Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Meccanismi dopaminergici nell'anoressia nervosa

Meccanismi dopaminergici nell'anoressia nervosa

Leggi anteprima

Meccanismi dopaminergici nell'anoressia nervosa

Lunghezza:
48 pagine
46 minuti
Pubblicato:
23 mar 2012
ISBN:
9788897747024
Formato:
Libro

Descrizione

La collana Behavioral Neurochemistry nasce dal lavoro di ricerca del Gruppo di Neurochimica del Comportamento diretto dal Prof. Gigli all'Università E-Campus di Novedrate. Il primo volume "Meccanismi dopaminergici nell'anoressia nervosa" di D. Gigli, V. Zannoni, C. Rocca tratta gli aspetti neurochimici coinvolti nell'anoressia nervosa; nello specifico si vuole evidenziare come una alterazione quanti-qualitativa degli autorecettori presinaptici D2 della dopamina (definibile come tratto ipodopaminergico) sia in grado di modulare il rilascio della dopamina nello spazio presinaptico, dando luogo ad una mancata regolazione del sistema di ricompensa gratificazione operata dal sistema limbico (amigdala soprattutto) e dall’ipotalamo. Ciò potrebbe essere alla base della ricerca ossessiva e continua di nuovo piacere, nuove emozioni, tra le quali può essere compreso il comportamento di digiuno, tipico dell’anoressia nervosa: tutti disturbi che oggi possono essere raggruppati nella cosiddetta sindrome di Addiction.

Soprattutto nell’ambito del sistema di ricompensa gratificazione, a livello cerebrale, le proiezioni dopaminergiche interessano le vie meso-limbiche-corticali, che dal tegmento ventrale proiettano fibre al nucleo accumbens, all’amigdala, all’ippocampo e alla corteccia cerebrale.

Nell’ambito dei recettori dopaminergici, è stato studiato soprattutto il tipo D2 per la sua proprietà inibente l’attività dell’adenilciclasi, che si traduce in un effetto di inibizione del rilascio di dopamina da parte degli autorecettori che, essendo presinaptici, sono in grado di limitare l’ulteriore rilascio di dopamina nello spazio sinaptico.

Gli studi di Bergen hanno dimostrato collegamenti tra i recettori dopaminergici D2 e l’anoressia nervosa; Epstein ha dimostrato che il gene Taq1A1 è legato al piacere del cibo; Nisoli ha chiarito come il recettore D2 è correlato al gene Taq1A1 come possibile markers di rischio di disturbo del comportamento alimentare (DCA); Zald ha dimostrato come la concentrazione del recettori D2, è inversamente proporzionale al comportamento dei “cercatori di novità” (novelty seeker) attraverso la PET, tomografia ad emissione, a livello encefalico; infine Wang, attraverso PET e TAC, ha mostrato un costante sovraccarico di dopamina ed una minor funzionalità a livello della corteccia prefrontale (che esercita un controllo inibitorio).

Un’ipotesi di lavoro per ricerche future sui meccanismi dopaminergici coinvolti nei disturbi dell’alimentazione, riguarda la Reward deficency syndrome, o sindrome da deficit della percezione della gratificazione: in questo quadro nosologico si potrebbero riunire, come aventi in comune un’alterazione del recettore D2 (che potrebbe diventare un markers di vulnerabilità), tutti i soggetti “cercatori di emozioni forti” (sensation seekers) che soffrono della dipendenza da sesso, droghe, alcool, di disturbi della condotta alimentare e gioco d’azzardo, scommesse, e shopping sfrenato.
Pubblicato:
23 mar 2012
ISBN:
9788897747024
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a Meccanismi dopaminergici nell'anoressia nervosa

Libri correlati

Articoli correlati

Anteprima del libro

Meccanismi dopaminergici nell'anoressia nervosa - D. Gigli

CREDITS

Volume Edizioni

TITOLO

Meccanismi dopaminergici nell'anoressia nervosa

AUTORI

Daniele Gigli

Cristina Rocca

Valeria Zannoni

COLLANA DI

Behavioral Neurochemistry

ISBN 9788897747024

1° edizione novembre 2011

© Volume Edizioni s.r.l.

Volume Edizioni s.r.l.

Via Enrico Mancini, 39 – 00135 Roma

info@volumeedizioni.com

Motivo grafico in copertina: Volume Edizioni

E’ vietata ogni stampa, riproduzione totale o parziale di qualsiasi tipologia di testo, immagine o altro del presente testo in e su qualsiasi supporto cartaceo, digitale, microfilm, copie fotostatiche o altra tipologia. E’ altresì vietato ogni adattamento totale o parziale del presente testo con qualsiasi mezzo, compresi microfilm e copie fotostatiche. Ogni riproduzione o adattamento non espressamente autorizzata viola la Legge 633/1941 ed è pertanto perseguibile penalmente. La presente copia è pertanto ad uso esclusivo dell’acquirente, ed esclusivamente per la sua persona e il suo uso personale è autorizzata la memorizzazione elettronica. Volume Edizioni s.r.l , tutti i diritti riservati.

INDICE

Credits

Indice

Alimentazione ed emozioni

Anoressia e ipercortisolemia

Dopamina e stress

Dopamina e gratificazione

Recettori dopaminergici e anoressia

Nuovo ipotetico inquadramento nosologico dell'anoressia

Conclusioni

Bibliografia

Figura 1: aspetti neurochimici della cascata della gratificazione

Tabella 1: : rappresentazione delle variazioni dei livelli di cortisolo, ACTH e CRH a differenti tempi dopo la patologia

Alimentazione ed emozioni

I meccanismi fisiologici, coinvolti nella regolazione del comportamento alimentare, sono collegati al metabolismo energetico ed al controllo della termoregolazione attraverso un circuito complesso di neuro ed entero-ormoni e di neuro ed entero-peptidi (Bottaccioli, 2005).

Noi mangiamo soprattutto per assorbire gli elementi necessari a soddisfare il metabolismo delle cellule: possiamo così parlare di omeostasi cellulare (Cannon, 1956), che ha come scopo sia la sopravvivenza in condizioni di benessere dell’individuo, sia la conservazione della specie. Ma il mangiare, nell'uomo, porta a variazioni del nostro corpo che producono un'immagine ben definita ed elaborata a livello encefalico.

La percezione che abbiamo del nostro corpo è oggetto di continui cambiamenti, momentanei o permanenti. Il nostro corpo può essere oggetto d’amore ma può essere anche oggetto d’odio se ci delude, se non è conforme alle nostre aspettative, se il divario fra il corpo che abbiamo e quello che vorremmo avere è troppo forte.

Le emozioni, quindi, incidono sulla percezione dell’immagine corporea che cambia a seconda del nostro stato d’animo.

Sentiamo cambiare il nostro corpo in base ai sentimenti che proviamo, per cui le emozioni dettate sul momento ci portano a non ascoltare momentaneamente i nostri reali bisogni. Inevitabilmente le emozioni fanno parte delle esperienze umane e incidono sulla nostra vita, sul nostro comportamento e sulle nostre abitudini.

L’alimentazione è una delle condotte più importanti del repertorio comportamentale dell’uomo; quindi il nutrirsi, e di conseguenza il cibo, risultano strettamente connessi con l’emozione. Spesso l’alimentazione è legata a determinate situazioni emotive e poche persone considerano il mangiare soltanto come un mezzo di nutrimento.

Nessuno di noi riesce ad essere

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. Registrati per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di Meccanismi dopaminergici nell'anoressia nervosa

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori