la Terra rientrare in uno schema. Il Sole in uno più grande, andarsi a unire ad altre stelle. Perdersi in una galassia, in un sistema di galassie. Così, all’infinito. Fino al limite inimmaginabile del cosmo. Va bene. Riprendete fiato. Se avete seguito le istruzioni fino a questo punto, dovreste già esservi fatti una prima idea di quel che lo sguardo di un angelo può contenere. Il piccolo esercizio di fantasia cui vi abbiamo sottoposto, vi sarà utile, infatti, nel corso della lettura, per allungare lo sguardo oltre le cose visibili, dando una sbirciatina alla dimensione ben più ampia nella quale vivono gli esseri spirituali dei quali vi apprestate a fare la conoscenza. Da essi ci separa, soprattutto, una diversa prospettiva nell’osservazione della realtà, la quale cambia radicalmente, pur restando la stessa, a seconda

della distanza da cui la si osserva. Questione di punti di vista. Se però volete comprendere a fondo la logica di queste ineffabili creature, il loro modo di pensare, vi toccherà fare un altro piccolo sforzo e ripetere l’operazione di prima, con la medesima tecnica applicata per ampliare il campo visivo in base allo spazio, ma spostando l’attenzione sul fattore tempo. Come lo spazio, anche il tempo può infatti spalancarsi all’infinito, ridimensionando sensibilmente il significato delle cose. E il vostro giudizio in merito alle stesse. Così, se il vostro corpo, paragonato all’universo, diviene un punto infinitesimale, la vostra vita diviene solo un breve istante, se paragonata all’eternità. Guardando l’essere umano da questa prospettiva nuova, finalmente libera dai condizionamenti dei due demoni che chiamiamo spazio e tempo, capaci di comprimere la nostra esistenza fino a sopraffarla e di inquinare irrimediabilmente la nostra obiettività, si può comprendere piuttosto bene che cosa un angelo veda nel guardarci. Pressappoco quel che vedete voi, ripensando al punto da cui siete partiti per il viaggio ideale fuori dalla vostra dimensione abituale. Ricordate? Eravate laggiù, alle prese con le piccole beghe quotidiane e tutto vi sembrava estremamente grave e importante. Cos’è cambiato? I problemi si sono forse risolti? O siete voi ad essere diversi? Niente affatto. Tutto è esattamente come prima, tranne una sola cosa: il vostro punto di osservazione che, elevandosi, ha reso piccolo ciò che era grande, ridicolo ciò che era serio. Leggero ciò che era greve. Ecco in parte spiegato il motivo per cui, nella maggior parte delle testimonianze sugli angeli, la gente parla di quella piega ironica nei loro occhi, quasi che essi guardassero alle faccende degli uomini con lo stesso scherno con cui questi ultimi guarderebbero a quelle di altrettante formiche rosse intorno a una briciola di pane. Non si tratta di scherno, in verità. Solo della differente prospettiva di cui prima si diceva. Gli angeli ci sono superiori, nella scala evolutiva, nella stessa misura in cui noi lo siamo rispetto agli animali. Furono proprio le sue guide luminose, a spiegare a Gitta Mallasz, uno dei personaggi straordinari che incontrerete proseguendo nella lettura come, fino allo stadio animale, la materia rimanga tale, per poi unirsi allo spirito attraverso l’uomo e man mano rarefarsi, diventando spirito allo stato puro negli esseri incorporei che appunto usiamo definire angeli. Non è però esatto pensare che tali intelligenze intendano farsi beffe della nostra inferiorità. Racconta il giornalista francese Pierre Jovanovic, autore della bellissima Inchiesta sull’esistenza degli angeli custodi (Edizioni Piemme, 1995): Mi capitò spesso, nel corso della mia ricerca, di dubitare dell’esistenza del mio angelo, finché un giorno, inaspettatamente, lo vidi, per un tempo brevissimo nel quale però mi fu possibile distinguerne ogni particolare. Se ne stava lì, sospeso a mezz’aria, e mi guardava come fossi un bambino di cinque anni. Proprio perché conoscono i nostri limiti, gli angeli fanno del loro meglio per istruirci, aiutarci a progredire, come fratelli maggiori comprensivi, pazienti, amorevoli e spesso inteneriti di fronte alla nostra abissale ingenuità. Tutti i segreti compresi quelli degli angeli, sono accessibili. Non esiste alcun mistero, soltanto differenti livelli di ignoranza, scrisse una volta il poeta Christian Morgensen. Eppure, piuttosto che ammettere la propria ignoranza, l’uomo preferisce spesso negare l’esistenza stessa di ciò che non comprende. E’ fin troppo facile escludere gli angeli dalla propria vita, liquidarli come pura invenzione, soltanto perché non si riesce a distinguerne l’essenza dietro ogni cosa, o perché da essi ci si aspettano dimostrazioni che ben poco hanno a che vedere con una logica tanto diversa dalla nostra. Ci si domanda spesso, per esempio, dove siano questi sedicenti protettori quando accadono le disgrazie. E perché mai, se davvero sono tanto potenti, non facciano nulla contro la sofferenza e le mille ingiustizie della vita. Il fatto è che bisogna sforzarsi di comprendere che loro ragionano in grande. Non riescono a distinguere l’uomo dalla totalità della creazione. O il bene di ciascuno come qualcosa di separato dal bene di tutti. Di tutto. Pertanto, pur avendo sinceramente a cuore la nostra felicità, è impensabile che discendano al nostro livello, solo per toglierci qualche sfizio.

Quel che possono fare è ispirarci nelle scelte, indicarci il percorso per realizzare un progetto comune ad altri uomini, che dia un senso vero alla nostra esistenza. E se ciò presuppone anche della sofferenza, essi vedranno quella sofferenza come una vera e propria benedizione, invece che come una condanna.

Ciò che per noi è sommamente importante ed urgente, per loro può rappresentare poco più che un dettaglio, giacché lo guardano in relazione

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. Registrati per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di Gli Angeli - Testimonianze - I Nomi - Come contattarli

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori